Approfondimenti

Il caso Signorelli, l’esercito israeliano stringe la morsa su Rafah e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 7 giugno 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La chat piena di Battute Ributtanti, Antisemite e Razziste tra il Portavoce del Ministro Lollobrigida Paolo Signorelli e l’ex capo ultrà della Lazio Fabrizio Piscitelli. Le ultime ore della campagna elettorale per le elezioni europee in Italia. L’intera striscia di Gaza è sotto attacco da aria, terra e mare. A Milano un detenuto marocchino di 22 anni è morto nel carcere di san Vittore. Sono passati 34 anni dal primo, storico concerto di Vasco Rossi a San Siro

Il caso Signorelli scuote la politica italiana

Una serie di scambi di battute ributtanti, tra il portavoce del ministro Lollobrigida, Paolo Signorelli, e Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, ex capo ultrà della Lazio ucciso a Roma in un regolamento di conti nel 2019.
La chat è stata pubblicata oggi. Vi si leggono scambi di battute antisemite, contro gli ebrei, contro Gad Lerner, esaltazioni degli ex terroristi nei dei Nar e di Ordine Nuovo, e la soddisfazione di entrambi quando un capo della malavita romana. E poi ancora invettive contro la Chiesa e i preti.
Il nonno di Signorelli fu tra i fondatori di Ordine Nuovo.
Le chat sono state intercettate ai fini dell’inchiesta sull’assassinio di Piscitelli il quale oltre a essere un capo ultrà era un trafficante di droga.
Uno spaccato dell’Italia e della Roma nera, e dei rapporti mai recisi tra la destra di governo e la destra più estrema.

Il ministro Lollobrigida ha tentato oggi una difesa, affermando che le parole che tutti hanno letto non corrisponderebbero al pensiero di Signorelli. Questo non lo ha messo al riparo dagli attacchi delle opposizioni, che chiedono una audizione parlamentare di Lollobridiga e la cacciata di Signorelli, per ora solo autosospeso.
Ma anche il plenipotenziario di Meloni, Donzelli, ha difeso Signorelli: “chat vecchia, la sinistra pensi ai suoi problemi”.

La destra di governo e la sua vera cultura

(di Lorenza Ghidini)
C’è una foto, risale al 12 arile 1973, che racconta molto dei legami antichi tra l’estremismo nero e quella che allora veniva chiamata ‘la destra in doppiopetto’. È la foto della delegazione del Movimento Sociale Italiano che si reca in Prefettura a Milano per protestare contro il divieto di manifestare. In quella delegazione c’e l’attuale presidente del Senato Ignazio La Russa, in quella manifestazione i terroristi Murelli e Loi uccisero con una bomba a mano l’agente di Polizia Antonio Marino. Erano gli anni in cui molti estremisti neri, alcuni poi condannati per stragi e vari attentati, avevano in tasca la tessera dell’Msi. Chi stava in gruppi tipo Ordine Nuovo, come Paolo Signorelli senior, usava con grande spregiudicatezza la copertura fornita dalla destra in doppiopetto. Vecchie conoscenze di La Russa, erano i nonni, i padri, i fratelli maggiori dei vari Signorelli e De Angelis, che oggi stanno nei palazzi che contano, i camerati anziani che la Presidente del Consiglio Meloni ha conosciuto fin da ragazzina. Legami mai sciolti, come testimonia la vicenda Lollobrigida – Signorelli junior. Porteranno voti? Lo scopriremo domenica sera, mentre il partito si radunerà per aspettare i risultati presso l’hotel Parco dei Principi. Lo stesso in cui nel 1965 si tenne il convegno che ispirò la strategia della tensione.

Le ultime ore di campagna elettorale per le elezioni europee

Sono le ultime ore della campagna elettorale per le elezioni europee in Italia. Una campagna elettorale importantissima. Mentre si conoscono già gli exit poll olandesi, dove l’estrema destra di Wilders otterrebbe un importante risultato ma si fermerebbe dietro la coalizone laburisti – verdi, la chiave di lettura principale di questo voto sarà proprio lo scontro tra le forze di estrema destra e le forze democratiche. In Italia però i partiti hanno soprattutto utilizzato la campagna elettorale a fini di lotta politica interna, e considerano il voto del fine settimana come un test di metà mandato per il governo e per le opposizioni.
Questa sera Schlein, Conte, Salvini, Tajani, Fratoianni saranno in televisione per una tribuna elettorale. Assente Meloni, la premier che ha goduto di una larghissima copertura mediatica, superiore a quella di tutti gli altri leader. Schlein in questi minuti è a Padova, dove si sta tenendo una cerimonia di commemorazione di Enrico Berlinguer. L’ultimo grande segretario del Partito Comunista Italiano si sentì male durante un comizio 40 anni fa a Padova, proprio durante la campagna elettorale per le elezioni europee.

La striscia di Gaza sotto attacco da aria, terra e mare

Oggi Israele ha continuato la sua offensiva nel centro della striscia. Il campo profughi di Nuseirat è stato nuovamente colpito e l’intera striscia è sotto attacco da aria, terra e mare. Anche Rafah è stata colpita, sia dalle truppe via terra che da raid aerei e testimoni hanno riferito che i carri armati che hanno preso il controllo lungo la linea di confine con l’Egitto hanno effettuato diversi raid verso ovest e il centro meridionale della città. Nelle ultime 24 ore i morti sono 77 e in otto mesi esatti di guerra le persone uccise sono quasi 37mila.
Intanto continuano i tentativi di fare pressione su Hamas e Israele per arrivare ad una tregua. In quest’ottica, il segretario di stato americano Antony Blinken andrà in Israele per l’ottava volta dal 7 ottobre. Andrà anche in Egitto Giordania e Qatar. Il portavoce ha detti che Blinken “sottolineerà l’importanza che Hamas accetti la proposta sul tavolo. In realtà, per il momento non abbiamo notizia di una risposta ufficiale nemmeno da parte di Israele.
Israele, poi, è stato informato di essere finito nella “lista della vergogna” annuale dell’Onu. Una decisione presa dal segretario generale dell’Onu Antonio Guterres che ogni anno compila un elenco di paesi e gruppi armati che ritiene abbiano commesso gravi violazioni contro i bambini durante i conflitti. La pubblicazione ufficiale del rapporto sarà a fine giugno, e se confermato sarebbe la prima volta che israele rientra in questo rapporto. La notizia però ha già scatenato l’ira dell’ambasciatore al Palazzo di Vetro, Gilad Erdan che si è detto “scioccato e disgustato”. Il premier Netanyahu ha commentato dicendo che “L’Onu si è messa nella lista nera della storia quando si è unita ai sostenitori degli assassini di Hamas”, aggiungendo: “L’Idf è l’esercito più morale del mondo e nessuna decisione delirante dell’Onu potrà cambiare questa realtà”.
In questi otto mesi, i bambini uccisi a Gaza sono più di 15mila.

Oggi intanto si è diffusa in Israele la notizia delle possibili dimissioni dal gabinetto di guerra di Benny Gantz. Il ministro aveva dato un ultimatum che scade domani. Domani sera, dovrebbe annunciare la sua decisione.

Nelle carceri italiane si continua a morire

A Milano un detenuto marocchino di 22 anni è morto nel carcere di san Vittore. Il sindacato di polizia penitenziaria Spp ha parlato di suicidio, ma poi un altro sindacato di categoria – quello della Uil – ha detto che il ragazzo avrebbe cercato di ottenere effetti allucinogeni respirando gas da un fornelletto. “I detenuti tossicodipendenti dovrebbero seguire percorsi alternativi e di effettivo recupero, trovando anche le cure necessarie che, nella situazione attuale delle carceri, sono molto prossime a una chimera” ha dichiarato il segretario generale della Uil di categoria, chiedendo al governo un decreto contro il sovraffollamento nelle carceri. Secondo lo stesso sindacato da inizio anno nei penitenziari italiani sono morti 93 detenuti, di cui 39 per suicidio, e si sono uccisi anche quattro poliziotti. Alessio Scandurra fa parte dell’associazione Antigone.

 

Il trentesimo concerto di Vasco Rossi a San Siro

(di Alessandro Braga)
Sono passati 34 anni dal primo, storico concerto di Vasco Rossi a San Siro. Era il 10 luglio del 1990, e un quotidiano il giorno dopo, stupito per il grande successo, titolò “Vasco ha ucciso Madonna”, visto che il rocker di Zocca surclassò, in presenze, la star americana. Da allora lo stadio milanese è diventata una seconda casa per Vasco, che appena può ci torna. Stasera farà 30, domani 31, e via così, fino al 20 giugno, sette date sold out, una media di 60mila spettatori a sera, per arrivare a 36 concerti a San Siro nella sua carriera. Nessuno come lui, che già deteneva il record di concerti nella Scala del calcio in un’unica tournée, sei, e quest’anno supererà sé stesso, con sette date appunto. I fan più scatenati hanno piantato le tende davanti allo stadio già ieri sera, per riuscire ad entrare all’apertura dei cancelli, e conquistare così le prime file. Orario previsto di inizio, le 20.30. Il finale, con l’immancabile Albachiara. È una scaletta sociale, politica, quella scelta da Vasco per questa tournée, con uno sguardo a quello che sta accadendo, in Italia e nel mondo. Una dedica alla presidente del consiglio Giorgia Meloni durante “Asilo Republic”, sulla strofa in cui parla di “ordine e disciplina”, e un “Fanculo alla guerra” sulle note degli “Spari sopra”. E ancora, “Jenny è pazza” e “Vita spericolata”, “Siamo solo noi” e “Bollicine”. Un palco enorme, 68 metri di larghezza, 20 di altezza, 25 di profondità. Al centro, lui, con le sue canzoni. Che, piaccia o no, è semplicemente Vasco.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 25/07 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 25/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 24/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Walter Albini

    Walter Albini è stato il primo grande stilista italiano, nel ’77 firmava collezioni chiamate “Guerriglia urbana”, ha anticipato anche il genderless. Allora come mai nessuno lo ricorda? A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 25-07-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 25/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 25-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di giovedì 25/07/2024

    A cura di Mattia Guastafierro e Massimo Alberti. Il discorso di Joe Biden con cui il presidente ha spiegato il suo ritiro dalla corsa per la Casa Bianca e la visita di Benjamin Nethanyau negli Stati Uniti - con Roberto Festa. La drammatica situazione umanitaria e sanitaria nella Striscia di Gaza - con Gabriele Bompani, operatore dell'UNRWA da Gerusalemme. Il Pnrr e i conti italiani, tra procedura di infrazione, tagli e aumento delle spese militari - con Gigi Caramia, responsabile nazionale del Pnrr per l’Area Politiche dello sviluppo della Cgil. I prodotti low cost, le piattaforme di e-comemrce e le nostre scelte - con Deborah Lucchetti, portavoce della campagna "Abiti Puliti".

    Giorni Migliori – Intro - 25-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di giovedì 25/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. A trent' anni dalla morte di Gianmaria Volonté il ricordo della Valigia dell'Attore a La Maddalena. I discorsi di Mattarella e di Netanyahu: trova le differenze. Temptation Island vs Alberto Angela. "Cutro, Calabria, Italia" il documentario di Mimmo Calopresti. Verso PARIGI 2024 e presentazione di Podi Podi con Luca Gattuso.

    Apertura musicale - 25-07-2024

  • PlayStop

    L'Amaro dei fiori di giovedì 25/07/2024

    “L’Amaro dei Fiori” è il salottino a conduzione musicale mista del mercoledì sera, condotto da Giuseppe Fiori, bassista di Rezophonic, Lombroso e molto altro, autore e produttore. Nasce come naturale prosecuzione del filo conduttore teso da “Let’s Spend The Night Together”, il programma andato in onda sulle frequenze di Radio Popolare dal 2016 al 2023. Il sapore è quello dell’amaro del dopocena, naturalmente blues con aromatizzazioni soul, funk, rnr e inevitabilmente pop, il tutto con uno spiccato gusto vintage Vari ospiti e rubriche arricchiscono la ricetta con un sound dal gusto rilassante, come un amaro offerto agli amici prima di andare a letto.

    L’Amaro dei Fiori - 24-07-2024

  • PlayStop

    Blues e dintorni di mercoledì 24/07/2024

    "Blues e dintorni" vuole essere un programma dove il termine blues sta soprattutto a significare musica dell'anima, non necessariamente espressa in dodici battute. Questo vuol dire che ci sarà anche canzone d'autore, dialettale e magari anche elettronica se il principio di fondo verrà rispettato. Insomma musica circolare purchè onesta e genuina che prevede anche ospiti in studio qualora ce ne sia la possibilità. Un'ora di chiacchiere (poche) e musica (tanta) per addentrarci lentamente nella notte. FOTO|  Rodrigo Moraes  from São Paulo, brazil, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Blues e dintorni - 24-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 24/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 24/07/2024 delle 20:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 24-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di mercoledì 24/07/2024

    MATTARELLA E UE: ALERT PER LA LIBERTà DI STAMPA IN ITALIA. Con Giuseppe Giulietti di Articolo 21. - IL DL NORDIO, PRESENTATO COME SVUOTACARCERI, CHE NON SVUOTA NIENTE. Con noi Anna Rossomando, Commissione Giustizia, PD - SCAMPIA - Sentiamo Massimo Congiu da Napoli con aggiornamenti di cronaca sul crollo e Viola Ardone, scrittrice - NETANHIAU AL CONGRESSO AMERICANO: PER DIRE COSA, CON QUALI EFFETTI SULLA CORSA DI KAMALA HARRIS con Mario Del Pero, americanista. In studio Massimo Bacchetta

    Popsera - 24-07-2024

Adesso in diretta