Approfondimenti

Le pressioni internazionali su Israele dopo il raid di Deir El Balah, la rottura tra Elly Schlein e Giuseppe Conte e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 5 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’esercito israeliano ha annunciato la sospensione di due ufficiali dai loro incarichi per il loro ruolo nel raid che ha ucciso sette operatori umanitari dell’Ong World Central Kitchen. A bari, dopo lo strappo di Giuseppe Conte sulle primarie, stasera tocca Elly Schlein. Secondo Bankitalia la crescita per il 2024 sarà ancora debole. Sono sbarcati a Pozzallo i 56 migranti salvati ieri dalla nave Mare Jonio.

La sospensione di due ufficiali israeliani dopo il raid che ha ucciso sette operatori umanitari

L’esercito israeliano ha annunciato la sospensione di due ufficiali dai loro incarichi per il loro ruolo nel raid che a Deir El Balah, nel centro della striscia di Gaza, ha ucciso sette operatori umanitari dell’Ong World Central Kitchen.
Il capo di stato maggiore ha detto che i risultati dell’inchiesta hanno mostrato che quanto avvenuto è “contrario agli standard operativi” e “non sarebbe dovuto succedere”. Secondo l’ufficiale, chi ha approvato il raid pensava di colpire miliziani di Hamas.
Anche il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, che oggi ha parlato in apertura del consiglio di sicurezza dell’Onu, ha commentato il risultato dell’inchiesta.

“Il problema non è chi commette gli errori – Ha detto Guterres – E’ la strategia militare e le procedure in atto che consentono a questi errori di moltiplicarsi”, aggiungendo “Quello che serve per Gaza è un cambio di paradigma, non delle misure sparpagliate”.

Diverse organizzazioni per i diritti umani hanno criticato la risposta israeliana al raid.

(di Martina Stefanoni)
L’inchiesta, condotta da un organismo interno all’esercito, ha sostanzialmente confermato le prime ricostruzioni fatte da quotidiani come Haaretz, secondo cui i sette operatori umanitari viaggiavano su tre camioncini distinti e ben contrassegnati come appartenenti all’Ong. L’esercito avrebbe sparato perché identificato erroneamente tra i 7 anche un miliziano di Hamas. Colpendo in tre momenti distinti i tre camioncini. Il portavoce militare si è scusato, parlando di “un tragico errore”. Il fondatore della Ong coinvolta, José Andrés, ha detto che un’indagine condotta in grande fretta da un ex generale e da un organismo interno all’esercito non può essere considerata credibile, e ha chiesto un’indagine più approfondita e indipendente. Gli stati uniti hanno fatto sapere che rivedranno attentamente i risultati dell’indagine.
Secondo le organizzazioni per umanitarie che operano nella striscia il punto, come ha sottolineato anche il segretario generale dell’Onu Guterres, è che quanto accaduto ai 7 operatori umanitari non è un errore singolo, ma parte di un sistema che ha già prodotto – oltre a 33mila morti – quasi 200 vittime tra gli operatori umanitari.
In più bisogna far notare che raramente le indagini militarti condotte dall’esercito israeliano portano ad una condanna. Nei cinque anni tra il 2017 e il 2021 – giusto per fare un esempio – il sistema giudiziario militare è stato informato di 1.260 casi in cui i soldati israeliani sono stati accusati di crimini contro i palestinesi. Circa un quinto ha portato a indagini, ma solo 11 ad accuse penali, meno dell’1% del totale.

Oggi, poi, il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che chiede che Israele sia ritenuto responsabile di eventuali crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi a Gaza. Nella risoluzione si chiede anche il divieto di armi a Israele, a causa della sua condotta nella guerra a Gaza. Il voto non è vincolante ma rientra nelle iniziative legali che in queste settimane hanno contribuito ad aumentare la pressione su Israele.

Intanto il leader degli Hezbollah libanesi, Hasan Nasrallah, in un discorso televisivo ha detto che “L’Iran risponderà all’attacco israeliano contro il consolato iraniano a Damasco”, aggiungendo che l’attacco costituisce una svolta nella guerra in corso e che la regione è entrata in una nuova fase.
In queste ore circa 30 ambasciate israeliane nel mondo, compresa quella a Roma, sono state chiuse per paura di attacchi da parte di Theran.

Elly Schlein a Bari dopo le inchieste e lo strappo con il Movimento 5 Stelle

A bari, dopo lo strappo di Giuseppe Conte sulle primarie, stasera tocca Elly Schlein. Sarà lei a parlare dal palco in conclusione del comizio pensato in origine per sostenere il candidato del pd alle consultazioni di domenica. Ma dopo le inchieste della magistratura per voto di scambio e infiltrazione mafiosa, un po’ a sorpresa, ieri il movimento 5 stelle ha detto che non ci sono più le condizioni per svolgere le primarie e che sosterrà il proprio candidato, Laforgia, senza passare dalla consultazione dentro la coalizione. Il Pd resta fermo sul suo nome, quello di Vito Leccese, che sta parlando dal palco in questi minuti. Il servizio di Anna Bredice:

 

Lo Stato sovvenziona le imprese e abbandona le famiglie

(di Massimo Alberti)
Secondo Bankitalia la crescita per il 2024 sarà ancora debole, col Pil a più 0,6%. E continuerà a dinamica di un’occupazione che comunque sarà in crescita, anche se in proporzione meno del Pil. E questo nonostante il “sussidistan” di cui godono le imprese: quasi 56 miliardi di aiuti e sussidi solo nel 2023, 7 volte la spesa complessiva annua per il reddito di cittadinanza. La cui abolizione e l’arrivo dell’assegno di inclusione ha lasciato senza reddito centinaia di migliaia di famiglie già in difficoltà.

Siamo un paese strano: continuiamo a ricoprire le imprese di denaro pubblico, ma restiamo in coda all’Europa occidentale per i salari e primi per la quota di profitto. Mentre cresce la povertà, sia tra chi lavora e chi no. Sussidiamo le imprese ma non le persone che ne avrebbero necessità. E con l’abolizione del reddito di cittadinanza sono centinaia di migliaia le famiglie rimaste a secco. Per far cacciare i dati al governo però è servita un’interpellanza parlamentare dei 5 stelle, visto che il ministero del lavoro aveva smesso di pubblicare i dati. E così viene fuori che, delle oltre 1milione e duecentomila domande per l’assegno di inclusione, la misura che ha sostituito il reddito di cittadinanza, quelle accolte sono meno della metà, 589mila nuclei. L’obbiettivo dichiarato del governo era di circa 750mila, quelle “davvero bisognose” per la ministra del lavoro Calderone.  Peccato che con il cambio dei requisiti restino fuori, ad esempio, nuclei che con due adulti ed un minore abbiano un reddito tra i 575 e gli 800 euro, comprese quelle con minori, anziani, disabili. E qui parliamo di famiglie considerate “non occupabili”. Se guardiamo ai presunti occupabili, categoria circostanziata su parametri contestati da sindacati e associazioni ce si occupano di povertà, hanno ricevuto i 350 euro del supporto lavoro e formazione circa 60mila persone sulla platea di 250 mila dichiarata dal ministero del lavoro. Spesso l’assegno non arriva, semplicemente perché non ci sono i corsi di formazione, o durano troppo poco, e così anche chi avrebbe i requisiti resta a secco. Il risparmio si aggira intorno ai 3 miliardi. Un ventesimo dei sussidi alle imprese, in questa logica, crudele ed ingiusta, di redistribuzione all’incontrario.

Lavoro nero e condizioni disumane: il lato oscuro della moda italiana

(di Massimo Alberti)
Il caso che ha portato al commissariamento della Giorgio Armani Operations, nell’ambito delle indagini per sfruttamento del lavoro e uso di manodopera in nero nella filiera di subappalti (l’azienda non è indagata) non è isolato, o meglio: lo è sul piano giudiziario, visto che le indagini che riguardano grandi marchi che con gli appaltatori sfruttano manodopera, sono troppo poche. Ma modalità e storture nella filiera della moda italiana sono ben note ai sindacalisti ed associazioni. A gennaio, per le stesse ragioni, il Pm milanese Paolo Storari aveva commissariato Alviero Martini. Un mese prima un’indagine della finanza bolognese aveva portato all’arresto di 4 imprenditori cinesi, tra chi vi si rifornivano c’erano marchi di Max Mara Fashion Group o Elisabetta Franchi, che non sono indagate. Questo per restare ai casi recenti. Ma la campagna Abiti Puliti da anni denuncia le catene di appalti e subappalti che partono da fabbriche dove si lavora anche 14 ore 7 giorni su 7, per poche centinaia di euro e in condizioni di sicurezza tragiche, e risalendo arriva ai grandi della moda italiana. Sempre per stare agli anni recenti sono significative le lotte condotte dal sindacalismo di base per la campagna 8×5, ovvero 8 ore di lavoro per 5 giorni. Quello che dovrebbe essere normale civiltà, lì è traguardo da conquistare a colpi di presidi, cortei, picchetti, a volte anche botte. Con la giustizia che spesso sbaglia bersaglio, e finisce per prendersela con i buoni. Clamorosi i casi dei fogli di via ai sindacalisti Si Cobas di Prato, che per sollevare l’attenzione su situazioni di sfruttamento disumane, hanno spostato le loro manifestazioni dalle grigie strade del distretto tessile pratese, ai centri commerciali del fiorentino fino al centro di Firenze, sotto quelle vetrine che dietro agli scintillanti nomi che fanno grande l’Italia nel mondo, nascondono filiere di subforniture opache che arrivano allo sfruttamento estremo. Situazioni note, spesso alla luce del sole, che istituzioni e finanche la giustizia non vedono o non vogliono vedere. Intollerabili, ma tollerata, nel 2024 in un paese dell’Europa occidentale.

I 56 migranti salvati dalla nave Mare Jonio sono sbarcati a Pozzallo

Sono sbarcati a Pozzallo i 56 migranti salvati ieri dalla nave Mare Jonio. L’equipaggio della ong Mediterranea è ora in attesa di capire se la nave verrè fermata, come accaduto ad altre imbarcazioni umanitarie, per non aver collaboratori con la cosiddetta guardia costiera libica che, ieri, durante le operazioni, ha sparato contro superstiti e soccorritori. “I migranti sono sotto shock, alcuni hanno segni di torture”, ha raccontato la ong che ora attende la decisione delle autorità italiane.
Danny Castiglione è il capo missione della Mare Jonio.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta