Approfondimenti

Il silenzio di Meloni, le bare a Lampedusa, un pallone aerostatico in Montana e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 3 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Meloni si nasconde dietro a un appello alla responsabilità personale per evitare di prendere le distanze da quel che il Pd ha definito “linciaggio verbale” da parte di Donzelli e Delmastro. Forse sentendosi intoccabile e protetto dalla Presidente del Consiglio, Delmastro rincara la dose e accusa i quattro deputati che andarono in visita al carcere di Sassari per incontrare Alfredo Cospito di essersi inchinati ai mafiosi. Nel carcere di Opera ogg Cospito ha firmato per non consentire l’alimentazione forzata: è in sciopero della fame dallo scorso ottobre per protestare contro il 41 bis. La deputata Ilaria Cucchi l’ha incontrato: “L’ho trovato in condizioni terribili, credo non si fermerà davanti a niente”. Otto vittime accertate, due persone disperse, 42 si sono salvate. Nel Mediterraneo poche ore fa c’è stata l’ennesima strage, di fronte a cui i partiti italiani continuano a parlare di difesa dei confini, misure contro le ong e sbarchi da limitare. Concluso il vertice di Kiev, non c’è nessuna accelerazione per l’ingresso dell’Unione europea dell’Ucraina.

Meloni rinvia a domani e non risponde al Pd

Nel giorno in cui Alfredo Cospito ha fatto un altro passo nella sua lotta politica Giorgia Meloni ha lanciato un appello ai partiti chiedendo unità, parlando di “attacchi anarchici con l’obiettivo di eliminare il 41 bis” e dicendo che a quello scopo punta anche la mafia. La presidente del Consiglio ha usato la parola “responsabilità” facendo capire di voler abbassare i toni, ma dal suo partito continuano ad arrivare parole violente contro il Pd.

(di Anna Bredice)

Da Berlino Giorgia Meloni rinvia a domani la risposta su quello che il Pd in maniera unitaria definisce linciaggio verbale da parte di Donzelli e Delmastro e visto il silenzio della Presidente del Consiglio deducono che lei acconsenta e condivida tutto. Meloni quindi per ora non risponde, questa è la realtà dei fatti, rinvia ancora e in sostanza utilizza una presunta minaccia anarchica per mettere a tacere l’opposizione che invece si sente attaccata nelle sue funzioni e ora ne chiede conto in vari modi, da una querela e richiesta di risarcimento danni, al giurì d’onore per valutare l’offesa ai quattro deputati e poi la continua richiesta, non accolta, di dimissioni di Donzelli e Delmastro. Una richiesta di farsi da parte che non viene neanche presa in considerazione, perché forse sentendosi intoccabile e protetto dalla Presidente del Consiglio, Delmastro rincara la dose e accusa i quattro deputati che andarono in visita al carcere di Sassari di essersi inchinati ai mafiosi. Un attacco così forte da unire tutto il partito, diviso in quattro quanti sono i candidati, a due settimane dalle primarie, ma insieme per respingere l’aggressione della destra. Conte dei Cinque stelle per il momento si è limitato a stigmatizzare il silenzio di Giorgia Meloni, la quale oltre a non dare una risposta, ha usato ancora una volta il tratto vittimistico, “anch’io nel passato sono stata molto attaccata”. Si tratta ora di un’altra cosa, però, l’uso di documenti riservati per accusare l’opposizione, nel pieno delle sue funzioni istituzionali, di contiguità con la mafia. La scelta del rinvio è anche quella del ministro della Giustizia Nordio, che il 15 febbraio, tra oltre dieci giorni, andrà in Parlamento a spiegare se quelle carte erano segrete oppure no. Ma Magi dei radicali, deputato di Più Europa, forse ci arriverà molto prima, oggi ha chiesto al Dap copia di quella documentazione, “così capiremo, ha detto, quale è il livello di segretezza e accessibilità”.

Ai nostri microfoni la politologa Nadia Urbinati parla del livello degli attacchi della forza più potente della maggioranza, Fratelli d’Italia, contro il Partito democratico

La senatrice Ilaria Cucchi ha incontrato Cospito

Oggi Cospito ha messo per iscritto il suo no all’alimentazione forzata in caso dovesse perdere coscienza. Il detenuto in sciopero della fame da ottobre ha anche rifiutato una visita psichiatrica. Dal governo Salvini ha parlato di “ricovero o accompagnamento coatto”, ma per un trattamento sanitario obbligatorio servirebbe una certificazione medica di incapacità di intendere e volere, che comunque – almeno a livello temporale – arriverebbe dopo il documento firmato oggi da Cospito. La senatrice Ilaria Cucchi oggi lo ha incontrato in carcere

A Milano nel pomeriggio alcune centinaia di persone hanno manifestato in solidarietà a Cospito e contro il 41 bis. Domani ci sarà un’altra protesta a Milano, dalle 14.30 fuori dal carcere di Opera, e un corteo a Roma dalle 15 a partire da piazza Vittorio.

A Lampedusa ci sono dodici bare ammassate una sopra l’altra

(di Andrea Monti)

Le vittime accertate sono cinque uomini e tre donne, una di loro era incinta. Secondo le notizie circolate finora la tragedia sarebbe legata al freddo, alla fame, alla sete patite durante il viaggio. Il condizionale è d’obbligo, perché in situazioni come questa le informazioni iniziali sono spesso confuse, legate a testimonianze di persone sopravvissute a un’esperienza terribile e che parlano lingue diverse. In questo caso, per esempio, in un primo momento sembrava che le persone disperse fossero un neonato getCospitato in acqua dalla madre per disperazione, dopo che era morto, e un uomo che si era lanciato per recuperare il corpo. Alcune ore dopo si è saputo che invece la donna sarebbe svenuta lasciando cadere il bambino senza volerlo, e che anche l’uomo finito in mare ci sarebbe caduto dopo aver perso i sensi. Il sindaco di Lampedusa ha parlato di “tragedia immane”. Il parroco dell’isola ha detto: “Nella camera mortuaria, dopo l’arrivo delle ultime 8 la scorsa notte, ci sono 12 bare, ammassate una sopra l’altra. A vederle sembra proprio che nessuno delle istituzioni si interessi e faccia niente”. E la politica nazionale? La presidente del consiglio Meloni oggi è stata in Svezia e Germania, e in vista di un prossimo vertice europeo ha parlato di “difesa dei confini”. Salvini ha detto che il recente decreto contro le ong non cambierà di una virgola e che la richiesta del consiglio d’Europa di modificarlo o ritirarlo gli interessa “meno di zero”. Dall’opposizione il candidato alla segreteria Pd Bonaccini ha parlato di “sbarchi decuplicati” rispetto allo scorso anno, accusando il governo di non mantenere le promesse. Trovare traccia di dichiarazioni politiche che parlino di quello che è successo in mare, che esprimano cordoglio, che chiedano interventi per fermare le stragi è quasi impossibile. Non è un caso che a fare eccezione sia Pietro Bartolo: “Altre morti nell’indifferenza dell’Europa”, ha detto l’ex medico di Lampedusa, oggi eurodeputato.

Com’è andato il vertice a Kiev

Si è concluso il vertice dei leader dell’Unione europea a Kiev. L’Unione europea ha ribadito la sua solidarietà all’ucraina, e confermato il nuovo pacchetto di aiuti e di sanzioni contro la Russia, ma nonostante le speranze ucraine sembra per il momento che l’ingresso del Paese nell’Unione europea non sia vicino. Per il momento, infatti, non è stata fissata nessuna timeline per la sua adesione. Ursula Von der Leyen ha parlato di “importanti progressi” fatti da parte dell’Ucraina, ma tra i paesi membri rimangono alcuni dubbi: “La commissione non ci ha fornito nessuna analisi sui progressi”, ha detto all’Ansa una fonte diplomatica.

Il pallone aerostatico cinese avvistato in Montana è un caso diplomatico

(di Martina Stefanoni)

Nella città di Billing, in Montana, questa mattina, diverse persone hanno fotografato un cerchio bianco in mezzo al cielo. Troppo piccolo per essere la luna, in tanti si sono convinti fosse un ufo, finché non ne ha parlato il Pentagono stesso. Per gli Stati Uniti è un pallone spia cinese, che ha sorvolato uno dei tre campi di missili nucleari americani, la Malmstrom Air Force Base di Billings, nel Montana. Per Pechino, invece, sarebbe solo uno strumento di raccolta dati sul clima che, colpito dai venti di ponente, avrebbe deviato dalla rotta pianificata. Quello che è certo è che il pallone aerostatico cinese avvistato questa mattina nei cieli statunitensi ha fatto scoppiare un caso diplomatico tra i due paesi proprio alla vigilia di una visita storica come quella del segretario di stato Antony Blinken in Cina, ora rimandata. «Ci rammarichiamo per l’accaduto e continueremo a comunicare con la parte americana per gestire questa situazione imprevista», ha detto il ministero degli esteri cinese, ma sul giornale del partito comunista cinese, the Global Times, un editoriale definisce il clamore statunitense per il pallone in linea con una volontà statunitense di esacerbare le tensioni tra usa e cina. Un funzionario della Difesa statunitense ha detto al New York Times che non sarebbe la prima volta che la Cina invia dei palloni spia sopra il territorio statunitense, e secondo alcuni esperti militari il lancio di “palloni spia” potrebbe diventare una pratica sempre più diffusa: i palloni costano molto meno dei satelliti spia sono difficili da individuare con le apparecchiature radar e possono rimanere in quota anche diversi giorni dopo essere stati forati.
Il presidente americano Joe Biden ha deciso di non abbatterlo, dato che lo schianto dei detriti potrebbe causare danni o feriti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/07 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/07/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 13-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 13-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 13-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/07/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-07-2024

  • PlayStop

    Jukebox & Slot Machine di sabato 13/07/2024

    Come molte altre cose, un luogo è definito dalle funzioni che dentro di esso si possono svolgere. Un po' come l'ambiente che ci circonda può essere più o meno ostile. Ne consegue che la presenza ormai capillare in Italia delle macchinette da gioco d'azzardo nei bar, qualcosa deve aver cambiato rispetto a quando la possibile macchina-mangia-monetine che si rischiava di incontrare sotto casa, invece che vacue promesse di un'antidoto alla disperazione della povertà, spacciava il lato di un 45 giri o al massimo anni dopo qualche giocosa avventura con le fattezze del cartone animato. In quell'epoca invece che un semplice schermo e dei bottoni, le slot-machine confinate ai casinò avevano una manopola e dei rulli che scorrevano prima di dare un responso in forma di immagini miste o uguali, spesso non casualmente in tema di frutta, poiché la natura costruisce sopra l'esistente invece che sostituirlo ed il cervello sapiens non fa eccezione. una banana, delle ciliegie, una mela? ciliegie, ciliegie e un'ananas? tre pere? sono tutte combinazioni possibili. parafrasando un celebre umanista e compositore, si potrebbe dire che "these are tunes that go together well", o almeno così ci auguriamo che sarà. anche perché dalle retrovie pare si dica che "vincere sempre è come non vincere mai".

    Jukebox & Slot Machine - 12-07-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/07/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 20:31

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 12-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 12/07/2024

    Quando la location di oggi è il cinema e allora mangiamo popcorn ascoltando alcune tra le più iconiche colonne sonore di film. Salutiamo Davino al suo ultimo giorno di PCTO mangiando pasticcini e chiudiamo le tre aste aperte dell’operazione primavera. Non solo divertimento perchè torniamo a parlare dei fondi di coesione europei che ci riportano in Sicilia.

    Poveri ma belli - 12-07-2024

Adesso in diretta