Approfondimenti

La rivolta in Sri Lanka, la battaglia del Donbass verso un punto decisivo e le altre notizie della giornata

Sri Lanka ANSA

Il racconto della giornata di sabato 9 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Lo Sri Lanka è il primo paese in via di sviluppo a saltare in aria a causa della guerra in Ucraina. Dopo mesi di proteste per la profonda crisi economica in cui il paese era sprofondato, oggi è stata rivolta. La battaglia del Donbass è arrivata forse ad un punto decisivo a favore delle forze militari russe. Un anno fa con i licenziamenti via SMS iniziava la protesta della GKN, la fabbrica del distretto fiorentino del settore automotive considerata all’avanguardia per tecnologia e produzione di semiassi. Dal tardo pomeriggio di oggi un grosso incendio, forse scoppiato in uno sfasciacarrozze in zona Casilina, sta creando intossicazioni, fughe e panico in tutto il quadrante sudorientale di Roma. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La rivolta in Sri Lanka dopo mesi di proteste

Lo Sri Lanka è il primo paese in via di sviluppo a saltare in aria a causa della guerra in Ucraina. Dopo mesi di proteste per la profonda crisi economica in cui il paese era sprofondato, oggi è stata rivolta: una folla inferocita nella capitale Colombo ha assaltato la residenza del presidente Gotabaya Rajapaksa, eletto nel 2018 e parte della potente famiglia che da anni controlla il paese. Il presidente è stato costretto a scappare. Poi hanno dato fuoco alla casa del primo ministro, Ranil Wickremesinghe, che poco prima si era dimesso. Ora i partiti in Parlamento dovranno decidere cosa fare di un paese decapitato dei suoi vertici, e con una popolazione in rivolta. 22 milioni di persone da mesi allo stremo per la fine delle importazioni, dovuta all’alto debito estero e alla corruzione.
Le conseguenze dell’invasione russa su energia e materie prima hanno dato il colpo di grazia togliendo i beni essenziali: acqua, alimentari, carburanti. Le proteste erano in corso da marzo dopo la profonda crisi aggravata dalla pandemia, e appunto l’ultima goccia della guerra che a maggio aveva provocato il fallimento del paese per l’impossibilità di ripagare il debito, con un’inflazione al 55% e colloqui in corso col Fondo Monetario Internazionale. Corruzione e ricette neoliberiste hanno completato il quadro.
A Colombo abbiamo raggiunto la missionaria dell’associazione Papa Giovanni XXIII Giovanna Fattori:


 

La battaglia del Donbass arriva ad un punto decisivo

“Lo skyline del Donbass in questo momento è una distesa di fuoco”. Sono le parole del nostro collaboratore da Kramatorsk, Andrea Sceresini, che ci racconta che la battaglia del Donbass è arrivata forse ad un punto decisivo a favore delle forze militari russe. Ascoltiamo il suo racconto di questa giornata:


 

Verso l’Unione Popolare: l’assemblea nazionale a Roma

“Verso l’Unione Popolare”. È il titolo dell’assemblea che si è svolta questa mattina a Roma, convocata con un appello firmato da centinaia di persone e sottoscritto anche da forze politiche come Potere al popolo, Rifondazione comunista, il gruppo di cinque parlamentari di ManifestA, l’ex sindaco di Napoli Luigi De Magistris. 
Tra le adesioni personali ci sono quelle di Mimmo Lucano, Vauro, Moni Ovadia, Giovanni Impastato, Andrea Costa di Baobab, Haidi Giuliani, Francesca Fornario, Angelo d’Orsi, Piero Bevilacqua, Filippo Barbera e altri. Il nuovo soggetto politico è ancora in fase di costituzione.
Quali sono i suoi obiettivi? 
L’ex sindaco di Napoli De Magistris, che questa mattina ha concluso l’assemblea:


 

Un anno di lotta per i lavoratori della GKN

Un anno fa con i licenziamenti via SMS iniziava la protesta della GKN, la fabbrica del distretto fiorentino del settore automotive considerata all’avanguardia per tecnologia e produzione di semiassi. Al fondo britannico che ne deteneva la maggioranza non è bastato, decretandone la chiusura per delocalizzare. Ma gli oltre 300 lavoratori della fabbrica non hanno accettato questa decisione, prima entrando nella fabbrica e poi occupandola ancora oggi, quando è aprto un tavolo che ha portato all’ìnteresse di alcune imprese. Che però, in corso da mesi, non ha portato ancora nulla di concreto. Resta un’esperienza di lotta, viva, che è andata in questi mesi ben oltre le mura della fabbrica, cercando di unire un blocco sociale fatto di giovani ambientalisti, operai di aziende in crisi, movimenti politici, dietro lo slogan Insorgiamo.

Vasto incendio a Roma: nuvola di fumo nero sopra la Capitale

Dal tardo pomeriggio di oggi un grosso incendio, forse scoppiato in uno sfasciacarrozze in zona Casilina, sta creando intossicazioni, fughe e panico in tutto il quadrante sudorientale di Roma. 
L’enorme nuvola di fumo è visibile ormai dal centro della città. Non è ancora chiaro come l’incendio si sia sviluppato né se sia di origine dolosa. Quello che è certo è che le fiamme si sono rapidamente estese verso l’area di Cinecittà, avvicinandosi anche al popoloso quartiere di Centocelle e a quello dell’Appio. 
Sono stati sentiti anche diversi boati ed esplosioni, di cui non si conosce ancora la causa. Potrebbero essere stati dovuti allo scoppio di auto parcheggiate.

I vigili del fuoco sono intervenuti e sono in questi minuti al lavoro, ma sono loro stessi ad aver appena comunicato di non essere ancora riusciti a circoscrivere il rogo anche a causa del forte grecale che da stamattina sta spazzando la Capitale.

La nuvola nera, secondo le ultime notizie arrivate in redazione, da qualche minuto è visibile in tutta la sua imponenza anche dal Circo Massimo, dove decine di migliaia di persone, soprattutto giovani, si stanno radunando per il concerto dei Maneskin. 
Non risultano per il momento né vittime né feriti, ma il municipio di zona ha parlato testualmente di situazione drammatica e ha invitato tutti gli abitanti del quartiere a restare in casa con le finestre chiuse.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 98.044 i nuovi contagi da COVID registrati nelle ultime 24 ore, il 16% in più di 7 giorni fa. La crescita dei casi continua, ma sta frenando. 93 i morti. Per la prima volta da una settimana cala il numero dei posti letto occupati in terapia intensiva, 17 in meno. Mentre continua il forte aumento nei reparti ordinari, 232 in più di ieri.
Entro 24-48 ore l’EMA darà il via libera alla quarta dose di vaccino per gli ultra 60enni, nel tentativo europeo di correre ai ripari di un’ondata che sta investendo in pieno l’Europa. Generando però confusione, visto che in autunno è annunciato il nuovo vaccino specifico su Omicron. Cosa che potrebbe scoraggiare molte persone a fare ora, dopo mesi di campagna ferma, la quarta dose. L’immunologo Alberto Beretta:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 29-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 29-02-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 29/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-02-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

  • PlayStop

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 29-02-2024

Adesso in diretta