Approfondimenti

I costi della crisi in Italia, la candidatura di Majorino in Lombardia e le altre notizie della giornata

Pierfrancesco Majorino ANSA

Il racconto della giornata di sabato 3 dicembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Associazioni dei consumatori, commercianti, perfino i comuni. Tutti stanno rifacendo i propri conti per capire quanto costerà la crisi, tra rincari dell’energia, tagli ai consumi e la manovra del governo Meloni. A Ischia l’allerta meteo è stata prolungata fino a domani alle 16, mentre stamattina c’è stato un nuovo smottamento a una settimana dalla frana che ha provocato la morte di 12 persone, una delle quali non è stata ancora trovata. In Lombardia il centrosinistra sembra credere nel candidato Pierfrancesco Majorino, oggi protagonista di un bagno di folla al simbolico teatro dell’Elfo, già scelto da Pisapia e Sala. Il ritmo delle operazioni in Ucraina cala a causa del freddo, ma su alcuni fronti combattimenti e bombardamenti non perdono intensità. Il campione di calcio Pelè non risponde più alla chemioterapia ed è stato ricoverato nel reparto delle cure palliative di un’ospedale di San Paolo.

Quanto costerà la crisi tra rincari, tagli ai consumi e la manovra finanziaria?

Associazioni dei consumatori, commercianti, perfino i comuni. Tutti stanno rifacendo i propri conti per capire quanto costerà la crisi, tra rincari dell’energia, tagli ai consumi e la manovra del governo Meloni.
Soltanto ieri la notizia dei rincari delle bollette del gas: +13,7% a novembre. In euro quella percentuale significa aumenti dai 200 ai 1.700 euro l’anno. Mauro Antonelli dell’Unione Nazionale Consumatori:

I rincari – con l’inflazione che ormai sfiora il 12% – riducono il potere d’acquisto delle retribuzioni. E la Confcommercio ha già iniziato a fare qualche stima su come verranno spese le tredicesime (per chi le percepisce). Secondo Confcommercio i consumi da tredicesime si ridurranno al minimo da 15 anni, con una media di circa 1.500 euro a famiglia.
Anche l’Associazione dei comuni italiani ha fatto due conti e chiede un miliardo di euro all’esecutivo per coprire il fabbisogno creato da alcuni provvedimenti della manovra: dai condoni sul fisco ai bonus per i dipendenti pubblici, alla spending review informatica.
Infine la Corte dei Conti ha manifestato qualche dubbio sulla manovra del governo. In particolare sui provvedimenti che riguardano i contanti e l’uso dei Pos: “Non sono coerenti con la lotta all’evasione fiscale”, sostiene la Corte dei Conti.
 Tommaso di Tanno, tributarista:


 

Lombardia: il centrosinistra con Majorino ci crede

(di Claudio Jampaglia)

Letizia Moratti dice di “aspettare a braccia aperte i voti della sinistra e anche quelli di Umberto Bossi”, il cui comitato del Nord oggi si è presentato come il “voltaren” della Lega (l’infiammazione sarebbe Salvini). La destra continua a scricchiolare in Lombardia. E il centrosinistra prova a unirsi. A Milano Pierfrancesco Majorino si presenta con un bagno di folla e di entusiasmo inatteso per molti. Si gioca in casa, al teatro dell’Elfo, lo stesso di Pisapia e di Sala; e si comincia proprio dal sindaco di Milano che dice “dovete crederci stavolta la regione è contendibile”. Dopo 28 anni sarebbe il minimo. Il candidato sembra più che convinto quando dice “non avrei accettato per perdere onorevolmente, siamo qui per vincere e soprattutto per cambiare”. Stavolta non è un civico, è un politico puro e porta sul palco la storia forse migliore del centrosinistra: cittadinanza e territorio, spesso accantonata proprio dal PD, e che lui rivendica con “passione e riconoscenza” (detto due volte): comitati inquilini, pendolari, donne impegnate nella sanità e nella ricerca, c’è spazio anche per il sindaco di Lodi e lo sconfitto senza primarie Pierfrancesco Maran che, nonostante non gli sia andata giù, è venuto a dare il suo sostegno.
Majorino parte dalle condizioni materiali della gente e promette poco politicismo e tanta cittadinanza attiva, punta sulla voglia di cambiamento e sui troppi guai che regalano ai lombardi i tre temi sovrani in Regione: sanità, trasporti e case popolari. C’è poco tempo e bisogna uscire dal recinto della politica ed entrare in quello della gente, con proposte e partecipazione: la sanità da ribaltare a partire dall’insopportabile poltronificio della destra e dalle liste d’attesa impossibili, che sono lo specchio della gestione privatistica, tante proposte per il welfare e i servizi che sono il piatto forte del candidato, un piano di rilancio del lavoro regionale in chiave green, rigenerazione ambientale per tutte le case Aler, un assessorato al Pnrr e all’Europa per portare finanziamenti che oggi in regione non sanno nemmeno esistano, dice l’eurodeputato. Gli attacchi sono per Moratti che ha votato sempre e solo con la destra e quindi oggi non può dirsi un’altra cosa e per Fontana “un piccolo Bolsonaro” sull’ambiente e la Lega in generale “siete sempre quelli che cercando di fare affari con Putin”. Domani ci sarà il primo confronto con i 5Stelle per allargare l’alleanza, perché anche questo è necessario (poi ci sarà da convincere +Europa o meglio Della Vedova a non andarsene quando arriveranno) e da domani, soprattutto, si batte la regione paese per paese, la cosa più importante per il centrosinistra nella corsa ad ostacoli verso Palazzo Lombardia. Le energie sembrano esserci.

Allerta meteo a Ischia fino a domani pomeriggio

A Ischia l’allerta meteo è stata prolungata fino a domani alle 16. Questa mattina c’è stato un nuovo smottamento, a una settimana dalla frana che ha provocato la morte di 12 persone, una delle quali non è stata ancora trovata. Oggi pomeriggio è stata però individuata la sua auto. Nelle prossime ore sono previste nuove piogge. Alcune delle famiglie che avevano rifiutato l’evacuazione ieri, oggi l’hanno accettata e il loro trasferimento nelle strutture comunali è in corso.
Un’immagine della frana di Casamicciola è stata appesa questo pomeriggio nel corso di un’azione dimostrativa alla Pinacoteca di Bologna di fianco alla strage degli innocenti di Guido Reni. Azione rivendicata dal gruppo ambientalista ultima generazione, che punta il dito contro l’inazione dei governi per la salvaguardia dell’ambiente e del clima.

Le operazioni in Ucraina rallentano a causa del freddo

Il ritmo delle operazioni in Ucraina cala a causa del freddo, ma su alcuni fronti combattimenti e bombardamenti non perdono intensità. Uno di questi è Kherson, la città liberata dall’esercito ucraino e da allora, circa 3 settimane fa, sottoposta al tiro incessante dell’artiglieria russa, posizionata oltre il fiume Dnipro. Oggi è stato bombardato l’ospedale oncologico di Kherson e alcuni condomini e infrastrutture civili della città. È in corso l’evacuazione degli ultimi civili rimasti, proprio a causa dell’intensificarsi degli attacchi dell’esercito russo.
Un altro fronte molto caldo è Bakhmut, considerata uno snodo strategico per il Donbass, una delle ultime località dove l’esercito russo spinge ancora, e avanza. A condurre le operazioni nella zona c’è il gruppo Wagner, un’organizzazione dii mercenari fedelissimi al Cremlino. Sentiamo un racconto da Bakhmut dell’inviato del corriere della sera Lorenzo Cremonesi:

Dal Cremlino è intanto arrivata oggi una prima risposta all’accordo siglato ieri sul tetto al prezzo del petrolio russo, 60 dollari al barile. La Russia non accetterà il price cap, ha detto un portavoce: “Stiamo valutando la situazione, ma comunque non lo accetteremo”.
Il tetto entrerà in vigore lunedì. Alla decisione dell’Unione Europea, assunta ieri, hanno aderito i Paesi del G7 e l’Australia. Fonti europee dicono che aderiranno nei prossimi giorni anche alcuni paesi asiatici.
A Londra è stato invece arrestato oggi un oligarca russo, Mikhail Fridman.
 

Pelé in fin di vita in ospedale a San Paolo

Il campione di calcio Pelè non risponde più alla chemioterapia ed è stato ricoverato nel reparto delle cure palliative di un’ospedale di San Paolo. Era stato ricoverato qualche giorno fa per un’infezione respiratoria. Da tempo è malato di tumore al colon.
Pelè è stato un simbolo di riscatto per il Brasile, era nato poverissimo: da bambino faceva il lustra scarpe e giocava a calcio con un sacchetto riempito di stracci.
In queste ore molti campioni odierni del calcio, da Kane a Mbappè stanno pubblicando messaggi di incoraggiamento e preghiera per il Rei do Futebol.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta