Approfondimenti

Il rischio della partecipazione della Bielorussia alla guerra, la frattura nella destra lombarda e le altre notizie della giornata

leghisti per Moratti ANSA

Il racconto della giornata di sabato 25 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Per la prima volta dall’inizio della guerra un attacco diretto in Ucraina sarebbe partito da territorio bielorusso. È l’accusa che hanno lanciato oggi le autorità militari di Kiev. Alla vigilia delle amministrative è scoppiata la guerra nella destra lombarda, in vista delle elezioni regionali del prossimo anno: l’attuale vicepresidente Letizia Moratti, di Forza Italia, ha lanciato la sua candidatura, sfidando di fatto il governatore uscente Attilio Fontana, sostenuto dalla Lega e da Salvini. Negli Stati Uniti la battaglia della Corte Suprema per ridisegnare la società americana per i prossimi decenni è aperta. I democratici, però, sperano di capitalizzare lo sdegno esploso in queste ore per portare la gente a votare. La sparatoria avvenuta nella notte a Oslo, che ha provocato due morti e 21 feriti, viene considerata come un “atto di terrorismo islamista”. Lo ha reso noto l’antiterrorismo norvegese. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Severodonetsk è sotto il controllo dei russi

Per la prima volta dall’inizio della guerra un attacco diretto in Ucraina sarebbe partito da territorio bielorusso. È l’accusa che hanno lanciato oggi le autorità militari di Kiev. La regione di Cernihiv, al confine proprio con la Bielorussia, è stata colpita da venti missili sparati da aerei russi che sorvolavano lo spazio aereo di Minsk. Per l’intelligence ucraina si tratta di un chiaro “tentativo di coinvolgere l’esercito bielorusso in guerra”.
Il raid è avvenuto questa mattina, nel giorno in cui Putin ha ricevuto a San Pietroburgo il dittatore Lukashenko, suo alleato. A lui, Putin ha promesso l’invio di missili Iskander, missili a corto raggio capaci di trasportare testate atomiche. Quanto è concreta la possibilità che Minsk partecipi direttamente alla guerra? Mara Morini, docente di politiche dell’Europa orientale all’università di Genova:

Oggi nel Donbass ci sono stati altri bombardamenti. Mosca dice di aver ucciso 80 mercenari polacchi in un attacco condotto nella regione. Severodonetsk, intanto, è ormai sotto il totale controllo russo. Lo ha annunciato il sindaco della città alla tv ucraina. Secondo i separatisti filorussi, anche l’impianto chimico Azot è stato occupato ed evacuati gli 800 civili rifugiati all’interno.
Tuttavia, per il capo dell’intelligence ucraina Budanov la ritirata da Severodonetsk è stata organizzata, di fatto una tattica. “Ad agosto ci sarà una svolta. Riprenderemo il controllo dei territori e torneremo ai confini del 1991”, ha detto Budanov. L’ambizione è quella di riconquistare Kherson, la prima città occupata dai russi. Dall’Ucraina sentiamo il nostro collaboratore Sabato Angieri:

La guerra in Ucraina sarà al centro del vertice del G7 di domani. A Monaco di Baviera, in Germania, i leader delle 7 economie più avanzate del pianeta affronteranno anche i temi dell’energia e della crisi alimentare globale.

La destra lombarda si spacca. Moratti sfiderà Fontana?

Domani si vota per il secondo turno delle elezioni amministrative. Sono 2 milioni i cittadini chiamati alle urne in 65 comuni. La sfida principale a Verona con Damiano Tommasi che per il centrosinistra se la vedrà con il sindaco uscente Federico Sboarina, sostenuto da Lega e FdI, ma non da Forza Italia con cui c’è stata la rottura. Altri ballottaggi significativi saranno a Parma, Monza, Lucca, Alessandria, Como e Sesto San Giovanni.

Alla vigilia delle amministrative, intanto, è scoppiata la guerra nella destra lombarda, in vista delle elezioni regionali del prossimo anno. L’attuale vicepresidente Letizia Moratti, di Forza Italia, ha lanciato la sua candidatura, sfidando di fatto il governatore uscente Attilio Fontana, sostenuto dalla Lega e da Salvini. Che cosa c’è in gioco nella lotta per la leadership tra i due partiti? Carlo Galli, politologo dell’università di Bologna:


 

(di Alessandro Braga)

Che Letizia Moratti ambisse da tempo a occupare la poltrona del piano più alto di palazzo Lombardia non è un segreto da tempo. Più o meno dal giorno in cui, era gennaio del 2021, venne chiamata, ironia della sorte proprio da Matteo Salvini, a sostituire Giulio Gallera come assessore al welfare della Regione. Nei corridoi del palazzo della giunta lombarda si mormora da diversi mesi che Lady Moratti si comporti da vera padrona, e che obblighi tutti a chiamarla vicepresidente, con qualche malcelato fastidio per il prefisso vice. Ora è uscita allo scoperto: “Da tempo ho dato la mia disponibilità alla coalizione e sono sollecitata quotidianamente da più parti a candidarmi”, ha detto. Boom, la bomba è esplosa, a poche ore dai ballottaggi in diversi comuni italiani, in una tornata amministrativa non facile per il centrodestra, già imbrigliato in liti interne e veti incrociati. La Lega la gela, dicendo che “squadra vincente non si cambia”. Forza Italia commenta a mezza voce, sottolineando che Letizia Moratti non parla a nome del partito. Fratelli d’Italia al momento tace, ma sorniona Giorgia Meloni potrebbe cavalcare la proposta anche solo per fare un dispetto a Salvini. Il leader della Lega, in difficoltà da mesi, aveva rilanciato Fontana come candidato della coalizione, anche se l’attuale presidente non ha ancora sciolto le riserve sulla sua ricandidatura. Il passo avanti di Lady Moratti, chissà quanto studiato e con chi, di sicuro non rasserena gli animi nella coalizione che ormai da più di vent’anni governa la Lombardia. La prossima settimana potrebbe esserci un vertice tra i leader dei tre partiti. Discuteranno di tutto, comprese le candidature alla guida delle Regioni che il prossimo anno dovranno andare al voto. Che la coalizione, almeno in Lombardia, dovesse restare a trazione leghista, fino a poco fa era un dogma che nessuno avrebbe messo in dubbio. Fino a poco fa, appunto.

42enne arrestato per atto di terrorismo islamista a Oslo

La sparatoria avvenuta nella notte a Oslo, che ha provocato due morti e 21 feriti, viene considerata come un “atto di terrorismo islamista”. Lo ha reso noto l’antiterrorismo norvegese. Per l’assalto è stato arrestato un uomo di 42 anni. Il Gay Pride di Oslo che si sarebbe dovuto svolgere proprio oggi pomeriggio è stato annullato. Giugno è il mese delle manifestazioni del Pride in tutta Europa. In Italia oggi otto città sono coinvolte. Al Pride del Lazio abbiamo raggiunto il segretario generale dell’Arcigay Gabriele Piazzoni:


 

La Corte Suprema prova a ridisegnare la società americana: la battaglia è aperta

(di Roberto Festa)

La battaglia è aperta. Non solo l’aborto, ma diverse altre sentenze, mostrano che una Corte Suprema su posizioni fortemente reazionarie sta cercando di ridisegnare la società americana per i prossimi decenni. E contro la volontà degli americani. La Corte ha cancellato Roe v. Wade, ma otto americani su dieci sono per mantenere il diritto all’aborto. Poche ore prima la Corte aveva cancellato una legge di New York, vecchia di 108 anni, che poneva restrizioni al porto di un’arma in pubblico. Otto newyorkesi su dieci erano per mantenere la legge. Un’altra recente sentenza della Corte fa a pezzi uno dei fondamenti della Repubblica – la separazione tra stato e chiesa – e impone al Maine di finanziare con soldi pubblici le scuole religiose. Attese, nei prossimi giorni, sentenze che cancelleranno regolamentazioni ambientali e per le imprese. Si tratta insomma dell’offensiva che una Corte, ormai fuori controllo, lancia, incurante degli orientamenti degli americani.
I democratici, che tutti i sondaggi degli ultimi mesi danno in forte affanno alle elezioni di midterm, sperano di capitalizzare lo sdegno esploso in queste ore per portare la gente a votare. Un esempio. La cancellazione di Roe v. Wade ha portato al bando all’aborto in Arizona, Wisconsin, Michigan, Georgia. Sono Stati dove, a novembre, si terranno sfide importanti al Senato, e dove portare più donne alle urne, e più membri delle minoranze, direttamente toccati dal bando all’aborto, potrebbe essere decisivo per i democratici. Stesso discorso per le sfide di governatore in Stati come la Pennsylvania, e ancora il Wisconsin e il Michigan. Mantenere un governatore democratico, potrebbe essere garanzia di mantenimento del diritto all’aborto in questi Stati. La sfida è dunque aperta, ma non è facile vincerla. Bisogna per l’appunto tenere viva la mobilitazione, raccogliere i finanziamenti, organizzare la campagna attorno al tema dell’aborto, senza però trascurare il resto, i temi economici, dell’inflazione, che sono al momento il vero tallone d’Achille di Biden e dei democratici. Ciò su cui i repubblicani continuano a soffiare, nella speranza di riprendersi il Congresso.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Siamo nel pieno di una ondata di contagi da COVID che fa salire il numero dei casi positivi: oggi sono oltre 56mila e il tasso di positività al tampone sfiora il 22%. Dati peraltro sottostimati secondo tutti gli esperti, dal momento che i sintomi sono generalmente più lievi che in passato e che i test fai da te non sono così attendibili con la nuova variante del virus, Omicron 5.
“Non si va verso nuove restrizioni”, ha ribadito oggi il sottosegretario alla Salute Sileri. Il ministro Speranza è tornato a confermare che comunque per chi è positivo l’obbligo di restare in isolamento rimane. “Oggi in isolamento ci sono 650mila persone – ha detto Speranza – Non è immaginabile che se ne vadano in giro”.
Nelle ultime 24 ore ci sono stati 40 decessi e i ricoveri in ospedale, sia nei reparti ordinari, sia in terapia intensiva, sono in aumento. Abbiamo chiesto una valutazione di questa fase dell’epidemia al virologo Fabrizio Pregliasco:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 18:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta