Approfondimenti

La fine della corsa al Colle di Berlusconi, la grande sfida del governo cileno e le altre notizie della giornata

elezioni presidente della repubblica Berlusconi

Il racconto della giornata di sabato 22 gennaio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A due giorni dall’inizio delle votazioni per il Presidente della Repubblica, Silvio Berlusconi ha fatto il tanto atteso passo indietro e ritirato la sua candidatura. Oggi si è avuta notizia di altri due morti sul lavoro, ma per il governo anticipare il pacchetto di norme previsto per la sicurezza sul lavoro non è urgente. Negli anni in cui la pandemia ha allargato la forbice tra la parte più ricca e quella più povera della popolazione, nella classifica dei miliardari della rivista Forbes arrivano 11 nuovi italiani. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Silvio Berlusconi abbandona la corsa al Colle

A due giorni dall’inizio delle votazioni per il presidente della Repubblica, Silvio Berlusconi ha fatto il tanto atteso passo indietro e ritirato la sua candidatura. La notizia è di pochi minuti fa: cosa l’ha convinto? La sceneggiata è finita, Berlusconi si è ritirato pochi minuti fa dalla corsa al Colle. Il capo di Forza Italia non si è nemmeno presentato al vertice on line del centrodestra con Salvini e Meloni. Ha mandato Tajani e Ronzulli a dire che rinuncia in nome dell’unità del Paese.
La resa arriva dopo aver fatto i conti, i 505 voti necessari non c’erano nonostante la campagna acquisti: proprio stamattina un senatore ex grillino era passato a Forza Italia. Le mosse di Berlusconi, che siano passi in avanti o indietro, sono un elemento con cui il centrodestra è costretto a fare i conti.

Il governo non ritiene urgente il pacchetto di norme per la sicurezza sul lavoro

Oggi si è avuta notizia di altri due morti sul lavoro: un operaio di 64 anni precipitato dal tetto di una cella frigorifera a Pomezia vicino Roma, mentre sistemava cavi elettrici in un capannone industriale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il personale dell’Asl Roma 6. L’uomo era salito sulla struttura per sistemare cavi elettrici. Si chiamava Vincenzo Pignone, 59 anni, l’uomo morto in una stamperia industriale nel canavese. Secondo una prima ricostruzione è caduto dentro una sabbiatrice, un macchinario che si usa per pulire i pezzi dello stampaggio. Quattro lavoratori di ditte esterne che lavorano per le ferrovie sono rimasti feriti ad Orbassano, dove due treni merci si sono scontrati allo scalo merci dell’interporto. La causa dell’incidente sarebbe stato un errore di manovra. A metà dicembre un macchinista era rimasto ucciso nello stesso scalo
Ieri il Ministro del Lavoro Orlando aveva proposto in Consiglio dei Ministri di anticipare il pacchetto di norme previsto per la sicurezza sul lavoro, che dopo gli annunci di alcuni mesi fa è scomparso. Ma il governo non l’ha ritenuto urgente.

Il rinnovato appello per abrogare l’alternanza scuola-lavoro

La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico del legale rappresentante dell’azienda dove ieri è morto lo studente 18enne Lorenzo Parrelli, all’ultimo giorno di uno stage nell’ambito della ex alternanza scuola lavoro. Il 18enne è rimasto schiacciato da una trave d’acciaio mentre eseguiva lavori di carpenteria.
La vicenda di Udine ha riaperto la discussione sull’alternanza scuola-lavoro, di cui gli studenti chiedono l’abrogazione da anni. In una nota la segretaria confederale della CGIL Rossana Dettori e il segretario generale della FLC CGIL Francesco Sinopoli chiedono di cancellarne l’obbligo. Un appello per abrogare l’alternanza scuola-lavoro lo ha lanciato anche l’insegnante e scrittore Christian Raimo:


 

11 nuovi italiani nella classifica dei miliardari di Forbes

(di Massimo Alberti)

Negli anni in cui la pandemia ha allargato la forbice tra la parte più ricca e quella più povera della popolazione, nella classifica dei miliardari della rivista Forbes arrivano 11 nuovi italiani. Che rispecchiano la struttura dinastica del capitalismo nostrano.
Sono 3 gli italiani stabilmente tra i più ricchi del mondo. Leonardo del Vecchio di Luxottica, il re della Nutella Giovanni Ferrero e l’imprenditore farmaceutico Stefano Pessina, italiano ma cittadino di Monaco. I nuovi arrivi sono specchio del capitalismo familiare italiano, con poche eccezioni: Sergio Stevanato, che guida la principale azienda mondiale di vetro per farmaceutica. Insomma, tra le altre cose fa le provette dei vaccini. Facile intuire perché sia finito in quella classifica. C’è poi un altro nome noto, Enrico Preziosi, fondatore di Giochi Preziosi ed ex patron del Genoa venduto a settembre a un fondo americano. Il fondatore di Techongym Nerio Alessandri si avvicina alle leggende del sogno americano. A 22 anni nel garage di casa crea il suo primo attrezzo da ginnastica, di cui ora è leader mondiale. Inizia poi la lunga sfilza di figli di e nipoti di. Il nipote di Agnelli John Elkann, presidente di Exor, Ferrari, Stellantis e dell’editoriale Gedi. Giuliano e Marina Caprotti, i figli del fondatore di Esselunga che dopo non pochi scontri familiari hanno ereditato l’impero del padre. Antonio ed Emma Marcegaglia, figli di Steno, l’omonimo gruppo dell’acciaio tra gli altri partner di Arcelor Mittal nella gestione dell’ex Ilva di Taranto, che hanno appena incassato dallo stato, tra le proteste, quasi 600 milioni per la riconversione prima destinati alle bonifiche.
E poi Simona Giorgetta, Marco e Veronica Squinzi, nipote e figli di Giorgio Squinzi, l’ex presidente di Confindustria e patron della Mapei morto 3 anni fa. Insomma, viva il merito. In tutto i 40 italiani più ricchi posseggono la stessa ricchezza dei 18 milioni più poveri.
A livello globale negli ultimi 2 anni i 10 più ricchi hanno raddoppiato i loro patrimoni, mentre 163 milioni di persone sono cadute in povertà. Una disuguaglianza che i governi continuano ad ignorare rinunciando ai più timidi interventi redistributivi, lo si è visto bene nell’ultima riforma fiscale italiana. Una ignavia tale che 102 multimiliardari europei e statunitensi, nessun italiano, hanno scritto al World Economic Forum per chiedere di essere tassati di più. “È la soluzione più semplice” scrivono. Che però nessuno sembra voler prendere in considerazione.


Cile. La grande sfida del governo di Gabriel Boric

(di Gianni Beretta)

Quattordici donne e dieci uomini, con un’età media di 49 anni. È il governo con il quale il 35enne Gabriel Boric assumerà la Presidenza della Repubblica in Cile a partire dall’11 marzo prossimo. Una composizione antitetica a quelle formali e patriarcali, tutte al maschile, dei tempi della dittatura del generale Augusto Pinochet. Lo stesso Ministro dell’Istruzione è un gay dichiarato.
Tra le figure di primo piano Maria Alejandra Fernandez Allende, nipote del presidente Salvador Allende che si immolò quell’11 settembre 1973 durante il golpe al Palacio de La Moneda. Sarà proprio lei ad assumere il Ministero della Difesa.
Anche agli Esteri ci sarà una donna: Antonia Urrejola, avvocata, specialista in diritti umani. Così come a donne sono stati affidati, fra gli altri, i ministeri della giustizia, sanità, lavoro, ambiente, miniere, sport e cultura.
È una grande sfida quella di Gabriel Boric che, dopo l’affermazione elettorale del dicembre scorso sulla destra nostalgica, col suo governo democratico-riformista dovrà lasciarsi definitivamente alle spalle anche la costituzione pinochetista che verrà cambiata proprio quest’anno…

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 171.263 i nuovi contagi accertati da COVID nelle ultime 24 ore, circa 9mila in meno di una settimana fa. Il tasso di positività è in crescita, al 16,4% contro il 14,8% di 7 giorni fa. I morti sono stati 333. I ricoverati in terapia intensiva sono stabili, circa un migliaio in più i ricoverati nei reparti ordinari rispetto ad una settimana fa.
Il rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità ha evidenziato come il tasso di ricoveri in terapia intensiva sia 39 volte più alto tra i non vaccinati rispetto ai vaccinati con richiamo, mentre il ricovero nei riparti ordinari circa 12 volte più alto. Quanto alla mortalità, le vittime sono 33 volte di più.
Le persone che si sono reinfettate sono il 3,4%, la probabilità di riprendere il COVID è più alta se non ci si è vaccinati. Infine si vede l’effetto della riapertura delle scuole. La percentuale di casi nella popolazione in età scolare è salita dal 20 al 24%.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 06/06 19:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 06-06-2023

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 06/06/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 06-06-2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 06/06/2023 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 06-06-2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fresh Nights di mercoledì 07/06/2023

    Fresh Nights è il programma di Dario Grande che scava nella nuova musica italiana e non, alla scoperta del sound più fresco di oggi. È fresh perché è una ventata di freschezza rispetto al mainstream, è fresh perché è il suono di cui abbiamo bisogno oggi, è fresh perché è la spinta sincera dell’indie che potrebbe imporsi domani, è fresh perché anche se ha un sapore alternative ha comunque un’anima pop. A mezzanotte tra martedì e mercoledì, un’ora perennemente in bilico tra alternative e mainstream. IG: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Fresh Nights - 06-06-2023

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 06/06/2023

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest; quella di ieri, di oggi e a volte anche quella di domani: la musica e gli artisti che danno speranza al Gigante Sudamericano, mentre si attende che con la fine del 2022 ci si liberi dalla sciagura chiamata Bolsonaro. Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 06-06-2023

  • PlayStop

    News della notte di martedì 06/06/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 06-06-2023

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 06/06/2023

    Dal 13 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantaduesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 06-06-2023

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 06/06/2023

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 06-06-2023

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 06/06/2023

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 06-06-2023

  • PlayStop

    Esteri di martedì 06/06/2023

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 06-06-2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 06/06/2023

    (173 - 364) Dove c’è gente che parla allo Spirito Santo, gente che sta su OnlyFans e fa cose, gente che manifesta incontinenza in macchina e gente che si sente sola in coda in tangenziale. Poi con Roberto Maggioni e Bertram Niessen parliamo del dibattito su Milano che ci sarà domenica a “All You need is Pop”. E chiudiamo con Riccardo Canestrari, nostro pilota di aereo di riferimento, con cui parliamo di portelloni che si aprono e portelloni che restano chiusi.

    Muoviti muoviti - 06-06-2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 06/06/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo di notizia. Per quello Di tutto un boh mette a disposizione approfondimenti con i migliori esperti della galassia per capire il mondo. Un po’ meglio, almeno. In co-conduzione, a turno: Astrid Serughetti, Margherita Fruzza, Erica Casati, Gaia Grassi, Clarice Trombella, Zeina Ayache

    Di tutto un boh - 06-06-2023

  • PlayStop

    The Weekly Report di martedì 06/06/2023

    Anche Weekly Report è stato al Primavera Sound. Dai War on Drugs ai Blur passando per il jukebox electropop. Poche sensazioni, molte sorprese.

    The Weekly Report - 06-06-2023

  • PlayStop

    Jack di martedì 06/06/2023

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 06-06-2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 06/06/2023

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 16.00 alle 16.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 06-06-2023

  • PlayStop

    Mega live big rap

    quando ripetiamo in maniera ossessiva data e orario del Mega live big quiz show del 10 giugno, ascoltiamo i consigli AAA di Gianluca Ruggieri sul tema energetico e infine diventiamo talent scout di giovani rapper, con l'intervista a Elio Zeta e l'anteprima della sua nuova hit "Probabilmente"

    Poveri ma belli - 06-06-2023

Adesso in diretta