Approfondimenti

La fine della corsa al Colle di Berlusconi, la grande sfida del governo cileno e le altre notizie della giornata

elezioni presidente della repubblica Berlusconi

Il racconto della giornata di sabato 22 gennaio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A due giorni dall’inizio delle votazioni per il Presidente della Repubblica, Silvio Berlusconi ha fatto il tanto atteso passo indietro e ritirato la sua candidatura. Oggi si è avuta notizia di altri due morti sul lavoro, ma per il governo anticipare il pacchetto di norme previsto per la sicurezza sul lavoro non è urgente. Negli anni in cui la pandemia ha allargato la forbice tra la parte più ricca e quella più povera della popolazione, nella classifica dei miliardari della rivista Forbes arrivano 11 nuovi italiani. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Silvio Berlusconi abbandona la corsa al Colle

A due giorni dall’inizio delle votazioni per il presidente della Repubblica, Silvio Berlusconi ha fatto il tanto atteso passo indietro e ritirato la sua candidatura. La notizia è di pochi minuti fa: cosa l’ha convinto? La sceneggiata è finita, Berlusconi si è ritirato pochi minuti fa dalla corsa al Colle. Il capo di Forza Italia non si è nemmeno presentato al vertice on line del centrodestra con Salvini e Meloni. Ha mandato Tajani e Ronzulli a dire che rinuncia in nome dell’unità del Paese.
La resa arriva dopo aver fatto i conti, i 505 voti necessari non c’erano nonostante la campagna acquisti: proprio stamattina un senatore ex grillino era passato a Forza Italia. Le mosse di Berlusconi, che siano passi in avanti o indietro, sono un elemento con cui il centrodestra è costretto a fare i conti.

Il governo non ritiene urgente il pacchetto di norme per la sicurezza sul lavoro

Oggi si è avuta notizia di altri due morti sul lavoro: un operaio di 64 anni precipitato dal tetto di una cella frigorifera a Pomezia vicino Roma, mentre sistemava cavi elettrici in un capannone industriale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il personale dell’Asl Roma 6. L’uomo era salito sulla struttura per sistemare cavi elettrici. Si chiamava Vincenzo Pignone, 59 anni, l’uomo morto in una stamperia industriale nel canavese. Secondo una prima ricostruzione è caduto dentro una sabbiatrice, un macchinario che si usa per pulire i pezzi dello stampaggio. Quattro lavoratori di ditte esterne che lavorano per le ferrovie sono rimasti feriti ad Orbassano, dove due treni merci si sono scontrati allo scalo merci dell’interporto. La causa dell’incidente sarebbe stato un errore di manovra. A metà dicembre un macchinista era rimasto ucciso nello stesso scalo
Ieri il Ministro del Lavoro Orlando aveva proposto in Consiglio dei Ministri di anticipare il pacchetto di norme previsto per la sicurezza sul lavoro, che dopo gli annunci di alcuni mesi fa è scomparso. Ma il governo non l’ha ritenuto urgente.

Il rinnovato appello per abrogare l’alternanza scuola-lavoro

La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico del legale rappresentante dell’azienda dove ieri è morto lo studente 18enne Lorenzo Parrelli, all’ultimo giorno di uno stage nell’ambito della ex alternanza scuola lavoro. Il 18enne è rimasto schiacciato da una trave d’acciaio mentre eseguiva lavori di carpenteria.
La vicenda di Udine ha riaperto la discussione sull’alternanza scuola-lavoro, di cui gli studenti chiedono l’abrogazione da anni. In una nota la segretaria confederale della CGIL Rossana Dettori e il segretario generale della FLC CGIL Francesco Sinopoli chiedono di cancellarne l’obbligo. Un appello per abrogare l’alternanza scuola-lavoro lo ha lanciato anche l’insegnante e scrittore Christian Raimo:


 

11 nuovi italiani nella classifica dei miliardari di Forbes

(di Massimo Alberti)

Negli anni in cui la pandemia ha allargato la forbice tra la parte più ricca e quella più povera della popolazione, nella classifica dei miliardari della rivista Forbes arrivano 11 nuovi italiani. Che rispecchiano la struttura dinastica del capitalismo nostrano.
Sono 3 gli italiani stabilmente tra i più ricchi del mondo. Leonardo del Vecchio di Luxottica, il re della Nutella Giovanni Ferrero e l’imprenditore farmaceutico Stefano Pessina, italiano ma cittadino di Monaco. I nuovi arrivi sono specchio del capitalismo familiare italiano, con poche eccezioni: Sergio Stevanato, che guida la principale azienda mondiale di vetro per farmaceutica. Insomma, tra le altre cose fa le provette dei vaccini. Facile intuire perché sia finito in quella classifica. C’è poi un altro nome noto, Enrico Preziosi, fondatore di Giochi Preziosi ed ex patron del Genoa venduto a settembre a un fondo americano. Il fondatore di Techongym Nerio Alessandri si avvicina alle leggende del sogno americano. A 22 anni nel garage di casa crea il suo primo attrezzo da ginnastica, di cui ora è leader mondiale. Inizia poi la lunga sfilza di figli di e nipoti di. Il nipote di Agnelli John Elkann, presidente di Exor, Ferrari, Stellantis e dell’editoriale Gedi. Giuliano e Marina Caprotti, i figli del fondatore di Esselunga che dopo non pochi scontri familiari hanno ereditato l’impero del padre. Antonio ed Emma Marcegaglia, figli di Steno, l’omonimo gruppo dell’acciaio tra gli altri partner di Arcelor Mittal nella gestione dell’ex Ilva di Taranto, che hanno appena incassato dallo stato, tra le proteste, quasi 600 milioni per la riconversione prima destinati alle bonifiche.
E poi Simona Giorgetta, Marco e Veronica Squinzi, nipote e figli di Giorgio Squinzi, l’ex presidente di Confindustria e patron della Mapei morto 3 anni fa. Insomma, viva il merito. In tutto i 40 italiani più ricchi posseggono la stessa ricchezza dei 18 milioni più poveri.
A livello globale negli ultimi 2 anni i 10 più ricchi hanno raddoppiato i loro patrimoni, mentre 163 milioni di persone sono cadute in povertà. Una disuguaglianza che i governi continuano ad ignorare rinunciando ai più timidi interventi redistributivi, lo si è visto bene nell’ultima riforma fiscale italiana. Una ignavia tale che 102 multimiliardari europei e statunitensi, nessun italiano, hanno scritto al World Economic Forum per chiedere di essere tassati di più. “È la soluzione più semplice” scrivono. Che però nessuno sembra voler prendere in considerazione.


Cile. La grande sfida del governo di Gabriel Boric

(di Gianni Beretta)

Quattordici donne e dieci uomini, con un’età media di 49 anni. È il governo con il quale il 35enne Gabriel Boric assumerà la Presidenza della Repubblica in Cile a partire dall’11 marzo prossimo. Una composizione antitetica a quelle formali e patriarcali, tutte al maschile, dei tempi della dittatura del generale Augusto Pinochet. Lo stesso Ministro dell’Istruzione è un gay dichiarato.
Tra le figure di primo piano Maria Alejandra Fernandez Allende, nipote del presidente Salvador Allende che si immolò quell’11 settembre 1973 durante il golpe al Palacio de La Moneda. Sarà proprio lei ad assumere il Ministero della Difesa.
Anche agli Esteri ci sarà una donna: Antonia Urrejola, avvocata, specialista in diritti umani. Così come a donne sono stati affidati, fra gli altri, i ministeri della giustizia, sanità, lavoro, ambiente, miniere, sport e cultura.
È una grande sfida quella di Gabriel Boric che, dopo l’affermazione elettorale del dicembre scorso sulla destra nostalgica, col suo governo democratico-riformista dovrà lasciarsi definitivamente alle spalle anche la costituzione pinochetista che verrà cambiata proprio quest’anno…

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 171.263 i nuovi contagi accertati da COVID nelle ultime 24 ore, circa 9mila in meno di una settimana fa. Il tasso di positività è in crescita, al 16,4% contro il 14,8% di 7 giorni fa. I morti sono stati 333. I ricoverati in terapia intensiva sono stabili, circa un migliaio in più i ricoverati nei reparti ordinari rispetto ad una settimana fa.
Il rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità ha evidenziato come il tasso di ricoveri in terapia intensiva sia 39 volte più alto tra i non vaccinati rispetto ai vaccinati con richiamo, mentre il ricovero nei riparti ordinari circa 12 volte più alto. Quanto alla mortalità, le vittime sono 33 volte di più.
Le persone che si sono reinfettate sono il 3,4%, la probabilità di riprendere il COVID è più alta se non ci si è vaccinati. Infine si vede l’effetto della riapertura delle scuole. La percentuale di casi nella popolazione in età scolare è salita dal 20 al 24%.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 20/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 20/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 20/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 21/06/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 20-06-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 20/06/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 20-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 20/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-06-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 20/06/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 20-06-2024

  • PlayStop

    4° puntata: la Milizia e l'Aventino

    Il fascismo tenta di ripulirsi l'immagine dopo il delitto Oldani e di dissociarsi dagli aggressori. Intanto nello stesso giorno della morte del tranviere a Roma i partiti di opposizione abbandonano il Parlamento e si ritirano sull'Aventino.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 20-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 20/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 20/06/2024

    1-Giornata mondiale del rifugiato. Raddoppiati gli sfollati nei 10 paesi più colpiti da inondazioni e Secondo il rapporto Oxfam nell’ultimo decennio sono passati da 3,5 milioni a 8 milioni. 2- Medio oriente. Aumenta il rischio di guerra totale tra libano e Israele Il punto con iol giornalista Marco Magnano 3- Francia. Il 30 giugno prossimo la scelta sarà tra tre concezioni del popolo e altrettante visioni della democrazia. Lo speciale di Esteri 4-Diario americano. In Louisiana introdotta la storia dei 10 comandamenti nelle scuole pubbliche 5- World music. Urge restituire alle popolazioni locali gli archivi sonori e audiovisivi raccolti dalle ex potenze coloniali.

    Esteri - 20-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 20/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-06-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 20/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-06-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 20/06/2024

    Sapore Indie è la trasmissione per connettersi al presente e scoprire le novità più rilevanti della musica alternative internazionale. Tutti i giovedì alle 15.30, con Dario Grande, un'ora di esplorazione tra le ultime uscite di artisti grandi e piccoli, storie di musica e vite underground. Per uscire dalla bolla dei soliti ascolti e sfuggire l’algoritmo, per orientarsi nel presente e scoprire il suono più rigenerante di oggi. ig: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Sapore Indie - 20-06-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 20/06/2024

    Nella prima parte parliamo dell'artista Indiano Diljit Dosanji con Gurbaaz. Nella seconda parte ospitiamo Don Claudio Burgio per parlare della comunita Kayros, della sua etichetta Kayros Music e dell'accordo con Island (Universal)

    Jack - 20-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 20/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha ospitato il grande @Bruno Bozzetto.

    Considera l’armadillo - 20-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 20/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-06-2024

Adesso in diretta