Approfondimenti

Nessun accordo al vertice per la pace del Cairo, Milano in piazza, l’addio a Staino e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 21 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30.I primi 20 camion di aiuti umanitari hanno passato oggi il valico di Rafah, diretti a Gaza. Si tratta di “aiuti necessari alla sopravvivenza”, dicono le Nazioni Unite, che spiegano che si tratta, comunque, di “una goccia nell’Oceano”. Non sembra essersi concluso con risultati di rilievo il vertice per la pace del Cairo. Secondo gli organizzatori sono state almeno 10-15mila persone al corteo per la Palestina partito da Piazza Duca d’Aosta e riunitosi al parco della Martesana. La manifestazione per la sanità pubblica a Milano. È morto Sergio Staino. Il vignettista ed ex direttore dell’Unità, aveva 83 anni, era malato da tempo.

A Gaza entrano i primi 20 camion di aiuti umanitari, Israele è pronto ad attaccare via terra

Dopo giorni di negoziati, i primi 20 camion di aiuti umanitari hanno passato oggi il valico di Rafah, diretti a Gaza. I camion trasportano acqua, cibo, medicinali, ma anche bare per le vittime dei bombardamenti di questi giorni. Si tratta di “aiuti necessari alla sopravvivenza”, dicono le Nazioni Unite, che spiegano che si tratta, comunque, di “una goccia nell’Oceano”, e che molta più assistenza umanitaria è necessaria. Domani potrebbe essere consentito un nuovo passaggio di generi di prima necessità. Le autorità sanitarie palestinesi a Gaza raccontano che il 70 per cento delle 4000 vittime di questi giorni sono donne, bambini, anziani. Il segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto oggi un cessate il fuoco. Oggi c’è stato anche un appello da Medici senza frontiere, che avverte: “Il sistema sanitario a Gaza è vicino al collasso”. Sentiano Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia

Nuovi raid aerei israeliani hanno colpito oggi la Striscia. Ci sarebbero 13 morti nel bombardamento di un complesso residenziale a Deir al-Balah, che si trova al centro di Gaza. La notizia, data da fonti di Hamas, non è però stata verificata in modo indipendente. L’esercito israeliano ha oggi inviato nuovamente messaggi sui cellulari dei residenti nel nord di Gaza. Migliaia di volantini sono stati lanciati dagli aerei israeliani. Il messaggio è lo stesso. Chi non se ne andrà, verrà considerato un terrorista o un fiancheggiatore del terrorismo. Un funzionario dell’esercito israeliano ha anche aggiunto che, a questo punto, le stesse abitazioni private, a Gaza, verranno considerate obiettivi legittimi. L’offensiva è quindi pronta. Ne parliamo con Sabato Angeri

Non sembra essersi concluso con risultati di rilievo il vertice per la pace del Cairo. Non c’è stata una dichiarazione finale condivisa da tutti i partecipanti, ma solo un comunicato della presidenza egiziana che ha promosso il vertice e che si rammarica sostanzialmente per non essere riuscito a trovare un consenso internazionale, cito, che trascende le culture, le razze, le religioni e le posizioni politiche. Il motivo del fallimento del vertice, secondo fonti raccolte da Sky News Arabia, sembrano essere le divergenze fra le diplomazie del gruppo dei Paesi arabi e quello occidentale. In particolare, i rappresentanti occidentali volevano che la dichiarazione includesse solo una condanna di Hamas, mentre si rifiutavano di condannare Israele per gli attacchi a Gaza, né erano disposti a chiedere un cessate il fuoco.
Intanto c’è anche la questione degli ostaggi, che diventa sempre più urgente. Secondo gli ultimi dati dell’esercito, dei 210 ostaggi nelle amni di Hamas 20 sono anziani, 30 sono minori, e le famiglie hanno precisato che l’età dei loro cari rapiti va dai 9 mesi ai 90 anni. Ieri due donne, madre e figlia con la doppia cittadinanza, americana e israeliana, sono state liberate. Secondo alcuni osservatori, e secondo anche fonti dell’intelligence israeliano, Hamas potrebbe al momento essere portata a liberare gli ostaggi, soprattutto per riparare la sua immagine. Lo confermerebbero le parole del rappresentante dell’organizzazione in Libano, Osama Hamdan, secondo cui Hamas vuole “chiudere il dossier dei civili”. Molto dipende però, ovviamente, dall’inizio dell’offensiva di terra e da quanto questa sarà distruttiva. Al lavoro, sulla questione, ci sono diversi Paesi arabi, tra cui il Qatar, l’Egitto, l’Arabia Saudita, oltre ovviamente agli Stati Uniti.
Resta la questione del possibile allargamento della guerra. Per tutta la giornata ci sono stati scontri tra forze israeliane e Hezbollah al confine nord, con il Libano. Gli hebollah hanno lanciato missili contro i carrarmati israeliani da Al Abab. Le forze dello Stato ebraico hanno utilizzato invece soprattutto droni, uccidendo almeno quattro militanti. Fonti della Casa Bianca hanno oggi detto che da ore funzionari dell’amministrazione stanno cercando di convincere Israele a contenere la sua risposta militare a nord, per evitare l’apertura di un secondo fronte che potrebbe rivelarsi di difficile tenta per le forze militari israeliane.

A Milano il corteo per la Palestina

Migliaia di ragazzi e ragazze, donne, uomini, bambine e bambini, arabi e non, con centinaia di bandiere palestinesi. Secondo gli organizzatori sono state almeno 10-15mila persone al corteo per la Palestina partito da Piazza Duca d’Aosta e riunitosi al parco della Martesana. La manifestazione è cominciata intorno alle 15 con alcune centinaia di persone per poi riempirsi lungo le vie della città. Numerose associazioni palestinesi hanno partecipato al corteo, ma anche partiti e movimenti italiani come la Casa delle donne di Milano e Non una di meno. La maggior parte dei cori e degli striscioni sono stati per la libertà della Palestina e di Gaza, ma non sono mancati quelli contro il governo israeliano e la narrazione della politica e dei media occidentali, accusati di faziosità. La voce più forte però è stata per i bambini, le donne e gli uomini di Gaza, bloccati nella striscia senza i necessari aiuti.

Oggi in piazza per salvare la sanità pubblica

(di Vittorio Agnoletto)

Due sono gli obiettivi immediati da raggiungere entro sei mesi indicati nella manifestazione di oggi. Primo, ottenere, un unico CUP, Centro Unico Prenotazioni, per tutte le strutture pubbliche e private convenzionate. Oggi, anche per prenotare alcuni esami in ospedali pubblici, ad es. a Milano all’ospedale S. Paolo, bisogna recarsi presso la singola struttura. Secondo obiettivo, vietare la pratica del medico a gettone aprendo nel frattempo per questi medici, dei canali di rientro nel Servizio Sanitario Nazionale.
“La tutela del diritto alla salute – ha ricordato don Ciotti nell’intervento conclusivo della manifestazione – è un problema di umanità, di giustizia sociale e di giustizia sostanziale. Essere qui oggi significa lottare per il diritto alla vita perché la salute è il primo diritto fondamentale insieme alla cultura alla scuola e alle politiche sociali. Come ha detto Papa Francesco, i cristiani devono sporcarsi le mani nei problemi sociali”
Il comitato promotore per il referendum contro la privatizzazione della sanità lombarda ha confermato che entro fine mese sarà presentato al Tar il ricorso per poter svolgere il referendum, nel frattempo continueranno le mobilitazioni, nel prossimo futuro si pensa ad un’iniziativa contemporanea in Piemonte Veneto e Lombardia regioni nelle quali sotto l’avanzare del neoliberismo aumenta quotidianamente la distruzione del servizio sanitario.

Addio al vignettista Sergio Staino

È morto Sergio Staino. Il vignettista ed ex direttore dell’Unità, aveva 83 anni, era malato da tempo. Staino debuttò nel mondo dei fumetti con Bobo, il suo personaggio più famoso, nel 1979 su Linus. Poi iniziò la lunga collaborazione con l’Unità, oltre che con molti altri giornali. Nel 1986 fondò e diventò direttore del programma satirico Tango. Il servizio del nostro collaboratore Antonio Serra

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 03/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 03-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 03-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/03/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 03-03-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/03/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 03-03-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 03/03/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettate come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 03/03/2024

    A cura di Gianpiero Kesten In co-conduzione: Zeina Ayache, Gaia Grassi, Astrid Serughetti, Clarice Trombella Ospite fisso: Andrea Bellati La famiglia allargata di Di tutto un boh colonizza la domenica di Radio Popolare! Tra domande scientifiche e curiosità esistenziali (a cui dare risposte, naturalmente) tutti i membri della squadra porteranno ogni settimana il proprio contributo, un po’ come i pasticcini o, ancora meglio, gli avanzi da spartire la domenica, tra buoni amici. La missione divulgativa e di infotainment di Di tutto un boh vivrà e lotterà insieme a noi. Ma la domenica, si sa, è anche il giorno delle somme da tirare, dei buoni propositi e della condivisione. Anche tra le famiglie atipiche e allargatissime, come quella della squadra di Di tutto boh e del pubblico di Radio Popolare. Bohmenica In va in onda ogni domenica dalle 19 alle 21.

    Bohmenica In! - 03-03-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/03/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 03/03/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 03-03-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 03/03/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 03-03-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 03/03/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 03-03-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/03/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Dietro al palco di domenica 03/03/2024

    Un viaggio musicale nella vita “ai piedi del palcoscenico” di artisti/artiste italiani. Una chiacchiera in tre, una sorta di “backstage” in musica degli ascolti consigliati e goduti e che fissa con pochi passaggi sonori sogni, passioni e storia di chi sará ospitato da Chiara Soldi e Andrea Cegna.

    Dietro al palco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 03/03/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 03-03-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 03/03/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 03-03-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/03/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 03-03-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/03/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 03-03-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 03/03/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 03-03-2024

Adesso in diretta