Approfondimenti

Milano scende in strada per i diritti civili, l’estensione dell’accordo sul grano ucraino e le altre notizie della giornata

manifestazione milano ANSA

Il racconto della giornata di sabato 18 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Milano risponde quando i diritti chiamano e oggi, come due settimane fa per i migranti annegati, migliaia di persone si sono fatte sentire per le famiglie arcobaleno. Migliaia di persone in strada anche per il corteo militante antifascista per Dax e Fausto e Iaio. Sciopero contro le politiche del governo, se sarà necessario: Maurizio Landini, appena rieletto segretario generale della Cgil, ha ricordato qual è il perimetro dello scontro con l’esecutivo di Giorgia Meloni. Si tratta in Svizzera per salvare la seconda banca del paese, il Credit Suisse, dal crack. Il presidente turco Erdogan, intanto, ha annunciato l’estensione dell’accordo sul grano ucraino che scade oggi, ma l’intesa non è completa.

Milano risponde quando i diritti chiamano: in piazza con le famiglie arcobaleno

(di Lorenza Ghidini)

Le storie delle famiglie omogenitoriali risuonano dal microfono, raccontate dai protagonisti. Mamme, papà, ragazzi, che la piazza applaude e sostiene, nel momento in cui la destra di governo ha deciso di ignorarli. Milano risponde quando i diritti chiamano e, come due settimane fa per i migranti annegati, anche oggi migliaia di persone si sono fatte sentire. “Sono una donna, sono una mamma, e sono lesbica” grida una dal palco, in tanti fanno il verso a Meloni anche per ridere un po in un momento complicato. 
A metà pomeriggio il flash mob: tutti alzano una penna, per chiedere che i sindaci disobbediscano al governo e registrino alle loro anagrafi i bambini oggi discriminati.
 In piazza ci sono tanti politici, ma dal palco parla solo il sindaco Sala. Poco dopo la neosegretaria del PD Elly Schlein sarà fatta salire, per un saluto sulle note di Bella Ciao. È lei la star della giornata, promette impegno in parlamento insieme ai tanti esponenti del centrosinistra presenti in piazza. La battaglia dunque viene riaffidata alla politica, anche se tutti sanno che questa maggioranza è completamente sorda ai problemi reali delle famiglie omogenitoriali. Che tornano a casa comunque confortate dall’abbraccio della piazza. In ogni scuola, in ogni ospedale, in ogni ufficio ci sarà sempre una persona che capirà la situazione e allevierà la fatica. È una piccola consolazione, ma oggi è stata ribadita.

Il corteo militante antifascista per Dax e Fausto e Iaio

(di Roberto Maggioni)

Quando tra le case popolari di via Celentano una ragazza urla dal furgone che non si possono pagare mille euro per vivere in 50 metri quadri gli immigrati affacciati alle finestre applaudono. Il tema della casa è stato tra i più presenti in un corteo militante antifascista che ha percorso perlopiù via Padova, quartiere popolare e multietnico oggi colpito in alcuni sui tratti dalla gentrificazione. Ad aprire il corteo lo striscione “Dax ucciso perchè antifascista” sorretto dalla mamma di Davide Cesare, Rosa Piro, dalla mamma di Renato Biagetti e da altri genitori di figli vittime in questi anni dei neofascisti o della polizia. Dietro seimila persone e tanti spezzoni tematici. Davanti gli studenti: “La scuola è antifascista” hanno scritto sullo striscione. Erano in tanti sotto ai 20 anni, che quella notte del 16 marzo 2003 non erano neanche nati. Si sono mischiati con chi quella notte c’era e non ha dimenticato. Tra i fili della memoria che si sono riannodati quello con Fausto e Iaio, uccisi da sicari neofascisti il 16 marzo 1978. All’altezza di via Mancinelli un delegazione al presidio per Fausto e Iaio ha salutato il passaggio del corteo. Dietro, sul muro della sede della banca Fineco, veniva composto il murales “Dax Vive”. Un corteo lunghissimo, ha sfilato per quattro ore e mezza. In via Padova è stata danneggiata una pensilina dell’Atm ma non c’è stata la città a ferro e fuoco che qualcuno si aspettava. Tante le scritte sui muri, tanti anche i manifesti affissi lungo via Padova che passato il corteo è tornata alla sua normalità.

Cgil, Landini rieletto segretario: “Pronti anche allo sciopero”

Sciopero contro le politiche del governo, se sarà necessario. Maurizio Landini, appena rieletto segretario generale della Cgil, oggi ha ricordato qual è il perimetro dello scontro con l’esecutivo di Giorgia Meloni. Bisogna evitare che il lavoro paghi per tutti, dice Landini.
E quindi no alla flat tax, no alla riduzione delle aliquote Irpef, no alla cancellazione del reddito di cittadinanza. Landini oggi ha parlato davanti alle decine di delegati e delegate del congresso della Cgil che lo hanno rieletto con il 94% dei voti. Da Rimini l’inviato Alessandro Braga:


 

Le trattative per salvare Credit Suisse dal crack

Si tratta in Svizzera per salvare la seconda banca del paese – il Credit Suisse – dal crack.
Secondo quanto riporta il Financial Times, il quotidiano della City finanziaria a Londra, oggi ci sarebbero stati contatti con i vertici di Ubs (prima banca elvetica) e le autorità di regolamentazione dei mercati. Anche le autorità americane sarebbero coinvolte.
Le stesse fonti fanno notare che un accordo con Ubs sarebbe l’unica opzione per fermare il crollo di fiducia nei confronti di Credit Suisse.
Sono state invece smentite le ipotesi di un interessamento di Blackrock (uno dei maggiori fondi speculativi mondiali) per l’istituto bancario elvetico. E’ stata la stessa Blackrock a smentire.
Le vicende di questi giorni, a partire dalla crisi bancaria nella Silicon Valley americana, stanno mostrando gli effetti delle politiche restrittive delle banche centrali sui conti di alcuni istituti di credito. La Silicon Valley Bank è stata la prima a pagare il repentino rialzo del costo del denaro negli Stati Uniti. Questi scossoni nel sistema finanziario americano hanno avuto conseguenze anche tra i paesi dell’euro. Nemmeno la Svizzera – paese-rifugio di capitali da tutto il mondo – sembra esserne esclusa. Che cosa significa? L’economista Andrea Roventini:


 

Erdogan annuncia l’estensione dell’accordo sul grano ucraino, ma l’accordo non è completo

Visita a sorpresa in Crimea per il presidente russo Putin oggi, che all’indomani dell’incriminazione della Corte Penale Internazionale per deportazione illegale di bambini dall’Ucraina occupata ha visitato un orfanotrofio di Sebastopoli.
La guerra sul campo va avanti con nuovi attacchi a Bakhmut e a Kramatorsk. Sull’andamento della guerra e le forniture occidentali all’esercito di Kiev i prossimi giorni saranno importanti: lunedì i ministri del 27 paesi europei sono chiamati a trovare l’atteso accordo sulla produzione e fornitura di munizioni, già domani ci sarà un prevertice.
Intanto il presidente turco Erdogan ha annunciato l’estensione dell’accordo sul grano ucraino che scade oggi. L’intesa non è però completa: Kiev sostiene che la proroga è di 4 mesi ma Mosca dice che ne riconosce la validità solo per ulteriori 60 giorni, la metà. La Russia vuole in cambio lo sblocco delle esportazioni dei suoi fertilizzanti, di cui è uno dei maggiori produttori al mondo. Alberto Negri, editorialista del Manifesto:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

Adesso in diretta