Approfondimenti

La disperata situazione umanitaria a Gaza, le manifestazioni pro Palestina in Italia e le altre notizie della giornata

Gaza ANSA

Il racconto della giornata di sabato 14 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La situazione umanitaria a Gaza resta disperata per la carenza di acqua ed elettricità, mentre cine di migliaia di civili provare a fuggire da Gaza City. La diplomazia al momento resta in affanno mentre in tante città del mondo, Italia compresa, si susseguono manifestazioni pro Palestina. Dopo aver chiuso a qualsiasi trattativa con le parti sociali, il governo italiano domani in Consiglio dei Ministri va a mettere i primi paletti di una manovra pre-elettorale che prova a non scontentare nessuno con le poche risorse a disposizione.

La disperata situazione umanitaria a Gaza

Superati i 2.200 morti nell’assedio di Israele a Gaza. Siamo all’ottavo giorno dall’efferato attacco di Hamas di sabato scorso. Attacchi condotti con raid aerei e carri armati. 2.215 i morti a stamattina, secondo fonti palestinesi. Un terzo sarebbero bambini. La situazione umanitaria resta disperata per la carenza di acqua ed elettricità. Decine di migliaia di civili provano a fuggire da Gaza City: l’esercito di Israele aveva concesso una finestra temporale, fino alle 16, per muoversi lungo i due valichi, Biet Hanoun a Nord e Khan Younes nella zona centrale, ma l’Egitto li tiene chiusi. Reporter palestinesi al confine con l’Egitto raccontano di centinaia di persone in fila, ma con passaporto straniero. La fuga per i civili palestinesi sembra impossibile. L’atteggiamento di Hamas non è chiaro: il capo politico dell’organizzazione nel pomeriggio ha detto che i palestinesi non se ne andranno e non ci sarà emigrazione verso l’Egitto. Poco prima il responsabile sanità di hamas si era unito alle altre organizzazioni palestinesi nel chiedere all’Egitto di consentire la fuga. Chi può scappa verso il sud della striscia.

L’Unione Europea triplica gli aiuti per Gaza, portandoli da 25 a 75 milioni di euro. Critica la situazione negli ospedali: Medici Senza Frontiere ha fatto sapere che dall’ospedale di Al Awda, dopo aver trascorso parte della notte in strada, con le bombe che cadevano nelle vicinanze ‘parte dei medici e i pazienti’ si sono spostati. L’altro ospedale, quello di Shifa è pieno di famiglie sfollate ed a rischio epidemie, riportano i medici. Hamas intanto ha riferito che 9 degli ostaggi detenuti, tra cui 4 stranieri, sono stati uccisi nei raid israeliani. Sotto il Ministero della Difesa a Tel Aviv stamattina hanno manifestato i familiari dei sequestrati, accusando il governo di disinteressarsi della loro sorte. Dal kibbutz teatro del massacro di Hamas, il primo ministro israeliano Netanyahu ha lanciato la nuova offensiva su larga scala. L’esercito ha fatto sapere di aver ucciso uno dei comandanti dell’unità di Hamas che ha condotto l’attacco terroristico di sabato scorso.

I tentativi diplomatici e l’allerta al massimo livello in Francia

Si muove intanto il Vaticano da cui è arrivata solidarietà ai cittadini di Gaza, esprimendo dolore per quanto sta avvenendo ‘Civili, ospedali e luoghi di culto non devono essere coinvolti’ le parole del Segretario di Stato, il cardinale Parolin in una chiamata al Primo Ministro dell’autorità nazionale palestinese. Papa Francesco ha chiamato nuovamente la parrocchia di Gaza, assicurando che sta facendo tutto il possibile per evitare altro spargimento di sangue. Sul fronte diplomatico c’è stata anche una telefonata tra il Segretario di Stato americano Antony Blinken con il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, che si sono raccomandati l’un l’altro di usare la rispettiva influenza per evitare un allargamento del conflitto. Ma a 8 giorni dall’attacco terroristico di Hamas contro Israele, e altrettanti dai bombardamenti di Tel Aviv su Gaza, la diplomazia è in affanno.

Al Viminale il Comitato per l’ordine e la sicurezza ha fatto una ricognizione sugli obiettivi sensibili in Italia e il rafforzamento della sorveglianza. Il ministro della Difesa, Guido Crosetto, ha annunciato la possibile cancellazione della festa delle Forze Armate. Ci sto pensando, ha detto.
Un appello alla Jihad è stato diffuso da Al Qaeda, o ciò che ne resta, sui suoi canali Telegram per chiedere ai musulmani di colpire obiettivi israeliani e americani. L’allerta è al massimo livello in Francia, dopo l’attentato che ha provocato la morte di un professore, ieri ad Arras, nel nord del Paese. Oggi chiusi due simboli della cultura: la reggia di Versailles ed il museo del Louvre.

Le manifestazioni pro Palestina in Italia

Manifestazioni pro Palestina ci sono state oggi in diverse città italiane, le più partecipate a Torino e Milano, che hanno visto in piazza diverse generazioni di uomini e donne di origine araba. Il corteo di Milano era organizzato da 5 associazioni palestinesi.
Un corteo così Milano non l’aveva ancora visto, fatto almeno per il 70% da giovani arabi e dai loro genitori, uomini e donne di prima, seconda e terza generazione. Con una componente religiosa numerosa e anche laica. Partiti alle 15.30 da stazione Centrale urlando Palestina libera, Israele criminale. Un corteo che si è ingrossato strada facendo, fino all’ingresso in via Padova, la via più multietnica di Milano. E si è visto. Applausi dalle finestre, tutti fuori dai bar e dai negozi a fare video e foto che non vedrete nella nostra bolla. Bisognava esserci per guardare in faccia un pezzo di nostri concittadini e sentire quello che pensano, anche di noi. E pensano che siamo ipocriti e razzisti, che controlliamo i mezzi d’informazione e manipoliamo le informazioni. “Dove eravate prima di sabato scorso?”, urlano ai giornalisti alla ricerca della dichiarazione pro Hamas. È difficile trovare le parole giuste per raccontare una manifestazione così, carica di rabbia, senso d’ingiustizia subito, quasi nessuna riconciliazione. La terra, la nostra terra, dicono i palestinesi di Milano. La stessa terra che sentono come propria anche gli israeliani. E da qui non si vede possibilità di convivenza. Il corteo finisce al parco Trotter che invece di Milano è il simbolo della convivenza possibile. Lentamente ci arrivano gli 8mila o forse più che hanno camminato fin qui. Fosse stato un nostro corteo di sinistra avremmo detto oltre 15mila. Di sicuro è qualcosa che non potremo ignorare.

La controffensiva di Kiev entra in fase di stallo

Secondo fonti militari sia russe che ucraine la controffensiva di Kyev sarebbe in fase di stallo, cosa che avrebbe dato fiato ai russi per una nuova offensiva, come confermato anche da fonti militari statunitensi. Le forze russe hanno “bombardato di nuovo Kherson”, ha riferito il capo dell’amministrazione militare regionale, Alexander Prokudin. Sarebbe stato colpito un supermercato ma senza fare vittime, dicono le fonti ucraine che parlano di bombardamenti massicci. La situazione al fronte è “significativamente peggiorata”, ha detto il comandante delle forze di terra di Kiev, Oleksandr Syrskyi.

Una manovra che prova a non scontentare nessuno

(di Massimo Alberti)

Dopo aver chiuso a qualsiasi trattativa con le parti sociali, il governo domani in Consiglio dei Ministri va a mettere i primi paletti di una manovra pre-elettorale che prova a non scontentare nessuno con le poche risorse a disposizione.
Il governo si trova ad inseguire i propri pasticci, in una manovra misera che casca a pochi mesi dalle prime elezioni, le europee, col governo in carica. Confermato che il deficit programmato servirà a prolungare di un anno il taglio del cuneo fiscale, una misura non strutturale che non genera crescita e che paga temporanei aumenti di salario con i soldi degli stessi lavoratori, mentre le imprese bloccano i rinnovi dei contratti. Gli altri soldi in deficit vanno sempre in quest’ottica: il primo passo della delega fiscale, l’accorpamento delle prime 2 aliquote, serve a non vanificare l’effetto del taglio del cuneo fiscale ed evitare che centinaia di migliaia di lavoratori si trovino buste paga più magre. Il problema è che ne benifceranno anche i redditi più alti. Un punto di equilibri doveva essere il riordino di agevolazioni e detrazioni per i redditi più alti, ma della cosiddetta tax expenditure, più volte annunciata, non si farà nulla per non rischiare di scontentare qualcuno. Si salva in parte il pubblico impiego, che dovrebbe vedere un cospicuo anticipo del rinnovo contrattuale. Un colpo anche alle imprese con una riduzione dell’Ires, probabilmente ristretta a chi assume, ma ancora da vedere. Saltata la detassazione delle tredicesime, ridotto a un miliardo il pacchetto famiglia, non mancherà invece un finanziamento al ponte sullo stretto. Mentre sulle pensioni sarà una partita di giro tra aumento delle minime, revisione degli indici delle più alte, la proroga di quota 103, ape sociale e opzione donna che fin qui destinate a pochi. Dovrebbe entrare la minimum tax per le multinazionali e le agevolazioni per il rientro dei capitali e delle imprese. Curioso, mentre c’è chi, come GKN, fugge senza che il governo batta ciglio. Sarà distribuito in un decreto ed in un primo varo della manovra. Mentre il 18 ottobre la CGIL deciderà eventuali mobilitazioni.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta