Approfondimenti

Il via al piano vaccinale, l’addio a Raul Casadei e le altre notizie della giornata

vaccini covid

Il racconto della giornata di venerdì 12 marzo 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Varato il piano vaccinale del governo, dure accuse per gli avversari di Morales in Bolivia, la repressione in Birmania continua in una escalation di violenza, l’addio al re del liscio Raul Casadei. Oggi Radio Pop ha dedicato tutta la programmazione diurna a una “maratona” sui vaccini. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

500 mila vaccinazioni al giorno: il piano vaccinale del governo è ambizioso

Il governo Draghi ha il suo piano vaccini nazionale. I dettagli sono stati diffusi oggi dal commissario all’emergenza, il generale Figliuolo. Un piano che si basa su due pilastri: la distribuzione puntuale ed efficace delle dosi e l’incremento delle somministrazioni giornaliere. L’obiettivo è vaccinare l’80 per cento della popolazione entro settembre, triplicando le somministrazioni a 500mila al giorno. 

Per far ciò il governo incrementerà la platea dei vaccinatori. In campo secondo il piano ci saranno 120mila medici e odontoiatri. La governance poi, si legge, sarà accentrata ma l’esecuzione decentrata, quindi sempre in mano alle regioni.

Questi dunque i punti principali del piano nazionale.

Per un primo commento Vittorio Agnoletto, medico e nostro collaboratore.

 

Vax anch’io. No, tu no

Radio Popolare ha dedicato la giornata di oggi interamente al tema vaccini anti covid. 11 ore di diretta con decine di ospiti e microfoni aperti all’intervento degli ascoltatori. Qualche estratto significativo:

Proiettili veri e ostacolo alle cure dei feriti: la repressione in Birmania si fa sanguinosa

Almeno quattro persone sono state uccise oggi in Birmania durante gli scontri tra militari e manifestanti anti golpisti. Le manifestazioni sono ricominciate poche ore fa, dopo i violenti scontri di questa notte. Le proteste di oggi segnano anche l’anniversario dell’eccidio dei manifestanti durante le repressioni del precedente governo militare nel 1988.

Secondo Associated Press la polizia starebbe utilizzando proiettili veri contro i civili e il personale sanitario, impedendo di curare i feriti. 

Secondo il Burma Human Rights Network, ad oggi, sarebbero almeno 77 le persone uccise dall’inizio del colpo di stato, ma alcune persone risultano ancora disperse. La polizia e i militari stanno colpendo in modo mirato anche i membri del partito Nld di Aung San Suu Kyi, e almeno due di questi sono morti in carcere dopo aver subito torture. 

Bolivia: in carcere per cospirazione l’avversaria di Evo Morales

L’arresto dell’ex presidente ad interim della Bolivia Jeanine Anez chiude un cerchio aperto un anno e  fa, quando Evo Morales fu costretto a dimettersi e a lasciare il paese. Anez, arrestata nella notte insieme altri ex ministri del suo governo, è accusata di terrorismo, sedizione e cospirazione, ma soprattutto di aver provocato il colpo di stato del 2019 contro l’ex presidente Morales, autoproclamandosi presidente. 

Ne abbiamo parlato con Alfredo Somoza:

Raul Casadei e il blues made in Italy

(di Claudio Agostoni)

Raul Casadei era una persona che sapeva stupire. Anche l’ultima volta che l’ho sentitoera riuscito ad annichilirmi. “Anni fa mi aveva detto “Al Ballamondo di Riccione abbiamo cantato Romagna mia con Gloria Gaynor. E’ una canzone  che ama così tanto che l’ha voluta incidere in un suo disco”. Rimasi stupefatto.  Era come scoprire che Prince ha in repertorio una cover di Malafemmina o che esista un bootleg dove Bruce Springsteen canta O mia bela Madonina. Ho ripassato a memoria l’intera discografia di Miss I will survive senza trovare traccia della celeberrima hit romagnola.  Fu lo stesso Casadei, dopo avermi ricordato di aver suonato anche con il grande Tito Puente, a farmi capire come ciò sia potuto accadere: “Romagna mia è la quarta canzone d’Italia gettonata nel mondo. Prima di lei c’è solo Volare, Sole mio e Quando Quando Quando. La conoscono anche dove non sono mai andato a suonare, come in Australia, dove mi dicono vada molto forte anche la Mazurca di periferia”.  In effetti non è più solo una icona della riviera più famosa d’Italia. Ruolo questo che ha lasciato alla piadina e ai bagnini piacenti. Ha ormai uno status internazionale, proprio come certi afrori felliniani che è impossibile non respirare quando si passa da queste parti. Romagna mia è stata scritta dallo zio di Raul nel 1954, pensando alla sua dimora a Gatteo Mare. “Originariamente si chiamava Casetta mia.  Mio zio l’aveva scritta nel 1954, pensando alla sua dimora a Gatteo Mare.  E’  tutta farina del suo sacco: melodia e parole. La compose  e la mise in un cassetto. Una volta gli capitò di trovarsi a Milano, presso gli studi della Voce del Padrone, per una incisione. Gli mancava un brano e si ricordò di quella composizione. Al  maestro Dino Olivieri   -quello di Tornerai  piacque e consigliò a mio zio di registrarla cambiandole però il nome che divenne così quello attuale”.  Lo zio di Raul si chiamava Secondo.  Lo stesso nome di Compay Segundo, uno dei grandi vecchi del Buena Vista Social Club. Due pietri miliari della musica popolare. Raul da parte sua, da solo e senza l’aiuto di nessun social network, è stato l’ineguagliabile megafono che ha portato certi suoni, pregni della cultura popolare dell’Italia del ‘900, nel mondo. La sua orchestra è stata una macchina musicale di stakanovisti, in grado di esibirsi tutti i giorni dell’anno. Uniche eccezioni  il 2 novembre, il primo giorno di Quaresima e la vigilia di Pasqua. A Raul piaceva ricordare di aver avuto anche un ruolo sociale.  “La nostra è stata una sorta di missione: negli anni 60 mentre i sindacati lottavano per dare agli operai le giuste ore di lavoro e la giusta retribuzione, noi eravamo i primi ad insegnare alla gente che esiste anche il tempo libero.  Chi ha faticato tutto il giorno in fabbrica ha diritto al divertimento e ad andare a ballare alla sera”. Non soddisfatto di aver evocato la mitica accoppiata  ‘del pane e delle rose’ si spingeva oltre. “Siamo stati i precursori anche della moderna aerobica. Con le nostre canzoni abbiamo fatto far ginnastica a migliaia di persone. E tutto a tempo di musica”. Raul amava asserire che “Il liscio è il nostro blues”. Difficile dargli torto. 

L’andamento dell’epidemia in Italia

L’andamento dell’epidemia in Italia. Ancora molto alti i contagi. Sono stati 26mila i casi accertati oggi. 317 i morti. Il tasso di positività scende di poco. Oggi è al 6,98 per cento, ieri era al 7,2 per cento. 270 in più gli ingressi in terapia intensiva, quasi 500 i ricoveri ordinari. Oltre 5800 nuovi positivi nella sola Lombardia. 

Oggi ultimo sabato prima della nuova stretta che partirà lunedì. Il Viminale ha assicurato che verranno intensificati i controlli. Ma in queste ore si registra un grande afflusso di persone in varie città italiane, con code ai supermecati, dal parrucchiere, nei ristoranti. Folla in particolare a Roma. La polizia ha dovutro chiudere l’area della Fontana di Trevi e di via del Corso.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 29/11/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 30/11/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 29/11/21 delle 19:48

    Metroregione di lun 29/11/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 30/11/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 29/11/21

    News Della Notte di lun 29/11/21

    News della notte - 30/11/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 29/11/21

    La pillola va giu di lun 29/11/21

    La Pillola va giù - 30/11/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lun 29/11/21

    Quel che resta del giorno di lun 29/11/21

    Quel che resta del giorno - 30/11/2021

  • PlayStop

    The Game di lun 29/11/21

    //Fisco, le nuove aliquote Irpef. Per i redditi più bassi nessun beneficio, ma l’ex ministro Vincenzo Visco sostiene che è…

    The Game - 30/11/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 29/11/21

    Dove si parla di luoghi dove si è rimasti bloccati e di quello che si è fatto mentre si attendeva…

    Muoviti muoviti - 30/11/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lun 29/11/21

    Di tutto un boh di lun 29/11/21

    Di tutto un boh - 30/11/2021

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lun 29/11/21

    Poveri ma belli di lun 29/11/21

    Poveri ma belli - 30/11/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 28/11/21

    Reggae Radio Station di dom 28/11/21

    Reggae Radio Station - 30/11/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 29/11/21 delle 12:50

    Seconda pagina di lun 29/11/21 delle 12:50

    Seconda pagina - 30/11/2021

  • PlayStop

    Elena Liotta, Il cibo che ci salverà

    ELENA LIOTTA - IL CIBO CHE CI SALVERÀ – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 29/11/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 29/11/21

    Tutto scorre di lun 29/11/21

    Tutto scorre - 30/11/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 29/11/21

    Ringraziamenti e omaggi agli ascoltatori ed ascoltatrici neo abbonati, con il direttore Sandro Gilioli e Gianmarco Bachi. Vaccini ai bambini?…

    Prisma - 30/11/2021

  • PlayStop

    Guarda che lune di lun 29/11/21

    Monti e la somministrazione limitata di democrazia, Il mondo Tra Black Friday e Natale, la necessità della parola "intersezionale", campagne…

    Guarda che Lune - 30/11/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 29/11/21 delle 07:50

    Seconda pagina di lun 29/11/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 30/11/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 29/11/21 delle 07:50

    Seconda pagina di lun 29/11/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 30/11/2021

Adesso in diretta