Approfondimenti

La telefonata tra Putin, Scholz e Macron, la condizione dei civili nelle città assediate e le altre notizie della giornata

Metropolitana Kiev

Il racconto della giornata di sabato 12 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron, in una telefonata, hanno incalzato il leader russo Vladimir Putin, chiedendo una tregua immediata in Ucraina. Il presidente ucraino ha confermato che nonostante la guerra non si fermi e nonostante l’enorme sfiducia tra le parti i contatti tra Mosca e Kiev non si siano mai interrotti. Sul campo nelle ultime 24 ore la Russia ha fatto dei piccoli passi in avanti. La testimonianza di Olexander, operatore di Medici Senza Frontiere (MSF) bloccato nella città di Mariupol. L’Arabia Saudita ha messo a morte 81 persone in una sola giornata. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La telefonata tra Putin, Scholz e Macron non ha portato risultati

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron, in una telefonata, hanno incalzato il leader russo Vladimir Putin, chiedendo una tregua immediata in Ucraina. Lo dice il portavoce del cancelliere, Steffen Hebestreit. “Il colloquio è parte degli sforzi internazionali in corso per porre fine alla guerra in Ucraina”. In 75 minuti, i due leader hanno anche chiesto “l’inizio di una soluzione diplomatica del conflitto”.
La telefonata non sembra avere sbloccato la situazione al punto che fonti russe fanno sapere che Putin ha accusato a sua volta l’ucraina di violazioni umanitarie.
Sul campo continua l’assedio alle città. In particolare è drammatica la situazione a Mariupol e si combatte a Kiev.
Il sindaco di Volnovaka, 21mila abitanti, dice: la mia città non esiste piu, è stata rasa al suolo

Nonostante la tensione, la diplomazia non si ferma

(di Emanuele Valenti)
“Prima di un vero negoziato ci deve essere un cessate il fuoco”.
Lo ha detto Zelensky durante un lungo incontro con i giornalisti a Kiev.
Il presidente ucraino ha confermato che nonostante la guerra non si fermi e nonostante l’enorme sfiducia tra le parti i contatti tra Mosca e Kiev non si siano mai interrotti. Questa, come già nei giorni scorsi, è l’unica buona notizia sul fronte diplomatico, perché come abbiamo sentito è ormai chiaro che Putin non si fermerà fino al raggiungimento dei suoi obiettivi, a meno che non venga sconfitto militarmente.

Alla ricerca di un possibile canale negoziale Zelensky ha dato credibilità all’ipotesi di una mediazione da parte del primo ministro israeliano Naftali Bennett.
I due si sono parlati quattro volte negli ultimi giorni. E Bennett una settimana fa è stato ricevuto anche al Cremlino.
Zelensky non ha nemmeno escluso un incontro con Putin a Gerusalemme.
Il punto come dicevamo e che in questo momento non sembrano esserci le condizioni per un dialogo politico.
E ritornando sugli sviluppi militari il presidente ucraino ha ribadito che se i russi decidessero di attaccare Kiev la potrebbero prendere in un solo modo: radendola al suolo.

Continua l’avanzata russa in Ucraina

(di Emanuele Valenti)

Sul campo nelle ultime 24 ore la Russia ha fatto dei piccoli passi in avanti. Nella regione di Kiev – dove le direttrici della lentissima avanzata delle truppe di Mosca sono sempre il nord-ovest e il nord-est – e nel sud-est. Qui rimane drammatica la condizione di Mariupol. Gli stessi ucraini hanno ammesso che la Russia ha guadagnato posizioni nei quartieri est della città. E poi c’è la caduta di Volnovakha, a nord di Mariupol. Le autorità regionali ucraine, quella è la regione di Donetsk, hanno però aggiunto che la cittadina è praticamente distrutta. Il 90% degli edifici sono stati colpiti.
A Mikolaiv, tra la Crimea e Odessa, l’esercito ucraino avrebbe respinto l’ennesimo assalto alla città.
C’è la totale confusione sull’operatività dei famosi corridoi umanitari.
Questa mattina il governo ucraino aveva auspicato che questa potesse essere la giornata buona proprio per Mariupol. Ma non ci sono notizie certe sul convoglio che avrebbe dovuto raggiungere la città con una serie di aiuti.
A Sumy, nord-est, e nella regione di Kiev, sono riuscite a muoversi alcune migliaia di persone, intorno alla capitale circa 2mila, ma in entrambi i casi non si sono mai fermati i combattimenti. Intorno a Kiev un testimone citato dall’agenzia Reuters ha detto che hanno continuato a sparare sia russi sia ucraini. Ci sarebbero state almeno sette vittime civili.

La testimonianza di un operatore di Medici Senza Frontiere bloccato a Mariupol

La condizione dei civili nelle città assediate è drammatica. Vi proponiamo Olexander, operatore di Medici Senza Frontiere (MSF) bloccato nella città di Mariupol, sotto assedio e pesantemente bombardata

“Ancora oggi, 12 marzo, non c’è acqua potabile e nessun farmaco da più di una settimana. Da ormai 10 giorni la città è senza acqua potabile e medicine. Non c’è energia nemmeno per cucinare, le persone devono raccogliere la legna per accendere fuochi per cucinare. L’acqua è razionata, non si puo usare per lavarsi, le persone continuano a bere l’acqua che recuperano da terra, spostandosi anche per 2 o 3 chilometri per trovarla.
Un altro enorme problema è la mancanza di connessione, le persone non sanno cosa sta succedendo.
Solo pochissimi che hanno una radio capiscono qual è la situazione in città e in tutto il paese. Le persone hanno perso i contatti con i propri parenti e non sanno se sono ancora vivi. Abbiamo visto persone che sono morte per mancanza di farmaci, molte altre sono state uccise e ferite. I loro corpi giacciono a terra, mentre le persone scavano buche per seppellirli”.

Sono riprese le esecuzioni di massa in Arabia Saudita

(di Chira Ronzani)
Il paese del Golfo ha messo a morte 81 persone in una sola giornata. Secondo l’agenzia stampa ufficiale i condannati erano legati allo stato islamico, ad al qaeda, agli houti (i ribelli sciiti che l’Arabia Saudita sta combattendo militarmente nella guerra in Yemen) e ad altre organizzazioni terroristiche.
Questa mattina l’emirato ha inoltre confermato il divieto di espatrio per 10 anni all’attivista per i diritti umani Raif Badawi, che ieri era stato rilasciato dopo 10 anni in carcere.
Il paese sta mostrando nuovamente gli artigli della repressione.
Riccardo Noury è il portavoce di Amnesty International Italia



L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Aumentano ancora gli attualmente positivi al Covid in Italia, dopo che la curva si è invertita, nei giorni scorsi. Oggi ci sono circa 9mila persone in più di ieri con il virus. 53825 i contagi accertati nelle ultime 24 ore, 133 i morti.
Il tasso di positività è al 12.9%, 4 decimi di punto in più di ieri.
Ancora in calo i ricoverati: 14 in meno di ieri nelle terapie intensive, 40 in meno nei reparti covid.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 01/03/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 01-03-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 01/03/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 01-03-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

Adesso in diretta