Approfondimenti

La telefonata tra Putin, Scholz e Macron, la condizione dei civili nelle città assediate e le altre notizie della giornata

Metropolitana Kiev

Il racconto della giornata di sabato 12 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron, in una telefonata, hanno incalzato il leader russo Vladimir Putin, chiedendo una tregua immediata in Ucraina. Il presidente ucraino ha confermato che nonostante la guerra non si fermi e nonostante l’enorme sfiducia tra le parti i contatti tra Mosca e Kiev non si siano mai interrotti. Sul campo nelle ultime 24 ore la Russia ha fatto dei piccoli passi in avanti. La testimonianza di Olexander, operatore di Medici Senza Frontiere (MSF) bloccato nella città di Mariupol. L’Arabia Saudita ha messo a morte 81 persone in una sola giornata. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La telefonata tra Putin, Scholz e Macron non ha portato risultati

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron, in una telefonata, hanno incalzato il leader russo Vladimir Putin, chiedendo una tregua immediata in Ucraina. Lo dice il portavoce del cancelliere, Steffen Hebestreit. “Il colloquio è parte degli sforzi internazionali in corso per porre fine alla guerra in Ucraina”. In 75 minuti, i due leader hanno anche chiesto “l’inizio di una soluzione diplomatica del conflitto”.
La telefonata non sembra avere sbloccato la situazione al punto che fonti russe fanno sapere che Putin ha accusato a sua volta l’ucraina di violazioni umanitarie.
Sul campo continua l’assedio alle città. In particolare è drammatica la situazione a Mariupol e si combatte a Kiev.
Il sindaco di Volnovaka, 21mila abitanti, dice: la mia città non esiste piu, è stata rasa al suolo

Nonostante la tensione, la diplomazia non si ferma

(di Emanuele Valenti)
“Prima di un vero negoziato ci deve essere un cessate il fuoco”.
Lo ha detto Zelensky durante un lungo incontro con i giornalisti a Kiev.
Il presidente ucraino ha confermato che nonostante la guerra non si fermi e nonostante l’enorme sfiducia tra le parti i contatti tra Mosca e Kiev non si siano mai interrotti. Questa, come già nei giorni scorsi, è l’unica buona notizia sul fronte diplomatico, perché come abbiamo sentito è ormai chiaro che Putin non si fermerà fino al raggiungimento dei suoi obiettivi, a meno che non venga sconfitto militarmente.

Alla ricerca di un possibile canale negoziale Zelensky ha dato credibilità all’ipotesi di una mediazione da parte del primo ministro israeliano Naftali Bennett.
I due si sono parlati quattro volte negli ultimi giorni. E Bennett una settimana fa è stato ricevuto anche al Cremlino.
Zelensky non ha nemmeno escluso un incontro con Putin a Gerusalemme.
Il punto come dicevamo e che in questo momento non sembrano esserci le condizioni per un dialogo politico.
E ritornando sugli sviluppi militari il presidente ucraino ha ribadito che se i russi decidessero di attaccare Kiev la potrebbero prendere in un solo modo: radendola al suolo.

Continua l’avanzata russa in Ucraina

(di Emanuele Valenti)

Sul campo nelle ultime 24 ore la Russia ha fatto dei piccoli passi in avanti. Nella regione di Kiev – dove le direttrici della lentissima avanzata delle truppe di Mosca sono sempre il nord-ovest e il nord-est – e nel sud-est. Qui rimane drammatica la condizione di Mariupol. Gli stessi ucraini hanno ammesso che la Russia ha guadagnato posizioni nei quartieri est della città. E poi c’è la caduta di Volnovakha, a nord di Mariupol. Le autorità regionali ucraine, quella è la regione di Donetsk, hanno però aggiunto che la cittadina è praticamente distrutta. Il 90% degli edifici sono stati colpiti.
A Mikolaiv, tra la Crimea e Odessa, l’esercito ucraino avrebbe respinto l’ennesimo assalto alla città.
C’è la totale confusione sull’operatività dei famosi corridoi umanitari.
Questa mattina il governo ucraino aveva auspicato che questa potesse essere la giornata buona proprio per Mariupol. Ma non ci sono notizie certe sul convoglio che avrebbe dovuto raggiungere la città con una serie di aiuti.
A Sumy, nord-est, e nella regione di Kiev, sono riuscite a muoversi alcune migliaia di persone, intorno alla capitale circa 2mila, ma in entrambi i casi non si sono mai fermati i combattimenti. Intorno a Kiev un testimone citato dall’agenzia Reuters ha detto che hanno continuato a sparare sia russi sia ucraini. Ci sarebbero state almeno sette vittime civili.

La testimonianza di un operatore di Medici Senza Frontiere bloccato a Mariupol

La condizione dei civili nelle città assediate è drammatica. Vi proponiamo Olexander, operatore di Medici Senza Frontiere (MSF) bloccato nella città di Mariupol, sotto assedio e pesantemente bombardata

“Ancora oggi, 12 marzo, non c’è acqua potabile e nessun farmaco da più di una settimana. Da ormai 10 giorni la città è senza acqua potabile e medicine. Non c’è energia nemmeno per cucinare, le persone devono raccogliere la legna per accendere fuochi per cucinare. L’acqua è razionata, non si puo usare per lavarsi, le persone continuano a bere l’acqua che recuperano da terra, spostandosi anche per 2 o 3 chilometri per trovarla.
Un altro enorme problema è la mancanza di connessione, le persone non sanno cosa sta succedendo.
Solo pochissimi che hanno una radio capiscono qual è la situazione in città e in tutto il paese. Le persone hanno perso i contatti con i propri parenti e non sanno se sono ancora vivi. Abbiamo visto persone che sono morte per mancanza di farmaci, molte altre sono state uccise e ferite. I loro corpi giacciono a terra, mentre le persone scavano buche per seppellirli”.

Sono riprese le esecuzioni di massa in Arabia Saudita

(di Chira Ronzani)
Il paese del Golfo ha messo a morte 81 persone in una sola giornata. Secondo l’agenzia stampa ufficiale i condannati erano legati allo stato islamico, ad al qaeda, agli houti (i ribelli sciiti che l’Arabia Saudita sta combattendo militarmente nella guerra in Yemen) e ad altre organizzazioni terroristiche.
Questa mattina l’emirato ha inoltre confermato il divieto di espatrio per 10 anni all’attivista per i diritti umani Raif Badawi, che ieri era stato rilasciato dopo 10 anni in carcere.
Il paese sta mostrando nuovamente gli artigli della repressione.
Riccardo Noury è il portavoce di Amnesty International Italia



L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Aumentano ancora gli attualmente positivi al Covid in Italia, dopo che la curva si è invertita, nei giorni scorsi. Oggi ci sono circa 9mila persone in più di ieri con il virus. 53825 i contagi accertati nelle ultime 24 ore, 133 i morti.
Il tasso di positività è al 12.9%, 4 decimi di punto in più di ieri.
Ancora in calo i ricoverati: 14 in meno di ieri nelle terapie intensive, 40 in meno nei reparti covid.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 22/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 22/05/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 22/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 22/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 22/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 22/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 22/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 22/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 22/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 22/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 22/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 22/05/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 22/05/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 22/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 22/05/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 22/05/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 22/05/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 22/05/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 22/05/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 22/05/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 22/05/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 22/05/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 22/05/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 22/05/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 22/05/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 22/05/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 22/05/2022

    30 anni fa, 30 anni dopo, la strage di Capaci. Cosa sappiamo realmente del perché c'è stata? Cosa sappiamo di…

    Va Pensiero - 22/05/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 22/05/2022

    Scaletta: 1. Pyotr Ilyich Tchaikovsky - Souvenir de Florence, Op. 70: II. Adagio cantabile e con moto (Jascha Heifetz, Gregor…

    Apertura musicale classica - 22/05/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 21/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 22/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 21/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 22/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 21/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 21/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 22/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 21/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 22/05/2022

Adesso in diretta