Approfondimenti

Il Daesh minaccia Di Maio e l’Italia, il complottismo alla vigilia di Italia-Inghilterra e le altre notizie della giornata

Luigi Di Maio

Il racconto della giornata di sabato 10 luglio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’ISIS torna a minacciare l’Italia e Roma dopo il vertice della coalizione internazionale contro il Daesh tenuto a Roma negli ultimi giorni di giugno. Biden chiama Putin e chiede di intervenire per bloccare gli attacchi informatici diretti agli Stati Uniti. Alla vigilia della finale del Campionato Europeo di Calcio il complottismo regna sovrano. L’Italia presenta quasi tutte le sue cartucce migliori a Cannes 74, mentre Paul Veroheven torna a far scandalo. Infine l’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo.

I jihadisti dell’ISIS tornano a minacciare Roma e l’Italia

Solidarietà da parte di Draghi e della politica al ministro Di Maio, per le intimidazioni ricevute da Daesh. Nel settimanale dell’Isis, Al Naba, i jihadisti tornano a minacciare l’Italia e Roma. L’argomento dell’articolo è il vertice della coalizione internazionale contro il Daesh tenuto a Roma negli ultimi giorni di giugno. Il testo passa in rassegna le dichiarazioni dei partecipanti, definiti “i crociati”, in particolare quelle del ministro Di Maio. Ma dopo la sconfitta militare del Califfato, esiste ancora Daesh e in che modo? Lo abbiamo chiesto al giornalista, esperto di Medio Oriente, Alberto Negri


 

La guerra fredda in salsa cyber tra Stati Uniti e Russia

(di Marco Schiaffino)

La Russia deve intervenire per bloccare gli attacchi informatici diretti agli Stati Uniti.
In caso contrario, Washington si riserva il diritto di agire per difendere i suoi interessi. È questo, in sintesi, il messaggio che Joe Biden ha inviato a Vladimir Putin nel corso di una conversazione telefonica intercorsa nella giornata di ieri.
Un’ora di telefonata che arriva a sole tre settimane di distanza dal vertice di Ginevra, in cui il presidente USA aveva già affrontato la questione con il suo omologo russo.
Di mezzo, però, c’è stato un nuovo clamoroso attacco, che ha colpito circa 1.500 aziende occidentali e che, secondo gli esperti di security, sarebbe stato portato da REvil, un gruppo di pirati informatici che operano dal territorio russo.
E se gli Stati Uniti confermano di non considerare gli attacchi come un’azione diretta da parte del Cremlino, ribadiscono la loro richiesta nei confronti di Mosca affinché intervenga per arginare l’attività dei cybercriminali sul suo territorio.
La laconica risposta di Mosca arriva sotto forma di un comunicato stampa in cui Putin conferma di aver discusso “la necessità di una sostanziale e costruttiva cooperazione sul tema”, aggiungendo però che negli ultimi mesi non sarebbe arrivata nessuna richiesta formale di azione da parte degli Stati Uniti.
L’impressione, insomma, è che la guerra fredda in salsa cyber sia ben lontana da una conclusione.

Il complottismo alla vigilia di Italia-Inghilterra

(di Luca Gattuso)

A poco più di 24 ore dalla finale del Campionato Europeo di Calcio fra Italia e Inghilterra che si giocherà domani sera alle 21.00 nello stadio di Wembley il complottismo su entrambi i lati regna sovrano. E usiamo il termine sovrano non a caso.
Da parte inglese si vive una sorta di sindrome da accerchiamento con la presidente della Commissione europea Von der Leyen che ieri ha dichiarato che tiferà senza alcun dubbio Italia e il quotidiano indipendentista scozzese “The National” che questa mattina ha dedicato tutta la prima pagina alla foto di un Mancini versione Braveheart con tanto di viso dipinto di blu e il titolo a caratteri cubitali: “Roberto salvaci tu, sei la nostra speranza finale”.
Sul fronte opposto si ricordano i presunti favori arbitrali ricevuti dall’Inghilterra in semifinale contro la Danimarca con un rigore per lo meno generoso fischiato a Sterling. Poi si paventa un debito di riconoscenza del presidente UEFA Ceferin nei confronti del premier britannico Boris Johnson che prese apertamente posizione contro la Super League che qualche mese fa era stata ipotizzata dai principali club calcistici europei. Debito che verrebbe saldato con un percorso agevolato verso la vittoria dei campionati europei di calcio.
A questo punto l’unica cosa certa, come diceva Fantozzi, è che per domani sera il programma prevede tavolinetto di fronte al televisore, frittatona di cipolle, familiare di Peroni gelata, tifo indiavolato e la trasmissione “Tutta colpa di Valcareggi” su Radio Popolare. Puntuali alle 20.30. Fischio d’inizio alle 21.00.

Il Libano verso il blackout generale

Il Libano va verso un blackout generale. Le turbine delle due principali centrali elettriche sono state spente per mancanza di combustibile e il Paese è al collasso economico.

La mancanza di sicurezza nelle fabbriche in Bangladesh

Arrestato il proprietario della fabbrica alimentare incendiata nei giorni scorsi in Bangladesh e in cui hanno perso la vita 52 persone. È accusato di omicidio ed è stata avviata anche un’altra inchiesta per lavoro minorile. Nella struttura, dove hanno perso la vita 52 persone, lavoravano anche bambini di 11 anni. Secondo la polizia, l’ingresso della fabbrica era stato chiuso con un lucchetto al momento dell’incendio e le norme antincendio e di sicurezza erano sistematicamente violate. Inoltre erano stoccati anche prodotti chimici e plastiche altamente infiammabili e nocivi.
Tra incendi e crolli, questo non è il primo episodio in cui muoiono decine o centinaia di persone in uno stabilimento in Bangladesh. Abbiamo fatto il punto sulla situazione della sicurezza nelle fabbriche in Bangladesh con Deborah Lucchetti, coordinatrice nazionale della campagna Abiti Puliti:


 

L’Italia si gioca tutte le migliori cartucce a Cannes 74

(di Barbara Sorrentini)

C’è sempre a ogni festival il film trash o che fa scandalo. A Cannes 74 tocca ancora una volta a Paul Veroheven, che a qualche anno di distanza dal provocatorio Elle, torna sulla Croisette con Benedetta. Tratto dal saggio di Judith Brown “Atti impuri – Vita di una monaca lesbica” è dedicato alla presunta storia vera di Benedetta Carlini, suora in Italia del XVII secolo divisa tra l’amore carnale per Gesù che le compare in sogno un giorno sì e l’altro pure e quello per una novizia innamorata di lei. Il regista che si è fatto conoscere con bizzarrie di stampo erotico in Basic Instinct, in Benedetta tra sacro e profano perde la testa, con violenze e torture simili a quelle inflitte in alcune carceri italiane. Tra oggi e domani, l’Italia presenta quasi tutte le sue cartucce migliori dal concorso alle sezioni parallele, per chiudere domenica sera con Tre piani di Nanni Moretti durante la finale degli Europei.
  

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

1.400 i positivi al coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, e il tasso di positività resta stabile intorno allo 0,7%. 12 le vittime. Ancora in calo i ricoverati.
Novità positive sul fronte vaccini. La presidente della Commissione Europea, Ursula Von Der Leyen ha fatto sapere che in questo fine settimana sono state consegnate abbastanza dosi dei vaccini agli Stati membri da essere in grado di vaccinare completamente almeno il 70% degli adulti entro luglio. E ha aggiunto che “entro domani saranno distribuite circa 500 milioni di dosi di vaccino in tutte le regioni dell’Unione Europea”.

Intanto aumentano le segnalazioni in Europa dei casi da variante Delta, in particolare fra tifosi e in vacanza. 120 gli italiani in quarantena a Malta che finora si sono messi in contatto con l’ambasciata, di cui una cinquantina sono risultati positivi al test. Diversi i minorenni. E anche l’attrice francese Lea Seydoux risultata positiva al COVID-19 ed è stata costretta ad annullare il suo arrivo al Festival di Cannes. Intanto cresce la preoccupazione al Festival per possibili focolai.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 30/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 01/12/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 30/11/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 01/12/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mono di giovedì 01/12/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 12/01/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 30/11/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 01/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 30/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01/12/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 30/11/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 01/12/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 30/11/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 01/12/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 30/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 01/12/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 30/11/2022

    1-La guerra in Ucraina al centro dell’incontro Biden - Macron. Nonostante l’irritazione della casa bianca, Il presidente francese insiste sul…

    Esteri - 01/12/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 30/11/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 01/12/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 30/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/12/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City 11 - 30/11/2022

    Una collaborazione tra Kate Tempest e Fontains DC, restiamo nel Regno Unito con New Order e Dry Cleaning. Beck e…

    Sounds and the City - 01/12/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 30/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/12/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 30/11/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 01/12/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 30/11/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 01/12/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 30/11/2022

    Oggi a Cult: il Walk the (Red) Line Festival da San Siro a via Padova con l'Alleanza dei Corpi, a…

    Cult - 01/12/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 30/11/2022

    La favola della meritocrazia e il governo delle disuguaglianze. Che cosa rappresentano le idee del ministro Valditara sulla “umiliazione” formativa…

    Pubblica - 01/12/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 30/11/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 01/12/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di mercoledì 30/11/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 01/12/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 30/11/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 01/12/2022

Adesso in diretta