Approfondimenti

Le manifestazioni no Green Pass, l’allarme tamponi delle regioni, il blackout totale in Libano e le altre notizie della giornata

no green pass

Il racconto della giornata di sabato 9 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Decine di migliaia di persone in tutta Italia hanno manifestano contro il Green pass. A Roma, guidati dai neofascisti di Forza Nuova, alcuni gruppi hanno sfondato la sede della CGIL; davanti a Palazzo Chigi la polizia ha dovuto aprire gli idranti per fermare i manifestanti. A pochi giorni dal 15 ottobre le regioni lanciano l’allarme, sarà necessario estendere la validità dei tamponi o si rischierà il caos. Il Libano è al buio, le ultime scorte di elettricità sono finite e tutto il Paese sta affrontando un blackout. Dopo solo due giorni dalla sospensione la Corte d’Appello ha riportato in vigore la legge anti aborto in Texas. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Decine di migliaia di persone in piazza contro il Green Pass

A Roma almeno 10mila persone contrarie al green pass hanno paralizzato il centro della Capitale.
La manifestazione, convocata inizialmente a Piazza del Popolo, si è trasformata nel giro di poche ore in un corteo. Tra i dimostranti anche gruppi neo fascisti che hanno guidato alcune frange del corteo sotto la sede della Cgil. Qui hanno sfondato le porte entrando nell’edificio. Altre pezzi del corteo si sono diretti in altre zone di Roma, tra cui palazzo Chigi. Lungo tutto il percorso ci sono stati scontri con la polizia. Cariche, camionette prese d’assalto, lanci di petardi. Di fronte alla sede del governo la polizia ha aperto gli idranti. È una della manifestazioni no green pass più partecipate e agitate dall’inizio delle proteste. Tra i principali organizzatori c’erano anche diversi esponenti neofascisti. Il vicesegretario di Forza Nuova Giuliano Castellino ha arringato la folla al grido di “Stasera ci prendiamo Roma”.

Il racconto dalla Capaitale della nostra collaboratrice Cecilia Ferrara.

Le regioni lanciano l’allarme: “Non riusciremo a gestire un così alto numero di tamponi”

A pochi giorni dal 15 ottobre, quando il green pass al lavoro sarà obbligatorio, le Regioni lanciano l’allarme. Vanno allungati i tempi di validità dei tamponi o si rischia il caos, hanno detto oggi al governo. Secondo le Regioni, il rischio è che da venerdì il numero di test da eseguire ogni giorno sia troppo alto da sostenere per i laboratori del territorio. Il primo ad aprire la questione è stato il presidente del Veneto Zaia. A lui oggi si sono accodati altri governatori, la Lega e Forza Italia. La richiesta è quella di estendere la validità dei tamponi antigenici da 48 a 72 ore, in modo da alleggerire il carico del lavoro quotidiano.
Zaia oggi ha detto che in Veneto vengono eseguiti circa 60 mila test al giorno, mentre le persone senza green pass in età lavorativa potrebbero essere fino a 300 mila.
Quanto è concreto l’allarme delle Regioni?

Lo abbiamo chiesto a Giovanni Sebastiani, matematico del Consiglio nazionale delle ricerche.

La difficile situazione di Meloni e Salvini

(di Michele Migone)

Matteo Salvini cerca di uscire dall’angolo in cui si trova appoggiandosi a un muro, quello che 12 paesi europei hanno chiesto alla Ue di finanziare e costruire sui confini sudorientale del Vecchio Continente per fermare i migranti. L’immigrazione è stato il vero cavallo di battaglia del leader leghista. Sul No allo Straniero ha costruito la sua fortuna elettorale nel 2018. Ma, dopo la Pandemia, ora non è più la priorità per gli italiani, preoccupati più per la ripresa economica che per gli sbarchi sulle nostre coste. Lo si è capito bene con il calo di consensi della Lega. Salvini però sembra un disco rotto. E ogni volta che ne ha l’occasione rispolvera la carta che tanto gli ha portato fortuna, ma che non è più la determinante da giocare. Il modello Orban, il rapporto con Visigrad rimangono però altri elementi dell’anti europeismo di Salvini. Ma, anche in questo caso il leader leghista non sembra aver compreso l’evoluzione della percezione dell’opinione pubblica italiana rispetto a Bruxelles dopo lo stanziamento dei miliardi del Recovery Fund. Gridare contro l’Ue può piacere a segmenti ma non certo alla maggioranza dell’elettorato. Che anzi – vedi il Nord produttivo e il Sud alla ricerca di fondi – guarda al Pnrr come all’ultimo treno ed è stanco dei giochi di salvini. Parla solo al suo elettorato tradizionale sovranista anche Giorgia Meloni quando si schiera con la Polonia per la supremazia delle leggi nazionali contro i trattati europei. Per Roma (città citata non a caso) Varsavia è più lontana da Bruxelles. La leader di Fratelli d’Italia cerca di presentarsi come l’interlocutrice privilegiata dell’Europa di Visigrad, ma per buona parte degli elettori italiani quello è solo un punto sulla carta geografica, non certo un’opzione politica credibile. I sovranisti nostrani non hanno elaborato altre ricette. E si vede.

Il Libano è in blackout totale

(di Martina Stefanoni)
Il Libano è al buio, ma la cosa drammatica e che per i libanesi, questa non è una grande novità. A mezzogiorno, le due più grandi e importanti centrali elettriche del paese sono rimaste senza olio combustibile, e hanno smesso di fornire elettricità. Tutto il paese si trova ora immerso in un blackout totale. Ma sono mesi, racconta chi si trova lì, che la corrente statale è fornita solo per un massimo di 3 ore al giorno. Per il resto del tempo ci si arrangia con i generatori, che però, spesso non sono in grado di coprire tutta la giornata, lasciando quindi spesso il paese senza corrente. Ora, il fatto che le ultime scorte di elettricità statale siano finite significa che i generatori verranno sovraccaricati con una richiesta che non sono in grado di soddisfare, mettendo a rischio la sopravvivenza di servizi essenziali, come gli ospedali. Questa situazione, quindi, non arriva all’improvviso. La mancanza di carburate – e quindi di conseguenza di elettricità – è legata ad una più grande crisi economica che il libano sta affrontando da circa 2 anni. Una crisi che si è aggravata ed è precipitata a maggio, quando quando l’azienda turca di energia Karpowership ha chiuso la sua fornitura di elettricità al paese perché da 18 mesi non veniva pagata. Secondo fonti ufficiali, potrebbero volerci diversi giorni per uscire dal blackout di oggi, ma per uscire dal buio in cui il Libano è sprofondato, servirà molto di più.

La corte d’appello ripristina la legge anti aborto in Texas

La corte d’appello federale di New Orleans ha permesso al Texas di ripristinare la controversa legge che vieta la maggior parte degli aborti nello Stato. La legge, quindi, torna in vigore solamente tre giorni dopo la sospensione imposta da un giudice federale che aveva accolto il ricorso dell’amministrazione di Joe Biden. Ora, con ogni probabilità, il governo federale contesterà la decisione della corte d’appello alla Corte suprema degli Stati Uniti, che però già a settembre, non era intervenuta per bloccare l’entrata in vigore della legge.
Una situazione che crea una sorta di scontro legale tra i vari poteri giudiziari delgli Stati Uniti.
Ne abbiamo parlato con l’americanista Mario del Pero

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 19/08/2022

Adesso in diretta