Approfondimenti

L’esercito israeliano nel centro di Gaza City, le difficoltà dell’economia italiana e le altre notizie della giornata

Parlamento Europeo

Il racconto della giornata di mercoledì 8 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Migliaia di persone si sono spostate oggi dal nord al sud di Gaza. Dalla commissione europea oggi è arrivata una spinta per l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione.Il vicesegretario della Lega Andrea Crippa demolisce il Protocollo di intesa tra Roma e Tirana. Crollo dei mutui e dei consumi: dai dati economici chiari segnali delle difficoltà delle fasce più deboli della popolazione italiana.

Continua la fuga dei civili dal nord di Gaza

Migliaia di persone si sono spostate oggi dal nord al sud di Gaza.
Gli israeliani chiedono da tempo alla popolazione locale di lasciare il nord della Striscia, convinti che Hamas abbia concentrato proprio lì i suoi centri di comando.
La Mezzaluna palestinese ha ribadito lo stato drammatico in cui si trovano gli ospedali.
Questo pomeriggio sono circolate diverse voci di un possibile scambio: alcuni ostaggi per una tregua umanitaria. I negoziati sono ancora in corso.
Emanuele Valenti:

Il flusso di persone dal nord al sud di Gaza sta aumentando.
Oggi l’esercito israeliano ha tenuto aperta la strada principale della Striscia per cinque ore, dalle 10 alle 15 ora locale.
Ci sarebbe stata anche una tregua in alcuni quartieri di Gaza City.
Ieri – cifre ONU – si erano mosse 15mila persone, oggi forse di più. Per le immagini che abbiamo visto sono quasi tutte a piedi. Alcuni bambini con una bandiera bianca uno straccio bianco, per non essere colpiti.
La città, Gaza City, sta diventando il centro dell’operazione di terra israeliana.
I militari sarebbero a poche centinaia di metri dall’ospedale Al Quds. Sappiamo che secondo loro nelle strutture sanitarie ci sarebbero anche miliziani di Hamas.
Il portavoce dell’esercito ha fatto sapere che dall’inizio dell’operazione di terra sono stati colpiti, attenzione non distrutti, 130 tunnel del gruppo armato, di Hamas.

La Mezzaluna Palestinese ha detto che l’Ospedale Al Quds non è più raggiungibile e che ha interrotto molti servizi per la mancanza di carburante.
Secondo l’OMS dal 7 ottobre scorso sono state attaccate le strutture sanitarie 108 volte.
Immagini satellitari americane mostrano come le bombe abbiano colpito un terzo degli edifici di tutta Gaza. Nel nord della Striscia non ci sono più panifici aperti.

Veniamo al negoziato per una pausa umanitaria e per la liberazione degli ostaggi.
Hanno confermato la trattativa diverse fonti vicine ai colloqui sentite da alcuni media regionali – in Egitto, Qatar e Libano – e anche internazionali.
Ma al momento non ci sono novità.
Ricordiamo che in passato Hamas aveva ottenuto la liberazione di centinaia di detenuti palestinesi con un solo ostaggio. Nel negoziato può quindi puntare i piedi.

La sensazione e che ci stiamo avvicinando a una fase ancora più intensa di questo conflitto.


Nonostante le mille difficoltà c’è chi sta tentando di andare dal sud al nord di Gaza, il percorso contrario rispetto alle migliaia di palestinesi che stanno lasciando il nord.
Il racconto di un cittadino palestinese di Jabalia, sotto il confine israeliano, da alcuni giorni nel sud…

Nonostante la richiesta ai civili di spostarsi al sud, l’esercito israeliano ha colpito e bombardato più volte anche quella zona. Difficile individuare i luoghi più pericolosi. Sentiamo ancora il racconto del cittadino palestinese…

Sul fronte diplomatico – a parte i negoziati per una pausa umanitaria e per la liberazione di una parte degli ostaggi – ci sono da segnalare le parole di Antony Blinken sul futuro di Gaza, che hanno confermato la distanza tra amministrazione Biden e governo Netanyahu.
Il segretario di stato americano ha detto che Gaza e Cisgiordania dovranno essere unite e sotto l’Autorità Nazionale Palestinese.

Spinta per l’ingresso dell’Ucraina nell’UE

(di Alessandro Principe)
Dalla commissione europea oggi è arrivata una spinta per l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione. Ursula Von der Leyen ha ufficialmente raccomandato al Consiglio – cioè ai governi – di aprire i negoziati di adesione con Kiev.
La strada però è lunga e la posizione delle cancellerie non è altrettanto favorevole.
Ursula Von der Leyen, è andata sei volte a Kiev, dall’inizio dell’invasione russa del febbraio 2022. L’ultima, quattro giorni fa. E oggi, come previsto, la Commissione ha presentato il suo rapporto sull’allargamento e sui progressi dei Paesi candidati. Non solo l’Ucraina, quindi, ma anche Moldavia e Bosnia che sono in attesa da tempo. In lizza, un passo indietro, Georgia e Albania. Il rapporto dice che l’Ucraina ha completato il lavoro su quattro aree prioritarie indicate da Bruxelles ma sulle rimanenti tre resta ancora del lavoro da fare: lotta alla corruzione, norme anti oligarchi e protezione delle minoranze. A metà dicembre, i leader dei governi europei si riuniranno per un vertice a Bruxelles, dove decideranno se dare il via libera all’apertura di colloqui formali di adesione con il Paese. Questo il percorso , che è comunque lungo e che non dà una via preferenziale, almeno non formalmente. Ma poi c’è la politica dei governi. La posizione del francese Macron ha raccolto consensi nell’ultimo vertice di Granada. Era stato il primo a dire che l’Ucraina, per entrare nell’Ue, dovrà aspettare almeno 20 anni. Ora l’idea del presidente francese è di un secondo cerchio che non sostituisce i 27. Un club allargato basato sulla geografia e su una vaga comunanza di interessi (dialogo, cooperazione politica, no all’egemonia della Russia), con cui dare un contentino politico all’Ucraina, ma anche a diversi paesi che attendono da dieci e più anni di essere ammessi nell’Ue. Anche il cancelliere tedesco Scholz è favorevole a questa soluzione.

L’accordo con Tirana non passa in Parlamento

(di Anna Bredice)
Il vicesegretario della Lega Andrea Crippa demolisce il Protocollo di intesa tra Roma e Tirana e su un tema come l’immigrazione se il numero due piccona l’accordo c’è sicuramente l’autorizzazione di Salvini. “L’Italia deve fare l’Italia, dice Crippa e Salvini quando ha fatto il ministro ha fermato l’immigrazione clandestina, andando anche a processo e questo, aggiunge Crippa, ha indotto forse gli altri a essere più prudenti”. Parole molto chiare che intendono due concetti: l’immigrazione deve rimanere bandiera della Lega e del suo uomo forte Salvini e Meloni con questo accordo si mostra poco coraggiosa, anzi fugge dalle sue responsabilità. Con il passare dei giorni questo accordo che creerebbe una nuova Lampedusa sulle coste albanesi, con falle giuridiche enormi, visto che i richiedenti asilo in Italia verrebbero identificati in un paese che si trova fuori dall’Unione europea, diventa più bersaglio degli alleati di governo che delle opposizioni, le quali comunque chiedono con forza di poter votare l’accordo, al punto che ci si può chiedere se la determinazione a non portare il protocollo in Parlamento sia più dettata dal timore di una brutta figura per le critiche di Salvini e Tajani, aggiungendo pure il ministro dell’Interno Piantedosi, che con Cutro fece una bruttissima figura, ora con l’accordo con l’Albania è stato messo completamente da parte. Palazzo Chigi definisce fantasiose le ricostruzioni secondo cui né Salvini né Tajani erano al corrente del protocollo, ma l’animosità delle parole di Crippa, il silenzio di Tajani e Piantedosi e poi la reazione di Bruxelles che non ne sapeva nulla fino a poco prima, sembrerebbe confermare che Meloni si è voluta intestata questa operazione da sola, da portare a termine ad aprile, guarda caso a due mesi dalle europee.

Crollo dei mutui e dei consumi

(di Massimo Alberti)
Crollo dei mutui e dei consumi: dai dati economici chiari segnali delle difficoltà delle fasce più deboli della popolazione italiana, mentre volano i profitti della banche. E la manovra del governo non aiuta: non produce crescita, rileva il fondo monetario.
Anche il terzo trimestre conferma che i consumi sono fermi. Le vendite al dettaglio sono ferme in valore, ma meno 1,35 in volume: si spende uguale per comprare meno, rileva l’Istat. Considerati i salari al palo, è la riprova che l’inflazione che sta pesando sulle tasche delle famiglie è frutto di extraprofitti delle imprese. Tra cui ci sono anche le banche. Il rialzo del costo del denaro deciso dalla Bce si è tradotto in un crollo del 40%, da inizio anno, dei mutui per comprare casa, rivela l’osservatorio Nomisma. In compenso fa volare i profitti degli istituti di credito, con Intesa san Paolo ad esempio, che registra un utile netto record di oltre 6 miliardi di euro nei primi 9 mesi dell’anno, quasi doppio del 2022. Un utile che deriva dall’aumento dei margini sui servizi:meno remunerazione ai correntisti,più incassi dai prestiti. Mentre la tassa sugli extraprofitti, tanto sbandierata dal governo,è praticamente scomparsa dalla manovra.Che,sottolinea il fondo monetario internazionale nel suo report odierno, non produce crescita, come del resto era evidente dai dati del governo stesso. Nel complesso tutta Europa frena, rileva il fondo, unito al calo della manifattura tedesca e dopo che ieri l’Ocse aveva evidenziato le prospettive di forte calo dell’inflazione, sembrano un messaggio alla Bce: abbassate tassi troppo alti per i sistemi produttivi. La manovra italiana intanto prosegue il suo iter in commissione con le audizioni, settimana prossima arriveranno gli emendamenti. Mentre oggi i sindacati hanno annunciato le loro mobilitazioni, ma divisi: dal 17 gli scioperi territoriali di Cgil e Uil, il 25 la manifestazione della Cisl che dice: non scioperiamo perché le imprese non hanno responsabilità. Le stesse imprese che, mentre lucrano sull’inflazione, tengono bloccati i rinnovi dei contratti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 03/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 03-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 03-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 03/03/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettate come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 03/03/2024

    A cura di Gianpiero Kesten In co-conduzione: Zeina Ayache, Gaia Grassi, Astrid Serughetti, Clarice Trombella Ospite fisso: Andrea Bellati La famiglia allargata di Di tutto un boh colonizza la domenica di Radio Popolare! Tra domande scientifiche e curiosità esistenziali (a cui dare risposte, naturalmente) tutti i membri della squadra porteranno ogni settimana il proprio contributo, un po’ come i pasticcini o, ancora meglio, gli avanzi da spartire la domenica, tra buoni amici. La missione divulgativa e di infotainment di Di tutto un boh vivrà e lotterà insieme a noi. Ma la domenica, si sa, è anche il giorno delle somme da tirare, dei buoni propositi e della condivisione. Anche tra le famiglie atipiche e allargatissime, come quella della squadra di Di tutto boh e del pubblico di Radio Popolare. Bohmenica In va in onda ogni domenica dalle 19 alle 21.

    Bohmenica In! - 03-03-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/03/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 03/03/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 03-03-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 03/03/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 03-03-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 03/03/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 03-03-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/03/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Dietro al palco di domenica 03/03/2024

    Un viaggio musicale nella vita “ai piedi del palcoscenico” di artisti/artiste italiani. Una chiacchiera in tre, una sorta di “backstage” in musica degli ascolti consigliati e goduti e che fissa con pochi passaggi sonori sogni, passioni e storia di chi sará ospitato da Chiara Soldi e Andrea Cegna.

    Dietro al palco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 03/03/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 03-03-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 03/03/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 03-03-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/03/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 03-03-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/03/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 03-03-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 03/03/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 03-03-2024

Adesso in diretta