Approfondimenti

Netanyahu afferma che l’esercito israeliano ha circondato la casa del leader di Hamas, Kiev attende il voto del Congresso americano e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 6 dicembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Questa sera, in un messaggio video, Netanyahu ha affermato che i militari israeliani hanno circondato la casa del leader di Hamas, Sinwar. Sempre più drammatica, la situazione umanitaria. “Il Congresso deve approvare i nuovi fondi all’Ucraina entro Natale” ha ribadito oggi Joe Biden; il voto resta incerto perché l’ala repubblicana più vicina a Trump è contraria. In numeri assoluti, a vivere in condizione di povertà nei quaranta paesi più ricchi del mondo (dati del 2021), sono circa 69 milioni di minori; il nostro paese si piazza al 34esimo posto. Stellantis e il Governo promettono un milione di veicoli prodotti in Italia e 6 miliardi di investimenti pubblici per rilanciare l’automotive.

Netanyahu afferma che l’esercito israeliano ha circondato la casa del leader di Hamas

I bombardamenti e i combattimenti a Gaza probabilmente non sono mai stati  così intensi come in queste ore. L’esercito israeliano sta cercando di colpire i principali centri logistici di Hamas. Questa sera, in un messaggio video, Netanyahu ha detto che i militari israeliani hanno circondato la casa del leader di Hamas, Sinwar. Sempre più drammatica, la situazione umanitaria.

(Emanuele Valenti)
Le parole di Netanyahu questa sera ci ricordano l’obiettivo di Israele: eliminare completamente Hamas. La casa di Sinwar, che sarà sicuramente da un’altra parte, è a Khan Yunis nel sud di Gaza, uno dei luoghi dove i bombardamenti e l’operazione di terra da parte di Israele si sono intensificati in maniera esponenziale in queste ultime ore. Gli altri luoghi sono Gaza City e Jabalia nel nord, perché nonostante tutto i militari israeliani non hanno ancora il totale controllo del nord della Striscia. Controllerebbero tra il 60 e il 70% del territorio. L’obiettivo di questo momento è colpire i leader, uccidere i comandanti di Hamas. Israele ha ormai quasi il totale controllo della strada che va dal nord al sud di Gaza.
Gli ultimi dati sulle vittime, da parte delle autorità locali, sono di 74 morti nella zona centrale della Striscia nelle ultime 24 ore e di 16248 morti dall’inizio del conflitto. 600mila persone nel sud di Gaza avrebbero ricevuto un ordine di evacuazione – l’80% della popolazione totale di Gaza è fatta di profughi interni – ma le agenzie umanitarie hanno ricordato come in sostanza non ci siano posti sicuri. Chi può, chi ha deciso di muoversi, spesso non per la prima volta, sta andando a Rafah, a ridosso del confine con l’Egitto.

Una situazione umanitaria drammatica. Non ci sono nemmeno più parole per descriverla

(Emanuele Valenti)
A dare il senso del punto molto basso a cui siamo arrivati la decisione del segretario generale dell’ONU, Guterres, che per la prima volta ha fatto ricorso all’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite e ha chiesto al Consiglio di Sicurezza di valutare con urgenza la situazione a Gaza: ormai è completamente saltato l’ordine pubblico con rischi per la stabilità di tutta la regione. Prima di lui le agenzie ONU avevano già fatto sapere come fosse possibile consegnare i pochi aiuti umanitari disponibili solo a Rafah, quindi a ridosso del confine egiziano. E prima ancora il responsabile per i diritti umani delle Nazioni Unite, Volker Turk, aveva parlato di crimini atroci a Gaza.
Un’altra fotografia per dare il senso di quello che sta succedendo: le autorità sanitarie locali hanno detto che nell’ospedale di Kamal Adwan, vicino a Jabalia, nel nord, ci sono 100 cadaveri che non possono essere seppelliti perché non si può andare all’esterno dell’edificio.
Sull’entità della risposta israeliana all’attacco di Hamas del 7 ottobre abbiamo chiesto un parere a Gad Lerner:

Kiev attende il voto del Congresso americano

Sono ore di attesa a Kiev per capire se il Congresso americano confermerà gli aiuti economici e militari all’Ucraina. “Il Congresso deve approvare i nuovi fondi all’Ucraina entro Natale. È incredibile che siamo arrivati a questo punto” ha ribadito oggi Joe Biden dalla Casa Bianca. Il voto resta incerto perché l’ala repubblicana più vicina a Trump è contraria.
Sul fronte opposto oggi Vladmir Putin, nonostante le sanzioni occidentali e le limitazioni ai viaggi all’estero per il mandato di arresto della Corte Penale Internazionale, è andato prima negli Emirati Arabi Uniti e poi in Arabia Saudita, mentre domani a Mosca incontrerà il presidente Iraniano Raisi. Una prova di forza per dire all’occidente che Mosca non è isolata.
Ascoltiamo l’analisi di Gianluca Pastori docente di relazioni internazionale all’Università cattolica di Milano

 

In Italia più di un minore su quattro vive in povertà

(di Alessandro Braga)
In numeri assoluti, a vivere in condizione di povertà nei quaranta paesi più ricchi del mondo (dati del 2021), sono circa 69 milioni di minori. Un numero impressionante che, se viene declinato a livello italiano, è ancor peggiore. Il nostro paese si piazza al 34esimo posto, bassa classifica. Vuol dire che, numeri alla mano, più di un minore su quattro vive in condizione di povertà relativa legata al reddito. Se si guarda alle differenze tra le varie zone dell’Italia, nel Sud e nelle isole la percentuale arriva al 46,6%, quasi uno su due. Ancora, quasi il 5% di chi ha meno di 16 anni viveva nel 2021 in famiglie che non erano in grado di procurare cibo necessario per un normale regime alimentare. Se si spulciano i dati relativi ai minori di cittadinanza straniera, le percentuali praticamente raddoppiano, con picchi nel Meridione dell’89%. A preoccupare ancor di più, il fatto che il miglioramento delle condizioni tra il periodo 2012-2014 e quello del 2019-2021 è stato al di sotto dell’1%. Significa che non solo l’Italia ha compiuto ben pochi progressi verso l’eliminazione della povertà minorile, ma che la povertà in Italia è spesso di natura persistente. E, piccolo appunto politico, anche se il rapporto non cita esplicitamente il reddito di cittadinanza (cancellato dal governo Meloni), si sottolinea come “senza trasferimenti monetari la povertà minorile in Italia nel 2021 avrebbe raggiunto il 35,9%”.

Stellantis e il Governo promettono il rilancio, i sindacati chiedono garanzie

Un milione di veicoli prodotti in Italia e 6 miliardi di investimenti pubblici. Sono le promesse di Stellantis e del Governo Italiano per rilanciare l’automotive in Italia. Cifre e annunci arrivati al termine del tavolo di confronto convocato dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso.  I sindacati, Fiom, Fim e Uilm, presenti al tavolo con diverse sfumature giudicano positivo l’avvio del confronto ma chiedono garanzie: “vogliano  verificare gli investimenti di Stellantis dal momento che dal 2014 ad oggi abbiamo perso più 11.500 lavoratori”.
Samuele Lodi, responsabile automotive Fiom Nazionale:

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

Adesso in diretta