Approfondimenti

La salute precaria di Berlusconi, il caos tra i Cinque Stelle, le morti sul lavoro e le altre notizie della giornata

Silvio Berlusconi Forza Italia

Il racconto della giornata di martedì 4 maggio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Berlusconi versa in cattive condizioni di salute, ma il suo entourage non fornisce informazioni chiare; il Movimento Cinque Stelle vive una turbolenta transizione da Casaleggio a Conte; continuano le morti sul lavoro e la responsabilità delle aziende non deve essere coperto dall’alibi della crisi; il governo ha “dimenticato” di pubblicare alcuni passaggi strategici del Recovery Plan presentato a Bruxelles. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Ancora una volta torna la domanda: come sta Silvio Berlusconi?

(di Luigi Ambrosio)

Non c’è solo il ricovero al San Raffaele di Milano per quasi un mese, da cui è uscito solo dopo che sono stati portati nella villa di Arcore gli strumenti per le cure necessarie, dietro raccomandazione del medico personale, Alberto Zangrillo.
Spicca l’assenza di Berlusconi dalla vita politica. Tutte le partite importanti di queste settimane, dal recovery plan alla gestione delle misure anti covid, con le tensioni continue dentro alla maggioranza sono in mano ai suoi colonnelli, a cominciare da Antonio Tajani. Forza Italia a Roma si muove come se Berlusconi non ci fosse e, in effetti, Berlusconi non c’è.
“Gestisce dossier contingentati” affermano oggi a Radio Popolare fonti a lui molto vicine.

Un linguaggio diplomatico e protettivo nei suoi confronti. Toni decisamente più cauti rispetto alle parole di Luigi Bisignani, uomo addentro alle questioni del berlusconismo e del centrodestra che alcuni giorni fa ha sentenziato: “è come i nonni che alternano momenti di lucidità a momenti di smarrimento”. La sostanza politica, però, non pare differente.
Non è la prima volta che negli ultimi mesi dagli stessi ambienti politici si rincorrono voci di un peggioramento dello stato di salute del fondatore di Forza Italia e poi arrivano smentite più o meno ferme.

Il tema è quanto Berlusconi sia ancora in grado di fare politica. “Deve occuparsi di molte cose” è un’altra più che diplomatica risposta. A Roma si sta facendo senza di lui, con la parziale consolazione, negli ambienti del suo partito, che fino all’elezione del capo dello Stato grossi scossoni non ce ne dovrebbero essere. E al tempo stesso con un malcelata preoccupazione per il domani. A Milano il buco è un po’ più evidente, con il centrodestra ancora senza un candidato sindaco per sfidare Sala. Servirebbe la parola forte e definitiva di Berlusconi, come accadeva un tempo. E come oggi non sta accadendo.

Caos nei Cinque Stelle e Casaleggio torna alla carica

(di Anna Bredice)

Un ricorso di una ex parlamentare espulsa che contestava che Crimi fosse il rappresentante legale nella sua vicenda e a cui è stato dato ragione sta causando una specie di choc collettivo tra i grillini. In sostanza questa decisione si allarga alla guida stessa del Movimento: Crimi non sarebbe più il rappresentante legale dei Cinque stelle e come in una specie di drammatico gioco si torna al via, a oltre tre mesi fa, quando si decise che dopo Crimi sarebbe arrivato un direttorio ma subito dopo arrivò invece la crisi di governo e l’autoinvestitura di Conte. I cinque stelle in teoria dovrebbero ora eleggere il direttorio di cinque persone alla guida del Movimento, perché il ruolo di Crimi è come se fosse stato inesistente. Per ora c’è solo la sentenza di Cagliari, attesa soprattutto da Conte, il cui ruolo è in stallo da settimane, poi ci sono i commenti, le possibili conseguenze su cui ragionano le decine e decine di parlamentari sotto botta, che succede ora si chiedono? Casaleggio torna alla carica e chiede a questo punto di eleggere il famoso direttorio attraverso la lista di iscritti che tiene custodita nelle sue stanze e che non vuole cedere a Conte, o perlomeno, lo farà dietro un compenso economico. Ma nel frattempo i dati degli iscritti li ha lui e chiede che si voti. Conte non ha detto una parola da questa mattina, da settimane tiene in stand by lo statuto e le regole per la guida del Movimento, ma aspettava di capire come uscire da questioni legali molto controverse, che hanno come protagonisti due soggetti che ora si danno battaglia, Movimento e piattaforma Rousseau, con il garante Beppe Grillo che dopo il caso del video sullo stupro è una stella molto cadente e che nessuno si sente di difendere. Tutto questo crea un po’ di stupore imbarazzato nel Pd, si attendono le mosse di Conte per avere una controparte nel pieno dei suoi poteri, con cui confrontarsi per definire le alleanze per le amministrative. Ma tutto è bloccato e non si sa fino a quando.

Morti sul lavoro: la crisi non è una scusa

(di Massimo Alberti)

Anni di tagli ai fondi per sicurezza sul lavoro, imprese che non investono, e i risultati si vedono: 3 morti al giorno, l’ultimo oggi a Busto Arsizio. La crisi non è una scusa: i numeri pre e post pandemia sono simili. Mancano gli ispettori, i controlli non si fanno, le aziende non rinnovano i macchinari. Si resta al lavoro di più, e si arriva senza formazione. E nel recovery plan non si è trovato un euro da investire sulla sicurezza. Un disinteresse che uccide.

Oggi a Busto Arsizio un operaio è morto schiacciato da un tornio in un’azienda di materie plastiche. Christian Martinelli, 49 anni, lascia la moglie che, con grande dignità, si è presentata ai cancelli della fabbrica per chiedere gli effetti personali del marito. E dove ha raccontato ciò che lui le riferiva: erano troppo pochi, in fabbrica, per star dietro a quel carico di lavoro. 2 giorni fa era toccato alla 22enne Luana D’Orazio, in una fabbrica tessile di Prato. Le indagini hanno accertato che dal macchinario che l’ha stritolata erano stati rimossi i dispositivi di sicurezza. Nei primi 3 mesi di quest’anno sono 185 le denunce sul lavoro ricevute dall’Inail. 11 in più dell’anno scorso. 

Da alcuni anni, gli ispettori del lavoro periodicamente scioperano e protestano per i tagli alla loro categoria. Il jobs act nelle intenzioni ha unificato i diversi ispettorati, senza mai però finanziamenti adeguati. L’ultimo taglio è del governo Conte che nel 2019, per tagliare le tariffe Inail alle imprese, ha ridotto le risorse ai piani di investimento su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nell’unico paese d’Europa che un piano nazionale per la sicurezza sul lavoro non ce l’ha. E così l’Ispettorato nazionale ha 4.500 dipendenti invece di 6.500, l’ Asl 2mila, ma erano 5000 10 anni fa,  mentre all’Inail di ispettori ne sono rimasti 250. In Italia le imprese registrate sono oltre 6 milioni. Ogni anno un ispettore dovrebbe controllare 1000 imprese, 3 al giorno. Nella sola edilizia, l’80% delle sole 10000 aziende controllate l’anno scorso ha riscontrato irregolarità: Due dati che la dicono lunga sul disinteresse dello stato e delle imprese per la sicurezza.

Nel 2019 i morti denunciati sono stati 1156. Non tutti i lavori hanno assicurazione inail, e uniti alle non-denunce per paura o truffa, la cifra è ampiamente sottostimata. Nel 2020 sono comunque aumentate, 1270. Il covid ha in parte sostituito le altre cause, con un aumento pur col drastico calo di ore lavorate per i lockdown. E nel primo trimestre 2021 siamo ancora in crescita, per numeri talmente simili nel pre e dopo pandemia che la crisi non può essere una scusa per i mancati investimenti. Anche perché le imprese godono di sgravi e bonus per rinnovare i macchinari, ma preferiscono spendere in altro. E’ il caso ad esempio dell’agricoltura, che insieme all’edilizia fa alzare i dati. Proprio in edilizia si rileva l’età media molto alta dei morti, segno che si resta al lavoro troppo dopo gli aumenti di età pensionabile. E quando si arriva giovani, magari con contratti a precari e stipendi bassi, spesso è senza formazione, altro campo in cui le imprese hanno smesso di investire. Tante cause, dunque: dai controlli che non ci sono, alle imprese che non spendono, alle riforme di lavoro e previdenza che hanno cambiato il contesto. Ma un cambio di  passo non si vede, il disinteresse continua. Nel Recovery Plan, La parola sicurezza è scritta 93 volte, mai legata al lavoro. Per la sicurezza sul lavoro, negli oltre 200 miliardi del fondo, non si è trovato un euro. Vite che non valgono nulla. Non servono dichiarazioni o commissioni d’inchiesta. Serve che lo stato metta i soldi che deve, e costringa le imprese a fare altrettanto.

Gli omissis del governo sul Recovery Plan

Oggi il governo ha pubblicato il piano italiano sull’utilizzo dei fondi europei del Recovery Plan. Il testo però è incompleto: secondo indiscrezioni raccolte da Radio Popolare manca una parte che è stata inviata alla commissione di Bruxelles, ma non è stata condivisa né col parlamento né con la cittadinanza. Nelle pagine che finora non sono state rese pubbliche si parla dei cosiddetti targets e milestones, cioè obiettivi e tappe intermedie dei progetti legati ai finanziamenti. Indicazioni importanti per capire quali misure concrete si sta pensando di approvare nei prossimi mesi e anni. Giulio Marcon è portavoce della campagna Sbilanciamoci, che riunisce decine di organizzazioni della società civile italiana:

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 13/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/06/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 13/06/21

    Reggae Radio Station di dom 13/06/21

    Reggae Radio Station - 14/06/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 13/06/21

    Prospettive Musicali di dom 13/06/21

    Prospettive Musicali - 14/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 13/06/21

    News Della Notte di dom 13/06/21

    News della notte - 14/06/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 13/06/21

    Sacca del Diavolo di dom 13/06/21

    La sacca del diavolo - 14/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 13/06/21

    Sunday Blues di dom 13/06/21

    Sunday Blues - 14/06/2021

  • PlayStop

    Bollicine di dom 13/06/21

    Bollicine di dom 13/06/21

    Bollicine - 14/06/2021

  • PlayStop

    Domenica Aut di dom 13/06/21

    Domenica Aut di dom 13/06/21

    DomenicAut - 14/06/2021

  • PlayStop

    Italian Girl di dom 13/06/21

    Italian Girl di dom 13/06/21

    Italian Girl - 14/06/2021

  • PlayStop

    L'artista della settimana di dom 13/06/21

    L'artista della settimana di dom 13/06/21

    L’Artista della settimana - 14/06/2021

  • PlayStop

    Pop Cast di dom 13/06/21

    Pop Cast di dom 13/06/21

    PopCast - 14/06/2021

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di dom 13/06/21

    Labirinti Musicali di dom 13/06/21

    Labirinti Musicali - 14/06/2021

  • PlayStop

    Avenida Brasil di dom 13/06/21

    Avenida Brasil di dom 13/06/21

    Avenida Brasil - 14/06/2021

  • PlayStop

    Comizi D'Amore di dom 13/06/21

    Comizi D'Amore di dom 13/06/21

    Comizi d’amore - 14/06/2021

  • PlayStop

    C'e' di buono del dom 13/06/21

    C'e' di buono del dom 13/06/21

    C’è di buono - 14/06/2021

  • PlayStop

    Onde Road di dom 13/06/21

    Onde Road di dom 13/06/21

    Onde Road - 14/06/2021

  • PlayStop

    Dido di dom 13/06/21

    Dido di dom 13/06/21

    Dido – Conversazioni della domenica - 14/06/2021

  • PlayStop

    Chassis di dom 13/06/21

    Chassis di dom 13/06/21

    Chassis - 14/06/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 13/06/21

    Favole al microfono di dom 13/06/21

    Favole al microfono - 14/06/2021

  • PlayStop

    Siria. Il nostro paese non c'è più. Capitolo 2: La guerra

    All’inizio del conflitto si scontrano il regime e i ribelli. L’Esercito Libero Siriano, che raccoglie diversi gruppi armati, mette in…

    Siria. Il nostro Paese non c’è più - 13/06/2021

  • PlayStop

    Passatel di sab 12/06/21

    Passatel di sab 12/06/21

    Passatel - 06/12/2021

  • PlayStop

    Pop Up di sab 12/06/21

    Pop Up di sab 12/06/21

    Pop Up Live - 06/12/2021

Adesso in diretta