Approfondimenti

La menzogna di Daniela Santanché al Senato, i timori per la centrale di Zaporizhizhia e le altre notizie della giornata

Salvini Santanché ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 5 luglio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La ministra del turismo Daniela Santanché si è presentata in Senato per il tanto atteso chiarimento chiesto dall’opposizione, ma nel lungo discorso in stile berlusconiano è andata all’attacco della stampa e delle opposizioni. Pier Silvio Berlusconi ha negato la sua imminente discesa in politica, ma le sue frasi hanno rivelato altro. In Ucraina l’Agenzia Internazionale dell’energia atomica ha chiesto di avere accesso completo a tutti gli edifici della centrale nucleare di Zaporizhizhia per verificare quale sia davvero la condizione dell’impianto.

Il mancato chiarimento di Daniela Santanché al Senato

(di Alessandro Braga)

Un discorso tutto all’attacco, senza la minima intenzione di chiarire alcunché, ma solo il tentativo, abbastanza maldestro a dire il vero, di nascondere le proprie responsabilità. Responsabilità tra l’altro smascherate poco dopo il suo intervento in Aula, quando le agenzie hanno battuto la notizia della non più secretazione della sua iscrizione nel registro degli indagati della Procura di Milano. Insomma, nei confronti di Daniela Santanché e di altre persone è aperta un’indagine per bancarotta e falso in bilancio su Visibilia, il gruppo da lei fondato e nel quale è rimasta fino al 2022. Ma di tutto questo la ministra non ha parlato, anzi ha attaccato stampa e opposizioni che avrebbero portato avanti una campagna d’odio nei suoi confronti. Arrivando ad affermare, sul suo onore, di non essere iscritta nel registro degli indagati. Daniela Santanché ha fatto un discorso in perfetto stile berlusconiano, nei contenuti e nella forma. La decisione di presentarsi a Palazzo Madama, cosa non scontata (secondo lei) presa solo per difendere il suo onore e quello del figlio. L’insinuazione che alcuni media abbiano orchestrato una messa in scena solo per colpire lei e di conseguenza il governo di cui fa parte. Fino alla netta negazione di essere stata colpita da nessun avviso di garanzia. Insomma, fino alla menzogna in un’Aula parlamentare.

Le reazioni delle opposizioni alle parole della Ministra del Turismo

(di Anna Bredice)

Forse è stato necessario quel passaggio del senatore di Fratelli d’Italia che ha detto “oggi più che mai hai la nostra solidarietà”, perché in realtà dal clima in aula durante l’informativa di Daniela Santanchè al Senato tutto questa vicinanza non si è mai colta, salvo un tiepido applauso a metà. Per il resto c’è stato il silenzio di tutta la destra e le facce un po’ stupite di chi le stava accanto, Salvini e Casellati tra gli altri, che forse non sapevano come reagire di fronte alle notizie di oggi, cioè le indagini a suo carico riconfermate dai giornali che le avevano già pubblicate e la sua netta smentita. Una confusione che si è notata anche nell’intervento della ministra farcito da parole come “odio, schifo”, rivolte ai giornali. Per il governo quindi non resta che aspettare gli sviluppi dell’inchiesta, La Russa un po’ infastidito ha zittito i cori dei Cinque Stelle che gridavano dimissioni, del resto lui è il principale sponsor della ministra del turismo, prima grana di Giorgia Meloni. Le opposizioni ancora una volta anche su questo tema si sono differenziate sugli strumenti da utilizzare per procedere. I Cinque Stelle hanno già presentato una mozione di sfiducia, Conte ha incontrato alcuni dipendenti di Ki Group a cui non è stato pagato il Tfr e che hanno seguito dalla tribuna l’intervento di Santanchè. Il PD al momento non segue Conte, perché secondo il capogruppo Boccia la mozione ricompatterebbe la maggioranza, e in questo momento sarebbe un favore, ma chiaramente se arriverà in aula la voteranno. Il Partito Democratico chiede ad altri ministri, quella del Lavoro e delle Finanze, di spiegare tutti gli aspetti non chiari della vicenda, un modo per tenere aperta la vicenda, coinvolgendo anche altri del governo. E infine il Terzo Polo che si è diviso a sua volta, perché Calenda si è unito agli altri nel chiedere le dimissioni, Renzi invece non ha voluto unirsi e di dimissione non ne vuole parlare.

Qual è la situazione della centrale nucleare di Zaporizhizhia?

In Ucraina l’Agenzia Internazionale dell’energia atomica ha chiesto di avere accesso completo a tutti gli edifici della centrale nucleare di Zaporizhizhia per verificare quale sia davvero la condizione dell’impianto. L’intervento dell’agenzia è arrivato dopo che nelle ultime ore la tensione attorno alla centrale si è alzata molto: Mosca e Kiev continuano ad accusarsi reciprocamente di stare progettando un attacco imminente. In particolare, secondo gli ucraini la Russia avrebbe già posizionato alcuni esplosivi, ma per ora non c’è alcuna conferma. Ma quali sono i rischi, e quale è la situazione della centrale di Zaporizhizhia in questo momento? Lo abbiamo chiesto a Nicola Armaroli, chimico del Consiglio Nazionale delle Ricerche:

A Kiev, intanto, le autorità stanno indagando su un’esplosione avvenuta poco fa in un tribunale della città. Sembra che un uomo atteso per un’udienza abbia portato all’interno del palazzo un ordigno, e poi si sia fatto esplodere. Per ora è l’unica vittima registrata, ma ci sarebbero altri feriti.

Il possibile futuro di Pier Silvio Berlusconi in politica

(di Alessandro Principe)

“Non ho intenzione di scendere in politica”: parole chiare e definitive. Oppure no? Pier Silvio Berlusconi – proprio come un politico esperto – prima nega per poi precisare. E, alla fine, tenersi aperte le diverse possibilità. Vediamo allora quali frasi sono rivelatrici del suo possibile futuro. Dopo aver negato Pier Silvio ha aggiunto: “Qualcosa a livello emotivo si è mosso: ho pensato che il rapporto di mio padre con gli italiani e l’Italia è un lascito che deve vivere”. E poi: “Lui peraltro aveva 58 ani quando è sceso in campo. Io ne ho 54…”. Come dire: ora, no, ma il tempo c’è. E poi la parte – questa sì – direttamente politica, forse per la prima volta da parte dell’amministratore delegato e vicepresidente di Mediaset. Sempre legata alla sua ipotetica discesa in campo. “La cosa più importante di tutti – dice Pier Silvio – è che ad oggi non c’è un’emergenza (riferimento all’emergenza del 1994 quando suo padre disse di entrare in politica per il rischio comunista). Oggi l’emergenza non c’è, dunque. Perché? Perché per la prima volta dopo tanti anni – sono le parole di Berlusconi junior – c’è un governo votato dagli elettori, che sta facendo del suo meglio. Penso che Forza Italia debba e possa garantire stabilità al governo”. E su Meloni: “Con lei ho un buon rapporto, la conosco da molti anni, è una persona che stimo, giovane e decisa”. Giudizi scontati? Forse, ma non era scontato che venissero sbandierati sotto i riflettori, tra la presentazione dei palinsesti e l’apertura del testamento più mediatico della politica italiana. Farlo è già una mossa da politico. Colta al volo da Tajani: “Vuole entrare in politica? Ha tempo – ha detto il leader di Forza Italia – se vorrà ne saremo ben lieti”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 22/05 7:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 22/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 22-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di mercoledì 22/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 22-05-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di mercoledì 22/05/2024

    Ho amato tanto la Polaroid. Vedere stampare sotto i miei occhi la foto è sempre stata una sorpresa divertente ed emozionante. Ho amato anche la bellezza dello spazio bianco intorno all’immagine, che mi permetteva di scrivere la data e dare un titolo alla foto; spesso era ispirato da una canzone. Se ci pensate bene le canzoni, come le fotografie, sono la nostra memoria nel tempo, sono il clic che fa catturare ricordi meravigliosi. A PoPolaroid accompagno la musica con istantanee sonore; sono scatti personali, sociali e soprattutto sentimentali. Con PoPolaroid ascolta e vedrai. Basil Baz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 21-05-2024

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

Adesso in diretta