Approfondimenti

Il voto del Parlamento europeo sul piano munizioni, il caso Regeni, la guerra in Ucraina e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 31 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo vuole impedire alla Corte dei Conti di vigilare sulll’attuazione del Pnrr, sia autonomamente che su richiesta del Parlamento. Le opposizioni protestano. Dopo la vittoria alle amministrative, la destra accelera sugli altri progetti identitari come la maternità surrogata “reato universale”. La guerra in Ucraina. La segretaria del Pd dice che i soldi del Pnrr non possono essere usati per le munizioni in Ucraina, ma domani il Parlamento europeo voterà su questo. Da oggi una speranza in più: è questa la reazione della famiglia di Giulio Regeni dopo il via libera alla pronuncia della Corte Costituzionale.

La Corte dei Conti non dovrà disturbare il governo sul Pnrr

(di Luigi Ambrosio)

Quindi, secondo il governo, la Corte dei Conti non dovrà più disturbare i lavori. Oltre 190 miliardi di euro, il più grande finanziamento pubblico della storia italiana, in proporzione superiore perfino al piano Marshall del dopoguerra, completamente nelle disponibilità del Governo.
Senza controlli. Ma la cosa ancora più grave è che anche il Parlamento è esautorato. Il governo non sta riuscendo a spendere quei soldi. La strada che individua per risolvere il problema è impedire alle commissioni parlamentari e ai giudici contabili di chiedere i controlli sulla spesa.
Questa mattina in una intervista Romano Prodi ha usato parole durissime, come mai in passato. Denunciando l’occupazione di tutta la Rai, Prodi ha parlato di involuzione autoritaria. Non è solo e non è tanto una questione di poltrone. Il fatto è che Meloni, è stato detto, dopo le amministrative ha accelerato, corre come un treno sui temi che sono strategici per il governo. E nel farlo, zittisce le opposizioni. Sull’informazione pubblica, sugli organismi di controllo. Cardini della democrazia.
Nella sua accelerazione, il governo annuncia anche un accordo su una riforma della Costituzione che cambierà radicalmente la Carta introducendo la figura del premier eletto dal popolo. Una riforma così non si fa a maggioranza semplice. E invece, anche su una riforma così, questa è l’intenzione.
Volontà di imporsi sull’onda del consenso che ricordano altre esperienze. L’Ungheria di Orban è un modello per Meloni e Salvini. E’ il modello di quella che è stata definita la democrazia illiberale. Dove il governo non è governo, è padrone.

Domani il Parlamento europeo vota sui soldi del Pnrr per comprare munizioni

(di Anna Bredice)

Elly Schlein ci mette la faccia, come si suol dire, per annunciare due emendamenti contrari all’utilizzo dei soldi del Pnrr per comprare munizioni da mandare in Ucraina. Domani ci sarà il voto alla mini plenaria del Parlamento europeo, lei si è confrontata ieri in un incontro con gli eurodeputati, ma a quanto pare si è fermata ad un passo prima del voto definitivo, nel senso che avrebbe lasciato ai deputati del gruppo di scegliere se votare a favore o astenersi e, a quanto si è saputo, se i due emendamenti verranno bocciati, il gruppo voterà a favore del piano presentato da Bruxelles, che comprenderà anche la parte sulle munizioni. Questo per non spaccare il gruppo dei socialisti e democratici, ma a questo punto potrebbero esserci delle defezioni nella parte italiana, con alcuni europarlamentari che voteranno contro. È uno dei temi più caldi per il Pd di Elly Schlein, riuscire a rimanere nell’equilibrio di continuare a garantire il sostegno a Kiev, ma con un cenno di discontinuità, caldeggiando una trattativa di pace. Per questo su Instagram ha annunciato lei stessa i due emendamenti, ma fermandosi al confine con l’Europarlamento. Una diretta sui social, senza conferenza stampa, attesa non solo sul voto del piano per l’Ucraina, ma per un commento più ampio sulle elezioni. E il messaggio arrivato da Elly Schlein è che continua ad andare per la sua strada, senza cedere sull’agenda del programma e sulla linea politica alle aree più moderate del partito, che le chiedono di cambiare o di prendere insieme a loro le prossime decisioni. Il tono e le parole sono stati chiare, per dare un messaggio di sicurezza, “il cambiamento non è un pranzo di gala”, ha detto, riferendosi al fatto che i successi non possono arrivare nell’immediato, e poi “state comodi, ha aggiunto, stiamo qui per restare. Quindi va avanti, senza modifiche nella sua squadra e nei suoi obiettivi.

Il punto sulla guerra in Ucraina

(di Emanuele Valenti)

Gli attacchi in territorio russo stanno diventando sempre più frequenti.
È stata colpita nuovamente la regione di Belgorod, sopra Kharkiv, e sono state attaccate con droni due raffinerie nel sud del paese. A Belgorod sarebbero rimaste ferite quattro persone. Il governatore regionale ha detto che sono stati evacuati trecento bambini da un villaggio sulla frontiera ucraina, colpito più volte in questi giorni.
Le raffinerie, invece, non lontano dalla costa russa sul Mar Nero, sono a circa 70 chilometri dai principali terminali russi per l’esportazione di petrolio. In un sito è scoppiato un incendio, che sarebber stato spento dopo alcune ore.
Gli attacchi in territorio russo – che siano opera di sabotatori interni o delle forze ucraine, o ancora di una loro combinazione – mostrano da un lato le difficoltà di Mosca, ma dall’altro potrebbero in qualche modo fare il gioco di Putin, che per lungo tempo ha detto di essere stato costretto ad attaccare l’Ucraina perché minacciava la Russia. Bene, ora questo sta avvenendo sul serio. L’entità degli attacchi in Russia non ha comunque nulla a che vedere con quella degli attacchi sul territorio ucraino.
Rispondendo alla pressione degli oltranzisti il portavoce di Putin, Peskov, ha detto che non verrà introdotta la legge marziale. Questo elemento, gli attacchi in Russia, è importante per tutti. “Kyiv ha il diritto di attaccare, quando si tratta di auto-difesa”, ha commentato il portavoce del governo tedesco.

Processo Regeni, il Gup manda gli atti alla Corte Costituzionale

Da oggi una speranza in più. E’ questa la reazione della famiglia di Giulio Regeni dopo il via libera alla pronuncia della Corte Costituzionale. Il Tribunale di Roma infatti ha deciso di inviare alla Consulta la richiesta di poter procedere al processo contro gli agenti dei servizi egiziani accusati dell’omicidio del ricercatore italiano.

(di Alessandro Principe)

Ci sono quattro agenti dei servizi segreti egiziani sotto processo a Roma per la scomparsa e la morte di Giulio Regeni. Ma – nella forma giudiziaria – loro non lo sanno. In realtà lo sanno benissimo ma il governo egiziano – da cui dipendono – non ha mai voluto dare alla procura di Roma i loro recapiti affinché possano ricevere i documenti che li mettono sotto processo e consentono loro di nominare gli avvocati e così via. Senza questo passaggio, per la legge italiana in vigore – la legge Cartabia – il processo non può andare avanti. Ecco cosa sta provando a fare la procura di Roma: chiedere alla Consulta se una norma di garantismo non si trasformi, in casi come questo, in una immunità assoluta, un’impunità di Stato. Il Gup ha detto sì, che ci si può provare, la Consulta si dovrà esprimere. Ecco la speranza in più di cui hanno parlato i genitori di Giulio. Questo è il processo. Poi c’è la politica. Il convitato di pietra è il governo, anzi i governi che da quel 2016 si sono succeduti. Renzi, Gentiloni, Conte 1, Conte 2, Draghi. E adesso Meloni. Nessuno ha saputo farsi valere con l’autocrate egiziano Al Sisi. Nessuno ha preteso giustizia per un cittadino italiano brutalmente torturato e ucciso da funzionari di un paese straniero. Convenienze, affari, rapporti. Tutto è stato anteposto alla giustizia per Giulio. Fino all’ultimo schiaffo: Meloni e Tajani che rifiutano di deporre davanti al tribunale di Roma come testimoni sui colloqui avuti durante la visita in Egitto nei quali ci sarebbero state – aveva detto la premier – rassicurazioni. Colloqui segreti – è stata la spiegazione – non riferibili senza il consenso dello Stato estero.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta