Approfondimenti

Il lavoro sempre più precario, la “pandemia dei non vaccinati” in Germania, la decarbonizzazione alla Cop26 e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 3 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Whirlpool se ne frega delle trattative e manda le lettere di licenziamento ai lavoratori di Napoli. I sindacati attaccano: “Non rispettano né noi né la magistratura”. L’occupazione torna a crescere, ma il lavoro è precario con contratti da una settimana o meno. Lo dicono i dati dell’Istat. In Germania è allarme per “la pandemia dei non vaccinati”, come l’ha definita il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn. Secondo i dati dell’istituto Robert Koch, in un giorno ci sono stati 194 morti. In Italia rallentano le prime dosi e il governo valuta l’estensione dell’obbligo di vaccinazione ad altre categorie, oltre ai sanitari. Oggi a Glasgow è stato il giorno del raduno della finanza per clima, con annunci sulla decarbonizzazione: sarebbero pronti 130mila miliardi di dollari per l’obiettivo “emissioni zero” e per sostenere i paesi che devono operare la transizione. Ma come si debba fare, resta un mistero. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il sindacato attacca Whirlpool: “Tracotanza senza limiti”

La Whirlpool oggi ha iniziato a mandare le prime lettere di licenziamento ai lavoratori dello stabilimento di Napoli. L’ultimo incontro al ministero dello Sviluppo economico, ieri, non è servito a nulla. Dura la prima reazione dei sindacati: la tracotanza della Whirlpool è senza limiti, non rispettano né gli accordi né la magistratura.
Giovanni Fusco, delegato sindacale della Whirlpool di Napoli

 

Che cosa vuole (ancora) Confindustria

(di Massimo Alberti)

I nuovi dati Istat sul lavoro confermano una crescita dell’occupazione quasi esclusivamente precaria. Dopo i cali dell’occupazione di luglio e agosto, a settembre torna il segno positivo: +0,3% sul mese precedente, +1,2% annuo. Il tasso di disoccupazione scende al 9,2%. Ma si tratta appunto di contratti a termine, che non hanno ancora recuperato l’occupazione pre pandemia. Partiamo proprio da qui, dal paragone pre e post pandemia. Perchè la crescita del Pil non si sta traducendo in lavoro, e se lo fa è lavoro precario, con tutto ciò che comporta in termini di diritti e salario.
Vale la pena ricordare di cosa parliamo quando diciamo i contratti a tempo determinato: 1 su 10 dura 1 giorno, 1 su 5 dura meno di una settimana, la metà meno di 2 mesi, meno di 1 su 100 dura più di un anno. I lavoratori a tempo sono aumentati rispetto al febbraio 2020 di circa 100mila. Più o meno quanti se ne sono persi tra quelli a tempo indeterminato. Il boom dei contratti a tempo c’è stato in particolare dalla primavera, dopo lo smantellamento del decreto dignità che di fatto ha tolto i paletti sui contratti a tempo. E così si è arrivato ad agosto e settembre, quando mentre i lavoratori a tempo indeterminato sono diminuiti dello 0,1%, quelli a tempo sono aumentati del 3,3%. Sull’anno il paragone è ancora più impietoso: i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti dello 0,5%, quelli a termine del 13,2. In drastico calo il lavoro autonomo. E così torniamo al punto di partenza: nel complesso, rispetto ai livelli pre-pandemia, a febbraio 2020, il numero di occupati resta inferiore di oltre 300mila. Fatturato, ordinativi, produzione,fiducia delle imprese sono finiti nel segno più. Ma tutto questo non si è tramutato in lavoro.
Confindustria fa il suo lavoro e il presidente Bonomi, non saturo dei 10 miliardi alle imprese contenuti nella manovra, vuole ancora di più e apre l’assalto agli 8 miliardi di tagli alle tasse che il Parlamento dovrà decidere come modulare. Bonomi vuole tre cose: l’ennesimo taglio contributivo – poi ci si chiede perché i giovani precari non vedranno una pensione – e un taglio sui versamenti per gli ammortizzatori sociali, cui la manovra ha già destinato un terzo di quanto previsto per le imprese. Infine un’ulteriore taglio dell’Irap, una delle ipotesi sul tavolo insieme al taglio di almeno due punti nella fascia tra 28 e 55mila euro. Le simulazioni indicano un risparmio tra i 340 euro nella parte più bassa dello scaglione, e quasi mille per chi guadagna 75 mila euro. Ma così tra nuovi tagli per le imprese e per il ceto medio alto, di fatto non resterebbe nulla – di nuovo – per chi sta sotto, considerato che nei paletti del governo è prevista anche la revisione delle detrazioni. Riequilibrare queste disparità è compito che spetterebbe alla politica. Nella manovra, che in settimana arriva al senato, non è successo. E anche la delega fiscale, alla camera settimana prossima, non promette nulla di buono per i redditi più bassi.

Come sta andando la campagna vaccinale

(di Diana Santini)

Veniamo all’epidemia in Italia. I positivi delle ultime 24 ore sono 5188. Tanti, benché emersi da un campione molto ampio: 700mila tamponi, un record in Italia, con tasso di positività allo 0,7%. I decessi sono stati 63, non tutti relativi alle ultime 24 ore per un accumulo dovuto ai giorni di festa. Si assiste comunque in queste ultime settimane a una crescita dei casi. La pressione sugli ospedali è anch’essa in crescita, anche se, grazie alle vaccinazioni, non segue con le stesse proporzioni delle prime ondate l’andamento dei contagi. La campagna vaccinale però rallenta. Il primo novembre è stato toccato il record negativo di 5500 prime dosi. Ieri sono state circa 15mila: a questo ritmo per raggiungere l’obiettivo del 90% di copertura dei vaccinabili servirebbero due mesi e mezzo. Per velocizzare il ritmo, il governo sta valutando se introdurre un obbligo vaccinale per categorie. Oggi intanto l’Aifa ha dato il via libera alla somministrazione delle terze dosi ai vaccinati con il monodose Johnson: riceveranno il booster con il preparato Pfizer, a una distanza di sei mesi dalla prima e unica inoculazione. A oggi sono state somministrate in Italia circa un milione e seicentomila terze dosi: per ora si tratta di anziani, fragili e sanitari, ma oggi il sottosegretario alla salute Costa ha ipotizzato un’estensione entro fine anno a tutti gli over 50 e al personale scolastico. La terza dose serve a ri-stimolare la produzione di anticorpi, visto che questi tendono a diminuire nel tempo. Ma quanto diminuiscono, in quanto tempo e sulla base di quali evidenze si è stabilito l’intervallo dei sei mesi dal completamento del primo ciclo? Francesco Broccolo, virologo dell’università Bicocca di Milano

 

Una giunta “equilibrista” per il Campidoglio

(di Maria D’Amico)

Una giunta a trazione Pd: sei donne e sei uomini con la vicesindaca Silvia Scozzese che sarà anche assessora al bilancio. Come detto la giunta Gualtieri, presentata ufficialmente questo pomeriggio in Campidoglio, rispetta gli equilibri di genere ma anche e soprattutto quelli politici. Tre assessori di area PD, a Sabrina Alfonsi i rifiuti, a Maurizio Veloccia l’Urbanistica e ad Eugenio Patane i trasporti. Due assessori alla lista civica per il turismo e le attività produttive, un senatore vicino ad Articolo 1 – Miguel Gotor docente di storia che sarà responsabile della cultura e i tre assessorati a vocazione sociale a Sinistra civica per la partecipazione, Roma Futura per scuola e lavoro e a Demos il sociale e salute. In più Tobia Zevi assessore al patrimonio e una giovane ingegnera del MIT ai lavori pubblici. Una giunta in equilibrio, già bocciata dal terzo sfidante Carlo Calenda eletto in consiglio comunale ma in procinto di tornare in Europa, dove il sindaco ha tenuto per se nove deleghe, alcune delle quali molto pesanti come quella per il PNRR, il personale il clima e le partecipate. L’ obiettivo della giunta – ha detto Gualtieri – presentando – è quella di costruire una capitale che funzioni meglio, la città della transizione ecologica, della sostenibilità ambientale dell’inclusione. Una sfida molto impegnativa già sostanziata da scelte concrete come l’intervento straordinario per i rifiuti varato dal Campidoglio 2 giorni fa, che dovrebbe permettere ai romani di tornare entro Natale a camminare per la città senza slalom tra i sacchetti di rifiuti abbandonati.

Sui 130mila miliardi per la decarbonizzazione qualcosa non quadra

Alla Cop26 di Glasgow è il giorno del gran raduno della finanza e della promessa di 130mila miliardi di dollari per la decarbonizzazione e la transizione ecologica. Fondi pubblici in primis per attivare quelli privati, ma non tutto quadra tra gli annunci e le prospettive del mercato finanziario. L’analisi di Andrea Di Stefano

 

Perché la cancelliera è molto preoccupata

In Germania il governo ha lanciato l’allarme per l’esplosione della quarta ondata della pandemia, quella “dei non vaccinati”: il tasso di incidenza del virus per ogni centomila abitanti nell’ultima settimana è salito oltre quota 150 e i decessi sono in netta risalita, 194 nelle ultime 24 ore. Il ministro della Salute, Jens Spahn ha fatto sapere che il governo lavora a forti limitazioni che dovrebbero riguardare solo i non vaccinati tenere fuori i vaccinati dalle restrizioni. “La cancelliera è molto preoccupata”, ha detto il portavoce di Angela Merkel aggiungendo che “l’esecutivo è favorevole a un rafforzamento delle regole” evocando forti limitazioni ma solo per i non vaccinati. Il punto sul contagio nel Nord Europa e a Est dell’Europa dove è maggiore l’allarme da due settimane nell’analisi del matematico del Cnr Giovanni Sebastiani

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Foto | Glasgow, Cop26

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 12:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee con Raffaele Liguori

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 27/02/2024

    Speciale Associazioni Cosa vuol dire essere non binario? Ci sono associazioni a Milano che hanno gruppi non-binary? Ne parliamo con Vitto e il Team Gruppo Non-Binary del CIG Arcigay Milano nato nel 2023 e che organizza diverse attività per chi abbraccia l'identità di genere non binaria o, semplicemente, vuole conoscere meglio il tema. https://www.instagram.com/nonbinary.cigarcigaymilano/ nonbinary@arcigaymilano.org

    L’Altro Martedì - 27-02-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 27/02/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 27-02-2024

Adesso in diretta