Approfondimenti

Il violento nubifragio in Emilia Romagna, le ipotesi sul presunto attacco al Cremlino e le altre notizie della giornata

nubifragio Emilia Romagna ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 3 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Due morti e un disperso, oltre 400 persone evacuate e altre 5mila che rischiano nelle prossime ore di dover lasciare le loro case: sono le conseguenze del violento nubifragio che si è abbattuto tra ieri sera e questa mattina sull’Emilia Romagna. È atteso per domani il voto definitivo sul decreto migranti, il provvedimento che ridimensiona la protezione speciale ed esclude i richiedenti asilo dal sistema di accoglienza. Questa mattina la più grande operazione mai realizzata contro la mafia calabrese ha portato a decine di arresti e di perquisizioni in otto paesi europei, Italia compresa. Un presunto sventato attacco con due droni contro il Cremlino potrebbe segnare un punto di snodo nella guerra in Ucraina. La Commissione Europea, intanto, ha presentato il piano per trasformare l’economia del continente in un’economia di guerra.

Le conseguenze del violento nubifragio in Emilia Romagna

Due morti e un disperso. Oltre 400 persone evacuate e altre 5mila che rischiano nelle prossime ore di dover lasciare le loro case. Sono le conseguenze del violento nubifragio che si è abbattuto tra ieri sera e questa mattina sull’Emilia Romagna. Le zone più colpite sono state la provincia di Bologna e quella di Ravenna. A Faenza, dove è esondato il fiume Lamone, sono ancora in corso le operazioni di soccorso di diverse persone rimaste isolate nelle loro abitazioni. I danni sono ingenti, ancora difficilmente calcolabili, ha dichiarato il presidente della Regione Bonaccini che domani chiederà al Governo lo stato d’emergenza. Da qualche ora ha smesso di piovere e lentamente il livello dei fiumi si sta abbassando, ma anche per domani l’allerta rimane massima in quasi tutta le regione. Da Bologna il nostro collaboratore Riccardo Tagliati:

I fenomeni climatici estremi come piogge torrenziali o lunghi periodi di siccità sono ormai sempre più frequenti anche nel nostro paese. Su questo ascoltiamo Serena Giacomin, climatologa e meteorologa per il centro Meteo Expert e presidente dell’Italian Climate Network:


 

Le ipotesi sul presunto sventato attacco con droni al Cremlino

(di Emanuele Valenti)

Ci sono stati alcuni punti di passaggio importanti nella guerra in Ucraina. Punti di snodo che hanno segnato un prima e un dopo. Quello che è successo la notte scorsa potrebbe essere uno di quelli. Non tanto per il fatto in sé – un presunto sventato attacco con due droni contro il Cremlino – ma per le conseguenze che questo potrebbe avere.

Partiamo dai fatti.
In tarda mattinata la Russia ha accusato l’Ucraina di un’azione terroristica con la quale avrebbe tentato di uccidere Putin. Due droni sarebbero stati intercettati e distrutti quando si trovavano sopra il Cremlino. In rete sono circolati dei video, non ufficiali. In uno si vede un piccolo oggetto colpito da un’esplosione, in un altro una colonna di fumo che si alza dal palazzo presidenziale.
Nel suo comunicato ufficiale il Cremlino precisa che Putin stia bene e che oggi non abbia modificato la sua agenda e abbia lavorato fuori Mosca. Ma appunto, ufficialmente i russi hanno parlato di un’azione terroristica, e di conseguenza hanno aggiunto che ora hanno tutto il diritto di rispondere con una rappresaglia, come e quando la riterranno opportuna.
L’Ucraina ha negato ogni coinvolgimento. “Non attacchiamo Mosca, combattiamo nel nostro territorio”, ha detto Zelensky durante una rara visita all’estero, a Helsinki. Il suo consigliere, Podolyak, ha parlato di un pretesto per un attacco terroristico russo su larga scala.

In Russia però i falchi hanno subito alzato la voce. Il presidente della Duma, Volodin, ha detto che Mosca “ha le armi per fermare e distruggere il regime ucraino”. Altri hanno aggiunto che i russi possano tranquillamente colpire in profondità i bunker di Kyiv.
Margarita Simonyan, responsabile della TV di stato Russia Today, è stata ancora più esplicita: “Forse adesso si comincerà a fare sul serio”. Come dire, gli ucraini non hanno ancora visto quello di cui siamo capaci.
“Non sappiamo, non possiamo confermare quanto dicono i russi e siamo abituati a non fidarci di quello che arriva dal Cremlino”, è stato invece il commento del segretario di stato americano Blinken.

Non è la prima volta che la Russia accusi l’Ucraina per attacchi con droni. Kyiv non ha mai rivendicato. Ma è la prima volta che si parla di un attacco al cuore dello stato russo.

Probabilmente per molto tempo non sapremo cosa sia realmente successo. Le ipotesi sono sostanzialmente tre.
La prima. Si è trattato sul serio di un attacco ucraino, non tanto per uccidere Putin ma piuttosto per dimostrare che a Mosca nessuno sia al sicuro. Il presidente passa molto poco tempo al Cremlino e quando c’è risiede ovviamente in locali super-protetti, a prova di bombardamento.
La seconda. Si è trattata di un’azione organizzata dagli stessi russi per avere il pretesto di un grosso attacco contro l’Ucraina. In questi giorni i servizi russi hanno anche detto di aver sventato un complotto per uccidere i leader locali in Crimea. Ma l’auto-attacco mostrerebbe la fragilità delle difese russe. Come è possibile che un drone arrivi fin sopra il Cremlino?
La terza ipotesi. Un attacco da parte di sabotatori interni, collegati o non collegati agli ucraini. In queste settimane ci sono stati diversi sabotaggi.
Qualunque sia la risposta giusta – e sicuramente ci sono anche altre ipotesi – la domanda è quale sarà, se ci sarà, la risposta russa. Quella che in queste ore auspicano i falchi a Mosca. Oltretutto alla vigilia di una possibile contro-offensiva ucraina sul campo.

Tutti in aula a destra per il decreto migranti

(di Anna Bredice)

Chat attivissime nei gruppi di maggioranza per non replicare la figuraccia dell’ultimo voto sullo scostamento di bilancio, oggi a Montecitorio c’erano tutti a destra per votare la fiducia al decreto migranti. Domani il voto definitivo e il provvedimento che ridimensiona la protezione speciale ed esclude i richiedenti asilo dal sistema di accoglienza sarà legge. Contro questa legge si organizzano diverse iniziative e le associazioni come la Caritas, il volontariato, il terzo settore denunciano una strategia del governo: il decreto sul lavoro, che toglie per molti il reddito di cittadinanza, e quello sui migranti, amplieranno quella fascia di popolazione con maggiore disagio. Da un lato si alimenta l’immigrazione irregolare, dall’altra aumenterà la povertà. I partiti si organizzano soprattutto contro il decreto lavoro, che Elly Schlein chiama decreto ricattabilità, ma per ora ognuno per conto proprio, non ci sono iniziative comuni dell’opposizione. La prima a muoversi al momento è stata la segretaria del Pd, che oggi ha partecipato ad una iniziativa della Cgil a Firenze, nel tempio del renzismo, dove è nato il Jobs Act che ora il nuovo corso del Partito Democratico combatte. Alla Leopolda Schlein e il segretario della Cgil Landini hanno annunciato iniziative comuni contro il decreto. Si tratta per ora della partecipazione del partito alle prossime tre manifestazioni dei sindacati. Elly Schlein sa bene che su alcuni temi legati al lavoro ci sono ancora resistenze, il primo bonus che Meloni in parte ha copiato fu fatto dall’ex segretario del Pd Renzi, il reddito di cittadinanza durante il governo Draghi non fu difeso ad oltranza come fece invece Conte, il quale in questo momento sembra più in difficoltà. Ha annunciato una iniziativa per giugno, ma sembra un tempo piuttosto lontano rispetto agli eventi di oggi.

Il piano europeo per aumentare la produzione di armi

(di Diana Santini)

Per fugare qualsiasi dubbio sull’urgenza con cui la Commissione Europea intende realizzare il suo piano di trasformazione dell’economia del continente in un’economia di guerra, non poteva essere scelto un acronimo più efficace: Asap, che sta sì per “azioni a sostegno della produzione di munizioni”, ma evoca anche la formula as soon as possibile, il prima possibile. Il piano, presentato oggi dal Commissario europeo per l’Industria Breton, mobiliterà in tutto un miliardo di euro e ha l’ambizione di arrivare a produrre un milione di pezzi di munizioni l’anno in Europa nell’arco di dodici mesi, o comunque as soon as possible. Obiettivo: rispondere alle crescenti richieste ucraine in questo senso e al contempo rimpolpare gli arsenali europei assottigliati da 14 mesi di guerra e forniture a Kiev. Il bilancio comunitario contribuirà con circa la metà della cifra, 500 milioni. Il resto sarà cofinanziato dai paesi membri in cooperazione con le aziende del settore: per farlo potranno attingere anche dai fondi dei PNRR, con buona pace dei progetti per la mobilità dolce e l’istruzione. Anche questo è resilienza, ha spiegato Breton, adattare i sistemi produttivi al contesto bellico. Spingendosi, in questo spirito di adattamento ai tempi che corrono, ancora un po’ più in là: alle aziende sarà infatti consentito di operare in deroga alle attuali norme sul lavoro per quanto riguarda turni e ritmi di produzione: la parola magica è ciclo continuo. La Commissione si riserva anche il potere, se almeno tre stati membri lo richiedono, di obbligare un produttore di armi ad accettare o dare priorità agli ordini ritenuti strategici. Ora si attende la ratifica da parte di Parlamento e Consiglio: e per dare una misura, un’altra, dello scenario a cui a Bruxelles ci si sta abituando, o preparando, insieme al piano è stato presentato anche un programma per rafforzare reti ferroviarie e di mobilità a fini militari e facilitare così lo spostamento di armi e truppe sul continente europeo.

La più grande operazione mai realizzata contro la mafia calabrese

“L’operazione europea contro la ‘ndrangheta ha portato questa mattina a circa 150 perquisizioni in otto Paesi europei. È la più grande operazione mai realizzata contro la mafia calabrese in Europa”: così i portavoce della procura federale belga hanno commentato la maxi operazione scattata oggi in diversi paesi europei e coordinata da Eurojust e le procure antimafia di diversi paesi, tra cui l’Italia.
“Più di mille poliziotti sono stati coinvolti nelle perquisizioni questa mattina in Germania e tremila in Italia”, spiegano i portavoce, indicando che l’operazione ha toccato anche “Spagna, Portogallo, Francia, Romania e Slovenia”.
108 gli arresti in Italia contro le cosche della Locride. Gli arresti in Belgio sono stati tredici. In Germania 30. E poi, ancora, tra la Calabria, il Portogallo e Roma i sequestri, per un valore complessivo di circa 25 milioni di euro. L’operazione ha colpito in particolare le cosche Nirta-Strangio di San Luca e Morabito di Africo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta