Approfondimenti

Lo sprint del governo sui decreti, la nuova escalation al confine tra Libano e Israele e le altre notizie della giornata

Meloni Nordio ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 3 luglio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo ha fretta di concludere l’esame dei molti decreti, almeno 10, che attendono la conversione in legge e che rischiano di scadere se non vengono conclusi entro la pausa estiva. L’elogio della democrazia di Mattarella. Nelle ultime ore è aumentata in maniera importante la pressione su Joe Biden. Nelle ultime ore c’è stata una nuova escalation al confine tra Israele e Libano. Dopo il flop alle europee Salvini passa all’attacco. Una storica sentenza della Corte Suprema giapponese che ha dichiarato la Legge di Protezione Eugenetica “incostituzionale”

Il governo accelera sui decreti

Il governo ha fretta di concludere l’esame dei molti decreti, almeno 10, che attendono la conversione in legge e che rischiano di scadere se non vengono conclusi entro la pausa estiva. Ci sono poi 5 disegni di legge bandiera che l’esecutivo punta, a suon di fiduce, a spingere avanti il più possibile. Tra questi la gestazione per altri reato universale che oggi è stata licenziata dalla commissione giustizia del senato. E poi l’abolizione del reato di abuso di ufficio, che andrà invece in aula nei prossimi giorni.

In un consiglio dei ministri è stato invece approvato oggi un altro decreto, a prima firma Carlo Nordio, che ha come obiettivo quello di alleggerire le carceri sovraffollate. Prevede: semplificazione delle misure alternative al carcere e della libertà anticipata. Albo delle comunità per i detenuti tossicodipendenti a fine pena, riprogrammazione de della riforma del tribunale dei minori. Il testo del decreto non è ancora stato pubblicato.

Dicevamo del via libera oggi in commissione al reato universale di gestazione per altri. A proposito di politiche sulla maternità e la natalità. Dopo che gli ultimi dati dell’Inps hanno certificato la tiepida adesione delle donne italiane allo strumento del bonus mamma, dalla maggioranza arriva un’altra proposta per indurre le donne a fare figli, anzi a non abortirli. Il senatore di Forza Italia Gasparri ha presentato oggi una sua proposta di legge che assicurerebbe mille euro al mese per un anno alle donne che, pur in difficoltà economica, rinunciano all’interruzione e portano avanti la gravidanza.

Il discorso di Mattarella a Trieste

(di Anna Bredice)
L’elogio della democrazia. Il Capo dello Stato oggi è a Trieste per la settimana sociale dei cattolici e nel suo discorso, lungo discorso, ha messo al centro l’esercizio e il valore della democrazia, con le sue vulnerabilità e i rischi che il Presidente della Repubblica solleva e cita quello della “democrazia della maggioranza” definita “una insanabile contraddizione per la confusione tra strumenti di governo e tutela della condizione dei diritti e delle libertà”. Mattarella quando parla di valore della democrazia inserisce naturalmente l’esercizio da parte degli elettori del diritto di scegliere e quindi di votare, ma sembra soprattutto impegnato a sottolineare le disfunzioni, li chiama gli “analfabeti della democrazia”, un meccanismo di equilibri, “no all’assolutismo di Stato, c’è bisogno della coscienza dei limiti, e quindi aggiunge, nessuna restrizione in nome del dovere di governo”. Mattarella parla di unità del paese come spirito anche della Costituzione. Non è difficile leggere tra le righe alcuni riferimenti anche a riforme molto importanti, quella del premierato ad esempio, sulla quale mai Mattarella è voluto intervenire finora, forse per la delicatezza delle funzioni del Capo dello Stato. Ma il richiamo a non cadere nella democrazia della maggioranza forse ha un riferimento ad equilibri che cambierebbero con l’elezione diretta del Presidente del Consiglio. Il richiamo all’unità certo è un riferimento alla legge sull’autonomia differenziata che in ogni caso Mattarella ha firmato. Un intervento che segue invece il silenzio a quell’appello di Giorgia Meloni quando pochi giorni fa lo chiamò in causa per colpire l’inchiesta di Fanpage. Gelo del Quirinale e oggi arrivano queste parole per ricordare che uno dei pilastri della democrazia è costituito dai diritti e dalle libertà, forse anche quella di informare.

Stati Uniti, aumenta la pressione su Biden dopo il disastroso dibattito con Trump

Nelle ultime ore è aumentata in maniera importante la pressione su Joe Biden, per la sua posizione sempre più a rischio dopo il disastroso dibattito con Donald Trump la scorsa settimana. Secondo il New york times il presidente avrebbe per la prima volta parlato di un possibile ritiro. La Casa bianca nega. Oggi l’incontro con i governatori democratici. In caso di passo indietro – dicono i media americani – l’alternativa più probabile sarebbe la vice di Biden, Kamala Harris.

Nuova escalation al confine tra Israele e Libano

Un raid israeliano ha ucciso un alto comandante degli Hezbollah nella zona di Tiro. La risposta non si è fatta attendere e sul nord di Israele sono piovuti quasi cento razzi. Non si hanno al momento notizie di vittime.
É una delle più importanti escalation dal 7 ottobre.
Il ministro della difesa israeliano, Gallant, ha detto che i carri armati al momento a Gaza possono arrivare in poco tempo sul fronte nord.

Nella Striscia di Gaza sono intanto almeno 250mila i palestinesi che da ieri hanno lasciato Khan Yunis, nel sud, dopo l’ennesimo ordine di evacuazione.
Lo dicono le Nazioni Unite.

Nelle ultime 24 ore ci sono state anche cinque vittime palestinesi in Cisgiordania. E proprio in Cisgiordania – denuncia la ong israeliana Peace Now – Israele sta per valutare e discutere la costruzione di altre 6mila unità abitative.
Un sviluppo che dice molto del conflitto israelo-palestinese.
Francesca Albanese, relatrice speciale ONU per i Territori Palestinesi…

La strategia della Lega per recuperare terreno dopo il flop alle europee

(di Michele Migone)

La miglior difesa è l’attacco. Dopo il flop alle europee, Matteo Salvini pensa che questa sia la tattica per rimanere in sella. Negli ultimi giorni, in Parlamento, la Lega si è differenziata dal resto della maggioranza. Salvini l’ha impegnata in una guerriglia che ha come vero bersaglio Giorgia Meloni. Dalle Balneari alla Maternità Surrogata alla Rai. ogni motivo è buono per fare da contraltare. In questo modo, il leader leghista vuole cogliere due obiettivi. Il primo: dimostrare di essere saldo alla guida del suo partito. Lo aiuta lo scontro sull’Autonomia Differenziata. Veneto e Lombardia hanno già chiesto di attuarla; ed è iniziata la battaglia per il referendum. La Lega fa quadrato. L’altro obiettivo di Matteo Salvini – conseguente al primo – è recuperare peso politico dentro la coalizione di governo. Per farlo, non conta solo sul braccio di ferro a Roma. Guarda agli equilibri internazionali. La Lega dovrebbe entrare nel nuovo gruppo dei Patrioti che l’ungherese Orban ha fondato all’Europarlamento insieme al ceco Babis e all’austriaco Kickl. Lo farà anche il Rassemblement National, subito il ballottaggio francese. Queste destre europee, il partito di Putin nella UE, fanno fronte comune a Bruxelles. Salvini, coerente con la sua storia, sarà uno degli azionisti di maggioranza di un gruppo che la possibile vittoria di Marine Le Pen a Parigi renderà politicamente più forte in Europa. In questo quadro e per come si è mossa, Giorgia Meloni si è indebolita su tutti i fronti. Guida un altro Eurogruppo, i conservatori, meno forte rispetto ai Patrioti; e per l’Italia non avrà la poltrona pesante che ha chiesto a Ursula Von Der Layen. C’è poi un altro fattore nel quale spera Matteo Salvini per riacquistare peso politico: la vittoria di Donald Trump. Se ci fosse, Giorgia Meloni dovrà allinearsi alla nuova politica di Washington nei confronti della Nato e dell’Ucraina. Non ci metterebbe molto, ma già il doverlo fare sarebbe una vittoria per il leader leghista.

Giappone: sì ai risarcimenti alle vittime di steriliazzazione forzata, non c’è prescrizione

(di Disma D. Pestalozza)

Storica sentenza della Corte Suprema giapponese che ha dichiarato la vecchia Legge di Protezione Eugenetica “incostituzionale” e ha ordinato al governo centrale di risarcire coloro che sono stati sterilizzati forzatamente in base a tale legge, escludendo la“prescrizione” secondo cui il diritto a richiedere un risarcimento scadrebbe dopo 20 anni.

La legge rimase in vigore dal 1948 al 1996 e il suo macabro obiettivo era quello di, testualmente, “prevenire la nascita di discendenti difettosi” prevedendo che persone con disabilità o determinate malattie potessero essere sterilizzate forzatamente.

Le sterilizzazioni raggiunsero il picco alla fine degli anni ‘50 arrivando a mille per anno, per poi diminuire in modo consistente nei decenni successivi. Si stima che in totale abbia riguardato all’incirca 25mila persone di cui 16mila senza il loro consenso.

Negli ultimi anni 39 persone hanno presentato cause in 12 tribunali distrettuali nipponiciper ottenere giustizia. La corte suprema, presieduta dal giudice Saburo Tokura dopo aver analizzato alcune di queste cause ha stabilito che sarebbe stato estremamente ingiusto non procedere con i
risasrcimenti e ha ordinato al governo di muoversi in tal senso.

L’avvocato di uno dei querelanti ha sostenuto, dopo la vittoria ottenuta presso il più alto grado della giustizia giapponese, che visto il risultato probabilmente arriveranno altre richieste di risarcimento e altre cause

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta