Approfondimenti

La carestia a Gaza, le riforme della maggioranza ai blocchi di partenza e le altre notizie della giornata

Gaza Rafah ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 29 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il segretario di stato americano Antony Blinken, mentre nel sud della Striscia continuano i bombardamenti e gli scontri di terra, è tornato a chiedere a Israele un piano per il dopo guerra a Gaza. Premierato, autonomia differenziata e Giustizia: le tre riforme sono arrivate ai blocchi di partenza. L’Associazione nazionale magistrati ha annunciato una mobilitazione contro la riforma della Giustizia. Oggi ci sono state perquisizioni ordinate dalla procura federale belga al Parlamento europeo nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte pressioni russe sugli eurodeputati per influenzarne la linea politica e alimentare la propaganda.

La carestia nella Striscia di Gaza è un fatto conclamato

La guerra a Gaza. Mentre nel sud della Striscia continuano i bombardamenti e gli scontri di terra, solo oggi si contano 78 vittime concentrate per lo più in quest’area, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è riunito per discutere di una risoluzione, presentata dall’Algeria. Il testo chiede essenzialmente il rispetto delle ordinanze della Corte di Giustizia internazionale e dunque: l’interruzione immediata dell’offensiva a Rafah e il rilascio incondizionato di tutti gli ostaggi. Il vice ambasciatore degli Stati Uniti ha però già definito inutile questo documento: l’amministrazione americana non considera quanto sta accadendo nel sud della Striscia come il superamento della linea rossa. Roberto Festa:

Oggi il segretario di stato americano Antony Blinken è tornato a chiedere a Israele un piano per il dopo guerra a Gaza. Si tratta di una risposta alle dichiarazioni del Consigliere per la sicurezza nazionale israeliano Zachi Hanegbi, che oggi aveva detto che la guerra a Gaza durerà altri 7 mesi almeno. Un tempo che le organizzazioni umanitarie considerano totalmente insostenibile: in 20 tra ong e agenzie umanitarie oggi hanno sottoscritto un documento in cui si dice che ormai nella Striscia la carestia è un fatto conclamato. Paolo Pezzati è un portavoce di Oxfam:


 

Premierato, autonomia differenziata e riforma della Giustizia ai blocchi di partenza

(di Anna Bredice)

Premierato, autonomia differenziata e Giustizia. Mai come oggi è stato evidente quanto queste tre riforme siano diventate oggetto di scambio e di ricatto di ogni partito per stare insieme e non far saltare il governo e per sventolare la propria bandiera in questa ultima settimana di campagna elettorale. Tutte e tre arrivano ai blocchi di partenza, ma l’idea che il governo vuole dare è che sono ad un passo dall’essere approvate. Bandiere di propaganda elettorale, ma ogni riforma tocca nel vivo alcuni principi fondamentali della Costituzione. Al premierato e all’Autonomia voluta da Matteo Salvini oggi si aggiunge la riforma della Giustizia, che contiene uno degli obiettivi più perseguiti da Silvio Berlusconi: la separazione delle carriere. Forza Italia esulta, ma arriva per prima Giorgia Meloni con un videomessaggio a prendersene il merito. Del resto tutto serve anche a lei per i voti al suo partito. “Le forze della conservazione sono contro di noi, ma noi non abbiamo paura”, questo è il punto essenziale del suo messaggio, basato ancora una volta sulla contrapposizione tra lei e i suoi nemici. Un videomessaggio come sempre, nessuna domanda dai giornalisti. Carriere separate tra giudici e pubblici ministeri, due diversi Csm e il sorteggio per la nomina dei suoi membri per neutralizzare le correnti, oltre ad un’Alta Corte come organo di disciplina dei magistrati. Questi i pilastri della riforma che secondo il governo potrebbe non avere bisogno del referendum, se con i voti dei centristi si arriva ai due terzi. Premierato e Autonomia oggi hanno viaggiato insieme: al Senato si è sfiorata una rissa, le opposizioni protestano contro i tempi contingentati, si finirà stasera e poi si andrà all’11 giugno. La stessa cosa per l’Autonomia differenziata. Oggi sono state bocciate le pregiudiziali di costituzionalità e si riprende per il voto tra due settimane, appena dopo le elezioni europee.

L’Associazione Nazionale Magistrati si mobilita contro la riforma della Giustizia

L’Associazione nazionale magistrati si è riunita oggi d’urgenza. “Con la riforma della giustizia si puniscono i magistrati. L’intenzione è quella di attuare un controllo della politica sui giudici”, spiega l’Anm che annuncia una mobilitazione importante. Sulla riforma abbiamo chiesto un commento a Edmondo Bruti Liberati, ex procuratore di Milano:


 

Pressioni russe sugli eurodeputati, perquisizioni all’Europarlamento a Bruxelles e Strasburgo

Oggi ci sono state perquisizioni ordinate dalla procura federale belga al Parlamento europeo. L’inchiesta riguarda le ipotesi di pressioni russe sugli eurodeputati per influenzarne la linea politica e alimentare la propaganda.

(di Alessandro Principe)

A essere perquisiti sono stati gli uffici di Strasburgo e Bruxelles e l’appartamento di un assistente parlamentare che si chiama Guillaume Pradoura ed è attualmente assistente dell’eurodeputato olandese Marcel de Graaff. In passato aveva lavorato anche per il deputato della Afd Krah – quello delle Ss “non tutti criminali” – e per il Rassemblement National, il partito di Marine le Pen dal quale venne cacciato per una foto antisemita che lo ritraeva vestito in modo caricaturale da ebreo ortodosso.
L’eurodeputato olandese per cui l’assistente lavora oggi è del partito sovranista e anti-europeo “Forum per la democrazia”, che fa parte dello stesso gruppo di Giorgia Meloni nell’europarlamento, i Conservatori, Ecr. Secondo la procura federale “esistono prove che Guillaume Pradoura, abbia svolto un ruolo importante” nella trama di influenze e propaganda russe. I procuratori parlano di  “indizi di ingerenza, per cui membri del Parlamento europeo sono stati avvicinati e pagati per promuovere la propaganda del Cremlino. Ricordiamo che lo stesso Maximilian Krah – l’esponente dell’Afd poi espulso – è sotto inchiesta per gli stessi motivi. La vicenda scoppiò a marzo quando il premier belga Alexander De Croo, rivelò che Mosca avrebbe assoldato “alcuni eurodeputati” per “diffondere la sua propaganda”. Una rete d’influenza partita dal sito Voice of Europe, veicolo della disinformazione russa con sede a Praga, oscurato prima dal governo ceco e ora da tutti i Ventisette. Partita da Praga, l’indagine è stata presa in mano dal Belgio e si è allargata anche a Germania, Francia, Polonia, Paesi Bassi e Ungheria.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 21/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 21/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 22/06/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 21-06-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 21/06/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 21-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 21/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-06-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 21/06/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 21-06-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 21/06/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 21-06-2024

  • PlayStop

    5° puntata: il funerale e il processo

    Il racconto del funerale di Attilio Oldani con l'ampia partecipazione di cittadini milanesi e l'esito del processo per l'omicidio del tranviere.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 21-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 21/06/2024

    Nella puntata di Quel che resta del giorno del 21 giugno 2024, condotta da Luigi Ambrosio: il governo ha fatto solo promesse generiche ai sindacati dopo l’omicidio del lavoratore agricolo indiano nell’agro pontino. E soprattutto il governo ha fatto scaribarile: si è trattato solo della responsabilità dell’imprenditore agricolo dove è avvenuto l’incidente secondo Lollobrigida. Domani intanto a Latina manifestazione dei sindacati. Con Davide Fiatti, della Flai Cgil e Marco Omizzolo. Sociologo

    Quel che resta del giorno - 21-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 21/06/2024

    1 – Anche l’Armenia riconosce lo stato palestinese. I due paesi sono uniti da una dolorosa storia comune. Intanto a Gaza la situazione umanitaria è drammatica, MSF teme di dover chiudere le proprie operazioni. Massima tensione anche in Libano. Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres avverte: “il mondo non può permettersi che il libano diventi un’altra Gaza”. (Pietro Kuciukian, Laura Silvia Battaglia) 2 – A Barcellona dal 2029 non ci saranno più gli appartamenti turistici. L’annuncio del sindaco del capoluogo catalano cerca di porre rimedio alla crisi abitativa che colpisce da anni la città. (Steven Forti – Università di Barcellona) 3 – Mondialità. Il G7 pugliese ha mostrato tutta la debolezza dei vertici di questo tipo. (Alfredo Somoza) 4 – Oggi è la 42 festa della musica, ma con l’avanzata dell’estrema destra in Francia potrebbe essere l’ultima. (Chawki Senouci)

    Esteri - 21-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 21/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-06-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 21/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-06-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 21/06/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 21-06-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 21/06/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-06-2024

  • PlayStop

    Torniamo a Molteno

    Nella prima puntata di settembre scorso vi avevamo parlato dell'apertura di una nuova struttura a Molteno, in provincia di Lecco, in piazza Europa. La struttura, ristrutturata con soldi pubblici, è stata data in affitto alla Clinica San Martino S.R.L. che ha aperto un poliambulatorio specialistico. Nello stesso spazio, hanno preso posto dei medici di base e molti sono i dubbi che sono stati sollevati sull'opportunità di far convivere ambulatori privati con quelli pubblici all’interno dello stesso edificio. Vi aggiorniamo con Giusi Corti, consigliera comunale.

    37 e 2 - 21-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 21/06/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 21-06-2024

  • PlayStop

    Pronto? Hai vinto!

    quando estraiamo in diretta i biglietti vincenti dell'Operazione Primavera e telefoniamo agli increduli ed estasiati vincitori

    Poveri ma belli - 21-06-2024

Adesso in diretta