Approfondimenti

La saga dei 5 stelle manda in tilt la maggioranza, la Francia ha negato l’estradizione di dieci ex militanti italiani e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 29 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Continua lo scontro tra Beppe Grillo e il capo politico del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte. La Corte d’appello francese ha negato l’estradizione di Giorgio Pietrostefani, condannato per l’omicidio Calabresi, e di 9 ex militanti di gruppi armati italiani degli anni settanta. I leader dei paesi Nato hanno invitato formalmente Finlandia e Svezia ad entrare nell’Alleanza dopo che ieri la Turchia ha sciolto il veto sul loro ingresso. Oggi alla camera si discute il provvedimento sullo ius scholae. L’Osservatorio istituzionale sul Po ha annunciato che l’avanzamento del mare nel delta del fiume è arrivato a 30 km. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Continua lo scontro tra Grillo e Giuseppe Conte

(di Luigi Ambrosio)

È saltata la riunione tra i ministri del Movimento 5 Stelle e Beppe Grillo.
Segno evidente che lo scontro tra l’Elevato e il capo politico del Movimento, Giuseppe Conte, è tutt’altro che rientrato.
Grillo era arrivato a Roma e aveva smentito la linea di Conte che prevedeva una possibile uscita dalla maggioranza con appoggio esterno a Draghi. “Si sta nel governo” aveva detto Grillo. Quando il sociologo De Masi, collaboratore del M5S, stamattina ha raccontato di una telefonata con cui Grillo gli confidava che Draghi aveva chiesto la testa di Conte, è nato un putiferio. Conte ha attaccato Draghi, Draghi ha chiamato Conte per chiarire e ha poi fatto sapere che “il governo non rischia”. Grillo ha fatto un gesto ai cronisti da dietro i finestrini della sua auto a dire “ma cos’è questa storia della telefonata”. Alla fine, le parole di De Masi hanno dato una mano a Conte e messo in difficoltà Grillo.
Giusto giusto il 29 giugno 2021, un anno fa, Grillo demoliva Conte: “non ha visione politica né capacità manageriali o capacità di innovazione”. Nel mezzo sono successe diverse cose, tra cui la guerra, la scissione di Di Maio, e ora ci sono le elezioni che si avvicinano. Conte si era convinto di non avere più nemici interni. Non avrebbe immaginato che sarebbe spuntato di nuovo Grillo a ostacolare tutti i suoi piani.

Il no di Parigi all’estradizione degli ex militanti italiani

A sorpresa la Corte d’appello francese ha negato l’estradizione di Giorgio Pietrostefani, condannato per l’omicidio Calabresi, e di 9 ex militanti di gruppi armati italiani degli anni settanta.
I 10 erano stati arrestati e poi rilasciati dopo la svolta del governo Macron, che lo scorso anno aveva per la prima volta accettato le richieste italiane.
“Rispetto le decisioni della magistratura francese, che agisce in piena indipendenza” – ha detto la ministra Cartabia, che ha però aggiunto di aspettare di leggere le motivazioni e le valutazioni della procura di Parigi, l’unica a poter presentare appello.
In Italia con toni diversi i partiti hanno espresso la loro contrarietà alla decisione della Corte. Si va dalla delusione del pd, alla definizione di decisione “indecente” per la Lega, “inaccettabile, vergognosa” per Fratelli d’Italia, all’indignazione di Forza Italia. Esprime soddisfazione Rifondazione comunista. Le motivazioni non sono ancora note, ma il presidente della Corte d’appello francese ha detto che la decisione è stata presa sulla base del rispetto della vita privata e familiare e sul rispetto del giudizio di contumacia.

Finlandia e Svezia sono state invitate ufficialmente a entrare nella NATO

La guerra in Ucraina è al centro del vertice Nato in corso a Madrid, dove oggi è stato presentato il nuovo piano d’azione dell’alleanza atlantica per il prossimo decennio: “La Russia è la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati”, è il passaggio principale del piano, il cosiddetto Strategic Concept.
È in quest’ottica, anche, che oggi i leader dei paesi Nato hanno invitato formalmente Finlandia e Svezia ad entrare nell’Alleanza dopo che ieri la Turchia ha sciolto il veto sul loro ingresso. “Il loro ingresso ci renderà più forti”, si legge nel comunicato del vertice.

(di Martina Stefanoni)

Oggi a margine del vertice di Madrid, durante un bilaterale, Joe Biden ha ringraziato il presidente turco Erdogan per gli sforzi nella risoluzione dell’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato. Ricordiamo che ieri i tre paesi hanno firmato un memorandum sancendo un’intesa che si è realizzata grazie al fatto che Helsinki e Stoccolma hanno ceduto a gran parte delle richieste di Ankara, sacrificando gli interessi del popolo curdo, impegnandosi a non supportare Pkk e Ypg, che ha combattuto l’Isis in Siria al fianco degli Usa e dell’Occidente.
Abbiamo chiesto un commento a Benedetta Argentieri, reporter di guerra e autrice di diversi documentari sul Rojava.

Sempre nell’ambito del vertice Nato, invece, gli stati Uniti hanno annunciato lo schieramento di nuove forze in Europa. In Italia, ha annunciato da Madrid Mario Draghi, saranno 70 militari e un sistema di difesa aerea. La reazione di Mosca a questo annuncio è stata immediata. “Non lasceremo senza risposta la decisione di Washington”, ha commentato il ministero degli esteri russo.
Intanto sul campo l’offensiva continua. E’ stata nuovamente colpita la regione di Kharkiv, mentre oltre 10 missili sono stati lanciati su Mykolaiv, provocando vittime tra i civili.
Poco fa, poi, il ministero della difesa ucraino, ha annunciato uno scambio di prigionieri con la Russia, che riguarderebbe 144 soldati, tra i quali 95 che nei mesi scorsi hanno combattuto per la difesa dell’acciaieria di Mariupol. Si tratta del più ampio scambio ad oggi.

Sul campo l’avanzata russa anche se lentamente, prosegue e secondo le testimonianze che arrivano dal campo in questi giorni il fuoco sembra essersi ulteriormente intensificato. In questo contesto, dall’occidente – e soprattutto dagli stati uniti – iniziano ad arrivare segnali di una certa inquietudine circa l’andamento del conflitto e la sua possibile conclusione.
Sentiamo l’editorialista del Corriere della Sera Guido Olimpio.

 

Lo ius scholae è arrivato alla Camera

Nel pomeriggio nell’aula della camera è iniziata la discussione su una legge sulla cannabis, che permetterebbe di coltivare in casa fino a quattro piante per uso personale. Il punto successivo all’ordine del giorno è il provvedimento sullo ius scholae, che prevede il riconoscimento della cittadinanza a chi ha genitori stranieri ma ha frequentato in Italia almeno un ciclo scolastico di 5 anni ed è nato nel nostro paese o ci è entrato prima di aver compiuto 12 anni. Su questo resta la forte opposizione della destra, che continua a battersi contro una legge di civiltà su questo tema, che riguarda direttamente quasi un milione di persone.

Siccità, il cuneo salino del Po è arrivato a 30 km

L’Ong Greenpeace ha definito insufficiente l’accordo tra i ministri dell’ambiente dell’unione europea annunciato poche ore fa. Il tema è un insieme di misure legate al clima, tra cui il divieto di vendere auto a benzina e diesel dal 2035, già approvato dal parlamento europeo. La scorsa notte i ministri dell’ambiente hanno confermato quel piano. Secondo Greenpeace la scadenza fissata è troppo in là per limitare il riscaldamento globale. In Italia oggi l’Osservatorio istituzionale sul Po ha annunciato che il cuneo salino, l’avanzamento del mare nel delta del fiume, è arrivato a 30 km, un livello record. Il motivo è la siccità, di cui stamattina ha parlato anche il papa: “In questi giorni a Roma – ha detto Francesco – sono scoppiati diversi incendi, favoriti dalle temperature molto alte, mentre in tanti luoghi la siccità rappresenta ormai un problema grave”, ha aggiunto il papa, augurandosi che siano prese le misure necessarie a fronteggiare la situazione. Per domani il ministero della sanità ha diffuso un’allerta da bollino rosso per 19 città, tutte al centrosud (tranne Bologna), e una arancione per 6 centri del nord, tra cui Milano.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati comunicati 94mila casi di coronavirus con 60 morti. I tamponi positivi sono il 26% circa, più del doppio rispetto a ieri, quando il tasso era stato dell’11,6%. Oggi sono stati fatti 357mila tamponi contro i 717mila di ieri. Aumentano le persone ricoverate, nell’ultima giornata sono 11 in più in terapia intensiva e 219 in più negli altri reparti covid.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 15:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 23/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 23-02-2024

Adesso in diretta