Approfondimenti

Giustizia per Giulio Regeni, la fuga dal Nagorno-Karabakh e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 27 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Corte Costituzionale sblocca il processo Regeni. Continua la fuga dal Nagorno-Karabakh. E’ stato confermato l’ergastolo per la strage alla stazione di Bologna per l’ex Nar Gilberto Cavallini. La manovra economica sarà influenzata anche dalla continua tensione nella maggioranza. Ad Alessandria oggi un uomo di 66 anni ha ucciso moglie, figlio, suocera e poi si è suicidato. La dichiarazioni del Cei alle domande sulla stretta sui migranti del Governo. L’immagine del comandante della flotta russa nel Mar Nero, Viktor Sokolov, sta facendo il giro del mondo.

Giustizia per Giulio Regeni

La Corte Costituzionale sblocca il processo Regeni. I quattro agenti del servizio di sicurezza egiziano individuati come gli autori dell’omicidio del ricercatore italiano potranno essere processati in contumacia. “Avevamo ragione – dicono i genitori di Giulio Regeni – ripugnava al senso comune della giustizia che il processo non potesse essere celebrato a causa dell’ostruzionismo della dittatura di Al Sisi”. I quattro sono stati protetti dal governo egiziano.

Fuga dal Nagorno-Karabakh

Sono più di 50mila – quasi il 50% dell’intera popolazione – le persone che hanno lasciato il Nagorno-Karabakh dopo l’arrivo degli azeri.
Lo stimano le autorità locali.
I profughi continuano a viaggiare in direzione del confine armeno.
La Germania si è aggiunta agli Stati Uniti nel chiedere l’invio di osservatori internazionali.
Oggi un ex-leader dell’enclave armena in Azerbaijan è stato arrestato dalle guardie di frontiera mentre cercava di entrare in Armenia.
Ruben Vardanyan aveva guidato il governo del Nagorno-Karabach tra le fine del 2022 e l’inizio del 2023.
Dopo l’arresto è stato trasferito a Baku, capitale dell’Azerbaijan.

Il nostro collaboratore Sabato Angieri è al confine tra Armenia e Azerbaijan.

 

Il ponte sullo stretto e le tensioni nella maggioranza

Il ponte sullo stretto è il totem di Salvini. E’ la sua bandiera. E oggi gli alleati, soprattutto Fratelli d’Italia, gli hanno detto che il ponte non si farà.
“Nel 2024 bisogna vedere, io dubito che il prossimo anno saremo già agli appalti” ha detto stamattina il capogruppo alla Camera del partito di Meloni, Tommaso Foti.
Poi ci si è messo pure il centristra Lupi: “va bene il ponte ma bisogna mettere le risorse su famiglia imprese salari e sanità”.
Salvini, si può immaginare, non l’ha presa bene: “apriremo i cantieri nell’estate del 2024” ha replicato.
Ovviamente lui per primo sa che senza il via libera di Meloni non ci sarà alcun cantiere, e oggi si è capito che non è aria.
Lo scontro sul ponte è solo l’ultimo di una campagna elettorale per le europee che di fatto è già iniziato e che a destra si gioca tra Meloni e Salvini, in una rivalità a tutto campo con Salvini che cerca di porsi il più a destra possibile e Meloni che cerca di mettere i paletti all’alleato rivale. Ma ci sono anche altri dossier economici, pure più importanti. Ad esempio la trattativa con Bruxelles per allentare il patto di stabilità, dove Meloni teme le irruenze del leghista. E ad esempio il capitolo dei condoni. Salvini vorrebbe un altro condono, altre cartelle rottamate, ma stavolta è stato il suo ministro dell’Economia, Giorgetti, a stopparlo.
La manovra economica sarà influenzata anche da questa continua tensione nella maggioranza.

Strage ad Alessandria

Ad Alessandria oggi un uomo di 66 anni ha ucciso moglie, figlio , suocera e poi si è suicidato.
Questa mattina l’uomo si è recato in una struttura di riabilitazione ha ucciso la suocera e poi si è suicidato. I carabinieri hanno cercato di contattare la moglie e il figlio è hanno scoperto il triplice omicidio.

Francesco Conti di Radio Gold.

 

Il Cei contro la stretta sui migranti del Governo

L’altro provvedimento al vaglio del Consiglio dei ministri è quello dedicato all’immigrazione. Le ultime bozze prevedono la possibilità di rinchiudere nei cpr insieme agli adulti anche i minori dai 16 ai 18 anni ed espulsioni più facili ad esempio nel caso di dichiarazioni false sull’età.
“Esprimiamo tutta la nostra preoccupazione per una soluzione del problema dei migranti solo in termini di respingimento, di contenimento e di ordine pubblico”. Ha affermato il segretario generale della Cei, Monsignor Giuseppe Baturi, nella conferenza stampa di chiusura dei lavori del Consiglio permanente dei vescovi italiani, rispondendo alle domande sulla stretta sui migranti del Governo. Preoccupazioni e critiche sono state espresse oggi anche dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.
Sandra Zampa senatrice Pd e prima firmataria della legge del 2017 a tutela dei minori stranieri non accompagnati.

 

Strage di Bologna, confermato l’ergastolo per l’ex Nar Gilberto Cavallini

E’ stato confermato l’ergastolo per la strage alla stazione di Bologna per l’ex Nar Gilberto Cavallini. La corte d’assise d’appello di Bologna ha confermato il verdetto di primo grado per l’ex terrorista nero per aver dato supporto materiale e logistico agli esecutori dell’attentato: Mambro, Fioravanti e Ciavardini.
La sentenza di appello, inoltre, ha accolto le obiezioni della stessa procura sulla natura della strage. La condanna di primo grado infatti si riferiva a una strage “semplice” e non “politica”. E definiva i Nar un gruppo “spontaneistico”.
Ora, con l’appello, torna chiara invece la matrice politica, eversiva e neofascista, della strage che il 2 agosto 1980 uccise 85 persone.

Paolo Morando, Giornalista e scrittore autore del libro “La strage di Bologna”

 

Viktor Sokolov fa il giro del mondo

L’immagine del comandante della flotta russa nel Mar Nero, Viktor Sokolov, sta facendo il giro del mondo.
Ucciso in un bombardamento su Sebastopoli per gli ucraini, vivo e vegeto secondo i russi.
Mistero a parte questa storia ci dice soprattutto una cosa: Crimea e Mar Nero stanno diventando un teatro sempre più importante della guerra.
Dall’inizio del conflitto Mosca ha usato le sue navi per lanciare missili sulle città ucraine e per bloccare i porti di Kyiv sul Mar Nero, così importanti per le esportazioni di cereali e quindi per l’economia ucraina.
Era stato proprio l’accordo sul grano – luglio 2022 – a ridurre la propensione all’attacco della flotta russa. L’accordo ora è saltato, da oltre due mesi – luglio 2023.
Da allora, in conomitanza con il lancio della contro-offensiva nel sud e nell’est dell’Ucraina, Kyiv ha intensificato anche le operazioni in quel quadrante, Crimea e Mar Nero.
Nelle ultime settimane sono state colpite più volte le navi militari russe, in almeno un caso anche un sottomarino.
Gli attacchi sono stati in mare aperto, nel porto di Sebastopoli e in generale in Crimea, vicino al ponte sullo stretto di Kerch.
Gli ucraini hanno usato spesso droni marini – piccole imbarcazioni cariche con 300 chili di esplosivo – ma anche missili.
Gli attacchi degli ultimi giorni sono stati preparati con una campagna per mettere fuori uso una parte dei sistemi di difesa.
Non è un caso che ieri il governatore della Crimea abbia chiesto a Mosca una protezione più efficace per la penisola.
Gli ucraini hanno anche ripreso il controllo di una serie di piattaforme un tempo usate per le esplorazioni di gas e petrolio, con la guerra diventate rampe di lancio e postazioni per i radar russi.
A confermare le difficoltà di Mosca le prime due navi cargo arrivate e ripartite nei giorni scorsi dal porto ucraino di Chornomorsk carcihe di cereali. Gli ucraini stanno cercando di rendere funzionante un corridoio nella parte più occidentale del Mar Nero, lungo la costa di due paesi NATO, Romania e Bulgaria.
I russi ovviamente conoscono bene l’importanza del Mar Nero e proprio per questo da luglio hanno bombardato a ripetizione i porti ucraini, anche quelli sul Danubio, usato come via alternativa per le esportazioni agricole.
L’Ucraina è vicina a riprendere la Crimea? No, ma vuole che per i russi diventi sempre più complicato mantenerla e allo stesso tempo ha assolutamente bisogno di recuperare accesso al Mare, dal quale dipende la sua economia.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta