Approfondimenti

Il Ddl Zan affossato da 154 senatori, la tregua dal maltempo a Catania e le altre notizie della giornata

DDL Zan Senato ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 27 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Ddl Zan è stato bloccato in Senato: 154 senatori hanno votato a favore della cosiddetta “tagliola” chiesta da Lega e Fratelli d’Italia in una votazione a scrutinio segreto che ha visto i sostenitori del testo fermarsi a 131. Ai microfoni di Radio Popolare il commento di chi, come Luca Paladini e Gabriele Piazzoni, si erano battuti per l’approvazione del testo contro l’omotransfobia. A Catania in queste ultime ore la pioggia ha dato una tregua alla città, ma la situazione potrebbe tornare critica a partire da domani. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il Senato affossa il Ddl Zan. Prova generale di quello che accadrà per scegliere il successore di Mattarella?

(di Anna Bredice)

Nemmeno il pudore di nascondere la soddisfazione. Quando la presidente Casellati ha annunciato il risultato del voto segreto, che lei stessa aveva concesso permettendo così a più di 15 franchi tiratori di affossare la legge, la solita felpata aula del Senato si è scatenata in applausi, gesti di vittoria che di solito si vedono negli stati, urla di gioia. Una scena che passerà forse alla storia, come era accaduto sempre nella stessa aula con la mortadella sventolata per celebrare la sconfitta di Prodi, perché oggi una destra compatta con l’aiuto di parecchi franchi tiratori ha festeggiato la bocciatura di un diritto, un testo che avrebbe protetto molte persone dall’odio. E chissà che il centrodestra non festeggiasse anche quello che molti, Pierluigi Bersani tra questi, indica come la prova generale di ciò che accadrà per il voto del presidente della Repubblica, dalla quarta votazione in poi: un’altra maggioranza, composta da un nucleo forte di sovranisti, a cui secondo molti già oggi si sono uniti alcuni senatori del gruppo misto non legati a nessuna componente e soprattutto Italia Viva, quel partito che in Sicilia sta già facendo accordi con Forza Italia per le regionali dell’anno prossimo. È finito così il tentativo di fare una legge contro l’omotransfobia, approvata alla Camera dei deputati un anno fa con un altro governo e maggioranza. Al Senato si sapeva che sarebbe stato molto più complicato, eppure questa mattina nel PD si facevano i conti e, chissà se credendoci oppure no, tutti garantivano che la tagliola potesse essere bocciata, ma in realtà bastava vedere l’aula, i banchi della destra, con Salvini ben presente, e quelli del Gruppo Misto pienissimi. Altrove si vedevano i vuoti a cominciare da Renzi volato a Ryad. E poi le dichiarazioni che nel corso dell’intera mattinata erano tutte rivolte a scaricare sugli altri la responsabilità e le colpe per un voto che in molti sapevano già che avrebbe cancellato definitivamente il disegno di legge Zan.

DDL Zan. Il centrosinistra ne esce a pezzi, ritornano divisioni e sospetti

(di Luigi Ambrosio)

Mentre la destra ancora festeggiava in aula la morte del Ddl Zan, la senatrice del Partito Democratico Valeria Fedeli si aggirava per il Palazzo arrabbiata e chiedeva le dimissioni della capogruppo del suo partito, Simona Malpezzi. Quando le agenzie iniziavano a riprendere la notizia, lei smentiva e ridimensionava parlando di necessità di fare chiarezza.
La chiarezza in effetti non c’è e l’esito del voto rischia di fare male al centrosinistra. Non solo perché la legge contro l’omotransfobia non c’è più. Ma perché il voto segreto ha reso palese una cosa: la coalizione non è coesa. Ed è pronta a ricominciare con le accuse reciproche, le diffidenze, i sospetti.
I primi della lista dei sospettati sono ovviamente quelli di Italia Viva. Renzi manco si è fatto vedere in aula, ha preferito andare in Arabia Saudita, che come segnale nel giorno in cui si vota una legge per i diritti civili non è il massimo. I 12 senatori di Italia Viva hanno giurato di avere votato contro la “tagliola” proposta da Calderoli. A crederci sono in pochi. Teresa Bellanova parla per il gruppo e dice che i franchi tiratori sono di Pd, Movimento 5 Stelle e Leu. Oggi, in effetti, sono mancati almeno 23 voti e quelli di Italia Viva in aula erano 12.
La senatrice Maiorino dei 5 Stelle ha attaccato il PD: “Abbiamo lasciato che le cose venissero condotte da chi ha più esperienza di noi, anche più credibilità nel mondo LGBTQ come il PD. Purtroppo questo è stato l’esito”.
Maiorino fino a oggi ha lavorato gomito a gomito alla legge Zan col PD, si può dire che un esito evidente è una delusione che ora sarà complicato ricucire.
Ma quanti sono stati i franchi tiratori del PD? Al Senato tutti dicono: nessuno. Fuori dal Senato un dirigente del partito, anonimamente, si lascia andare con Radio Popolare: “Almeno tre o quattro”. Poi aggiunge: “Ma anche nei 5 Stelle ce ne sarà stato qualcuno”.
Enrico Letta su Twitter scrive parole di orgoglio: “Oggi hanno vinto loro e i loro inguacchi, ma il Paese è da un’altra parte e presto si vedrà”. Si riferiva alla destra. O forse, non solo alla destra.

La delusione di chi si era battuto per l’approvazione del Ddl Zan

Movimenti e associazioni che in questi mesi si sono battuti per l’approvazione, con campagne e manifestazioni. Come Luca Paladini che con i Sentinelli a Milano, l’8 maggio ha portato in piazza 8mila persone dicendo “Il tempo è scaduto”. Così Paladini oggi ai nostri microfoni:

Tra le associazioni che hanno promosso la Legge Zan c’è anche l’Arcigay. Sentiamo il suo segretario generale Gabriele Piazzoni:


 

Il maltempo dà tregua a Catania, ma la situazione potrebbe tornare critica

A Catania in queste ultime ore la pioggia ha dato una tregua alla città, ma la situazione potrebbe tornare critica a partire da domani. “Ci attendiamo un peggioramento tra giovedì e venerdì” ha dichiarato oggi il capo della protezione Civile, Fabrizio Curcio, al termine di una riunione nella Prefettura di Catania. Il sindaco Salvo Pogliese ha deciso per le giornate di domani e dopo domani, 28 e 29 ottobre, la chiusura generalizzata delle scuole, degli uffici pubblici e degli esercizi commerciali non essenziali. La quantità d’acqua caduta sulla città nelle ultime 48 ore non ha precedenti. Si tratta di fenomeni estremi, sempre più frequenti, che impattano su città e territori non pronti ad affrontare situazioni del genere. Come ci spiega Sergio De Marco, geologo che si trova a Catania per monitorare la situazione:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/04 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 23/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il genocidio in Rwanda visto con gli occhi di una bambina: la storia di Mimì

    Nel 1994, Mimì aveva 5 anni. Viveva con la sua famiglia a Kigali, la capitale del Rwanda. Il 6 aprile, quando l'aereo che trasportava il presidente ruandese, Juvénal Habyarimana, e quello del Burundi, Cyprien Ntaryamira, venne abbattuto in fase di atterraggio proprio a Kigali, era in vacanza a casa dei nonni. Da quel momento i suoi ricordi sono segnati dal dolore, la confusione e la paura. Il suo è un racconto speciale, perché ci permette di guardare uno degli eventi più sanguinosi della storia dell'uomo, il genocidio del Rwanda, con gli occhi di una bambina. La sua intervista è andata in onda in due puntate nella trasmissione Terzo Tempo, tutti i sabato mattina dalle 11.00 alle 11.30 su Radio Popolare La storia di Mimì - il cui nome completo è Muhimpundu Armella - è anche una delle nove raccolte dal libro "La Famiglia" di Pietro Veronese.

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Express di martedì 23/04/2024

    Da Milano a Bruxelles, da Liverpool a Detroit, da Rio de Janeiro a Barcellona. Nuove uscite, concerti, vecchi classici e dischi da salvare. Ogni settimana, un giro del mondo della musica a bordo di Express.

    Express - 23-04-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 23/04/2024

    Nella prima parte Chawki ci presenta Back to Black, Biopic su Amy Winehouse. Nella seconda parte Jack The Smoker ci presenta il suo disco "Sedicinoni" con una lunga intervista

    Jack - 23-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 23/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che ha ospitato Stefania Rivetti, volontaria di @Animals Asia Italia per parlare di Orsi della Luna e fattorie della bile, ma anche il Gr Animali di Bianca Nogara Notarianni e scopriamo che Stefania voleva essere cavallo.

    Considera l’armadillo - 23-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 23/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 23-04-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E3

    Che fine ha fatto il Green Deal? La lobby del fossile all'assalto della transizione verde, mentre l'Europa subisce già i disastri dei cambiamenti climatici - con Monica Frassoni, presidente European Alliance to Save Energy

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E14

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Un 25 aprile Popolare oggi vi racconta Posta San Paolo a Roma e uno dei suoi protagonisti

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 23/04/2024

    Oggi a Cult: le compagnie ATIR e Generazione Disagio e le loro iniziative per il 25 aprile; la regista Martina De Polo sul film "Flora", dedicato a una partigiana bambina; l'edizione 2024 di Milano Musica comincia con "Tierkreis" di K. Stockhausen al Teatro Menotti, da un'dea di Luciano Gottardi; il libro di Gianluca Peciola "La linea del silenzio" (Solferino ed.)...

    Cult - 23-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 23/04/2024

    La fiamma e il nemico antifascista. Il legame ideologico del partito di Giorgia Meloni col passato neofascista: dai simboli ai contatti pericolosi con il mondo dell’estrema destra eversiva (Pino Rauti, il generale Gianadelio Maletti). E poi l’idea guida sull’antifascismo di Fratelli d’Italia: l’antifascismo è quello militante e con le spranghe in mano (le dichiarazioni di Meloni e Lollobrigida sono lì a dimostrarlo). A Pubblica la storica Simona Colarizi (autrice di “La resistenza lunga. Storia dell’antifascismo 1919-1945”, Laterza 2023) risponde a diversi interrogativi, a partire dal caso Scurati e dalla censura in Rai. Che cosa racconta il legame di FdI con i vecchi simboli della destra? Qual è il segno delle politiche del governo Meloni? Conservatore, reazionario o liberista? E l’antifascismo?

    Pubblica - 23-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 23/04/2024

    "La fine degli anticorpi" nella convivenza civile. L'Italia democratica è rimasta per troppo tempo distratta? A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 23-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/04/2024

    Con Don Gino Rigoldi (per trent'anni cappellano del Beccaria) ragioniamo su quanto emerso nell'inchiesta della procura di Milano sulle violenze degli agenti penitenziari nel carcere minorile e con Luigi Mastrodonato analizziamo le inchieste sui maltrattamenti e le torture in carcere e l'inazione della politica. Il 25 aprile popolare ci porta a Roma a Porta San Paolo con la storia del partigiano Persichetti. I bambini di Gaza sono lo specchio della nostra fatica a vedere l'orrore della guerra ci racconta Cecilia gentile autrice di “Bambini all’inferno”. La terza puntata di EuropaMente a cura di Alessandro Principe oggi vi racconta il Green Deal con Monica Frassoni. La lotta delle scuole civiche di Milano contro i tagli del Comune spiegata dal portavoce dell'assemblea degli studenti Michelangelo Canzi. UN 25 APRILE POPOLARE oggi vi racconta Posta San Paolo a Roma e uno dei suoi protagonisti

    Giorni Migliori – Intro - 23-04-2024

  • PlayStop

    VALERIO VARESI - ESTELLA. LA VITA STRAORDINARIA E DIMENTICATA DI TERESA NOCE

    VALERIO VARESI - ESTELLA. LA VITA STRAORDINARIA E DIMENTICATA DI TERESA NOCE - presentato da Anna Bredice

    Note dell’autore - 23-04-2024

Adesso in diretta