Approfondimenti

L’imminente invasione di Rafah, il primo via libera al premierato e le altre notizie della giornata

Rafah Gaza ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 24 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Diversi media internazionali affermano che l’’esercito israeliano è pronto ad entrare a Rafah. Negata l’audizione dei vertici di viale Mazzin alla Commissione di Vigilanza sulla censura a Scurati, anche Report è sotto attacco dopo l’inchiesta sull’Albania. Anche oggi si è avuta notizia di 3 morti sul lavoro. Al Parlamento europeo c’è stata una nuova grave provocazione dell’Ungheria sulla vicenda di Ilaria Salis. Dopo le rassicurazioni dei giorni scorsi sugli investimenti nello stabilimento torinese, Stellantis ha annunciato che l’attività produttiva della Carrozzeria di Mirafiori sarà sospesa per tutto maggio.

L’esercito israeliano è pronto per entrare a Rafah

“La crisi alimentare a Gaza è catastrofica” è quanto scrive la Fao che oggi ha pubblicato un rapporto in cui afferma che la popolazione palestinese con i suoi 2,2 milioni di abitanti è diventata la crisi alimentare più grave nella storia.
Ed oggi dopo l’Onu anche l’Unione Europea ha chiesto un indagine indipendente sulle fosse comuni scoperte nella Striscia.
Vicino all’Ospedale Nasser di Khan Yunis sono oltre 300 i corpi ritrovati.
Intanto Hamas, per fare pressioni sul Governo Israeliano, oggi ha pubblicato il video di un ostaggio . Si tratta di un giovane
israelo-americano di 23 anni rapito il 7 ottobre al Nova Music insieme ad altri amici. La madre del ragazzo è una delle figure più attive del movimento delle famiglie degli ostaggi che in queste settimane ha manifestato contro il governo Netanyahu.
In questo contesto diversi media internazionali affermano che l’’esercito israeliano è pronto ad entrare a Rafah. Nella città al confine con l’Egitto si trovano circa un milione e mezzo di profughi palestinesi fuggiti dal centro e dal nord della Striscia.
Eric Salerno giornalista e scrittore esperto di Medio Oriente

La destra alza la voce in Rai

(di Michele Migone)
Se non è un tempo record, quasi ci siamo. Dopo circa un’ora dalla fine di Radio Anch’io, Ignazio La Russa ha diramato una nota contro Giorgio Zanchini. Da quel momento, è partito il tiro al bersaglio contro il conduttore radiofonico, prima ancora che lui spiegasse di essere stato frainteso. Ma non ne ha avuto il tempo. Gli esponenti di Fratelli di Italia si sono scagliati contro di lui; non lo amano, anzi, lo detestano perché è di sinistra. Se poi a questo, sommiamo l’attacco del premier albanese Edi Rama contro Sigfrido Ranucci di Report, attacco portato attraverso una telefonata con Paolo Corsini, dirigente di Viale Mazzini organico al partito di Giorgia Meloni, e l’invito a dimettersi che il capogruppo alla Camera Tommaso Foti ha lanciato a Serena Bortone per aver chiesto spiegazioni sulla cancellazione del monologo di Antonio Scurati, il quadro è completo. I tre sotto attacco da parte di Fratelli d’Italia sono tra le ultime voci considerate dell’opposizione a Saxa Rubra. Per tutti e tre è arrivato un pesante avvertimento. Ed è arrivato a pochi giorni dalla censura di Scurati. Significa che in Rai, Giorgia Meloni non intende fare prigionieri. Che l’iniziale imbarazzo in cui si trovavano i dirigenti Rai è stato già sostituito da una forte offensiva contro le voci dissenzienti. Gli attacchi contro i tre sono la rivendicazione della presa del potere dentro la Radio Televisione di Stato da parte di Fratelli d’Italia

Il via libera al premierato della Commissione al Senato

(di Anna Bredice)
Circa un’ora prima del voto in Commissione affari costituzionali alla Camera dei deputati sull’Autonomia differenziata, un silenzioso Calderoli si aggirava in Transatlantico come se cercasse qualcuno, forse stava cercando proprio i suoi deputati, quelli della Lega, che poco dopo nella votazione di un emendamento presentato dai Cinque stelle che chiedeva di cancellare il termine Autonomia dal primo comma della Legge, nello sconcerto dello stesso Calderoli, sono mancati. Proprio loro, i leghisti, e hanno così determinato l’ok all’emendamento dell’opposizione, ci sono state urla e tensioni subito dopo perché il presidente della Commissione, avendo capito quello che era accaduto ha sospeso i lavori con l’intenzione di annullare il voto e ripeterlo. Cosa che accadrà venerdì mattina, determinando così un nuovo precedente nelle forzature e strappi delle procedure parlamentari. Questa volta su un testo, quello dell’Autonomia differenziata a cui Salvini vuole dare il turbo per approvarlo al più presto, al punto da cadere in questi errori, dovuti alla fretta, alla corsa di arrivare al via libera prima ancora del premierato di Giorgia Meloni. Oggi mentre si votava in Commissione, si doveva votare anche in Aula per il Def, non una cosa di poco conto. Meloni e Salvini si contendono due leggi che incidono come il fuoco nella natura della nostra democrazia, nei pesi e contrappesi dei poteri dello Stato da una parte e nell’unità del sistema repubblicano, che l’Autonomia di Salvini vuole spaccare, con il rischio reale di creare regioni di serie A, per soldi e servizi, e regioni di serie B. Il premierato ha avuto l’ok in Commissione al Senato e ora andrà in Aula, con l’idea di un premier eletto dal popolo che potrà sciogliere il Parlamento, togliendo facoltà e poteri al Capo dello Stato.

Per l’Ungheria Ilaria Salis è una criminale e la sua candidatura inconcepibile

Oggi al Parlamento europeo c’è stata una nuova grave provocazione dell’Ungheria sulla vicenda di Ilaria Salis, l’insegnante accusata di aver aggredito dei neonazisti durante una manifestazione a Budapest, e tutt’ora in detenzione preventiva in carcere.
Salis ha accettato di candidarsi come capolista alle elezioni europee per Alleanza Verdi e Sinistra, ed oggi era prevista una mozione dei verdi all’europarlamento sul suo caso. È intervenuta Eniko Gyori, deputata del partito di Orban, Fidesz, ex ambasciatrice dell’Ungheria a Roma, che ha definito Ilaria Salis una “criminale”.
“Se Ilaria Salis a luglio dovesse sedere all’Eurocamera, non sarebbe un problema, d’altronde in quest’aula non sarebbe la prima criminale”, le sue parole, definendo inconcepibile la sua candidatura. Il padre Roberto Salis, in conferenza stampa, ha ricordato che la figlia è imputata, non è condannata. “Se qualcuno definisce mia figlia una criminale non fa che comprovare quanto stiamo dicendo e quanto abbiamo scritto nella mozione che presenteremo in Aula. Voglio essere chiaro, il fatto che mia figlia sia una candidata non può essere un’aggravante”, ha aggiunto.

Tre morti sul lavoro in 24 ore

In perfetta media, anche oggi si è avuta notizia di 3 morti sul lavoro.
Non ce l’ha fatta Gheorghe Breahna, operaio cinquantunenne che l’8 aprile era caduto da un capannone alto 7 metri in provincia di Latina. Sempre in edilizia, sempre una caduta dall’alto. A Oppido Lucano, nel Potentino, Donato De Luca, 56 anni, è caduto dall’impalcatura nel cantiere di costruzione della chiesa del paese.
A Lograto, in provincia di Brescia, alla Dall’Era siderurgica, Matteo Cornacchia, 46 anni, è morto dopo essere stato schiacciato da una lastra metallica sganciatasi da un carroponte. I sindacati ricordano come non fosse il primo incidente in questa azienda, e denunciano due circostanze molto gravi: la carenza di manutenzione e il fatto che l’operaio, invalido all’80%, stesse operando da solo senza supervisione.

La chiusura dello stabilimento Stellantis di Mirafiori

Nuova doccia fredda per i lavoratori di Mirafiori: Stellantis, dopo le rassicurazioni dei giorni scorsi sugli investimenti nello stabilimento torinese, ha annunciato ai delegati sindacali che l’attività produttiva della Carrozzeria di Mirafiori sarà sospesa per tutto maggio, di fatto con la chiusura totale del reparto. È l’ennesimo colpo dopo gli annunci di contratto di solidarietà e cassa integrazione che di fatto proseguiranno fino a settembre. Solo due settimane fa l’amministratore delegato Tavares, che nel frattempo aveva incassato il via libera a uno stipendio di oltre 36 milioni di euro, aveva parlato di Mirafiori come “un pilastro” portando però produzioni minori come i cambi ibridi e il testaggio delle batterie. “Uno pensa di aver raschiato il fondo del barile e invece non c’è mai fine al peggio. Commenta Edi Lazzi, segretario generale della Fiom di Torino.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 29/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    0091 di giovedì 30/05/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 29-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 29/05/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda ogni mercoledì dalle 23.00 alla mezzanotte.

    Jazz Ahead - 29-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 29/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29-05-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 29/05/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 29-05-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 29/05/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 29-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 29/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 29-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/05/2024

    1- “La guerra a Gaza andrà avanti almeno fino a fine anno”. Le parole del consigliere per la sicurezza nazionale di Netanyahu sono la risposta alle pressioni internazionali per fermare l’assedio di Rafah. Nonostante le decine di morti ogni giorno, per la Casa Bianca non è ancora stata superata la famosa linea rossa di Biden, che in realtà non esiste più (Roberto Festa) 2- Ucraina. I paesi occidentali iniziano a cambiare idea sull’utilizzo delle loro armi per colpire in Russia. Diversi governi stanno dando il via libera. Secondo indiscrezioni di stampa ci starebbe pensando anche l’America. La questione lascia diverse domande senza risposta (Sabato Angieri) 3- In Sud Africa oggi le elezioni più importanti dalla fine dell’apartheid. Per la prima volta l’African National Congress rischia di perdere la maggioranza in parlamento. Pesano corruzione, criminalità, e disuguaglianze sociali (Andrea Spinelli Barile, Slow News) 4- Spagna. Nelle prossime ore il via libera definitivo all’amnistia per gli indipendentisti catalani. Un tassello fondamentale nel programma di governo di Pedro Sanchez, e anche per la sua sopravvivenza politica. La destra prepara già i ricorsi al Tribunale Costituzionale e alla giustizia europea (Giulio Maria Piantadosi) 5- Graphic Novel. Ritorno all’Algeria, il romanzo a fumetti del francese Morvandiau (Luisa Nannipieri)

    Esteri - 29-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/05/2024

    (168 - 550) Dove, dopo l'accoppiata Papa-Meloni dei giorni scorsi, abbiamo tutti un po' l'ansia da prestazione. Poi con Elisa Graci ascoltiamo, in anteprima italiana, l'ultimo singolo di Nick Cave; con Marina Catucci raccontiamo quello che succede fuori dal Tribunale di New York in attesa della sentenza Trump; con Alessandro Braga elenchiamo i premi "Rosa camuna" di regione Lombardia e infine ospitiamo Jennifer Sdrigotti, neo-campionessa del mondo di danza del ventre.

    Muoviti muoviti - 29-05-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 29/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-05-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 29/05/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 29-05-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/05/2024

    Ospite della puntata J Bernardt che ci racconta il suo ultimo disco "Contigo"

    Jack - 29-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha ospitato il grandissimo @Bruno Bozzetto che ci ha parlato del suo rapporto con gli altri animali, di Sapiens? il suo film su @raiplay, di Doggy, del libro Il signor Bozzetto, una vita animata, scritto con Simone Tempia, @rizzoli Lizard editore, di Attenti all'uomo, balcone Gallucci editore? Ma anche di @oipa e della darà di sparo su quaglie a Padulle

    Considera l’armadillo - 29-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 29/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-05-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E8

    Pnrr, economia, sviluppo: come arriva l'Unione europea alle elezioni. E cosa potrebbe cambiare. Ospite: l'economista Paolo Manasse.

    Clip - 29-05-2024

Adesso in diretta