Approfondimenti

Il fallimento della missione di Meloni a Kiev, le parole di Biden all’Alleanza Atlantica e le altre notizie della giornata

NATO ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 22 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’attacco di Zelensky a Berlusconi ieri ha reso palese il fallimento della missione di Giorgia Meloni a Kiev, col leader di Forza Italia sempre più nervoso. “Difenderemo ogni millimetro del territorio NATO”: lo ha detto Biden in occasione della riunione con i capi di governo dei paesi più orientali dell’Alleanza Atlantica. L’appello di Yevgeny Prigozhin, intanto, mostra la profondità della frattura tra l’oligarca e il ministro della difesa Shoigu e segna una nuova distanza tra il padrone della Brigata Wagner e Vladimir Putin. QF Spa, la società che aveva rilevato lo stabilimento della Gkn a Campi Bisenzio, è stata messa in liquidazione come gli operai sospettavano che sarebbe accaduto. In Cisgiordania, a Nablus, 10 palestinesi sono stati uccisi, oltre 100 i feriti durante un incursione dell’esercito israeliano.

Il fallimento della missione di Meloni a Kiev e le tensioni con Berlusconi

(di Anna Bredice)

“Uomo di pace, ci vuole la Nato”. Le battute tra i parlamentari di Forza Italia si sprecavano oggi in Transatlantico, a dissimulare però un imbarazzo creato da un contrasto ormai evidente tra Berlusconi e Meloni sull’Ucraina. Chi ci fa le spese in qualche modo, perché deve sempre aggiustare le cose, è il ministro degli Esteri Tajani, che ancora oggi dice che il suo partito ogni volta ha votato contro la Russia e a favore dell’Ucraina. Tutto questo non toglie il fatto che l’attacco di Zelensky a Berlusconi ieri ha reso palese il fallimento della missione di Meloni a Kiev, andata in Ucraina per assicurare tutto l’appoggio possibile ora e dopo la guerra, ma è tornata a casa con la conferma che Zelesnky sembra vedere nell’Italia più la parte scura, e cioè Berlusconi amico di Putin, che quella chiara, Meloni che si affanna a promettere sostegno e vicinanza a Kiev. L’Italia continua ad essere per l’Ucraina e forse per l’Europa un paese inaffidabile sul fronte della guerra tra Russia e Ucraina. La domanda su Berlusconi era abbastanza prevedibile, eppure lo stupore di Meloni nel sentire una risposta così dura di Zelensky a mezzo metro da lei, quasi ad annullare quella dimostrazione di compattezza del Paese che lei aveva garantito, sembrerebbe voler dire che la delegazione italiana non ha saputo affrontare una tale evenienza. A questo si aggiunge anche la casualità del viaggio di Biden proprio nelle ore precedenti, che ha oscurato la missione italiana, la ricerca di Meloni di un incontro con il presidente americano, risolto in una telefonata. Ora alla presidente del Consiglio restano un po’ i cocci da rimettere insieme, riparare all’offesa in cui si è ritirato Berlusconi, perché non l’avrebbe difeso abbastanza dalle parole di Zelenski, ma è possibile che il contrasto tra i due andrà avanti così non solo sull’Ucraina ma anche su tanti altri temi.

Nessun vuole che il conflitto esca dai confini ucraini

(di Emanuele Valenti)

“Difenderemo ogni millimetro del territorio NATO”. Sono le parole di Biden, questo pomeriggio, in occasione della riunione con i capi di governo dei paesi più orientali dell’Alleanza Atlantica – dai paesi baltici fino alla Bulgaria. Alcuni avrebbero preferito un impegno maggiore di Washington per la loro sicurezza, nel caso di un attacco diretto da parte della Russia.
La questione verrà probabilmente discussa al prossimo vertice NATO, in estate, ma in questa tre giorni – Biden è ripartito poco fa per Washington – il presidente americano ha fatto capire che gli Stati Uniti ci sono.
Dall’altra parte, invece, significativa la visita del capo della diplomazia cinese Wang Yi a Mosca. Wang ha incontrato il ministro degli esteri Lavrov, il segretario del consiglio per la sicurezza nazionale Patrushev e poi Putin. I due paesi hanno detto espressamente che i loro rapporti saranno sempre più profondi, non solo economicamente. E l’inviato cinese ha sottolineato come nessuno li potrà influenzare.
In Russia è anche la vigilia della festa dei difensori della patria. Putin per pochi minuti è salito sul palco di una festa allo stadio di Mosca, dove ha ringraziato i soldati che combattono in Ucraina.
Importante, infine: il ministero della difesa russo ha precisato che nonostante la sospensione del tratto New Start sulle armi nucleari Mosca continuerà a rispettare i parametri per quanto riguarda i numeri del suo arsenale.
Nonostante la crescente distanza tra i due blocchi, soprattutto tra Russia e Stati Uniti – molto chiaro in questi giorni – e nonostante i combattimenti in Ucraina siano sempre più intensi, una cosa sembra essere ancora certa: il conflitto non dovrebbe uscire dai confini ucraini. Il primo a non volerlo è Putin.

Il padrone della Brigata Wagner e Vladimir Putin sempre più distanti

(di Michele Migone)

L’appello di Yevgeny Prigozhin mostra la profondità della frattura tra l’oligarca e il ministro della difesa Shoigu e segna una nuova distanza tra il padrone della Brigata Wagner e Vladimir Putin.
Prighozin ha iniziato a perdere la fiducia di Putin dopo aver fallito nella rapida conquista di Bakhmut. Per settimane, l’oligarca aveva presentato il suo esercito personale come l’unica formazione in grado di far fare progressi bellici alla Russia. Mentre le truppe regolari dell’esercito russo e dei separatisti perdevano centinaia di uomini e terreno sotto la controffensiva ucraina, mostrando l’incapacità dei generali russi di condurre la guerra, i mercenari della Wagner erano gli unici ad andare controcorrente, avanzando sul fronte di Bakhmut.
Prighozin aveva allora iniziato ad attaccare i vertici delle forze armate e il ministro Shoigu in persona. Le prime critiche erano state fatte dai blogger vicino all’oligarca. Poi era stati lui stesso, insieme al ceceno Kadyrov, a chiederne, di fatto, la testa. Per qualche settimana, il ministro della difesa sembrava sull’orlo di essere estromesso. Poi, le cose sono cambiate.
Nell’assalto a Bakhmut, la Brigata Wagner ha perso centinaia di uomini. La sua azione ha perso slancio, il trofeo non è stato conquistato. Putin, inquieto per il peso politico che Prighozin aveva raggiunto, ne ha approfittato per riequilibrare il rapporto di forze. Le quotazioni di Shoigu – a cui Putin è molto legato – sono risalite. Progressivamente il ruolo della Wagner sul fronte di guerra è stato ridimensionato. L’esercito ha preso il posto ai mercenari, ma ne ha mutuato alcuni metodi: si parla di arruolamenti tra detenuti delle prigioni anche per le milizie filorusse.
Prighozin ha cercato di ribattere: attraverso i suoi blogger ha tentato di far scoppiare uno scandalo sulla cresta di centinaia di dollari sulle uniformi dell’esercito praticata da alcuni alti ufficiali, coinvolgendo anche Shoigu. La risposta è stata una sua ulteriore marginalizzazione e il taglio delle forniture alla Wagner.

Ex Gkn, la QF di Borgomeo in liquidazione tra la rabbia degli operai

(di Massimo Alberti)

“Più che la spugna QF ha gettato la maschera” dicono oggi gli operai ex Gkn. Perché è andata proprio come avevano fiutato fin dall’inizio, quando un anno fa la QF di Borgomeo acquisiva l’azienda. L’ipotesi che il vero obbiettivo non fosse il rilancio, di settimana in settimana si è fatta più concreta con i fatti, o meglio i non fatti, di QF che, nonostante annunci e promesse, mai ha presentato il piano industriale. Cercando invece di metter le mani sulle ricchezza della fabbrica, le macchine e l’immobile, che il collettivo ha difeso con l’assemblea permanente. Il gioco è stato chiaro prima con la fine della cassa integrazione, cioè soldi pubblici che tenevano in piedi l’azienda, cioè i suoi lavoratori. Da lì QF ha fatto sparire anche gli stipendi. Ancor più quando, con la messa in mora da parte degli operai, a fronte dei decreti ingiuntivi sono iniziati i pignoramenti dei macchinari. Ora QF gioca la carta del liquidatore per provare a spremere ancora valore dallo stabilimento, dopo aver disertato per settimane i tavoli istituzionali senza mai lo straccio di una proposta. Ora la palla è tutta nel campo delle istituzioni, che fin qui però sono state a guardare QF che cercava di far passare il tempo sperando che cedessero per logoramento i lavoratori. Che invece, grazie al territorio ed alla società di mutuo soccorso creata, ancora resistono. La regione dice che continuerà a cercare un investitore e di avere altre proposte sul tavolo, ma si deve passare dal commissariamento da parte del governo. Ipotesi condivisa dai lavoratori, che chiedono di concretizzare l’unico piano sul tavolo: quello di fabbrica pubblica integrata, per salvare subito un’eccellenza industriale, il suo patrimonio di lavoro, e non lasciare alla speculazione immobiliare l’ennesimo scheletro vuoto.

10 palestinesi uccisi e oltre 100 feriti in Cisgiordania

In Cisgiordania, a Nablus, 10 palestinesi sono stati uccisi, oltre 100 i feriti durante un incursione dell’esercito israeliano. I militari di telaviv volevano catturare 2 miliziani del gruppo armato “la Tana dei Leoni” e uno della Jiad Islamica accusati di star preparando degli attentati. I blindati israeliani sono entrati a Nablus facendosi strada tra le bancarelle del mercato e hanno circondato l’abitazione dei 3 sospettati.
I tre prima di morire hanno usato i social per lanciare i loro testamento “siamo assediati, non deponiamo le armi, preferiamo morire, qualcuno continuerà la nostra lotta”. Immediatamente sono iniziati gli scontri. I militari israeliani hanno riferito di essere stati attaccati con ordigni esplosivi e sassi ed hanno aperto il fuoco. Tra le vittime palesinesi un uomo di 75 anni e diversi giovani. “La Tana dei leoni”, di cui facevano parte due dei ricercati, è un gruppo armato emergente composto prevalentemente da giovanissimi molto arrabbiati per le ingiustizie sociali, le frustrazioni e le umiliazioni subite. E non appartanegono alle tradizionali fazioni palestinesi come Olp, Hamas e Jiad. Il rischio ora è di un’ulteriore escalation e una nuova intifada.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 22/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 22/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 22/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 22/02/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 22-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 22/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-02-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 22/02/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 22-02-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 22/02/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 22-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 22/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 22-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 22/02/2024

    1-Gerusalemme est, spianata delle moschee. A tre settimane dall’inizio del ramadan il premier israeliano Netanyahu vuole aprire un nuovo fronte. ( Chiara Cruciati) 2-Due anni di guerra in Ucraina. Ritorno a Bucha dove sono aumentati i casi di disagio mentale. ( Irma Gjinaj – Cesvi) 3-Corsa alla Casa Bianca. Nonostante tutto, Joe Biden supera Donald Trump nei sondaggi a livello nazionale. Ma come sempre saranno i singoli stati a risultare decisivi. ( Roberto Festa) 4-Repubblica democratica del Congo. Tre anni fa l’assassinio dell’ambasciatore Luca Attanasio. ( Giusy Baioini) 5-World Music. Da Lisbona il nuovo album di Lina la nuova regina del Fado. ( Marcello Lorrai)

    Esteri - 22-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 22/02/2024

    (102 - 484) Dove arriva la puntata in cui scopriamo, grazie a tre giovani ospiti in studio, quale sia il significato dell'acronimo PCTO. Poi parliamo con Alessandra Fumagalli dello studio olistico "Città del Sole" di Cornate d'Adda che ha fatto un post su Facebook in cui ha annunciato che non avrebbe più accettato clienti uomini dopo le frequenti richieste di massaggi "intimi". Chiudiamo con le proposte di modifica alla legge mille proroghe con le norme che vorrebbero ascoltatori e ascoltatrici.

    Muoviti muoviti - 22-02-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 22/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 22-02-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie 21 - 22/02/2024

    1. Right Thing - Bayonne 2. Chicago - Ekkstacy 3. Closer - Maria Chiara Argirò 4. Arde - Mont Baud 5. Tekken 2 (ft. Chaka Khan) - Bombay Bicycle Club 6. Journey - Breathe. 7. Mankind - Dandee 8. Terra Bruciata - Kiwi666 9. Down With the King - Butcher Brown 10. Plz Don’t Cut My Wings (ft. Earl Sweatshirt) -Mike

    Sapore Indie - 22-02-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 22/02/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 22-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 22/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Francesca Flati di @animal equality Italia per parlare dei polli broiler e dell'Europa, ma anche di Lupi, di @circolo ambiente Ilaria Alpi, di Canzo, di @Oipa, di @Gaia Animali & Ambiente, di @Sfattoria Degli Ultimi

    Considera l’armadillo - 22-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 22/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 22-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 22/02/2024

    Oggi a Cult: Maria Alterno, cofondatrice del progetto artistico Madalena Reversa, parla di "Salomè" in scena al FOG Festival di Triennale Teatro; Michele Mellara commenta il suo esordio letterario "Sociopatici in cerca d'affetto" (Bollati Boringhieri); il giornalista Ugo Poletti introduce "Elegia per la pace" alla Camera dei Deputati con l'Orchestra di Odessa; Eliana Rotella firma "88 Frequenze", regia di Giulia Sangiorgio, in scena al Pacta di Milano; la ribrica di lirica di Giovanni Chiodi...

    Cult - 22-02-2024

Adesso in diretta