Approfondimenti

L’autocandidatura di Draghi, bonus edilizio e truffe, la storia di Makbil e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 22 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Corsa al Colle, la mossa di Draghi spariglia tutto e mette in agitazione il centrodestra. Il premier si è, di fatto, candidato al Quirinale dicendo che in questo modo la maggioranza non si spaccherebbe e l’azione di governo potrebbe andare avanti anche se con qualcun altro a palazzo Chigi. “Abbiamo consegnato il Pnrr e creato le condizioni perché il lavoro continui, indipendentemente da chi ci sarà al governo”, le sue parole. Un colpo per Berlusconi, che cerca di stopparlo: “Deve restare a palazzo Chigi, almeno fino al 2023”. Intanto va avanti l’approvazione della finanziaria, ma con una frecciata ai partiti sul bonus edilizio del 110% sulle facciate. Nuovo balzo dei contagi e si prevedono nuove misure. Naufragio nell’Egeo, decine di persone sono date per disperse. E la storia di Makbil, un neonato di sedici giorni che ha trascorso metà della sua vita in mare, su una nave, quella di Sos Mediterranée. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il premier Draghi si autocandida e i partiti nicchiano

(di Anna Bredice)

Non si può proprio dire che la quasi autocandidatura di Mario Draghi abbia ricevuto un grande consenso, anzi, se pure tutti ne parlavano, ora che è veramente sul tavolo in molti la respingono e mai come adesso tutti mettono al centro la continuità e la stabilità del governo, con sfumature diverse, Berlusconi e Salvini i più contrari a Draghi capo dello Stato, gli altri più diplomatici. Ma in ogni caso, non c’è nessuno che gli abbia detto “va bene, sei il candidato di tutti”, come era accaduto a febbraio. Berlusconi è il più arrabbiato, era prevedibile e dopo qualche ora l’ha detto chiaramente in una telefonata agli eurodeputati, “Mario Draghi deve rimanere a Palazzo Chigi fino al 2023”. Le parole del presidente del Consiglio scombinano i progetti del Cavaliere, ma anche Salvini è stato molto chiaro, “se Draghi va al Quirinale del ‘doman non vi è certezza’. Ed è quello che teme il Pd, la maggioranza ampia che Draghi chiede per il governo il capo della Lega non la garantirà se cambieranno le cose: perché sostenere un’altra persona a Palazzo Chigi, quando invece si potrebbe uscire, tornare all’opposizione con Giorgia Meloni e pensare già alla campagna elettorale? Anche dai Cinque stelle c’è una certa irritazione, “c’è ancora tanto lavoro da fare al governo”, dicono, altroché quindi la missione compiuta annunciata da Draghi. Nel Pd poche parole ma nessun entusiasmo per questa autocandidatura, i contraccolpi sul governo e sulla legislatura sarebbero tanti e a pagarli potrebbe essere sempre il Pd, come è accaduto già in passato. Si può dire che quella sorta di minaccia fatta da Draghi, “se non c’è maggioranza ampia per il capo dello Stato non c’è nemmeno per il governo” non è piaciuta ai partiti, che solo da ora in poi potranno mettere le mani nel dossier più caldo del momento, il Quirinale e i tanti nomi che vorrebbero salirci.

Il bonus edilizio del 110% è un “grande bacino di truffe”?

(di Chiara Ronzani)

Mario Draghi ha dato un giudizio negativo del bonus edilizio del 110%, dicendo che se non fosse stato per i partiti, avrebbe voluto limitare il beneficio per i proprietari di villette. Secondo il presidente del Consiglio, la misura è stato un grande bacino di truffe. L’Agenzia delle entrate gli ha comunicato di aver bloccato crediti per 4 miliardi di euro; inoltre i prezzi dei materiali per ristrutturare sono lievitati per effetto del bonus, annullando a suo giudizio i benefici per l’ambiente. L’obiettivo della misura introdotta dal governo Conte bis era far ripartire l’economia e contemporaneamente favorire il risparmio energetico. Ha funzionato? Quanto è costato e quanto ha reso?
Secondo il rapporto Enea finora sono stati finanziati lavori per oltre 13 miliardi di euro, a cui aggiungere i 18 e mezzo stanziati. Totale 31,6 miliardi. Per intenderci, il reddito di cittadinanza è costato 19 miliardi in tre anni. Ne hanno usufruito lo 0,8% dei condomini e lo 0,5 delle villette. Di questo passo, per efficientare tutte le abitazioni ci vorrebbero oltre 2000 miliardi. I costi sono lievitati rispetto a quando lo stato finanziava solo il 50 o il 65% della ristrutturazione. Il prezzo per isolare le pareti è cresciuto di due volte e mezzo in due anni, quello di una pompa di calore di tre volte e mezzo, per una caldaia a condensazione si spende nove volte tanto. A usufruirne sono privati detentori di edifici. Più case si posseggono, più sono i vantaggi. Una quota poi, il 10% oltre il 100, va ad assicurazioni e banche, che fanno da intermediari per i contribuenti o le imprese che non hanno capienza. Si è creato lavoro, senza dubbio. Ma che lavoro? L’edilizia è un settore ad alto tasso di caporalato e lavoro nero, e a crescere sono stati gli infortuni sul lavoro. 158 quelli mortali nel solo 2021. Un settore in cui in 9 aziende su 10 tra quelle controllate sono state riscontrate irregolarità. Per cui gli incentivi sono stati introdotti nel 1997 e resi stabili dal 2011.
Si poteva fare meglio? Sì, l’economia avrebbe avuto il medesimo rimbalzo se i fondi, invece che andare a privati, fossero stati destinati all’efficientamento dei milioni di edifici pubblici che ne hanno bisogno. Quei fondi sarebbero rientrati per gli anni a venire sotto forma di risparmi energetici. Ma ancora una volta l’operazione è stata un enorme travaso di soldi pubblici in direzione di privati.

Makbil, sedici giorni di vita e la metà in mare

Makbil è un neonato di sedici giorni che ha trascorso metà della sua vita in mare, su una nave, quella di Sos Mediterranée. Fa parte delle 114 persone salvate il 16 dicembre scorso dalla Ocean Viking. A bordo ci sono 14 donne e 31 minori. 28 di questi minori non sono accompagnati, cioè viaggiano da soli, senza genitori. Da sette giorni attendono dal nostro Paese la possibilità di sbarcare a terra, in un porto sicuro. Sentiamo Valeria Taurino, la direttrice generale di Sos Mediterranée

 

Più dei morti per Hiv, malaria e tubercolosi

L’Oms ha comunicato che le vittime da Covid nel 2021 a livello globale sono state 3,3 milioni. Più dei morti complessivi per Hiv, malaria e tubercolosi nel 2020. L’Organizzazione mondiale della sanità si è anche detta preoccupata per l’impatto che potrebbe avere la variante Omicron in europa. In Gran Bretagna oggi c’è stato un nuovo record assoluto di contagi, oltre 100mila nuovi casi nelle ultime ventiquattr’ore, nonostante questi numeri per ora resta relativamente contenuto il nuomero di vittime. La Fancia dovrebbe superare i 100mila contagi giornalieri entro la fine di dicembre, ha dichiarato il ministro della Sanità francese Véran. Sempre oggi Austria e Belgio hanno annunciato nuove misure restrittive come la chiusura di bar e ristoranti alle 22. Il Belgio chiude cinema e teatri. Ultima notizia, arrivata in serata, la Food and Drug Administration americana ha dato il via libera alla pillola per il Covid di Pfizer, che diventa così il primo farmaco da poter assumere a casa contro il virus.

La Commissione europea apre una procedura di infrazione contro la Polonia

La Commissione Europea ha aperto una procedura d’infrazione contro la Polonia per le decisioni della Corte Costituzionale polacca, che violano il principio del primato del diritto della comunità europea su quello dei singoli Paesi. Ad annunciarlo è stato oggi il Commissario europeo per l’economia Paolo Gentiloni. Poco dopo è arrivata la dura risposta di Varsavia: il premier Mateusz Morawiecki ha parlato di “centralismo burocratico” della Ue, e in un tweet il ministro della giustizia polacco Sebastian Kaleta ha definito questa decisione presa da Bruxelles come “un attacco alla Costituzione polacca e alla nostra sovranità”. Su questa decisione della Commissione abbiamo chiesto un commento al professor Pier Virgilio Dastoli, esperto di diritto europeo

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi c’è stato un nuovo balzo nei contagi da Covid: 36.293 i positivi nelle ultime ventiquattr’ore, ieri erano stati 30.800. 146 le vittime oggi, 7 in meno di ieri. Il tasso di positività sale al 4,6%. In lieve calo i paziente in terapia intensiva, in aumneto i ricoveri ordinari, 163 in più rispetto a ieri. Domani si riunirà la cabina di regia del governo che deciderà nuove restrizioni. Con ogni probabilità, come anticipato dal premier Draghi, verrà introdotto l’obbligo di mascherine anche all’aperto, l’obbligo delle mascherine FFp2 in alcuni luoghi chiusi ( tra le ipotesi ad esempio i mezzi di trasporto) e dovrebbe essere introdotto l’obbligo di tampone anche per i vaccinati per partecipare a grandi eventi. Infine verrà ridotta la validità del Green Pass dagli attuali nove mesi a sei.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1473697198412079113

https://twitter.com/RegLombardia/status/1473704121605804048

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 16/04 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 16-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 16/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 16-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 16/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 16-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Nando Benigno e Nando dalla Chiesa

    Settima e ultima lezione dell’ottavo ciclo di incontri ideati dalla Scuola di formazione “Antonino Caponnetto” e realizzati insieme a Radio Popolare. Il 5 aprile 2024, nella Sala del Grechetto alla biblioteca Sormani di Milano hanno discusso di educazione alla legalità Nando Benigno, è stato insegnante e fondatore del «Coordinamento insegnanti e presidi contro la mafia», all’inizio degli anni ‘80 a Milano; e Nando dalla Chiesa, presidente della Scuola di formazione “Antonino Caponnetto”, presidente onorario di Libera e docente di sociologia della criminalità organizzata all’università Statale di Milano, autore di «La legalità è un sentimento. Manuale controcorrente di educazione civica». La lezione è stata introdotta da Giuseppe Teri, vicepresidente della Scuola Caponnetto.

    Lezioni di antimafia - 16-04-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 16/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 16-04-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 16/04/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 15-04-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 15/04/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 15-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 15/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-04-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 15/04/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 15-04-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 15/04/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 15-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 15/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 15-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 15/04/2024

    1 – Tra gli 8 e i 10 milioni di sfollati, e in prospettiva la più grave crisi umanitaria al mondo. Succede in Sudan. Oggi è un anno di guerra civile. A Esteri le testimonianze da Khartoum (Sara Milanese) 2 - Il Medio Oriente in bilico dopo l’attacco iraniano su Israele del fine-settimana. Il governo Netanyahu sta ancora valutando la sua risposta. La comunità internazionale, senza eccezioni, chiede di evitare una drammatica escalation. A Gaza intanto il conflitto continua (Ugo Tramballi, Alberto Negri) 3 – Il Congresso americano dovrebbe votare nei prossimi giorni nuovi fondi per Israele. Non è ancora chiaro se questa volta il pacchetto comprenderà le armi per l’Ucraina, dalle quali dipenderà in buona parte il futuro di Kiev 4 – Per la prima volta nella storia degli Stati Uniti un presidente va a processo. Donald Trump davanti ai giudici a Manhattan. La sua candidatura alla Casa Bianca non è però in discussione (Roberto Festa) 5- Serie TV. Fallout la nuova serie di Jonathan Nolan (Alice Cucchetti, Film TV)

    Esteri - 15-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 15/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 15-04-2024

Adesso in diretta