Approfondimenti

Un altro rinvio per la plastic tax, il vertice del centrodestra, l’andamento della pandemia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 20 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La lobby della plastica vince e dalla manovra economica scompare ancora una volta l’imposta per ridurre bottiglie e monouso. E i produttori esultano. Il centrodestra si ricompatta dopo la sconfitta delle amministrative, almeno in apparenza. La partita vera però è rimandata, e sarà quella del Viminale. L’effetto del green pass sui vaccini sembra già esaurito. Numeri alla mano, in tanti sono tornati a lavoro senza la certificazione verde. La Lettonia ha annunciato oggi un lockdown molto restrittivo, che durerà almeno un mese. Il paese baltico è il primo in Europa a vedersi costretto a misure di questo tipo davanti ad una nuova ondata molto violenta di casi di Covid 19: è uno dei paesi europei con il più basso tasso di vaccinati. Oggi la Siae ha annunciato di aver subito un attacco informatico che ha portato al furto di decine di migliaia di documenti. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Salvini attacca, Lamorgese risponde e segna con Maroni

(di Alessandro Braga)

In gergo calcistico si parlerebbe di ripartenza e gol in contropiede. Luciana Lamorgese piazza un altro tassello nella strategia di isolamento e indebolimento di Matteo Salvini. Il leader della Lega la attacca da settimane, prima per la gestione dei flussi migratori, poi per quella delle piazze no green pass, per sviare l’attenzione dai pessimi risultati delle elezioni amministrative, e lei che fa? Chiama al Viminale, a presiedere la Consulta sul caporalato, Roberto Maroni. Il curriculum di Maroni, di sicuro, giustifica tecnicamente la scelta: è stato ministro dell’interno, e anche del lavoro, ai tempi di uno dei governi Berlusconi. Scelta ineccepibile. Ma Maroni è anche una figura che Salvini può difficilmente attaccare, per quello che rappresenta per i suoi elettori. Leghista fin dalla nascita del movimento, amico di Bossi, ex segretario federale e presidente della Regione Lombardia. Insomma, immaginare Salvini che spara contro di lui è puro esercizio di fantasia. Non il viceversa invece. Maroni ha attaccato a più riprese Salvini: quando il leader leghista era al Viminale, ma anche nelle ultime settimane, per le scelte politiche su vaccini e green pass, definite chiaramente un errore. Sottolineando non a caso il fatto che i governatori della Lega non ragionavano così. Insomma, dando ragione a chi, nel Carroccio, avversa Salvini e la sua linea. I governisti alla Giorgetti insomma, che ora si ritrovano di fatto un alleato importante, al fianco di Lamorgese, la nemica numero Uno di Salvini.

Com’è andata tra Berlusconi, Salvini e Meloni

(di Luigi Ambrosio)

Berlusconi ha tenuto sì insieme il centrodestra, ma nel farlo ha fatto emergere le spaccature nel suo partito, Forza Italia. Berlusconi è corso a Roma dopo la sconfitta alle amministrative perché tra Lega e Fratelli d’Italia è scoppiata la crisi. E ha usato due collanti: no a una riforma proporzionale e linea comune sull’elezione del Presidente della Repubblica. Servono a tenere insieme la coalizione, oggi, nella prospettiva della scelta del futuro Capo dello Stato, magari proponendo Draghi per toglierlo di mezzo da Palazzo Chigi e andare al voto anticipato, e pure domani, dopo le elezioni. Il proporzionale, infatti sarebbe un liberi tutti prima e soprattutto dopo il voto. Il proporzionale è la legge che vorrebbero i fautori di un nuovo centro che tenesse dentro da Forza Italia fino a pezzi del Pd. Dicendo no, Berlusconi almeno per ora smentisce di voler far parte del progetto. E la prima prova di unità si è vista al Senato, dove Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia sono state compatte nel rigettare la mozione contro Forza Nuova del centrosinistra, proponendo un proprio testo che critica genericamente gli estremismi e la violenza. Tra parentesi, anche il centrosinistra ha da parte sua smussato i toni, nei fatti: si è passati da una mozione che impegna il governo a sciogliere Forza Nuova a un ordine del giorno che chiede al governo di valutare le modalità migliori per farlo. Come dire, “aspettiamo una sentenza della magistratura”.
Ma torniamo al centrodestra: il dissenso in Forza Italia, dopo il vertice di oggi, emerge in maniera palese. “A qualcuno l’insuccesso ha dato alla testa”, ha sbottato Osvaldo Napoli.Più pesanti le parole di Mariastella Gelmini che rappresenta la parte di Forza Italia che vorrebbe fare il nuovo centro e che, di fatto, ha denunciato che Berlusconi non è più in grado di governare il partito: “qualcuno gli racconta solo una parte della verità” ha detto.

Mancano due mesi per il 90% di vaccinati

(di Massimo Alberti)

Da ormai cinque giorni ci son più casi rispetto al giorno analogo della settimana prima. Con la crescita dei nuovi casi nelle regioni più popolose come Lombardia e Lazio, il dato incide sulla curva nazionale che ha cambiato verso. Una tendenza già emersa in regioni con meno copertura vaccinale un paio di settimane fa, puntuale a 15-20 giorni dalla riapertura delle scuole. Non a caso dal primo settembre l’incremento maggiore di casi è nelle fasce 0-9 e 10-19 anni. Il dato, col consueto paio di settimane di ritardo, influisce anche sulle curve dei ricoveri, che ha rallentato la discesa. Resta alto il dato dei morti in rapporto ai contagiati, spiegabile con una probabile sottostima dei nuovi casi. In ogni caso nulla di paragonabile ad un anno fa: in questi giorni c’era più del triplo di nuovi casi e di nuovi ricoveri. L’efficacia dei vaccini è inconfutabile. La campagna però prosegue lenta e la spinta del green pass al lavoro sembra già esaurita, e non è comunque stata così forte. La media di nuove prime dosi sui 7 giorni è stata di 57mila nelle settimana a cavallo della sua introduzione, a fronte di 52 mila delle ultime 3 settimane. E negli ultimi tre giorni le prime dosi son già tornate a calare.
Considerando solo gli over 12, i vaccinabili, siamo all’86% con almeno una dose, il 78% della popolazione generale. A questi ritmi, per arrivare al 90%, secondo i calcoli del Sole 24 ore, serviranno circa 2 mesi. E’ prevedibilmente esploso il numero dei tamponi: dai 273mila di media giornaliera pre greenpass siamo passati a 448mila. Considerata la stima di 3-4 milioni di lavoratori non vaccinati, unendo nuovi tamponi e nuovi vaccinati i conti comunque non tornano, e si può ipotizzare che una parte consistente continui comunque a lavorare senza certificato verde.

La Lettonia torna in lockdown

(di Martina Stefanoni)

Se il lockdown, almeno in Europa, sembrava solo un ricordo lontano, la situazione di alcuni paesi ci costringe a cambiare idea. La Lettonia, ad esempio, ne ha annunciato oggi uno molto restrittivo, che durerà almeno un mese. Il paese baltico è il primo in Europa a vedersi costretto a misure di questo tipo davanti ad una nuova ondata molto violenta di casi di Covid 19. “Il nostro sistema sanitario è in pericolo, l’unico modo per uscirlo è vaccinarsi”, ha detto il premier Krišjānis Kariņš. La Lettonia, infatti, insieme alla Romania che sta affrontando un’emergenza sanitaria altrettanto preoccupante, è uno dei paesi europei con il più basso tasso di vaccinati. Circa il 50% della popolazione lettone è vaccinata, e solo il 30 % di quella della Romania, che ha già dovuto interrompere tutte le operazioni e e i ricoveri non urgenti per concentrarsi solo sui casi Covid. Un discorso molto simile si può fare per la Russia, dove oggi il presidente Putin ha annunciato la chiusura di tutti i luoghi lavorativi non essenziali per una settimana, dal 30 ottobre al 7 novembre, nel tentativo di fermare la continua crescita dei contagi e dei morti, che da diversi giorni hanno superato quota mille al giorno. Anche qui, infatti, solo il 36 % della popolazione è completamente immunizzato, e la campagna fatica a procedere, bloccata da uno scetticismo verso i vaccini elevatissimo.

La lobby della plastica incassa un’altra proroga

(di Mattia Guastafierro)

Un’altra occasione mancata. La plastic tax, approvata ormai due anni fa dal secondo governo Conte, dovrà aspettare ancora. La sua applicazione era prevista nel luglio 2020, ma, complice la pandemia e la crisi del settore, non entrerà in vigore prima del 2023. E’ la quarta volta che in extremis le lobby della plastica incassano una proroga. A esultare sono la GDO, Coldiretti, Mineracqua, la federazione delle industrie delle acque minerali, e Union Plast, quella della gomma plastica. La più soddisfatta però è Assobibe. L’associazione che rappresenta le aziende delle bevande zuccherate ha ottenuto anche un altro rinvio, quello della sugar tax, sempre al 2023. Per tutte loro si era esposto niente meno che il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che solo pochi giorni si era rivolto al governo Draghi, chiedendo esplicitamente di bloccare le norme. Secondo le associazioni di categoria, la tassa sulla plastica monouso – 45 centesimi di euro per ogni chilo venduto – avrebbe pesato troppo sulle aziende, già alle prese coi rincari sui trasporti e sulle materie prime, mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro.
Eppure, a richiedere la plastic tax non sono solo gli ambientalisti. La esige una direttiva dell’Unione europea del 2019, sulla cui scia è stata formulata l’imposta italiana, messa adesso in stand-by. Lo scopo: ridurne l’impatto sugli ecosistemi e riconvertire il settore che basa il 99 per cento della produzione sul consumo di fonti fossili. Come detto da Draghi, “la transizione ecologica è una necessità”, ma per ora non passerà dalle imposte sulle imprese. Insomma, almeno per il momento, il clima può attendere.

Attacco hacker alla Siae, chiesto riscatto di tre milioni in bitcoin

Oggi la Siae ha annunciato di aver subito un attacco informatico che ha portato al furto di decine di migliaia di documenti: carte d’identità, patenti, tessere sanitarie e indirizzi che in parte sarebbero già stati messi in vendita su internet. La società che si occupa di diritti d’autore dice di aver respinto una richiesta di riscatto, 3 milioni di euro in bitcoin. L’aggressione è attribuita al gruppo Everest, un’organizzazione che finora aveva portato avanti azioni simili soprattutto in Canada. Marco Schiaffino conduce la trasmissione di Radio popolare Doppio click

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi i nuovi casi di covid sono stati 3702, 33 i morti. Non c’è stato un calo dei ricoveri in terapia intensiva, che restano stabili, sono invece aumentati di 41 i ricoveri nei reparti ordinari. Si conferma la leggera risalita iniziata alcuni giorni fa, comunque ben lontana dai numeri dell’anno scorso. Per questo Draghi ha ringraziato gli italiani “per il loro senso di responsabilità”.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1450846374862413827

https://twitter.com/RegLombardia/status/1450848196968783882

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/07 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 19/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 19-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 19/07/2024

    Quando arriva finalmente il weekend e possiamo fare mille pisolini ma anche mille balli in Balera. Puntata ricca di ospiti con i fondi di coesione europei che oggi ci portano all’interno delle scuole, la missione Manda un clown a quel paese e la super rubrica Cegna, Cegna edition.

    Poveri ma belli - 19-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di venerdì 19/07/2024

    Ospite della puntata di oggi Elena Liverani , professoressa di lingua e cultura spagnola nonché traduttrice ufficiale di Isabelle Allende. Con lei abbiamo parlato del mestiere del traduttore e del rapporto con libri e autori.

    Parla con lei - 19-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    La rotta atlantica: la traversata mortale verso l'Europa

    La rotta delle Canarie è tornata a essere una delle più mortali al mondo, con un aumento del 167% di migranti quest'anno, arrivando a circa 19.000 persone. Partendo dal Senegal o dalla Mauritania, questi migranti cercano di raggiungere le isole spagnole e successivamente l'Europa continentale. Secondo un report della ONG Caminando Fronteras, oltre 4.000 persone hanno perso la vita tentando questa traversata. La scelta di questa rotta pericolosa è dovuta alla crescente militarizzazione del Mediterraneo. Sara Dell’Acqua ha intervistato Edurne Gautxori, traduttrice della Croce Rossa a El Hierro, l'isola dell'arcipelago delle Canarie più lontana dalle coste africane.

    Clip - 19-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Attivismo & bigodini

    Attivismo & bigodini: come le parrucchiere afroamericane trasformarono i loro saloni in un luogo di potere e lotte civili. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 19-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 19/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 19-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 19/07/2024

    Oggi abbiamo parlato del discorso di Trump alla convention repubblicana e del possibile ritiro di Biden dalla corsa presidenziale con Roberto Festa. Dell’elezione di Ursula Von der Leyen grazie al voto determinante dei Vardi con Monica Frassoni. Un ricordo del G8 di Genova 23 anni dopo con Lorenzo Guadagnucci e della situazione migratoria nelle Canarie con un’intervista a una traduttrice della Croce Rossa che lavora lì

    Giorni Migliori – Intro - 19-07-2024

Adesso in diretta