Approfondimenti

La doppia strategia russa per l’Ucraina, l’accusa di utilizzo di armi non convenzionali e le altre notizie della giornata

rifugiati - blocco Ucraina ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 2 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel settimo giorno di guerra in Ucraina, le dinamiche sul campo rendono sempre più chiara la strategia di Putin: accerchiare le città più importanti del Paese. Amnesty International, intanto, denuncia l’utilizzo da parte della Russia di armi non convenzionali, mentre nel mondo la russofobia è sempre più indiscriminata e dannosa. Sabato l’Italia dirà ancora no alla guerra con una manifestazione nazionale in programma a Roma. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La doppia strategia di Putin per conquistare l’Ucraina

(di Emanuele Valenti)

Sembra chiaro come la Russia stia cercando di assicurarsi il controllo del territorio ucraino a ridosso dei suoi confini: il nord, l’est, il sud dell’Ucraina.
 In questa fascia di territorio l’obiettivo sembra il controllo diretto delle città. Da qui la battaglia per Kharkiv a est, i pesantissimi bombardamenti su Mariupol a sud, nel Donbass, e l’occupazione – quasi totale – di Khersòn, tra la Crimea e Odessa, sempre sulla costa sud ma verso ovest, verso Moldavia e Romania.
Il secondo obiettivo pare essere invece l’assedio delle grandi città. Ovviamente Kiev a nord, Odessa che già abbiamo citato a sud, ma in prospettiva anche Dnipropetrovsk a sud-est, ma verso il centro del paese, dove in queste ore molte persone sono in fuga. 
Oltretutto in quella zona i russi dicono di controllare la centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande del paese. Kiev ha solo confermato che l’impianto è funzionante.
 Questa quindi la doppia strategia russa – vedremo se dopo l’incontro delle prossime ore cambierà qualcosa – ma ricordiamo con un’intensità militare in costante aumento. Colpito ancora il centro di Kharkiv, a Mariupol il sindaco ha detto che ci potrebbero essere centinaia di vittime civili – notizia da verificare – mentre lo stesso ministero della difesa russo ha ammesso – è la prima volta – di aver perso 500 uomini. 2mila invece secondo Kiev le vittime civili ucraine.


 L’incontro ci sarà ma non è chiaro se stasera o domattina. Più probabile domani mattina presto. Dovrebbe tenersi sempre al confine tra Ucraina e Bielorussia, in territorio bielorusso. L’agenzia di stampa di Minsk ha già mostrato una stanza pronta. Le notizie arrivano quasi tutte da Mosca.
Il capo-negoziatore, Medinsky, ha detto ai media russi che la delegazione ucraina è partita da Kiev verso nord e che l’esercito russo gli garantisce un corridoio di sicurezza, perché quella è una delle zone dove si combatte. Medinsky ha poi aggiunto che si discuterà di un cessate il fuoco. 
Ci sarà anche altro sul tavolo? A tal proposito ci possono forse aiutare le parole di Lavrov: “L’Ucraina deve essere demilitarizzata – ha detto il ministro degli esteri di Mosca – e ci vuole un elenco delle armi che non saranno mai posizionate sul suo territorio”. Dall’esito di questo incontro delle prossime ore dipenderà anche lo sviluppo della strategia militare di Mosca di cui parlavano prima.

La Russia sta utilizzando anche armi non convenzionali: la denuncia di Amnesty

I russi nei bombardamenti stanno usando anche armi non convenzionali. La denuncia arriva da Amnesty International. Riccardo Nury è il portavoce italiano:

La russofobia colpisce anche l’arte: l’umanità è la prima vittima della guerra

(di Diana Santini)

La guerra spaventa e polarizza, costringendo o inducendo, a torto o a ragione, anche il mondo della cultura e dell’arte a schierarsi. Ci sono i casi limite, come lo scivolone dell’università Bicocca di Milano che ha deciso di sospendere un ciclo di quattro lezioni su Dostoevskyj per “evitare polemiche”. È stata costretta in poche ore al dietrofront dal clamore suscitato sui social, e l’eccesso di zelo è stato censurato anche dalla Ministra dell’Università Maria Cristina Messa. Ci sono poi i casi meno noti, ma pur sempre tristi, come le mancate pubblicazioni di articoli accademici e interventi su riviste con la ragione, esplicitata o meno, che l’autore, l’individuo dunque, è di nazionalità russa. Guerra all’intelligenza l’ha definita qualcuno, e non a torto. Il Teatro alla Scala ha sollevato il maestro russo Valery Gergiev dalla direzione della Dama di picche poiché ha rifiutato di prendere posizione con una dichiarazione “per la pace” e dunque implicitamente contro Putin, di cui è amico personale. È giusto chiedere a un’artista la sua opinione politica come requisito per esprimersi? È sbagliato, mentre sui civili ucraini piovono le bombe, che un sodale di chi ha deciso quella invasione diriga tranquillamente l’orchestra? Nella foga di separare i buoni dai cattivi finisce per diventare facile anche sbagliare obiettivo: è il caso del fotografo paesaggista Aleksander Gronsky, la cui esposizione a Reggio Emilia è stata disdetta dalla sera alla mattina. Gronsky in effetti è russo, ma la notizia del forfait l’ha ricevuta in carcere, dove si trovava per avere partecipato proprio a una manifestazione contro la guerra. Persino la fiera dell’editoria dei ragazzi di Bologna ha sospeso la partecipazione degli editori russi: forse per timore che si mangiassero i piccoli avventori? Ancora. Alla prossima esposizione internazionale della Triennale di Milano non ci sarà un padiglione russo: il direttore Stefano Boeri ha ritirato l’invito. Ma a scegliere gli artisti in questo caso sarebbe stato il governo russo: è una decisione che ricalca la modalità di azione del mondo dello sport, ma è anche opinabile: priva il mondo e gli spettatori di un punto di vista, prezioso proprio perché distante. L’arte in fondo fa questo, costruisce ponti e ci fa parlare, tra umani, per metafore. Ma in guerra è proprio l’umanità la prima vittima.

Tantissime adesioni per la manifestazione nazionale per la Pace a Roma

Cresce il numero di adesioni alla manifestazione nazionale per la Pace di sabato prossimo a Roma. Decine i pullman affittati in tutta Italia per raggiungere la Capitale. Franco Uda, Responsabile nazionale Diritti umani, Pace, Disarmo, Solidarietà e Volontariato Internazionale dell’Arci:

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 29-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/02/2024

    (107 - 489) Dove c'è un problema di portieri per la nazionale di calcio di San Marino. Poi c'è un ministro del'Interno Piantedosi che racconta, a suo modo, quello che è successo a Firenze e Pisa con le cariche della polizia sugli studenti. Chiudiamo con il 29 febbraio che è una scadenza importante. Quale? Ascolta il podcast e lo scoprirai.

    Muoviti muoviti - 29-02-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 29/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-02-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

Adesso in diretta