Approfondimenti

Le reazioni di PD e Lega alle parole di Mattarella, il ritorno del pubblico allo stadio e le altre notizie della giornata

sergio mattarella

Il racconto della giornata di mercoledì 19 maggio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le reazioni di PD e Lega alla riconferma di Sergio Mattarella di voler concludere il suo mandato e riposarsi. Il gip di Agrigento ha archiviato l’inchiesta a carico della comandante della nave Sea Watch, Carola Rackete. La finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus è la prima partita col pubblico in Italia dal marzo dello scorso anno. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

PD e Lega, due reazioni opposte alle parole di Mattarella

(di Anna Bredice)

Le reazioni dei due partiti principali alla riconferma di Sergio Mattarella di voler concludere il suo mandato e riposarsi, vanno in due direzioni contrarie: Enrico Letta dice che febbraio è lontano e che l’obiettivo principale di questo governo è quello di realizzare tutte le riforme necessarie per avere i soldi del Recovery plan. Matteo Salvini invece dice che Mario Draghi sarebbe un ottimo candidato al Quirinale già dall’anno prossimo. In questo modo trasforma Draghi nel candidato del centrodestra, ma ipotizzando il suo trasferimento al Quirinale, mette in mora la prosecuzione del governo fino al 2023. Due reazioni che hanno a che fare con i problemi dei due partiti e dei loro leader. Letta deve costruire l’alleanza con i Cinque stelle, un lavoro che ora è in completo stallo, Conte al momento è in una situazione ancora peggiore di quella del segretario del Pd, nel centrosinistra, quindi, ipotizzare elezioni politiche l’anno prossimo sarebbe un’eventualità negativa. Dall’altra parte, Salvini vorrebbe votare al più presto approfittando ancora del suo consenso nel centrodestra, un consenso che si assottiglia sempre di più. Chi vince tra Salvini e Meloni è anche il candidato a guidare il governo. Letta quando afferma che il compito del governo è il Recovery plan lega il destino di Draghi ancora a Palazzo Chigi, finché il piano per avere i soldi dall’Europa non sarà realizzato e sicuramente non basteranno otto mesi, ed è la stessa preoccupazione dell’Unione europea che vede solo Draghi come garante degli obiettivi raggiunti. Per questo è difficile capire che cosa accadrà l’anno prossimo, dipende da tanti fattori: a che punto sono le riforme, che cosa vorrà fare Draghi, se è possibile trovare un altro Presidente del Consiglio per arrivare al 2023, ma sarebbe il quarto governo e senza una maggioranze solida come quella attuale e infine cosa dirà Mattarella se di fronte ad un appello a salvare il recovery plan gli venisse chiesto di rimanere ancora un anno.

Il pubblico torna allo stadio. Si riparte oggi con Atalanta-Juventus

La prima partita col pubblico in Italia da marzo dell’anno scorso: questa sera alle 21.00 la finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus. Si gioca a Reggio Emilia. 4.300 persone potranno entrare allo stadio. Ma con il certificato di guarigione o di vaccinazione o con un tampone negativo.
Gli spettatori verranno spalmati nei quattro settori dello stadio. La curva Nord sarà aperta ai tifosi dell’Atalanta, la Sud per i tifosi della Juventus. Una parte dei biglietti saranno in omaggio e destinati a iniziative sociali. Il ministro Speranza ha firmato la deroga al coprifuoco a mezzanotte per gli spettatori. Per tutti gli altri, lo ricordiamo, da stasera il coprifuoco è alle 23.

Archiviata l’inchiesta a carico di Carola Rackete

Carola Rackete, caso chiuso. Il gip di Agrigento, Alessandra Vella, ha archiviato l’inchiesta a carico di Carola Rackete, la comandante della nave Sea Watch che, nel luglio del 2019, venne arrestata per resistenza o violenza contro una nave da guerra. Rackete aveva forzato il blocco, con l’ingresso di forza a Lampedusa: aveva il dovere di portare in salvo i migranti.
La Procura di Agrigento aveva chiesto non processare la comandante tedesca e il gip, che già non aveva convalidato l’arresto, ha chiuso il caso. Alessandro Gamberini, suo avvocato:


 

Tutti gli ostacoli della campagna di vaccinazione “in vacanza”

(di Omar Caniello)

Banche dati che non collimano. Personale sanitario non trasferibile. Forniture di dosi pianificate ma non ancora arrivate. Ed un eventuale redistribuzione delle fiale in base ai flussi turistici. Sono questi i principali ostacoli alle somministrazioni di vaccini tra regioni durante il periodo estivo. Ne è consapevole il commissario Figliuolo che ieri ha dichiarato «È bene che chi va in vacanza si regoli in funzione dell’appuntamento». Come dicevamo il problema principale è l’assenza di un sistema informatico capace di far parlare tra di loro le diverse piattaforme di prenotazione regionali, attualmente sei Regioni hanno adottato la piattaforma di Poste per gestire prenotazioni e richiami, mentre nelle altre ognuna ha fatto da sè. E quindi i sistemi non si “parlano”. L’altro problema riguarda la disponibilità e la redistribuzione delle dosi , Regioni a forte vocazione turistica come Sardegna, Sicilia o Puglia dovrebbero vedere triplicate le loro consegne. Una possibile soluzione potrebbe essere quella di posticipare ulteriormente la seconda dose, i tecnici del ministero della salute stanno studiando questa ipotesi che però al momento non trova l’unanimità nel comitato tecnico scientifico. Insomma la strada per il vaccino in vacanza in una Regione diversa dalla propria, ad oggi sembra molto difficile da percorrere.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 24/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 24/06/21 delle 19:50

    Metroregione di gio 24/06/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 24/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News Della Notte di gio 24/06/21

    News Della Notte di gio 24/06/21

    News della notte - 24/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 24/06/21

    A casa con voi di gio 24/06/21

    A casa con voi - 24/06/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 24/06/21

    Ora di punta di gio 24/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 24/06/21

    1. I corpi di altri 761 bambini indigeni sepolti in una scuola cattolica in Canada. Per la seconda volta in…

    Esteri - 24/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 24/06/21

    Sunday Blues di gio 24/06/21

    Sunday Blues - 24/06/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 24/06/21

    Uno di Due di gio 24/06/21

    1D2 - 24/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 24/06/21

    Considera l'armadillo gio 24/06/21

    Considera l’armadillo - 24/06/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 24/06/21

    Jack di gio 24/06/21

    Jack - 24/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 24/06/21

    Stay Human di gio 24/06/21

    Stay human - 24/06/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 24/06/21

    Uno sfregio alla rivoluzione di Franco Basaglia, l’inventore dei centri pubblici di salute mentale, lo psichiatra che guardava negli occhi…

    Memos - 24/06/2021

  • PlayStop

    Tano D'Amico, Misericordia e tradimento

    TANO D'AMICO - MISERICORDIA E TRADIMENTO - presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 24/06/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 24/06/21

    ira rubini, cult, pesaro film festival, barbara sorrentini, ranuccio sodi, operazione primavera 2021, festival gita al faro, ventonetne, fabio masi,…

    Cult - 24/06/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 24/06/21

    Settimana scorsa abbiamo parlato del difensore civico regionale, ma c’è anche un garante del comune di Milano. Cosa può fare?;…

    37 e 2 - 24/06/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 24/06/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 24/06/21

    Rassegna stampa internazionale - 24/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 24/06/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 24/06/21

    Il demone del tardi - 24/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 24/06/21

    Fino alle otto di gio 24/06/21

    Fino alle otto - 24/06/2021

Adesso in diretta