Approfondimenti

La grazia per Patrick Zaki, le commemorazioni per la strage di via D’Amelio e le altre notizie della giornata

Zaki

Il racconto della giornata di mercoledì 19 luglio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Patrick Zaki ha avuto la grazia dal presidente egiziano Al Sisi e oggi dovrebbe essere rilasciato. A Palermo oggi le commemorazioni per la strage di via D’Amelio. Sergio Mattarella firma il Ddl Nordio che contiene l’abolizione del reato di abuso d’ufficio. Oggi in Italia cinque morti sul lavoro, di cui tre vittime collegabili al caldo. Il giornalismo italiano perde Andrea Purgatori, ricordato soprattutto per il suo lavoro sulla strage di Ustica. 

Patrick Zaki graziato dal Presidente egiziano

Patrick Zaki è stato graziato dal presidente egiziano Al Sisi. Già oggi dovrebbe essere rilasciato. La madre è in viaggio verso la città ad Al Mansoura, dove il ricercatore dell’università di Bologna era stato portato ieri al termine dell’udienza di condanna pronunciata, un po’ a sorpresa dal Tribunale.
La grazia arriva dunque all’indomani di questa condanna, tre anni per un post sui social al termine di un lunghissimo processo e di molti mesi di detenzione preventiva, e arriva nel giorno del capodanno islamico, una data in cui tradizionalmente vengono in Egitto firmati provvedimenti di questo tipo.
Oggi pomeriggio al pantheon di Roma Anmesty International aveva organizzato un presidio per chiedere la liberazione del ricercatore: la buona notizia è arrivata proprio durante l’iniziativa. Lì abbiamo raggiunto per un commento a caldo Riccardo Noury.

In queste ore ci sono molti commenti e note di soddisfazione. Il rettore dell’alma mater di Bologna ha detto che la notizia riempie di gioia tutto l’ateneo. Messaggi analoghi arrivano dal mondo politico, da quello delle associazioni, da chi in questi anni ha conosciuto e sostenuto Patrick Zaki.
Il governo è invece già passato all’incasso, rivendicando la decisione del presidente egiziano come un successo dell’esecutivo. Secondo fonti anonime vicine a Palazzo Chigi, citate dalle agenzie, la liberazione del ricercatore sarebbe il frutto di una trattativa tra il governo del Cairo e quello di Roma, una trattativa che, secondo queste fonti, avrebbe avuto avuto come protagonisti Giorgia meloni, Antonio Tajani e i servizi segreti. Non è chiaro però quale sia la merce di scambio in questa trattativa. Intanto Giorgia Meloni ha detto poco fa che domani Zaki sarà in Italia.
La catena di eventi delle ultime 24 ore dice comunque molto sul funzionamento del regime egiziano e sul tipo di messaggio che ha voluto trasmettere: in studio mi ha raggiunto Chawki Senouci.

– “A chi ha voluto parlare Al Sisi con questa decisione e che conseguenze può avere?”

– “La vicenda Zaki fa parte di quel meccanismo che viene chiamata in Egitto la giustizia del telefono.
É il Presidente della Repubblica che decide la data del processo, l’entità della condanna dei dissidenti e
soprattutto se perdonarli o meno.
E ieri infatti subito dopo il verdetto il coordinatore generale del Dialogo nazionale Diaa Rashwan ha chiesto Al Sisi di graziare Patrick Zaki.
Questo perché i verdetti emessi dai tribunali per la sicurezza dello Stato non possono essere impugnati ma
il presidente può utilizzare i suoi poteri per non ratificare questi verdetti e concedere la grazia.
Come dicevamo il regime decide anche la tempistica. La condanna e la grazia a Zaki coincidono con il nuovo anno islamico.
Tutto questo per dire che il bastone e la carota sono
gli strumenti che usano spesso i dittatori arabi per umiliare i dissidenti.
Il messaggio di Al Sisi è rivolto all’interno ma anche all’Italia.
L’Egitto sta attraversando una gravissimi crisi economica che rischia di indebolire il regime. Il fatto di aver accolto l’appello del coordinatore del tavolo del dialogo nazionale può essere letto in questi ottica. Non dimentichiamo che Al Sisi
ha graziato oggi anche Mohammed El-Baqer importante avvocato dei diritti umani e difensore dell’attivista Alaa Abdel Fatah .
É anche un messaggio alla minoranza cristiana essendo Zaki un copto.
Infine può essere letto come un gesto di amicizia verso il governo italiana. ieri Giorgia meloni aveva dichiarato che l’impegno per
una soluzione positiva non è mai cessato, continua, abbiamo ancora fiducia”.
Che cosa vorrebbe in cambio Al Sisi? Non si sa ancora.
L’unica cosa certa è che il processo Regeni che vede coinvolti
alti ufficiali egiziani dà molto molto fastidio alla casta militare e allo stesso generale Al Sisi.”

Le commemorazioni per la strage di via D’Amelio

A Palermo, in via d’Amelio, alle 16 e 58 c’è stato il minuto di silenzio in memoria del giudice Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta, che a quell’ora furono uccisi 31 anni fa. I loro nomi – Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina – sono stati letti sul luogo della strage. Giorgia Meloni, che stamattina era a Palermo per delle commemorazioni istituzionali, non è andata nel pomeriggio in via d’Amelio e nemmeno stasera, per la fiaccolata a cui in passato aveva partecipato. Ufficialmente manca per essere a un’iniziativa della guardia costiera nel Lazio, ma è possibile che abbia temuto contestazioni, in particolare dopo le polemiche per la proposta del ministro della giustizia Nordio – poi bocciata pubblicamente da Meloni – di modificare il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Il presidente della repubblica Mattarella oggi ha diffuso un messaggio per l’anniversario e ha parlato delle “zone grigie” di complicità con la mafia, che quel reato contribuisce a colpire. A tutto questo si aggiunge il legame con la figura di Borsellino dichiarato dalla presidente del consiglio, che ha detto più volte di aver iniziato a fare politica il giorno dopo la morte del giudice. Nando Dalla Chiesa insegna sociologia della criminalità organizzata all’università degli studi di Milano

 

Mattarella invia alle camere il Ddl Nordio

(di Anna Bredice)
Il Capo dello Stato ha firmato il disegno di legge Nordio che contiene l’abolizione del reato di abuso di ufficio. Non poteva non farlo, perché ora è il Parlamento che deve intervenire e modificare il testo, anche dopo le sollecitazioni che Mattarella ha fatto affinché questo reato non venga abolito. La notizia, anzi, è stato il lungo tempo che il disegno di legge è rimasto al Quirinale in attesa di una firma, e forse in attesa di una rassicurazione in questo senso. E la firma è arrivata proprio nel giorno in cui lo stesso Parlamento, la Commissione per le Politiche europee alla Camera ha votato in senso contrario a ciò che il Capo dello Stato avrebbe chiesto. Ha bocciato una direttiva europea che prevede per gli Stati membri di mantenere il reato di abuso di ufficio, proprio quello che Nordio vuole cambiare. Era atteso il voto su questo punto e i consiglieri giuridici del Quirinale avrebbero fatto presente che un’abolizione del reato non solo era un brutto segnale nella lotta al malaffare, ma che era inopportuna vista la direttiva da recepire. Ci si chiede quindi quale tipo di risposta abbia ricevuto Mattarella dal governo sull’abuso di ufficio, se si considera il voto in commissione politiche europee di oggi, questo appare più uno scontro che un segnale di dialogo. Il disegno di legge comincerà il suo iter parlamentare al Senato, non c’è solo l’abuso di ufficio, ma contiene anche la stretta alle intercettazioni e una maggiore segretezza nella prima fase delle indagini. Il governo Meloni nonostante le rassicurazioni che tenta di dare, procede indifferente di fronte a strappi sempre più evidenti di alcune regole, come sta accadendo sulla delega fiscale. In Commissione al Senato non sono state accolte alcune audizioni che per l’opposizione erano importanti, tra cui quella dell’Agenzia delle entrate, soprattutto dopo gli attacchi di Salvini per il quale l’Agenzia terrebbe in ostaggi i contribuenti, un nemico quindi più che un soggetto fondamentale per lo Stato per combattere l’evasione fiscale.

Oggi cinque morti sul lavoro, tre collegati al caldo

Oggi è stata una giornata molto pesante dal punto di vista delle vittime sul lavoro: è morto stamattina un ragazzo di appena vent’anni, nel napoletano, schiacciato da un macchinario. E sempre nel napoletano è deceduto oggi, dopo un gravissimo incidente in cantiere avvenuto ieri, un uomo di 59 anni.
Le altre tre vittime di oggi sarebbero, secondo i primi rilievi, riconducibili al caldo: si tratta di un camionista, nel bresciano, trovato accasciato nel suo tir, di un operaio, trovato senza vita in un alloggio container, entrambi in provincia di Brescia. E, infine, di un altro operaio, settantacinquenne, svenuto in cima a una gru e caduto a terra.
Nei giorni scorsi l’Inps ha chiarito che oltre i 35 gradi si può, e si deve, attivare la cassa integrazione. Ma secondo i sindacati quanto messo in campo finora non è sufficiente. Sebastiano Calleri è il responsabile salute e sicurezza della Cgil.

 

Il giornalismo italiano perde Andrea Purgatori

Il mondo del giornalismo, della politica e della società civile ha salutato con attestati di grande stima Andrea Purgatori, morto oggi a 70 anni. Negli ultimi tempi il giornalista conduceva la trasmissione Atlantide su La 7, ma in passato per il Corriere della sera era stato anche inviato di guerra ed è stato autore di inchieste tra le più importanti della storia del giornalismo italiano. Lo scorso autunno era stato protagonista della docu-serie dedicata a Emanuela Orlandi, ma il lavoro per cui tutti lo ricordano è quello sulla strage di Ustica. Fin dall’inizio capì che il DC 9 Itavia non era caduto per un cedimento strutturale ma perché colpito da un missile, poi lavorò per decenni alla ricerca della verità. Oggi Daria Bonfietti, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime di Ustica, ricorda come la battaglia di Purgatori fu decisiva per contrastare i depistaggi. Una battaglia che lui stesso, come sceneggiatore, raccontò in un celebre film.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 22/05 6:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    PoPolaroid di mercoledì 22/05/2024

    Ho amato tanto la Polaroid. Vedere stampare sotto i miei occhi la foto è sempre stata una sorpresa divertente ed emozionante. Ho amato anche la bellezza dello spazio bianco intorno all’immagine, che mi permetteva di scrivere la data e dare un titolo alla foto; spesso era ispirato da una canzone. Se ci pensate bene le canzoni, come le fotografie, sono la nostra memoria nel tempo, sono il clic che fa catturare ricordi meravigliosi. A PoPolaroid accompagno la musica con istantanee sonore; sono scatti personali, sociali e soprattutto sentimentali. Con PoPolaroid ascolta e vedrai. Basil Baz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 21-05-2024

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi per la serie #ancheglianimalivotano ha ospitato Francesca Flati di @Animal Equality Italia e Simone Montuschi di @Essere Animali per parlare dei 3 punti sul Benessere Animale della piattaforma, ma anche del Film Festival La Ninna del @centro Recupero Ricci La Ninna

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

Adesso in diretta