Approfondimenti

La strage all’ospedale di Gaza, la crescente tensione in Medio Oriente, il rinvio del salario minimo e le altre notizie della giornata

ospedale Gaza ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 18 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A quasi 24 ore dalla strage dell’ospedale battista di Al Ahli di Gaza l’unica certezza sono i morti, famiglie in fuga dai bombardamenti incessanti che avevano cercato rifugio in quello che speravano essere un luogo sicuro. Il salario minimo si avvia verso un binario morto: giustificando la necessità di approfondire parere negativo del Cnel, la maggioranza ha votato il rinvio in Commissione Lavoro. I dati dell’Istat pubblicati oggi fotografano la crisi dei consumi e l’impoverimento dei salari.

Cosa sappiamo sulla strage all’ospedale di Gaza

Joe Biden è ripartito poco fa da Tel Aviv con il suo segretario di stato Antony Blinken. In questi giorni gli Stati Uniti hanno messo in campo un notevole sforzo diplomatico, i cui risultati sono però ancora poco chiari. Di sicuro Biden è arrivato nella Regione in un momento molto delicato, forse il più delicato, di questa guerra: poche ore dopo l’attacco contro l’ospedale Al-Ahli di Gaza City che ha fatto centinaia di morti.

(di Diana Santini)

A quasi 24 ore dalla strage dell’ospedale battista di Al Ahli di Gaza l’unica certezza sono i morti, famiglie in fuga dai bombardamenti incessanti che avevano cercato rifugio in quello che speravano essere un luogo sicuro. Del momento dell’esplosione non esistono immagini ravvicinate. Solo un video, girato da molto lontano, postato in rete, rilanciato nella notte da Al Jazeera, e poi geolocalizzato da CNN: si vedono una decina di razzi solcare il cielo, nel buio di Gaza sotto assedio, poi dopo un paio di secondi un lampo, infine la deflagrazione al livello del terreno. E poi ancora una esplosione più piccola, nel punto in cui presumibilmente è partita la salva dei razzi.
Le versioni ufficiali e contrapposte sulla paternità della strage sono due: quella israeliana, che attribuisce l’esplosione alla caduta per malfunzionamento di un razzo sparato dalla Jihad islamica. A sostegno di questa tesi Tel Aviv cita: il fatto che è già accaduto, almeno 450 volte dall’inizio delle ostilità, che razzi sparati da Gaza sbagliassero bersaglio. Il fatto che l’esplosione non abbia prodotto cratere, il che escluderebbe gli ordigni più comunemente usati da israele, che scoppiano al suolo. L’assenza di danni agli edifici dell’ospedale. Infine oggi il ministero della difesa israeliano ha diffuso l’audio di una conversazione tra due persone, definite membri della Jihad, che ammettono l’errore di lancio. Verificare l’autenticità di quest’ultimo documento è al momento impossibile.
Jihad islamica e Hamas sostengono invece si sia trattato di un missile sparato da Israele e sottolineano: il fatto che lo stesso ospedale sia già stato colpito due volte nell’ultima settimana, per indurre la dirigenza dell’ospedale ad evacuare la struttura, come ha confermato il Vescovo anglicano di Gaza. Il fatto che il portavoce dell’esercito, l’ammiraglio Daniel Hagari, abbia confermato che nell’area era in corso, al momento dell’esplosione, un’operazione dell’esercito di Telaviv. Infine, il fatto che a pochi minuti dalla strage un portavoce di Netanyahu, Hananya Naftali, abbia di fatto ammesso la responsabilità dell’attacco, dicendo che “Israele ha attaccato una base di Hamas dentro a un ospedale e che molti terroristi sono morti”. Il tweet è stato poi rimosso. C’è, infine, una terza possibilità: che il razzo sia stato sparato da miliziani palestinesi, intercettato dall’aviazione israeliana e poi caduto nel parcheggio dell’ospedale. E’ una possibilità, ma finché non saranno rinvenuti i detriti dell’ordigno più che ipotesi è impossibile fare.
“Le circostanze di questa catastrofe e le responsabilità rimangono oscure e dovranno essere indagate a fondo”, ha dichiarato al termine di una giornata di accuse incrociate l’inviato dell’Onu in Medioriente. Indagini difficili, in una striscia di terra in cui, in dieci giorni, sono stati ammazzati 17 giornalisti almeno. Quanto alla verità, in tempo di guerra, è stata ammazzata da un pezzo.

Un’altra giornata di raid israeliani nonostante l’arrivo di Biden a Tel Aviv

Anche oggi sono continuati i raid israeliani. Secondo le autorità locali nella Striscia dall’inizio della guerra i morti sono 3478. Oltre 12mila i feriti. Dopo la richiesta di Biden, il governo Netanyahu ha accettato di far entrare aiuti umanitari dall’Egitto. Ma le tempistiche non sono ancora chiare. In Consiglio di Sicurezza gli Stati Uniti hanno messo il veto a una risoluzione che chiedeva una tregua umanitaria. Decisione criticata da più parti. Mohammad è un cittadino palestinese di Gaza:


 

Aumentano le proteste dei cittadini del Medio Oriente in solidarietà coi palestinesi

In diversi paesi della regione ci sono state manifestazioni in solidarietà con i palestinesi e contro Israele e Stati Uniti. È successo per esempio in Giordania, Turchia, Tunisia, Iran e Libano. Il Libano – per la presenza di Hezbollah, alleato dell’Iran – potrebbe essere il primo paese coinvolto nel caso di un allargamento del conflitto. Marco Magnano è un giornalista freelance che lavora a Beirut:


 

La ritirata della maggioranza sul salario minimo

(di Anna Bredice)

Il salario minimo si avvia verso un binario morto. Questo è ciò che è accaduto oggi, ma la maggioranza che non ha il coraggio di dire che non vuole il salario minimo di 9 euro l’ora ha cercato un espediente, aggrappandosi al parere negativo del Cnel. Quindi, giustificando la necessità di approfondire quel parere, ha votato il rinvio in Commissione Lavoro. Questo vuol dire mesi e mesi ancora di buio e nessuna legge, nonostante la raccolta di firme di queste settimane abbia portato a circa mezzo milione di persone favorevoli alla legge proposta dalle opposizioni. Il rinvio in Commissione è stato votato questa mattina con 21 voti di scarto, vuol dire che anche nella maggioranza c’è un imbarazzo rispetto a quella che appare una ritirata, una fuga ma senza metterci la faccia. Anche perché tra i favorevoli al salario minimo ci sono moltissimi elettori del centrodestra, che percepiscono 4-5 euro l’ora e che avevano creduto alla promessa di Giorgia Meloni di arrivare ad una legge. Se legge ci sarà non sarà quella voluta dalle opposizioni, mai così unite negli ultimi anni su una battaglia come quella del salario minimo, dal governo forse un contentino che non spaventi gli imprenditori. “Quando si tratta di scegliere, ha detto Antonio Misiani del Pd, la destra sta sempre da una sola parte, con i più ricchi”. Le opposizioni hanno abbandonato i lavori in Commissione: avevano chiesto che fosse subito calendarizzata la proposta di legge, ma non c’è stata nessuna risposta. Per la maggioranza è meglio il silenzio e far scivolare il salario minimo in un cassetto, ma come ha ricordato Giuseppe Conte ci stanno già pensando le sentenze dei magistrati a stabilire il diritto dei lavoratori ad un giusto salario.

L’inflazione colpisce tutti. ma pesa di più su chi ha meno

(di Alessandro Principe)

La spesa delle famiglie italiane è ferma. I dati dell’Istat pubblicati oggi fotografano la crisi dei consumi e l’impoverimento dei salari. L’inflazione ha abbattuto il potere di acquisto degli italiani. Si spende di più per acquistare di meno. Un dato mostra meglio di altri la perdita di valore dei salari nell’ultimo anno. La spesa delle famiglie – dice l’Istat – è aumentata dal 2022 del 8,7%. Ma con quella spesa le famiglie stesse sono riuscite ad acquistare meno, tanto che, in termini reali, il dato è fermo, o, addirittura, è diminuito. Ed è diminuito soprattutto per i redditi più bassi. L’inflazione colpisce tutti ma pesa di più su chi ha meno. Tanto che in un anno sono cambiate anche le abitudini di acquisto: ora si risparmia anche sul cibo. Poco meno del 30% dichiara di aver limitato negli ultimi mesi la quantità o la qualità degli alimentari acquistati per risparmiare. Sopra il 30 chi spende di meno per la cura e l’igiene personale. In pratica, quasi un italiano su tre ha tagliato spese basilari, che hanno direttamente a che fare con la qualità della vita quotidiana. Questo dicono i dati Istat, mentre le stime per i prossimi mesi, come quella di Coldiretti, non prevedono cambi di scenario. Oltre al peggioramento della vita concreta delle persone, l’altra faccia di questa situazione è che i consumi restano al palo e questo influisce sull’economia del Paese: la domanda interna non traina, questo blocca la crescita e la stagnazione economica rischia di avvitarsi su se stessa.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

Adesso in diretta