Approfondimenti

Le difficoltà della strategia occidentale per fermare Putin, le violazioni dei diritti nei Cpr in Italia e le altre notizie della giornata

Cpr Italia ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 17 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Netanyahu ha incontrato i ministri degli Esteri di Regno Unito e Germania, ma ha ribadito che “Israele prenderà le sue decisioni da solo e si difenderà”. La strategia occidentale per fermare Putin non sta producendo gli effetti desiderati. Il Tavolo asilo e immigrazione, che riunisce decine di organizzazioni della società civile, ha presentato i risultati delle visite fatte due giorni fa in tutti gli otto Cpr attivi in Italia. Sta facendo discutere la decisione dell’assemblea degli azionisti di Stellantis di aumentare la retribuzione dell’amministratore delegato Carlos Tavares fino a oltre 36 milioni di euro annui.

Il livello di distruzione degli ospedali di Gaza è devastante

18 militari israeliani sono rimasti feriti in un attacco con droni e razzi partiti dal nord del Libano. 6 di loro sono in gravi condizioni. Lo ha riferito l’esercito di Tel Aviv. L’attacco è stato rivendicato da Hezbollah, il movimento filo iraniano ha affermato di aver risposto ad un bombardamento israeliano in cui sono morti alcuni suoi combattenti.
Oggi Netanyahu ha incontrato i ministri degli Esteri di Regno Unito e Germania. Sia Cameron sia Baerbock hanno chiesto ad Israele di evitare un’escalation con l’Iran. “Apprezzo tutti i tipi di suggerimenti e consigli, ma voglio che sia chiaro che Israele prenderà le sue decisioni da solo e si difenderà”, ha dichiarato il premier israeliano.
Intanto a Gaza si intensificano i bombardamenti sul nord e sul centro dell’enclave palestinese. 56 le vittime nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della guerra al 25 marzo sono stati uccisi 13mila 750 bambini, ha denunciato l’Unicef. Il direttore dell’OMS Gabryesus ha detto che il livello di distruzione degli ospedali in tutta la striscia è devastante.
Tommaso Della Longa è il portavoce della Croce Rossa Internazionale:


 

La strategia occidentale per fermare Putin non sta più funzionando

(di Emanuele Valenti)

Un bombardamento russo ha fatto almeno 17 morti e oltre 60 feriti a Chernihiv, a nord di Kyiv, a poche decine di chilometri dal confine con Russia e Bielorussia.
All’inizio dell’invasione russa la città era stata assediata dai russi per oltre un mese.
Il bombardamento ha colpito il centro della città. Secondo le autorità locali i missili hanno colpito direttamente alcuni edifici. È stato danneggiato anche un ospedale.
Zelensky ha detto che con le armi occidentali, in questo caso i sistemi di difesa, non sarebbe successo. Si tratta quindi di uno sviluppo rappresentativo. I sistemi di difesa non hanno quasi più munizioni, e infatti oggi i missili avrebbero colpito direttamente la città di Chernihiv.

Poche ore prima gli ucraini avrebbero invece colpito un’importante base aerea russa in Crimea. Non ci sono conferme ufficiali, ma i blogger militari russi, vicini al Cremlino, hanno postato diverse immagini.
Nel Donbass, quindi nel sud-est del paese, le truppe ucraine hanno perso in questi giorni altre postazioni. Tra poco potrebbero essere a rischio, raggiungibili dall’artiglieria russa, anche le città di Sloviansk e Kramatorsk. Poco più su, nell’est del paese, il sindaco di Kharkiv ha detto che senza aiuti esterni la sua città rischia di diventare come Aleppo.
Nei prossimi giorni, probabilmente nel fine-settimana, la Camera dei Deputati negli Stati Uniti proverà a votare il pacchetto di aiuti all’Ucraina, finora fermo per l’opposizione dei trumpiani. Visto lo stallo negli Stati Uniti i paesi europei stanno cercando di aumentare il loro supporto a Kyiv. La Germania ha chiesto un cambio di passo. Alcuni paesi, come Danimarca e Norvegia, hanno annunciato nuovi aiuti.

Oggi c’è anche un altra notizia significativa nell’inquadramento internazionale della guerra in Ucraina. Il Fondo Monetario Internazionale ha pubblicato le sue previsioni di crescita per l’anno in corso, il 2024. La Russia dovrebbe crescere più di tutte le economie avanzate. I numeri dicono 3,2%. Dal 2022 Mosca è sotto sanzioni molto rigide da parte dell’Occidente.
L’isolamento economico è sempre stata una delle priorità della strategia occidentale. La previsione dell’FMI dice che le cose non sono andate proprio in quella direzione.
C’è ovviamente un sistema economico, soprattutto industriale, che produce per la guerra, ma c’è anche un mondo che non è l’Occidente, che continua a fare affari con Mosca, per esempio Cina e India, che tra le altre cose comprano il petrolio russo. Se mettiamo insieme l’economia e la questione delle armi americane che non arrivano, è chiaro come la strategia occidentale per fermare Putin non stia producendo gli effetti desiderati.

 

Le violazioni dei diritti negli otto Cpr attivi in Italia

Oggi il Tavolo asilo e immigrazione, che riunisce decine di organizzazioni della società civile, ha presentato i risultati delle visite fatte due giorni fa in tutti gli otto Cpr attivi in Italia. Ispezioni che confermano le violazioni dei diritti denunciate da anni dalle associazioni per i diritti umani, e danno un’idea complessiva della situazione nei Centri per i rimpatri.

(di Andrea Monti)
Luoghi in cui le persone sono detenute senza aver commesso alcun reato e con l’unico scopo – per lo più irrealizzabile e irrealizzato – di essere rimpatriate. Luoghi-non luoghi, che assomigliano tanto a carceri, con celle stipate di persone dove il tempo non passa mai, situati per lo più lontano dalla vista dei cittadini comuni. Il Tavolo asilo descrive così i Cpr in cui sono costrette a vivere oltre 500 persone, quasi tutti uomini, la maggior parte provenienti dal carcere, quello ufficiale, ma tanti anche dalla strada o dagli sbarchi. Le nazionalità sono soprattutto africane ma anche asiatiche, con paesi come Iran e Pakistan. “Nei Centri per i rimpatri – dice il Tavolo asilo – i diritti fondamentali vengono calpestati quotidianamente. Le persone sono abbandonate a loro stesse, poco o per niente informate sui loro diritti e sul loro futuro”. Tra i problemi servizi igienici precari, l’abuso di psicofarmaci, rapporti con l’esterno “nulli o scarsi”, atti autolesionistici “all’ordine del giorno” e un numero di tentativi di suicidio definito “impressionante”. “Abbiamo trovato dei piccoli lager” ha detto il deputato Pd Matteo Orfini: le visite di lunedì sono state possibili grazie a membri del Parlamento e dei consigli regionali, tutti di opposizione, che hanno diritto a entrare nei Cpr. “Per la prima volta a fianco della società civile una parte significativa delle forze parlamentari mette in discussione questi luoghi, alla luce di 25 anni di politiche fallimentari che contano più di 40 morti dalla loro istituzione” dice il Tavolo asilo, tornando a chiedere la chiusura dei Centri per i rimpatri.

Fabrizio Coresi è esperto di migrazioni per Action Aid, che fa parte del Tavolo asilo e immigrazione:


 

31 persone detenute e 4 agenti di polizia penitenziaria si sono uccisi dall’inizio dell’anno

Un’altra notizia riguarda le carceri vere e proprie, i penitenziari. Oggi i garanti territoriali delle persone detenute hanno lanciato un appello e domani saranno davanti a carceri e tribunali, per manifestare contro i suicidi. Dall’inizio dell’anno in Italia si sono uccise 31 persone detenute e 4 agenti di polizia penitenziaria. “Servono azioni contro il sovraffollamento e più attività culturali, lavorative e ricreative” dicono i garanti. Samuele Ciambriello è il portavoce della conferenza che li riunisce:


 

Lo stipendio esorbitante di Carlos Tavares

(di Massimo Alberti)

Sta facendo discutere la decisione dell’assemblea degli azionisti di Stellantis di aumentare la retribuzione dell’amministratore delegato Carlos Tavares fino a oltre 36 milioni di euro annui, più di mille volte la paga di un operaio, proprio mentre il gruppo sta tagliando la produzione in Italia. E fa discutere però soprattutto fuori dall’Italia, dove il tema degli stipendi sproporzionati, ed ingiustificati, dei top manager è da tempo fuori controllo, senza che nessuno prenda seriamente in considerazione l’ipotesi di correttivi.
Tocca scomodare Adriano Olivetti, citato persino dal Papa davanti a Confindustria, “nessun dirigente, neanche il più alto in grado, deve guadagnare più di dieci volte l’ammontare del salario più basso”. Allora l’amministratore delegato di Fiat Vittorio Valletta guadagnava 12 volte un operaio. Marchionne era arrivato a 437 volte quello di un metalmeccanico, nel 2017, con poco meno di 10 milioni di euro. Nel 2021 Tavares era poco sotto i 20 milioni di euro, tra stipendi e bonus, 758 volte un operaio. Ma anche il doppio del capo di Volkswagen, il quadruplo di Mercedes e BMW. Parliamo di una media di stipendi dei top manager che nel 2022 l’Ocse quantificava in 649 volte quella di un operaio. Tra incentivi e bonus, l’ultima remunerazione arriva a 36,5 milioni di euro. Oltre 1.000 operai, fa notare il sindacato. [CONTINUA A LEGGERE]

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 23/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 23/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-05-2024

Adesso in diretta