Approfondimenti

Le dodici ore che hanno fatto tremare il mondo, Meloni al centro della scena al G20 e le altre notizie della giornata

Meloni G20 ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 16 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. All’indomani della notte che ha fatto tremare il mondo, Zelensky ha ribadito la richiesta alla Nato di chiudere i cieli sopra l’Ucraina, ma anche stavolta la risposta è stata negativa. Lontana migliaia di chilometri dalla propaganda dell’alleato Salvini e le sue ambiguità nei rapporti con la Russia di Putin, Giorgia Meloni cerca e ottiene di stare al centro della scena al G20. In Italia, intanto, è ancora scontro tra il Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e le navi delle Ong che effettuano salvataggi nel Mediterraneo.

Zelensky chiede alla Nato di chiudere i cieli sopra l’Ucraina

Nel pomeriggio Zelensky ha ribadito che il missile caduto in Polonia non è ucraino e ha aggiunto di aver ricevuto rapporti dal comando delle forze armate e dell’aeronautica che lo confermano.
Il presidente Ucraino ha poi affermato che il suo paese avrebbe dovuto essere autorizzato a ispezionare il luogo dell’incidente. In serata il governo di Kiev, attraverso il consigliere del presidente, Podliyak, è tornato a chiedere agli alleati occidentali di “chiudere i cieli” sopra l’Ucraina.
“Escludiamo una no fly zone, non siamo parte del conflitto” la risposta della Nato. E poco fa il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale di Washington Adrienne Watson, ha dichiarato: “Al momento gli Stati Uniti non hanno raccolto nessuna prova che contraddica la valutazione preliminare del presidente Duda secondo cui il missile esploso in Polonia era ucraino”.

La ricostruzione delle dodici ore che hanno fatto tremare il mondo

La pioggia di bombe russe, la contraerea ucraina che risponde e manda per sbaglio un missile in Polonia, Zelensky che accusa subito Mosca, la tensione che va alle stelle, poi il governo di Varsavia che frena e alla fine Biden che dice “sono stati gli Ucraini”, impedendo così l’escalation
. Ricostruita minuto per minuto la notte più rischiosa per l’Europa dall’inizio della guerra
.

(di Omar Caniello)

Sono passate da poco le 18.30 quando un reporter della polacca Radio Zet, per primo dà la notizia di “due missili russi” caduti sul suolo polacco in un villaggio a 10 km dal confine Ucraino. Circa un’ora dopo sia la tedesca Bild che l’americana Ap, che cita un funzionario dell’intelligence statunitense, confermano la notizia e parlano di due vittime. Ad essere colpito un sito dove si stoccavano cereali, aggiungono i media polacchi citando i vigili del fuoco arrivati sul posto. Dalle 20 in poi gli eventi si susseguono in modo frenetico.
Il governo polacco convoca una riunione di emergenza per le 21, la vicina Estonia con il suo ministro degli esteri afferma “di essere pronta a difendere ogni centimetro di territorio della Nato”. I media polacchi poco dopo parlano di resti di un missile russo forse abbattuto dalla contraerea ucraina. La prima reazione di Mosca è affidata la ministero della difesa che nega e parla in modo generico di provocazione mirata all’escalation del conflitto.
Sono circa le 21.30 quando Zelensky dichiara che l’attacco al territorio della Nato “è un’escalation molto significativa ed è necessario agire”. Circa 15 minuti dopo su Twitter Podoliak, consigliere del presidente ucraino, scrive che gli attacchi sul territorio polacco sono stati pianificati da Mosca. Attorno alle 22 Kiev chiede un immediato vertice della Nato.
Circa 20 minuti dopo il presidente polacco Duda, dopo aver parlato con il numero uno della Nato, Stoltenberg, afferma di star valutando l’attivazione dell’articolo 4 dell’Alleanza Atlantica e poco dopo Varsavia mette in stato di allerta il suo esercito.
Trascorrano circa due ore e mezza di tensione estrema, poi alle 22.30 la Gran Bretagna afferma che il missile caduto in Polonia è un S-300 in uso sia da parte russa che da parte delle forze ucraine come arma di difesa anti-aerea.
Alle 23.00 Kiev nega che si tratti di un suo missile ad aver colpito il territorio polacco e accusa nuovamente Mosca. All’una di notte Varsavia dichiara per la prima volta che non ci sono “prove inequivocabili” su chi ha sparato il missile in territorio polacco. Alle 3.00 del mattino a frenare ogni possibile escalation del conflitto è il Presidente degli Stati Uniti Biden “È improbabile – dice – che il missile che è caduto in Polonia sia partito dalla Russia.
Quello che è accaduto la notte scorsa dimostra ancora una volta i rischi di un’escalation del conflitto. Come ci spiega Mara Morini, docente di scienze politiche a Genova ed esperta di est europeo:


 

Giorgia Meloni al centro della scena al G20

(di Anna Bredice)

Lontana migliaia di chilometri dalla propaganda dell’alleato Salvini e le sue ambiguità nei rapporti con la Russia di Putin, Giorgia Meloni cerca e ottiene di stare al centro della scena al G20, non solo perché è l’unica leader donna, quanto perché sul conflitto tra Russia e Ucraina afferma tutto il suo appoggio alle ragioni ucraine anche dopo il missile in terra polacca. “La responsabilità dell’aggressione, ha detto Giorgia Meloni, è della Russia, anche se si trattasse di un missile della contraerea ucraina”. Più volte ha ribadito l’appoggio all’Ucraina, condividendo la necessità dell’invio di armi a Kiev per difendersi e su questo tema non cerca compromessi con l’alleato più recalcitrante, cioè il leader della Lega. Nelle prossime settimane ci sarà un nuovo invio di armi, Conte oggi ha presentato una mozione per discuterne in Parlamento e lì, probabilmente, emergeranno i distinguo di Salvino oltre che le divisioni nell’opposizione.
La guerra in Ucraina è stato uno degli argomenti più importanti al G20, ma Giorgia Meloni è apparsa più interessata a cercare alleanze e ad accreditarsi altrove: con gli Stati Uniti, in questi giorni ha più volte sottolineato l’incontro con Biden con cui ha parlato di un possibile accordo per la fornitura di gas, in sostanza ciò che non trova in Europa fa capire di cercarlo oltreoceano. In ultimo c’è stato anche l’incontro con il presidente cinese. Quindi è vero solo a metà che il G20 non è stata l’occasione per colloqui bilaterali, ci sono anche stati, ma con due leader non europei. Con Macron per ora rimane una sorta di gelo, nonostante il tentativo di Mattarella di appianare le divergenze nate dal respingimento della nave della Ong. I due non hanno mai avuto nessun colloquio al summit di Bali.

Piantedosi di nuovo all’attacco delle Ong

In un’informativa urgente oggi al Senato, il Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi si è espresso sulla questione della gestione dei flussi migratori e sullo scontro con la Francia. Il capo del Viminale ha detto che sull’immigrazione l’Italia deve “agire con fermezza”, che in Italia non si entra illegalmente e che la presenza delle ONG nel Mediterraneo è fattore di attrazione per i flussi migratori.
A Palazzo Madama Piantedosi ha inoltre accusato la nave Ocean Viking, al centro del recente caso diplomatico tra Roma e Parigi, di aver preso autonomamente la decisione di dirigersi verso la Francia. Un’accusa smentita dalla stessa ONG, che in giornata ha rilasciato un comunicato sottolineando che la scelta di approdare in Francia è stata dettata dal rifiuto dell’Italia di concedere un porto sicuro alla nave di soccorso. Ai nostri microfoni ha parlato Francesco Creazzo di Ocean Viking:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta