Approfondimenti

Il Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori, la proposta di un’Unione europea della difesa e le altre notizie della giornata

Pechino Ucraina Ursula von der Leyen commissione europea

Il racconto della giornata di mercoledì 15 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. I sindacati confermano che il governo sta per dare il via libera ad un decreto che prevede l’obbligo del Green Pass nel pubblico e nel privato. Tre giorni dopo le dichiarazioni di Enrico Letta sullo Ius Soli, il leader del Movimento 5 Stelle chiude la porta al segretario del PD. La presidente della Commissione europea Von der Leyen ha rilanciato il tema di un’Unione europea della difesa, anticipando un vertice dedicato sotto la prossima presidenza francese. L’aumento del prezzo dell’energia avrà un impatto estremamente pesante sui bilanci familiari e di chi lavora, ma rischia di essere una stangata fantasma che difficilmente si vedrà nei numeri. Oggi, intanto, in presenza del Ministro Orlando, Amazon e i sindacati confederali hanno firmato un accordo che riguarda i dipendenti diretti e gli interinali. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Von der Leyen rilancia il tema dell’Unione europea della difesa

La presidente della Commissione europea Von der Leyen – nel discorso sullo stato dell’Unione davanti all’Europarlamento – ha rilanciato un classico tema dell’integrazione europea. E lo ha fatto partendo da quello che è successo in Afghanistan.
“Quello che è accaduto – ha detto Von der Leyen – deve fare riflettere. L’Europa dovrebbe essere in grado e avere la volontà di fare di più in autonomia. Ma per farlo serve “un’Unione europea della difesa”. In passato, ha ammesso Von der Leyen, è mancata la «volontà politica» che invece ora va sviluppata.
Inoltre, per la Von der Leyen, “è essenziale migliorare la cooperazione in materia di intelligence”. Questi temi saranno sviluppati, ha anticipato, sotto la presidenza francese con un vertice dedicato alla difesa UE.
La creazione di una politica comune di difesa europea, che passerebbe per forza di cose dalla creazione di forze armati comuni, come si diceva, è un grande tema che ciclicamente torna: basti pensare a Valery Giscard d’Estaign.
Ma non se ne è mai fatto niente, o quasi. Motivi politici: la presenza ingombrante della Nato. E ragioni economiche: gli enormi investimenti che sarebbero richiesti agli Stati. Certo, si sono fatti alcuni passi, ma comunque si è rimasti a forme di collaborazione e non certo a una vera politica di difesa comune, e nemmeno a una politica estera europea.
Ora la crisi afghana ha rilanciato la questione. Il ritiro unilaterale delle truppe statunitensi ha evidenziato ancora una volta la forte dipendenza dell’Europa dalla politica estera e di sicurezza di Washington.

Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori: il decreto è in arrivo

(di Anna Bredice)

I sindacati confermano che il governo sta per dare il via libera ad un decreto che prevede l’obbligo del Green Pass nel pubblico e nel privato, anche se gli stessi sindacati a Draghi hanno espresso la loro richiesta principale, che non è il Green Pass ma l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori. Una proposta che Draghi, racconta il segretario della Cgil Landini all’uscita dall’incontro, per ora non prende in considerazione. Se ci sarà l’obbligo di mostrare il certificato verde all’ingresso delle aziende, ma non è confermato che sia sicuramente domani l’approvazione di questa parte, la Cgil, ma anche gli altri sindacati, pretendono che i tamponi a quel punto siano gratuiti, “i lavoratori non devono pagare per entrare nel posto di lavoro“, dice Landini. Ma questo è un nodo che ancora non è sciolto, perché se il dipendente non paga a farlo dovranno essere o le aziende o il ministero della Sanità e, seconda questione, la gratuità del tampone toglierebbe efficacia alla campagna vaccinale. Ma il governo, in particolare Draghi, va per la sua strada, ha anticipato la convocazione delle parti sociali ad oggi, ma ai sindacati non ha ancora detto se il via libera avverrà domani, sicuramente il provvedimento entrerà in vigore entro fine ottobre. Ma ci sono ancora alcuni aspetti da definire: quali sanzioni applicare? Il segretario della Uil ha chiesto al governo che non si arrivi al licenziamento del lavoratore che non ha il certificato e ha assicurato che il governo ha dato garanzie in questo senso, si potrebbe applicare quindi una sospensione del lavoro senza retribuzione fino a quando ci sarà lo stato di emergenza, ma nel caso un datore di lavoro facesse entrare un dipendente senza green pass che sanzioni ci sarebbero per entrambi? Sono alcuni aspetti su cui sono al lavoro a Palazzo Chigi, dove si accelera verso un decreto legge già nelle prossime ore, sicuramente per la parte del pubblico impiego, si vedrà se anche per tutti gli altri lavoratori.

Conte chiude la porta a Letta sullo Ius Soli

(di Luigi Ambrosio)

Conte stoppa Letta sullo Ius Soli. Adesso per Letta è un problema.
Sono passati appena tre giorni da quando il segretario del PD aveva ribadito che lo Ius Soli deve essere approvato. E ora l’alleato del PD, il Movimento 5 Stelle, chiude la porta.
Le parole di Conte per dire no alla legge sulla cittadinanza per i figli degli stranieri nati in Italia sono un capolavoro di contorsione: “In questo momento lo Ius Soli non è all’ordine del giorno perché non stiamo discutendo di questo durante questi giorni”. Conte promette che promuoverà una conferenza nazionale sul tema e chiede un dibattito con la popolazione. Insomma, meglio non forzare su temi che potrebbero essere impopolari e certamente non in campagna elettorale.
La scorsa settimana lo stesso ragionamento, evitare di discutere in campagna elettorale di temi che potrebbero creare problemi politici, era stato usato da Monica Cirinnà del PD per giustificare il rinvio sine die della discussione sulla legge Zan contro la omotransfobia.
Non solo Conte e il Movimento 5 Stelle. Sui diritti delle persone anche nel PD c’è chi preferisce evitare rischi, soprattutto quando le urne si avvicinano. Rischi presunti naturalmente, immaginando che gli elettori non gradirebbero. Chi è in difficoltà è Letta che trova opposizioni dentro il suo partito e nel principale alleato.
E per il futuro si può immaginare che i problemi aumenteranno visto che ancora di fatto la discussione politica non è iniziata, a parte qualche presa di posizione personale, sui due quesiti referendari che stanno raccogliendo centinaia di migliaia di firme: l’eutanasia legale e la depenalizzazione della cannabis.

La stangata fantasma in arrivo sul potere di acquisto di stipendi e retribuzioni

(di Massimo Alberti)

L’aumento del prezzo dell’energia avrà un impatto estremamente pesante sui bilanci familiari e di chi lavora. Non solo per le bollette di ogni singola utenza, e più in generale sull’aumento dei prezzi che innescherà per tutti i beni che con l’energia si producono, e che verosimilmente verranno scaricati sugli utenti finali. Ma nel complesso la legnata sarà sul potere di acquisto di stipendi e retribuzioni, in assenza di meccanismi di adeguamento automatici, ed a causa dei sistemi di rinnovo contrattuale. E sarà una stangata fantasma, che difficilmente si vedrà nei numeri. Se il paniere Istat, che comprende il costo dell’energia, segnalerà questa crescita, la parola da conoscere è IPCA. L’IPCA è l’indice europeo che monitora l’andamento dei prezzi, al netto dei costi dell’energia, ed è il riferimento dei rinnovi contrattuali.
Prendiamo ad esempio un contratto appena rinnovato come quello metalmeccanico firmato dai confederali: 112 euro lordi che non solo non tengono conto degli aumenti precedenti, ma che sarà eroso in modo consistente dai pesanti aumenti energetici che ci aspettano. Di cui il primo è stato proprio a giugno. Attualmente sono in attesa di rinnovo 39 contratti per circa 7,3 milioni di lavoratori e il 57,9% del monte retributivo complessivo. Basandosi sull’IPCA, a fronte dell’aumento dei beni energetici prospettato, di fatto partono già in perdita. Per non parlare di quanto inciderà su chi un contratto non ce l’ha. A questo si aggiunge un rischio: le imprese che per ragioni di mercato non potranno scaricare sul prezzo finale l’aumento dei costi di produzione, dove lo scaricheranno? Ancora sui salari? Per le parti più deboli della popolazione gli aumenti dell’energia sono tema cruciale. In Spagna il governo di Podemos e socialisti lo ha capito ed già intervenuto subito. Cosa aspetta quello italiano?

Cosa prevede l’accordo tra Amazon e i sindacati

(di Diana Santini)

Benvenuti in un paese normale, dove un’azienda che impiega decine di migliaia di persone riconosce il ruolo del sindacato e lo strumento della contrattazione collettiva, nazionale e locale, nella gestione dei propri stabilimenti. Eppure c’è voluto uno sciopero, quello del marzo scorso, il coinvolgimento del ministero del lavoro e mesi di discussione. Il protocollo però oggi è realtà, e almeno sulla carta, le intenzioni sono buone. Amazon e i sindacati confederali hanno firmato, alla presenza del ministro Orlando, un accordo che prevede: momenti di confronto periodico, condivisione delle strategie di sviluppo aziendale, verifica delle opportunità di formazione per i lavoratori, monitoraggio degli andamenti occupazionali, dei percorsi di crescita e continuità occupazionale. L’accordo riguarda i dipendenti diretti e gli interinali, circa 20mila persone. Non è invece ancora arrivato a conclusione il tavolo con le società di trasporto che lavorano in esclusiva per il colosso di Jeff Bezos, 82 aziende riunite nella sigla Assoespressi per un totale di 15/16mila addetti. E poi ci sono tutti i lavoratori dei corrieri esterni: Poste, Fedex, SDA e via dicendo: per ora il tema della filiera non è stato affrontato. C’è un ultima osservazione da fare: Amazon si impegna a rispettare il contratto nazionale della logistica, rinnovato quest’estate, che però non è certo il paradiso in terra: a fronte di un aumento salariale lordo davvero contenuto, nessun miglioramento è stato ottenuto sul piano dell’organizzazione del lavoro. Il quadro di riconoscimento reciproco comunque da oggi c’è: è il primo a livello europeo e per i sindacati il lavoro difficile inizia ora: turni, mansioni, retribuzione straordinari. Da adesso, se non altro, si tratta, e c’è già un primo appuntamento, il 24 settembre, per cominciare a entrare nel merito.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 15:32

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Parla con lei di venerdì 12/07/2024

    PARLA CON LEI: a tu per tu e in profondità con donne la cui esperienza professionale e personale offre uno sguardo sul mondo. Con Serena Tarabini.

    Parla con lei - 12-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Il murale per Michela Murgia che non piace agli integralisti cattolici

    L'intervista di Roberto Maggioni a Laika, street artist e autrice del murales dedicato alla scrittrice Michela Murgia, sulla facciata del V Municipio a Roma

    Clip - 12-07-2024

  • PlayStop

    Matrilineare - Ep. 5 - Madri, Figlie, Figlie, Madri

    Matrilineare. 5 episodi sul cantautorato femminile, a cura di Piergiorgio Pardo. “Matrilineare” è il titolo di una suggestiva raccolta curata dai C.S.I. nel ’96, in cui un’Italia rurale persa nel tempo e un’altra contemporanea, di estrazione indie-rock, si fondevano lungo il filo rosso del matriarcato. Una provocazione che coinvolgeva anche i talenti, emergenti all’epoca, di Cristina Donà e Ginevra di Marco e si rivolgeva al genere maschile singolare per eccellenza del pop italiano: il cantautorato. Dati alla mano, il cantautorato in Italia continua a distinguersi in fatto di gender gap. Eppure il cammino della nostra canzone d’autore è disseminato di piccoli gioielli di pensiero femminile e divergente. Matrilineare, appunto. Conduce fino ad oggi e vale la pena raccontarlo.

    Matrilineare - 12-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Trump” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    Lo spartiacque del 2016, e tutto quello che lo riguarda. C'è Trump, ci sono eventi ben più seri come il cucchiaio di Pellè, ma c'è anche una generazione di musicisti hip-hop che ha cambiato tutto quello che è venuto dopo.

    IconZ - 11-07-2024

Adesso in diretta