Approfondimenti

Il Meloni-pensiero su migranti, Europa e ambiente, i tanti dubbi sulla riforma del fisco e le altre notizie della giornata

Meloni Camera ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 15 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. “Sui migranti abbiamo la coscienza pulita, diversamente da chi specula sulle tragedie e tace sulla mafia degli scafisti”: Giorgia Meloni inaugura il suo primo question time alla Camera con un durissimo attacco all’opposizione. L’altro tema economico forte di queste ore è la riforma del fisco, che domani andrà in Consiglio dei Ministri: l’unica certezza è che il governo vuole ridurre la progressività del sistema fiscale, andando verso la flat tax. All’indomani dello scontro tra un drone statunitense e un jet russo, i negoziati per il rinnovo dell’accordo sul grano, in scadenza nel fine settimana, non si sono interrotti.

Il Meloni-pensiero su migrazione, Europa e ambiente

(di Diana Santini)

“Sui migranti abbiamo la coscienza pulita, diversamente da chi specula sulle tragedie e tace sulla mafia degli scafisti”: Giorgia Meloni inaugura il suo primo question time alla Camera con un durissimo attacco all’opposizione: l’accusa è di collusione con i trafficanti di esseri umani. L’interrogazione, firmata da Riccardo Magi di +Europa, mirava a chiarire le circostanze dell’ennesimo naufragio nel mediterraneo, quello dell’alba di domenica in acque SAR libiche. Sulla dinamica dei fatti, la Presidente del Consiglio si è limitata a riportare le parole del capo del centro di soccorso della guardia costiera D’Agostino: una versione ufficiale, fredda, burocratica. Sui morti non una parola, solo una cinica considerazione: finché ci saranno partenze, ci saranno morti.
Ma il question time di oggi è stato l’occasione per snocciolare il Meloni-pensiero anche su altri temi. Innanzitutto il rapporto con l’Europa: “Finche sarò a capo di questo governo l’Italia non accederà mai al MES”, dice Meloni. E le decisioni europee non possono essere accolte con quello che definisce appiattimento acritico.
E poi l’ambiente. L’approccio, mette subito le mani avanti la premier, deve essere pragmatico e non ideologico. E quindi niente direttiva sulle case green: danneggerebbe il nostro tessuto economico. Quanto alle emissioni e alle misure messe in campo dal governo per centrare gli obiettivi di decarbonizzazione, anche qui la parola d’ordine è gradualità per evitare la deindustrializzazione dell’Italia. Insomma, ambiente e transizione energetica possono aspettare.

La riforma del fisco arriva in Consiglio dei Ministri

(di Massimo Alberti)

L’altro tema economico forte di queste ore è la riforma del fisco, che domani andrà in Consiglio dei Ministri. Mancano ancora dettagli fondamentali e ad oggi, l’unica certezza, è che il governo vuole ridurre la progressività del sistema fiscale, andando verso la flat tax. I sindacati che ieri hanno incontrato il governo, che non ha fornito ulteriori dettagli, e la CGIL oggi si mette a capo dell’opposizione alla riforma. Il segretario Maurizio Landini, aprendo il congresso della CGIL, ha definito quella sul fisco “la madre di tutte le battaglie”, invitando alla mobilitazione unitaria con Cisl e Uil per chiedere il ritiro della riforma.
Sono dunque impegnative le parole del segretario CGIL Landini nella relazione al congresso che vede nell’imminente riforma il segno generale delle politiche economiche inique del governo. “Senza escludere nessuno strumento”, ha aggiunto Landini su una mobilitazione per ora sulla carta ma che potrebbe riportare ad un’unità anche con la Cisl, che almeno a parole pare piuttosto arrabbiata. Il punto è come recepirà questa posizione la sua base, con un bel pezzo di mondo operaio che soprattutto al nord ha votato la destra al governo anche sulla promessa di meno tasse.
Ad oggi la riforma è una cornice ideologica da riempire: sul fronte IRPEF la bozza indica l’obbiettivo di legislatura nel massimo della redistribuzione al contrario, la Flat Tax, da raggiungere gradualmente. Il primo passaggio potrebbe essere, in continuità col governo Draghi, la riduzione delle aliquote, a 3. Come saranno suddivisi gli scaglioni farà grande differenza, ed ancora non è chiaro. Ma le diverse ipotesi circolate hanno un punto comune: favoriscono di più i redditi alti. A far la differenza sarà anche l’altra parte mancante, il riordino delle detrazioni,che contribuirebbe a finanziare la riforma insieme al taglio di reddito di cittadinanza e crediti del superbonus. Non dovrebbe toccare le spese sanitarie e per la casa, e favorire le famiglie con figli. Non si toccano invece le rendite, anzi, si apre al fatto che le detrazioni siano possibili sulle imposte sostitutive.
Se da una parte c’è un sindacato piuttosto arrabbiato, che contesta alla radice la riforma fiscale. Dall’altra ci sono le imprese e confindustria, che invece plaudono alla delega che il governo sta per portare in consiglio dei ministri ed in parlamento. Se sull’Irpef ci sono ancora parecchie incertezze su quali saranno i reali contenuti, al di là della tendenza alla flat tax, che ovviamente agli imprenditori non dispiace affatto, qualche certezza in più c’è su come cambierà la tassazione delle imprese. Beh, sarà più bassa.
Sappiamo che il governo ha annunciato una sforbiciata alle 740 agevolazioni fiscali per le imprese, che da sole valgono 128 miliardi circa. Ma questa sforbiciata sarà ampiamente ricompensata da: intanto un taglio dell’Ires, la tassa sui profitti delle imprese,che gli studi ci dicono in Italia, essere i più alti in Europa a scapito dei salari.
Il governo, in questo caso, metterà lui quei soldi che dovrebbero appartenere all’abc del rischio di impresa, attraverso sgravi sugli investimenti. L’altra promessa è il taglio dell’Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive. Con la sua abrogazione si va di fatto a levare il canale con cui le imprese finanziano la sanità pubblica, che garantisce alle regioni entrate immediate per 17 miliardi. Nel complesso si tratterebbe di fatto di un taglio di tasse alle imprese e di un aumento dei loro profitti, finanziato con la spesa sociale, da quella sanitaria, ai sussidi alla povertà, come il reddito di cittadinanza. Meloni lo aveva detto, che avrebbe tolto i soldi ai più poveri per darli agli imprenditori. Lo sta facendo davvero.

Il negoziato sul rinnovo dell’accordo sul grano continua

(di Emanuele Valenti)

Evitare in tutti i modi un’escalation internazionale. Evitare che il conflitto esca dai confini ucraini. È stato questo, fin dal 24 febbraio dello scorso anno, uno dei principali obiettivi di russi e americani. Nonostante i rapporti tra Mosca e Washington siano ai minimi storici, le due parti ci sono riuscite.
Certo, il contesto non aiuta. Le comunicazioni ormai sono per lo più tecniche. La fiducia reciproca è ovviamente sparita. E poi ci sono le armi occidentali all’Ucraina e la geografia, con alcuni paesi NATO ai confini del territorio dove si sta combattendo.
Quindi i rischi ci sono. E sono stati ben evidenti con la vicenda del drone americano precipitato ieri nel Mar Nero. Le due parti mantengono versioni opposte sul contatto tra il velivolo e i caccia russi. E il capo del Pentagono, Austin, ha precisato che gli Stati Uniti continueranno a volare dove permesso dal diritto internazionale.
Ma una dichiarazione del Dipartimento di Stato, nel tardo pomeriggio, conferma quanto abbiamo detto: probabilmente da parte russa non si è trattato di un atto intenzionale. Tradotto, un incidente.
In questo clima riuscire a mantenere aperti e operativi i canali di comunicazione è piuttosto difficile. Il test di questi giorni è il rinnovo dell’accordo sul grano, che scade nel fine settimana. La Turchia, che sta mediando con le Nazioni Unite, ha confermato oggi che il negoziato continua. I russi sono disposti a un rinnovo solo per 60 giorni, due mesi. Gli ucraini lo vorrebbero di un anno.

Olimpiadi invernali: Lombardia, Veneto e Piemonte si contendono il pattinaggio veloce

(di Fabio Fimiani)

È una competizione a tre Lombardia, Veneto e Piemonte per ospitare le gare del pattinaggio veloce delle Olimpiadi invernali del 2026.
Si è infatti aggiunta anche l’ipotesi di adattare il velodromo di Spresiano, in provincia di Treviso, dopo quella di Milano e Torino.
La rinuncia di Baselga di Pinè, in Trentino, ha fatto subito iniziare la disputa, in primis a due, tra la Fiera di Milano e l’Oval di Torino, entrambe strutture espositive, con la seconda già usata per i giochi del 2006.
Contro l’ipotesi di Torino c’è stato subito l’asse Comune di Milano – Regione Lombardia. Le due istituzioni sono unite nel voler ospitare la competizione del pattinaggio veloce, lo short track, in un padiglione della Fiera di Milano e non voler far rientrare Torino nella competizione del 2026. La città si auto escluse sei anni fa a 15 giorni dalla presentazione della candidatura italiana al Cio, il comitato olimpico internazionale. [CONTINUA A LEGGERE]
 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/04 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/04/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 20/04/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 20-04-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/04/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-04-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 20/04/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 20-04-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 20/04/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 20-04-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 20/04/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 20-04-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 20/04/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 20-04-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 20/04/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 20-04-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 20/04/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 20-04-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 20/04/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 20-04-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 20/04/2024

    con Costanza Quatriglio sul documentario "Il cassetto segreto"; Vanina Lappa su "In nessun posto al mondo"; Simona Bosco Ruggeri con "Il paese dei jeans in agosto". Mauro Gervasini presenta il 72° Trento Film Festival. Tra le uscite: Civil War di Alex Garland; Non volere volare di Hafsteinn Gunnar Sigurosson; Cattiverie a domicilio di Thea Sharrock; Back to black di Sam Taylor Johnson; Vita da gatto di Guillaume Maidatchevsky; Brigitte Bardot forever di Lech Majewski.

    Chassis - 20-04-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/04/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-04-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 20/04/2024

    Il "Festival del Contrabbando culturale", in Valposchiavo e a Tirano; Elisa Vincenzi presenta il suo libro “Yoga che emozione!”, oggi alla Libreria delle ragazze e dei ragazzi; Daniele Biacchessi, giornalista e scrittore, il consiglio di lettura e il suo “Eccidi nazifascisti. L'armadio della vergogna”, Jaca Book; la XII edizione de La Volpe e l'Uva LA VOLPE E L'UVA, del Boccaccio, trasloca ai giardini in via Piero della Francesca. Poi cinema, arte, teatro e GialloCrovi sui libri che diventano film.

    Good Times - 20-04-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 20/04/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 20-04-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 20/04/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 20-04-2024

Adesso in diretta