Approfondimenti

L’assoluzione di Silvio Berlusconi, il vertice Nato a Bruxelles e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 15 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il ministro della giustizia Nordio ha assolto Delmastro e Donzelli sulla divulgazione di documenti in Parlamento. Tutti gli imputati del processo Ruby ter, compreso Silvio Berlusconi, sono stati assolti a causa di un errore della procura. I paesi membri della NATO si sono riuniti per discutere dell’aumento del budget per la difesa e degli aiuti economici e militari per Kiev, mentre il Cremlino ha richiesto la convocazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU per fare chiarezza sul sabotaggio del gasdotto Northstream 2. Settantatré migranti sono morti nell’ennesimo naufragio a largo della Libia. L’addio al nostro collega e amico Vittorio Bianchi.

Caso Donzelli-Delmastro, Nordio: “I documenti non erano secretati”

(di Luigi Ambrosio)
L’assoluzione da parte di Nordio di Delmastro e Donzelli è tutta giocata in punta di interpretazione della norma ma è politicamente insostenibile.
Il ministro della giustizia afferma che i documenti passati dal suo vice al deputato-collega di partito di Fratelli d’Italia, il quale li ha poi usati contro il Pd, non fossero coperti da segreto. Quindi, nessun problema.
Non si pone il dubbio, il ministro, che usare delle informazioni di servizio per aggredire il principale partito di opposizione, in Parlamento, da parte del partito della presidente del Consiglio, sia un fatto gravissimo, tra i più gravi degli ultimi decenni.
In aula, oggi, Nordio ha usato un linguaggio tecnico per spiegare le sue ragioni. Ci si è trincerato dietro. Ma ha sancito un dato politico, nel sostenere che è normale che due tra i politici più vicini alla premier si siano serviti di quei documenti in quel modo.
Vien da chiedersi che cosa intenda Nordio per “limitata divulgazione”, la dicitura apposta sul report passato da Delmastro a Donzelli, visto che il documento è stato divulgato a tutte le italiane e a tutti gli italiani, in diretta Tv, dai banchi della Camera dei Deputati. Su questo dettaglio, da parte del ministro, neppure un accenno.

Berlusconi è stato assolto dall’accusa di corruzione per un’errore della procura

(di Mattia Guastafierro)
Le donne imputate, sentite nei precedenti processi Ruby e Ruby bis, “non potevano rivestire il ruolo di testimone”. Perchè? Perché all’epoca dei fatti andavano indagate, cosa che non avvenne. Non potendo dunque ricoprire l’ufficio pubblico di testi, non possono essere accusate di falsa testimonianza, né Silvio Berlusconi – che per la Procura le avrebbe pagate per mentire – può essere accusato di corruzione in atti giudiziari. È questa la motivazione per cui oggi sono stati assolti tutti gli imputati del processo Ruby ter: l’ex presidente del Consiglio e le ospiti delle serate di Arcore, tra cui Kharima El Mahroug, che i giornali chiamarono Ruby. Il fatto non sussiste. E a spiegarlo è stato il presidente del Tribunale di Milano, Fabio Roia, che con una nota ha anticipato le motivazioni complete che saranno depositate tra 90 giorni. Sarebbe stato dunque l’”errore” della Procura di ascoltare le donne come testimoni, e non come indagate, a far venire meno i reati stessi. Motivo per cui le loro dichiarazioni sono state giudicate inutilizzabili nel procedimento.
La Procura di Milano, che chiedeva per Berlusconi 6 anni di reclusione, lo accusava di aver pagato dal 2011 al 2015 circa dieci milioni di euro alle donne delle cosiddette cene eleganti per mentire in aula. Il leader di Forza Italia si era invece sempre difeso, sostenendo che le donazioni erano un atto di generosità, una sorta di risarcimento per chi aveva visto la propria vita sconvolta dai processi. “Non c’è amarezza, siamo convinti che le false testimonianze e la corruzione ci siano state. Ma questo è il nostro sistema giudiziario”, ha commentato la procuratrice Tiziana Siciliano, dopo la sentenza. L’accusa dovrà ora capire se ricorrere in appello. La decisione verrà presa dopa la lettura delle motivazioni.

Forza Italia come un sol uomo intorno al capo

(di Anna Bredice)
Dopo gli imbarazzi, l’idea di una rete di protezione per dopo le uscite su Putin, oggi Forza Italia torna indietro di un decennio quando tutti votarono in Parlamento che Ruby era la nipote di Mubarak. Oggi tutto il partito si compatta intorno a Berlusconi ad esultare per la sentenza e nello stesso tempo a chiedere vendetta, cioè una commissione d’inchiesta sull’uso politico della giustizia, che sarebbe la summa di tutte le leggi ad personam fatte nel passato. Ma tra le reazioni, prevedibili a destra, risalta invece a sinistra quella della candidata alla segreteria del Pd, Elly Schlein. Ai giornalisti della stampa estera, a cui i paesi di appartenenza hanno chiesto per anni di riempire i loro giornali con le cronache di Berlusconi, Elly Schlein ha raccontato di aver nove anni quando Berlusconi andò al governo. “Fa parte di una classe politica incapace di creare una successione, di pensare al futuro, ha detto, è incredibile che siamo ancora qui a parlarne.” Se sono dirette soprattutto a Forza Italia, le parole di Schlein si rivolgono probabilmente anche ai suoi, al suo partito, a cui chiede forse di andare oltre, di superare questo eterno riflesso di una opposizione costruita intorno a Berlusconi. Giorgia Meloni è stata la prima a congratularsi con l’alleato di governo, spesso ingombrante, e se ne è avuta una conferma pochi giorni fa. È probabile che Berlusconi forte di questa sentenza voglia rialzare la testa e chiedere di contare di più, quante volte si è lamentato perché Giorgia Meloni non lo chiama per chiedergli consiglio. Il tempo attuale è questo, è Forza Italia che cerca di emanciparsi dal fondatore per poter seguire meglio l’onda lunga del potere della presidente del Consiglio. Un Berlusconi ormai anziano, che crea problemi nelle cancellerie europee per le sue posizioni filo russe. Il partito principale ora è Fratelli d’Italia e Berlusconi non potrà fare molto per cambiare le cose, forse una commissione di inchiesta che sa molto di vendetta, ma al momento a chiederla è solo Forza Italia.

Vertice NATO di Bruxelles: più aiuti economici e militari per l’Ucraina, ma per ora niente jet da combattimento

Più aiuti economici, più armi, incremento della produzione di munizioni per fare fronte alle richieste di Kiev. Ma per ora niente aerei da combattimento: si è conclusa a Bruxelles la riunione dei paesi membri della NATO e alleati. Tra le altre questioni affrontate c’è anche il possibile innalzamento del rapporto tra PIL e spese militari: la soglia del 2% deve essere considerata quella minima, ha detto il segretario della NATO Stoltenberg. Il Cremlino ha risposto con le dichiarazioni del portavoce Dimitri Peskov, che ha parlato di “punto di non ritorno” nella guerra e, nel pomeriggio, ha chiesto la convocazione del consiglio di sicurezza delle nazioni unite in relazione al sabotaggio del gasdotto Northstream 2, avvenuto sei mesi fa, lo scorso settembre.
Il vertice Nato non ha comunque avallato la richiesta più pressante di Kiev in queste settimane, quella di jet da combattimento. E anche dagli stati uniti è arrivato a Zelensky il suggerimento di concentrarsi solo sugli obiettivi raggiungibili.

Il naufragio a largo della costa libica

73 migranti sono morti in un naufragio a largo della Libia. 7 i sopravvissuti. 11 i corpi recuperati finora. Lo ha reso noto la Mezzaluna Rossa.
L’imbarcazione con a bordo 80 persone era partita da una località a circa 75 chilometri a est della capitale Tripoli. Dall’inizio dell’anno sono 130 le persone morte nel Mediterraneo Centrale , nel 2022 le vittime sono state oltre 1.400. Questi i dati dell’Oim, l’organizzazione internazionale delle Migrazioni.
Proprio oggi la Camera dei deputati ha dato il via libera al decreto Ong che ora passa al Senato e dovrà essere convertito in legge entro il 3 marzo. Nel decreto è scomparso il divieto dei salvataggi multipli perché in contrasto con il diritto internazionale , dunque poco cambia rispetto al recente passato, quello che le Ong lamentano è in realtà la prassi adottata dal governo di assegnare porti lontani per lo sbarco. Come ci spiega Francesco Creazzo di Sos Mediterranee, (Ong che coordina i soccorsi della Ocean Viking diretta in questo momento verso Ravenna con 83 naufraghi a bordo).


Ci ha lasciati il nostro collega e amico Vittorio Bianchi

(di Gianpiero Kesten)
Come si chiama quella cosa che si finisce per scrivere sempre le stesse cose? Retorica, giusto? Ma forse c’è un termine più preciso, sicuramente c’è. Sono così abituato a scrivere a te per sciogliere i dubbi linguistici che mi viene da farlo anche adesso, pensa. Che mi tocca scrivere che non ci sei più.

Sei stato un amico prezioso, uno di quelli che si incontrano da grandi, che non è mica una cosa comune eh. Prezioso per la radio, il tuo amore tardivo, che hai abbracciato con tutto l’entusiasmo delle cose nuove e nella quale ti sei destreggiato con una naturalezza vera, riuscendo a far passare a chi ti ha ascoltato tutto il calore per le cose che ti appassionavano. Cazzo Vic. Sei stato capace di raccontarmi per ore di Platone e con la stessa profondità dei tram a carrelli vecchia Milano.

Mi dispiace per il nomignolo scemo, ma in fondo so che ti è sempre piaciuto. E poi ti sta proprio bene. Ciao Magister Vic. Grazie davvero.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

  • PlayStop

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 29-02-2024

Adesso in diretta