Approfondimenti

Il fallimento del negoziato in Medio Oriente, la proroga dello scudo erariale e le altre notizie della giornata

Fumo si leva in seguito a attacchi aerei israeliani a Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, il 16 gennaio 2024

Il racconto della giornata di mercoledì 14 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Stop netto al negoziato per il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza: i mediatori israeliani non torneranno in Egitto; condannato nel processo d’appello per la strage di ricopiano l’ex prefetto di Pescara, confermate 22 assoluzioni; a Roma manifestanti antifascisti chiedono giustizia e un trattamento umano per Ilaria Salis, detenuta in Ungheria; la proroga dello scudo erariale per i funzionari pubblici è fortemente criticato dalla Corte dei Conti.

Si arena il negoziato per un cessate il fuoco a Gaza

Mentre continua, incessantemente, la pressione militare israeliana su Gaza, si è complicato il negoziato per una tregua e per la liberazione degli ostaggi.

La trattativa è in corso al Cairo, ma Netanyahu ha fatto sapere che per ora non rimanderà in Egitto la sua delegazione e che non ha ancora ricevuto una proposta concreta da parte di Hamas.

Il primo ministro israeliano è stato criticato da alcune famiglie degli ostaggi, secondo le quali evitare il negoziato vuol dire condannare a morte i loro cari.

Eric Salerno, scrittore e giornalista esperto di Medio Oriente:

Nella Striscia bombardamenti e combattimenti continuano, così come le pressioni internazionali sul governo israeliano, affinché non faccia un’operazione di terra a Rafah, nel sud della Striscia.

In queste ore è particolarmente drammatica anche la situazione a Khan Yunis, dove due ospedali – Nasser e al-Amal – sono in mezzo al fuoco. Alcune persone hanno provato a lasciare le strutture sanitarie, ma non si hanno più loro notizie.

L’OMS ha detto che più della metà dei suoi aiuti per le strutture sanitarie è stato bloccato.

Oggi dopo un periodo di relativa calma è ripreso in maniera importante anche lo scambio a fuoco tra esercito israeliano ed Hezbollah libanesi. Prima c’è stata una vittima in Israele e poi almeno quattro in Libano. Rispetto ai mesi scorsi i raid israeliani sono stati molto più in profondità in territorio libanese.

Strage di Rigopiano: condannato in appello l’ex prefetto di Pescara

Per la strage di Rigopiano, la sentenza di appello ha confermato le assoluzioni per 22 dei 30 imputati ma sono arrivate tre condanne in più. Quella più significativa è quella dell’ex prefetto di Pescara, Francesco Provolo: è stato condannato a un anno e 8 mesi mentre in primo grado era stato assolto. 

In Appello è stato condannato per aver detto il falso nella relazione stilata il 17 gennaio 2017, il giorno prima della valanga che ha travolto l’albergo. Secondo la sentenza ha detto il falso sulla viabilità delle strade della Provincia, comprese quelle che portavano all’Hotel Rigopiano passando per Farindola. Quel rapporto enfatizzava, secondo i giudici, il controllo istituzionale su una situazione che  – in realtà –  stava precipitando. Il 18 gennaio, il giorno dopo, una valanga distrusse l’albergo uccidendo 29 persone. 

La manifestazione antifascista a Roma in sostegno di Ilaria Salis

Per il ministro Nordio se Ilaria Salis è in carcere la colpa è dei suoi famigliari e dei suoi avvocati che hanno perso tempo: avrebbero dovuto – secondo il ministro – chiedere i domiciliari in Ungheria già un anno fa. Una risposta sprezzante che è perfettamente in linea con il diniego di ogni appoggio da parte del governo per cercare di riportare la donna in Italia. 

“Ilaria deve tornare libera”. Hanno scandito i manifestanti che questa sera a Roma hanno organizzato una fiaccolata: la nostra inviata Anna Bredice

 

La proroga dello scudo erariale ci espone al rischio di sperpero di soldi pubblici

(di Alessandro Principe)

È stata approvata una nuova proroga dello scudo erariale per i funzionari pubblici. La norma è stata inserita nel decreto Mille proroghe. Si tratta di un salvagente per i funzionari in caso di illeciti commessi non con “dolo” ma con “colpa grave”. 

È uno schiaffo alla Corte dei Conti. Era stato proprio il presidente Guido Carlino, solo ieri, ad auspicare che lo scudo non venisse prorogato. 

Tempo 24 ore e la proroga è stata approvata. Era già criticata l’estate scorsa, quando si consumò il braccio di ferro col governo per la stretta sui controlli della Corte sulle spese del Pnrr.  Ma di cosa si tratta esattamente? E’ una eccezione pensata durante la pandemia per alleggerire gli adempimenti degli amministratori pubblici in emergenza. Poi Draghi l’aveva prorogata, per il post pandemia. Ma una volta finita l’eccezione è giusto che chi maneggia denaro pubblico torni a rispondere delle sue azioni verso lo Stato e quindi i cittadini. E ne risponda non solo in caso di dolo, ma anche di colpa grave. Che invece qui viene esclusa ancora una volta. Lo scudo, ora allungato, sottrae quindi dal controllo della Corte dei conti una buona fetta dei possibili sprechi, abusi, inefficienze. A meno che non ci sia dolo, quindi un ladrocinio vero e proprio, il resto è “scudato”.  “Questa ulteriore proroga  – scrivono oggi in una nota molto dura i magistrati contabili – espone il Paese al grave rischio di spreco di denaro pubblico, di gestioni opache di commesse pubbliche e di diffusione del malaffare”.  C’è anche un altro rischio: quello di una incompatibilità tra diritto italiano e diritto dell’Unione europea, che sui controlli del Pnrr, ha un faro puntato. E già ci tiene in mora per l’abolizione del abuso d’ufficio. Una incompatibilità che potrebbe portare ulteriori lentezze sui progetti del Pnrr. 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 22/04 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 22/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/04/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di lunedì 22/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 22-04-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 22/04/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 22-04-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 22/04/2024

    Ospite della puntata Alain Johannes per una bella intervista con tre brani live.

    Jack - 22-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 22/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi Giornata della Terra ha ospitato Ed Winters, autore del libro Questa è propaganda Vegan, @edizioni Sonda, @Essere Animali per parlare del suo libro, ma anche di Mulazzano e del CLA Club Lettori Accaniti della scuola secondaria e della presentazione di Me l'ha detto l'armadillo, @Altreconomia editore e scopriamo che Ed voleva essere scoiattolo

    Considera l’armadillo - 22-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 22/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 22-04-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 22/04/2024

    Oggi a Cult: Massimiliano Tarantino introduce il ciclo di incontri "Democrazia a rischio" presso la Fondazione Feltrinelli, fra cui quello del 23 aprile con Antonio Scurati, recentemente censurato dalla RAi per il suo monologo antifascista; Giacomo Papi su "A cena con Kafka", appuntamento del Laboratorio Formentini; Martina Bagnoli, la nuova direttrice dell'Accademia Carrara; Mario Pianta di Sbilanciamoci.it sul convegno e la serata dedicati a Rossana Rossanda a Roma; la rubrica di classica a cura di Giuseppe Califano...

    Cult - 22-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E13

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese con voci, testimonianze e progetti.

    Clip - 22-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 22/04/2024

    Il caso Scurati e la destra al potere. Per i meloniani l’antifascismo è un nemico, non un valore. Lo spiega il ministro Lollobrigida, di Fratelli d’Italia, che replica così al monologo censurato: «la parola antifascista è troppo generica...purtroppo ha portato in tanti anni a morti». Il partito di Meloni non rinuncia alla fiamma nel simbolo, presentato anche alle europee. Una conferma del legame ideologico di FdI con la storia del neofascismo in Italia. Ospiti a Pubblica lo storico Luca Alessandrini e lo scrittore Sandro Veronesi.

    Pubblica - 22-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 22/04/2024

    Con o senza nome? Il PD discute se inserire il nome della Segretaria nel simbolo elettorale delle prossime europee. Questione di lana caprina, di adeguamento all'oggi o di rinuncia a una tradizione? Conduce Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 22-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 22/04/2024

    Angelo Miotto, ci racconta il successo storico della sinistra nelle elezioni nei Paesi Baschi; Sabato Angeri, analizza le conseguenze dello sblocco degli aiuti militari statunitensi all'Ucraina; Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese nella rubrica "un 25 aprile popolare"; Anna Bredice ci spiega i dibattito nel Pd sul simbolo con il nome di Elly Schlein per le Europee; Lucia Ercoli (intervistata da Massimo Alberti) mette in relazione la rinuncia alla cure con l'impoverimento delle famiglie; Valentino Segato della Cgil annuncia le iniziative sulla filiera della raccolta e trattamento dei rifiuti dopo l'incidente mortale in un impianto di Cusago di venerdì notte.

    Giorni Migliori – Intro - 22-04-2024

  • PlayStop

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME - presentato da Tizian Ricci

    Note dell’autore - 22-04-2024

Adesso in diretta