Approfondimenti

Il via libera di Bruxelles alla manovra, gli ultimi sviluppi dell’inchiesta Qatargate e le altre notizie della giornata

Qatargate Parlamento Europeo ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 14 dicembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi da Bruxelles è arrivato il via libera alla manovra finanziaria italiana, con qualche critica all’intervento sulle pensioni, all’alleggerimento dell’obbligo di Pos e all’innalzamento del tetto al contante. Intanto tra gli emendamenti proposti da Fratelli d’Italia ce n’è uno che ha scatenato le dure reazioni di animalisti, ambientalisti e dei deputati dei Verdi e Sinistra Italiana. E sempre a Bruxelles è arrivato anche il verdetto del tribunale sugli arresti per il cosiddetto Qatargate: almeno altri otto giorni di carcere per Eva Kaili, almeno un altro mese per Antonio Panzeri e Francesco Giorgi. I bombardamenti russi hanno colpito in queste ore diverse zone del paese, da Kyiv a Kharkiv, da Donetsk a Zaporizhia e Kherson. Mosca, intanto, ha escluso una tregua per il periodo natalizio.

Il via libera di Bruxelles alla manovra

Domani a mezzogiorno la commissione Bilancio inizierà a votare gli emendamenti alla manovra. Oggi è arrivato il via libera di Bruxelles. Via libera però con rilievi. Oltre alla critica all’intervento sulle pensioni, l’Europa è contraria a qualsiasi abbassamento dell’età pensionabile e dunque a ogni deroga alla legge fornero, i rilievi riguardano in particolare le misure di bandiera inserite dall’esecutivo nella finanziaria: alleggerimento dell’obbligo di pos e innalzamento del tetto al contante. Due misure che sono considerate in contrasto con la lotta all’evasione. Che effetti hanno, o possono avere se approvate sul fisco? L’economista Massimo Baldini:


 

Europarlamentari “a libro paga” del Qatar?

Almeno altri otto giorni di carcere per Eva Kaili, almeno un altro mese per Antonio Panzeri e Francesco Giorgi. Oggi è arrivato il verdetto del tribunale di Bruxelles sugli arresti per il cosiddetto Qatargate, lo scandalo di corruzione al parlamento europeo. La magistratura doveva decidere se confermare i quattro arresti, annullarli o sostituirli con altre misure cautelari. L’ex vicepresidente dell’assemblea Kaili ha chiesto e ottenuto che la sentenza su di lei fosse rinviata al 22 dicembre. Per il quarto arrestato, il dirigente dell’associazione No peace without justice Niccolò Figà-Talamanca, è stata decisa una “sorveglianza elettronica” che permette di uscire dal carcere. Secondo indiscrezioni circolate oggi, tra le ipotesi su cui lavora la magistratura c’è quella che ci fossero europarlamentari “a libro paga” del Qatar, quindi finanziati periodicamente per difendere gli interessi del paese arabo. Un’altra informazione emersa nelle ultime ore è che i servizi segreti belgi erano entrati a casa di Panzeri già a luglio e ci avevano trovato 700mila euro, fatto che avrebbe segnato una svolta nelle indagini che poi hanno portato agli arresti. Domani al parlamento europeo sarà votata una risoluzione che chiede di “sospendere tutti i lavori sui fascicoli legislativi relativi al Qatar, in particolare per quanto riguarda la liberalizzazione dei visti e tutte le visite programmate”. Nel testo si ipotizzano altre misure, tra cui “l’istituzione di una commissione speciale in materia di trasparenza, integrità e corruzione”. Sullo scandalo Qatargate nel suo complesso abbiamo intervistato il politologo Yves Mény:


 

L’emendamento per allargare la caccia ai parchi e alle aree urbane

(di Anna Bredice)

Cosa c’entra una legge di bilancio con l’allargamento della caccia anche nei parchi e nelle aree urbane? Se lo chiedono i Verdi in Parlamento che stanno conducendo una battaglia perché l’emendamento a firma Fratelli d’Italia venga eliminato, creando una campagna pubblica e rendendone in questo modo difficile l’approvazione. È stato presentato dal capogruppo alla Camera dei deputati Foti e in sostanza autorizza la caccia nei parchi, nelle aree urbane, contro gli animali selvatici, a qualunque ora del giorno e della notte e in qualsiasi periodo dell’anno. Negli emendamenti viene fatta passare la caccia – “caccia selvaggia” l’hanno già definita così gli ambientalisti – come un’attività di contenimento della fauna selvatica, per garantire la sicurezza stradale, ma ad esempio per limitare la presenza dei cinghiali anche alle periferie delle città non è necessaria la loro uccisione, come sostengono animalisti, ambientalisti e i deputati dei Verdi e Sinistra Italiana.
L’emendamento non rientrerebbe nelle norme che regolano l’attività venatorie, spesso tra l’altro contestate perché troppo rigide dalle associazioni dei cacciatori che hanno sempre visto nella Lega e in Fratelli d’Italia i partiti più vicini alle loro richieste. Oltre a questo, in questi giorni al Senato, dove si sta discutendo il provvedimento sui ministeri, la maggioranza sta tentando di spostare le competenze sulla caccia dal ministero dell’Ambiente a quello dell’Agricoltura. Per i Verdi che hanno segnalato l’emendamento alla manovra, se questo passasse costituirebbe un pericolo anche per le persone, visto che la caccia sarebbe estesa anche ai parchi pubblici, in zone quindi urbane. Prima eliminato, poi riammesso perché il capogruppo ha fatto ricorso, potrebbe diventare uno dei 60 emendamenti segnalati e approvati, visto che si va verso uno sfoltimento. Questa norma, però, non ha bisogno di coperture e quindi potrebbe passare, considerando che la logica nella scelta è quella dettata soprattutto dai soldi che servono per attuarla. Come spesso capita, alcune norme, che difficilmente con una campagna contro verrebbero approvate, vengono infilate nella finanziaria di fine anno e nel decreto omnibus che spesso segue. E questo è il caso.

Majorino riunisce centrosinistra e Movimento 5 Stelle in Lombardia

(di Roberto Maggioni)

In Lombardia è riuscito quello che non è riuscito alle elezioni politiche: l’alleanza PD, Sinistra rossoverde e Movimento 5 Stelle. L’accordo è stato raggiunto dopo il lavoro sui temi fatto negli scorsi giorni. Ora per i 5 stelle ci sarà un passaggio formale con i propri iscritti lombardi che venerdì voteranno online se dare il via libera all’accordo o no. Salvo sorprese l’esito appare scontato: anche la base pentastellata darà l’ok all’alleanza con il centrosinistra. 
Qui, in una affollatissima sala alle Acli, nel quartiere Lambrate di Milano, Majorino ha da poco terminato un’iniziativa con Rosy Bindi. “Dobbiamo unire, allargare, non dividere” ha detto Majorino. “Nel mio programma ci saranno i punti concordati tra centrosinistra e 5 stelle”. Una sottolineatura per ribadire che è molto soddisfatto del lavoro fatto tra centrosinistra e 5 Stelle. Anche Rosy Bindi ha detto di essere molto contenta di questa alleanza, lei tifava accordo con i 5 Stelle da tempo. 
L’ultimo tassello da posizionare ora riguarda +Europa. I vertici nazionali erano contrari all’allargamento della coalizione ai 5 Stelle, e qui Majorino ha detto che si augura in un ripensamento perchè dopo 28 anni la sfida in Lombardia è aperta. “Confido ci sia una riflessione tra loro per rendere più forte possibile l’alleanza”.

Mosca esclude una tregua in Ucraina per il periodo natalizio

(di Emanuele Valenti)

I bombardamenti russi hanno colpito in queste ore diverse zone del paese. Kyiv, Kharkiv, Donetsk, Zaporizhia, Kherson. Nella capitale i sistemi di difesa avrebbero intercettato quasi tutti i droni lanciati da Mosca. La compagnia energetica ha detto che questa volta non è stata colpita la rete elettrica. Oltre il 30% della popolazione rimane comunque senza corrente.
Secondo l’UNICEF in tutta l’Ucraina sono almeno 7 milioni i bambini alle prese con le conseguenze dei bombardamenti: niente scuola, poca luce, nessun riscaldamento. A Kherson, l’ultima città liberata dagli ucraini, è stato colpito il palazzo del governo regionale, nel pieno centro della città. Non ci sarebbero vittime.
Da Mosca intanto hanno fatto sapere che una tregua per il periodo di Natale – ipotesi avanzata da Zelensky nei giorni scorsi, insieme a un inizio di ritiro russo – non è in agenda.
Ancora una volta: non è il momento del dialogo. L’unico canale aperto è quello che sta garantendo lo scambio di prigionieri. Ha funzionato anche oggi, e il Comitato Internazionale della Croce Rossa non esclude una missione a Mosca. Il Cremlino ha poi risposto alle voci del possibile invio di missili Patriot americani – un sofisticato sistema di difesa – a Kiev: sarebbe un target legittimo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 13/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 13/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 13/06/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 13-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 13/06/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 13-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 13/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 13-06-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 13/06/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 13-06-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 13/06/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 13-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 13/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 13-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 13/06/2024

    1- Il silenzio è calato su Kabul. Oggi sono mille giorni che alle ragazze afghane è vietata la scuola secondaria. Negli ultimi tre anni la condizione femminile nel paese è peggiorata ma il governo dei Talebani continua rapporti diplomatici sempre più favorevoli. ( Martina Stefanoni) 2-Caos globale. I leader del G7, indeboliti politicamente, tentano di trovare una posizione credibile sul finanziamento delle forniture di armi all’Ucraina e sui dazi sulle macchine elettriche cinesi. ( Alfredo Somoza) 3-Striscia di Gaza. Nuovo flop diplomatico degli Stati uniti. I Il Segretario di Stato Anthony Blinken, al suo ottavo viaggio nella regione, non è riuscito ad imporre il piano di Joe Biden. ( Roberto Festa) 4- Consiglio Onu per i Diritti Umani. Tra un mese esatto il voto sul rapporto della commissione che accusa Israele di aver compiuto uno sterminio. ( Intervista a Riccardo Noury – Amnesty Italia) 5. World Music. Dalla Costa d’avorio “ Zuzu” il nuovo album della cantante Dobet Gnahoré. (Marcello Lorrai)

    Esteri - 13-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 13/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 13-06-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 13/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 13-06-2024

  • PlayStop

    Intervista al regista Enrico Maria Artale e all'attore Edoardo Pesce sul film "El Paraiso"

    Il Sudamerica come luogo idealizzato, in un contesto di narcotraffico e sfruttamento degli esseri umani una madre e un figlio cercano di salvarsi a vicenda. Artale e Pesce hanno scritto insieme il soggetto del film, premiato alla Mostra del Cinema di Venezia, e lo hanno raccontato a Radio Popolare nella trasmissione Chassis.

    Clip - 13-06-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie 35 - 13/06/2024

    1. Everything and Nothing - Soft Play 2. DITEDIME - Whitemary 3. If I’m Gonna Go Anywhere - Eels 4. Le soleil brille toujours - K-rip, Reki, Napoleon Da Legend 5. Dark Drones - Jasper Byrne, Sonic 6. Take Me to the River - Lorde 7. In the Making - Ellie Cottino, Avex 8. At the Jubilee - Yune 9. Do it Like a Maniac Part 1&2 - Boulevards 10. Two of Me - Flowers For The Dead

    Sapore Indie - 13-06-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 13/06/2024

    Ospite della puntata Damien McFly per un'intervista con due brani live

    Jack - 13-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 13/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha parlato con Elisa Berti del @centro Tutela e ricerca fauna Esotica e Selvatica Monte Adone, Clara Corbelli di @Cras di Rimini e Fabiana Ferrari di @Piacenza Wildlife Rescue Center del Progetto @la giusta distanza, ma anche del libro di Elisa Berti Come il respiro del vento, una storia vera, @sonzogno editore.

    Considera l’armadillo - 13-06-2024

  • PlayStop

    Ilaria Salis: "La solidarietà è una forza collettiva che può migliorare le cose"

    Dopo i risultati delle elezioni europee, Lorenza Ghidini ha intervistato Ilaria Salis, neo-eurodeputata con Alleanza Verdi e Sinistra

    Clip - 13-06-2024

  • PlayStop

    Pugni, sudore e virilità

    Quando proclamiamo il nuovo codice morale del macismo, regaliamo biglietti dell'operazione primavera e ci colleghiamo con Dindini della Cedola dal tempio del lusso sardo

    Poveri ma belli - 13-06-2024

Adesso in diretta