Approfondimenti

La situazione di emergenza a Lampedusa, la strage sul lavoro alla Esplodenti Sabino e le altre notizie della giornata

Lampedusa ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 13 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A Lampedusa la situazione è sempre più critica: sull’isola ci sono circa 7mila migranti e il centro di accoglienza ne può contenere al massimo 400. E Matteo Salvini, dalla sede della stampa estera, si scaglia contro l’Europa, mostrando di voler fare una campagna elettorale per le europee all’insegna dell’antieuropeismo. Ancora una strage sul lavoro, in un’azienda che tratta esplosivi e per di più recidiva: 3 anni fa ci furono 3 morti, come 3 sono stati i morti di oggi. Non si tratta di un’azienda qualsiasi: la Esplodenti Sabino si occupa di disarmare munizioni ed esplosivi anche per conto di Nato ed Esercito italiano. La guerra in Ucraina ha avvicinato Vladimir Putin e Kim Jong-un, due tra i leader più isolati al mondo.

La situazione a Lampedusa è sempre più critica

A Lampedusa la situazione è sempre più critica. Sull’isola ci sono circa 7mila migranti e il centro di accoglienza ne può contenere al massimo 400. Centinaia di persone, tra cui donne e bambini, sono state costrette a rimanere per ore sul molo sotto il sole, dopo un viaggio stremante. Nel pomeriggio è scoppiata la protesta, i profughi hanno tentato di allontanarsi dalla banchina ed è intervenuta la polizia spintonandoli e creando un cordone per contenerli. I trasferimenti in Sicilia proseguono ma sono troppo lenti, gli arrivi si susseguono e nella notte un neonato di 5 mesi è morto. Da quanto riferito dalla Capitaneria di Porto era a bordo di un imbarcazione con la madre che si è capovolta a poche decine di metri dalla costa.
Ieri pomeriggio due ragazzi di Lampedusa si sono tuffati in mare e sono riusciti a salvare 4 migranti la cui imbarcazione era naufragata contro gli scogli dell’isola. Due ore fa la ong Alarm Phone ha lanciato un nuovo allarme per un imbarcazione in difficoltà con 47 persone a bordo a pochi chilometri dall’isola siciliana. Per ora non si hanno ulteriori notizie. Nel pomeriggio abbiamo raggiunto il sindaco di Lampedusa Filippo Mannino:


 

La campagna elettorale di Salvini all’insegna dell’antieuropeismo

(di Anna Bredice)

Quasi contemporaneamente Giorgia Meloni plaude all’idea di Von Der Leyen di un possibile incarico a Mario Draghi, Matteo Salvini dalla sede della stampa estera invece si scaglia contro l’Europa, mostrando di voler fare una campagna elettorale per le europee all’insegna dell’antieuropeismo: alleandosi a Marine Le Pen, invitata a Pontida domenica prossima e minacciando ogni possibile intervento, quindi anche quello del blocco navale – se pure non lo dice – pur di fermare gli sbarchi. Riassume Salvini ai giornalisti esteri: “Oggi Strasburgo e Lampedusa sono il fallimento dell’Europa”. Sembra essere tornati al ministro più di lotta che di governo, perché alla Presidente del Consiglio, sua alleata, concede solo una frase, “sta facendo il possibile sui migranti”. Nient’altro, anzi dimostra con la sua linea di preferire una strategia di maggior attacco in Europa, anche nelle alleanze, “o i gruppi di centrodestra si mettono insieme, o vincono gli altri”, dice, ma l’alleanza con Le Pen è vista male sia da Fratelli d’Italia che da Forza Italia. È sull’immigrazione che Salvini si gioca molto per le prossime elezioni, malgrado Meloni abbia voluto togliergli il controllo degli sbarchi, creando un coordinamento guidato da Mantovano. Ma il capo della Lega crede di essere ancora ministro dell’Interno perché non esclude nessun intervento per fermare gli sbarchi. Negli stessi minuti, Meloni era negli studi della Rai a registrare una intervista per Porta a Porta. Sui migranti, per quanto abbia rivendicato la scelta dei mancati collocamenti, non chiude le porte ad un accordo che sostituisca il Patto di Dublino. A Tunisi era andata anche con Von Der Leyen e oggi apre ad un incarico prossimo di Draghi, che per l’attuale presidente della Commissione europea è una sorta di ancora di salvezza. Non può fare la faccia feroce contro l’Europa e Salvini così si prende il suo spazio.

3 operai morti sul lavoro alla Sabino Esplodenti di Casalbordino

(di Massimo Alberti)

Ancora una strage sul lavoro, in un’azienda che tratta esplosivi e per di più recidiva: 3 anni fa ci furono 3 morti, come 3 sono stati i morti di oggi. Non si tratta di un’azienda qualsiasi: la Esplodenti Sabino si occupa di disarmare munizioni ed esplosivi anche per conto di Nato ed Esercito italiano. Si trova in provincia di Chieti, a Casalbordino, dove impiega un centinaio di persone. L’esplosione è accaduta intorno mezzogiorno ed ha scosso tutta l’area. I 3 morti si chiamano Giulio Romano, Gianluca De Santis e Fernando Di Nella. L’azienda ha parlato di “incidente inspiegabile”. Cause e dinamica ancora da chiarire: nessuno al momento fa alcuna ipotesi.
Proprio domani inizia l’udienza preliminare per l’incidente del dicembre 2020. Davanti al giudice per le udienze preliminari del tribunale di Vasto compariranno in 10: i titolari, tutti appartenenti alla famiglia Salvatore, il capo reparto, il responsabile del servizio prevenzione, ed anche il rappresentate dei lavoratori per la sicurezza della Cgil. Sono accusati di cooperazione colposa in omicidio colposo, negligenza, violazione di norme anti infortunistiche. L’azienda è stata al centro anche di esposti ed inchieste, ed interpellanze parlamentari che riguardano la gestione ambientale. Venne dissequestrata dopo un contestato via libera arrivato dalla Regione Abruzzo, nonostante ancora oggi manchino diversi documenti.
La Esplodenti Sabino è un’azienda familiare con solidi legami politici nazionali e internazionali: tra gli altri lavora con l’Esercito e la Nato, con cui tiene seminari e workshop. Un’azienda che fa lavorazioni pericolose, ma che dà lavoro anche ad un intero territorio. Lavoro o ambiente, lavoro o sicurezza, l’eterno conflitto. Dopo il primo incidente, l’azienda fu sequestrata e rimase chiusa anche dopo l’accertamento di reati ambientali, grazie gli esposti presentati dall’allora segretario regionale di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo, e dall’ambientalista Augusto De Sanctis.
I lavoratori, insieme ai dirigenti, manifestarono contro la Procura per chiedere la riapertura. Una situazione imbarazzante su cui intervenne anche il sindacato regionale, imponendo di non portare bandiere Cgil sotto una procura che indagava per le violazioni della sicurezza sul lavoro. Le manifestazioni si replicarono, con i vessilli aziendali. L’8 luglio, dopo 200 giorni avvenne il discusso dissequestro, contestato perché arrivò in seguito al via libera della apposita commissione della Regione Abruzzo che però non rilasciò la valutazione di impatto ambientale, limitandosi ad uno screening preliminare, nonostante l’azienda operi su materiali delicati, dopo un incidente con tre morti, e le diverse e documentate modifiche agli impianti. Parliamo di un’azienda sottoposta alla direttiva Seveso sugli impianti a rischio. Da quanto risulta, ad oggi non sono completati gli adempimenti obbligatori della direttiva: sul sito della prefettura di Chieti e del comune di Casalbordino non risultano pubblicati i piani di evacuazione esterni. Nonostante tutto questo due anni fa era ripresa l’attività. Secondo il sindacato locale dei chimici Cgil, l’azienda avrebbe sistemato parecchie cose. Ma oggi l’incidente fotocopia, proprio il giorno prima dell’udienza per la strage del 2020. Altri incidenti, con un morto e due feriti, risalgono al 1992 ed al 2009. La Sabino non è nuova neppure ad indagini e interrogazioni parlamentari. Nel 1999 due dirigenti patteggiarono per la detenzione illegale di 10 tonnellate di esplosivo T4, finito in mano a cosche mafiose dopo esser stato ceduto a terzi. Un’interrogazione a fine anni 90 del deputato comunista Totò Saia riguardava il presunto ruolo della Sabino su un possibile traffico di esplosivi destinati a Medio Oriente ed Ex Jugoslavia. In parlamento si riparla della Sabino nel 2021, quando i 5 Stelle chiedono conto proprio del mancato rispetto delle direttive ambientali.

La Russia in difficoltà cerca l’appoggio Kim Jong-un

(di Emanuele Valenti)

Da un certo punto di vista la guerra in Ucraina ha avvicinato Vladimir Putin e Kim Jong-un, due tra i leader più isolati al mondo.
I militari al fronte sono in difficoltà. Riescono a reggere bene la contro-offensiva ucraina ma spesso fanno molta fatica, lo ha detto oggi anche il Ministro della Difesa Shoigu. Le munizioni di artiglieria nord-coreane sarebbero molto utili. Diversi esperti militari hanno detto non determinanti sul lungo periodo. Il fatto che Putin sia andato dall’altra parte del paese confermerebbe le difficoltà. Prima erano stati i droni iraniani, ora – anche se le parti hanno negato – potrebbero essere le munizioni nord-coreane, compatibili con i sistemi militari di Mosca.
A confermare le difficoltà russe l’attacco, della notte scorsa, contro il porto di Sebastopoli, in Crimea, base della flotta russa sul Mar Nero. Secondo Kyiv sono stati colpiti una nave e un sottomarino. Gli attacchi contro la Crimea sono sempre più frequenti. Un consigliere di Zelensky ha detto che è l’unico modo per garantire la sicurezza del commercio nella regione, a partire dalle esportazioni di grano ucraino. Anche oggi dei resti di un drone russo colpito dagli ucraini sul porto di Izmail, sul Danubio, sarebbero caduti in Romania. Bucarest ha già protestato con Mosca. È la terza volta.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/05/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25-05-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 25/05/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 25-05-2024

Adesso in diretta