Approfondimenti

Il conto alla rovescia per il Green Pass sul lavoro, l’assalto di Salvini e Meloni e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 13 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. “Venerdì blocchiamo l’Italia” è la minaccia dei No Green Pass, che si danno appuntamento a Roma: la loro protesta si sta saldando con quella dei lavoratori del porto di Genova e soprattutto di Trieste. Tra problemi logistici e ordine pubblico, il governo si deve difendere anche dagli attacchi delle destre: i due leader sovranisti Meloni e Salvini reagiscono e soffiano sul fuoco delle proteste per destabilizzare il governo. Il sindacato ha voluto incontrare Draghi per il decreto sulla sicurezza sul lavoro: promesso da mesi, ancora non si vede nulla. E intanto la mattanza continua, con altre tre vittime solo oggi. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Ecco i settori che rischiano la paralisi

(di Massimo Alberti)

Logistica, porti, autotrasporto, trasporto pubblico locale, agricoltura, polizia, pubblica amministrazione. Sono i settori in cui, secondo fonti sindacali e aziendali, sarebbero concentrati i 3-4 milioni di lavoratori non vaccinati e dunque senza Green Pass, a meno di un tampone. La situazione dei porti è la più nota, con i blocchi a Trieste, Genova, ed in allargamento a Gioia Tauro. Ma tutto il settore di trasporti e logistica, a ogni livello, sembra quello più a rischio di disservizi, se da venerdì a una quota rilevante di lavoratori sarà precluso l’accesso al lavoro. A spulciare siti e giornali locali, non c’è città in allarme per una quota di autisti non vaccinati del 15-20% nel trasporto pubblico locale. In linea con i dati della popolazione generale, ma molto problematica per autobus e mezzi in caso di assenza tutti insieme. Poi ci sono i camion: “Abbiamo 400mila dipendenti. Se il 30% senza green pass non lavora, è finita” dice il direttore di Confetra, una delle associazioni delle circa 110000 imprese dell’autotrasporto. Anche nella logistica non va meglio: nel solo polo di Piacenza, uno dei più grandi e strategici d’Italia, la stima è che 1 su 4 sia senza certificato. Così come in agricoltura, secondo Coldiretti, dove senza green passa sarebbe il 25% dei circa 400000 braccianti in questo momento impegnati in attività come vendemmia, raccolta di mele e olive. A forte rischio è il funzionamento della pubblica amministrazione, con le norme rigide del ministro Brunetta. La stima della presidenza del consiglio dei ministri è di circa 250mila non vaccinati, il 7,8% del totale dei dipendenti pubblici. E una parte consistente sarebbe nella Polizia, dove secondo i sindacati la percentuale di non vaccinati sarebbe del 20%, fino al 30% nei reparti mobili.

La rivolta dei portuali di Trieste

(di Michele Migone)

Bloccheranno il porto. Lo faranno ad oltranza. I portuali di Trieste non faranno marcia indietro fino a quando, affermano, il governo non eliminerà l’obbligo di Green Pass per il mondo del lavoro. Il motivo? La solidarietà, dicono, nei confronti del 40% dei 950 dipendenti che ha deciso di non vaccinarsi. Non accetteranno neppure i tamponi gratis. Vogliono il ritiro del decreto. Lotta sindacale o politica, non lo specificano. I portuali hanno una priorità che sembra andare ben oltre il merito del Green Pass: rimanere uniti, evitare spaccature tra di loro. Bloccare quel porto non è uno scherzo. E’ uno dei più importanti d’Italia per i milioni di tonnellate di merci che ogni anno vi approdano, secondo terminale per le petroliere, snodo per il trasporto verso l’Austria e poi la Germania. Un brutto colpo per l’economia dell’intero paese. Già il solo annuncio dello sciopero avrebbe indotto al cambiamento di itinerario di alcune navi che devono sbarcare le loro merci in Europa. Se poi, come promettono, la protesta dovrebbe ampliarsi anche ad altre città, per il governo, sarebbe un problema. I portuali di Trieste dicono che a lori si affiancheranno i camalli genovesi, gli addetti di Gioia Tauro. Sulle loro chat girano gli orari dell’inizio delle proteste in tanti altri porti italiani: da Ravenna a Livorno, da Cagliari a Bari. L’appuntamento per tutti è alle cinque del mattino, con l’inizio del primo turno. Difficile, per ora, capire se la protesta sarà così diffusa. Sicuramente a Genova ci sarà mobilitazione. Per il governo sarà un problema. Se il blocco dovesse proseguire per giorni, qualche ripercussione dal punto di vista dell’approvvigionamento per qualche specifico settore potrebbe esserci, difficoltà alimentata dalla possibile protesta nel settore degli autotrasportatori.

Così reagiscono Meloni e Salvini

(di Anna Bredice)

I due leader della destra sovranista, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, sempre più in difficoltà reagiscono cercando di destabilizzare il governo e soffiando sul fuoco delle proteste contro il Green Pass. Salvini prima ha criticato e poi ha chiesto di vedere il presidente del Consiglio: “Devi fermare la delegittimazione della destra” è la richiesta che ha fatto a Draghi. Meloni invece ha accusato la ministra Lamorgese di aver permesso l’assalto alla sede della Cgil per poi far incolpare Fratelli d’Italia. E’è strategia della tensione”, ha detto Meloni. Da Roma, sentiamo Anna Bredice

Lo scioglimento di Forza Nuova tra elementi giuridici e numeri in Parlamento

(di Luigi Ambrosio)

I fautori della messa al bando di Forza Nuova si dicono ottimisti soprattutto ora che la discussione al Senato e alla Camera è stata calendarizzata per mercoledi prossimo.
“Avremo la maggioranza e poi Draghi si comporterà di conseguenza” affermano. CONTINUA A LEGGERE

Morti sul lavoro, una strage senza fine

Oggi ci sono state altre tre vittime. Un operaio edile di 48 anni è morto in un un cantiere a Caerano San Marco (Treviso). L’uomo è stato travolto da un pesante pannello in metallo, inutili i soccorsi. Questa mattina nell’alessandrino alla Ibl, zienda che produce compensati e pannelli in legno, un opeario di 58 anni è morto precipitando da un altezza di 3 metri. Si trovava sopra un nastro trasportatore per pulire una canalina quando è precipitato. La terza vittima Tiziana Bruschi, 58 anni, ed è morta in ospedale a Firenze dove si trovava da circa un mese dopo essere stata travolta da un pancale nel magazziono in cui lavorava. Il presidente del consiglio Mario Draghi ha convocato per domani matina a palazzo Chigi, Cgil, Cisl e Uil per parlare del decreto sicurezza sul lavoro. Un provvedimento annunciato come imminente settimane fa, ma che ancora non si è visto. Ne parliamo con Zoello Forni, presidente dell’Anmil, l’associazione nazionale mutilati e invalidi del Lavoro

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

I dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da Covid. Sono 2.722 i positivi nelle ultime 24 ore. 37 le vittime in un giorno, ieri erano stata 49. Il tasso di positività è all’1%, in lieve aumento rispetto allo 0,79% di ieri. In calo i ricoveri ordinari e le terapie intensive. Gli attualmente positivi al Covid in Italia sono 80.451, con un calo di 2.095 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1448304523152437248

Foto | Una lezione di protesta al Green Pass a Napoli

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

Adesso in diretta