Approfondimenti

L’attacco israeliano a un centro di distribuzione aiuti a Rafah, la continua strage nelle carceri italiane e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 13 marzo 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’esercito israeliano ha bombardato oggi un centro di distribuzione di aiuti alimentari a Rafah. Almeno un membro dello staff dell’Unrwa, l’agenzia delle nazioni unite per i rifugiati palestinesi, è stato ucciso. Nonostante gli annunci e gli slogan, di storico nella riforma fiscale che il governo sta approvando pezzo a pezzo, per ora non c’è niente. La fine della fragile intesa dei leader del campo largo. Tre suicidi in sole 24 ore avvenuti nelle carceri italiane coinvolgono tre detenuti giovanissimi. L’europarlamento ha approvato la prima normativa al mondo sull’intelligenza artificiale.

Il raid israeliano su un centro di distribuzioni di aiuti a Rafah

L’esercito israeliano ha bombardato oggi un centro di distribuzione di aiuti alimentari a Rafah. Almeno un membro dello staff dell’Unrwa, l’agenzia delle nazioni unite per i rifugiati palestinesi, è stato ucciso. Ci sarebbero poi almeno 22 feriti. Le immagini girate da un giornalista palestinese sul posto e verificate da Al Jazeera, mostrano i locali del centro di distribuzione con gli scatoloni di aiuti alimentari distrutti, il contenuto sparso sul pavimento macchiato di sangue.
Secondo l’agenzia, quello colpito oggi era uno degli ultimi centri di distribuzione aiuti ancora funzionante nell’area. Il segretario generale per gli affari umanitari delle nazioni unite Martin Griffith ha definito devastante l’episodio e sui social ha chiesto: Come possiamo continuare a lavorare se i nostri operatori e i nostri depositi sono costantemente sotto attacco?
Gli aiuti, intanto, entrano col contagocce. Per aggirare questa strozzatura, gruppi della società civile e vari paesi occidentali, stanno iniziando a mandare navi cariche di aiuti a Gaza: la prima attraccherà domani mattina. Ma agenzie internazionali e associazioni umanitarie considerano questa decisione complicata dal punto di vista logistico e debole da quello politico. Tommaso della Longa, portavoce della croce rossa internazionale.


Con gli aiuti nella Striscia entrano, o dovrebbero entrare, anche medicine e attrezzature sanitarie. Ma ci sono regole stringenti sugli articoli che possono e non possono entrare: oggi per esempio un intero tir di aiuti è stato rimandato in Egitto perché conteneva delle forbici chirurgiche. Lavorare negli ospedali è dunque sempre più difficile: una situazione medievale, la definisce ancora Tommaso della Longa.

La riforma del fisco non alleggerisce la pressione e strizza l’occhio a chi non paga

(di Alessandro Principe)
Nonostante gli annunci e gli slogan, di storico nella riforma fiscale che il governo sta approvando pezzo a pezzo, per ora non c’è niente. Finora sono stati approvati 10 decreti attuativi. Nove di questi non riguardano la riduzione della pressione fiscale, né la riforma strutturale dell’imposizione fiscale ma il procedimento fiscale. Provvedimenti che mirano ad alleggerire il lavoro dell’Agenzia delle entrate, a rendere le procedure più snelle, sempre che ci si riesca. Ma la pressione fiscale al momento non viene toccata. Tranne che in un caso: uno dei decreti abbassa dal 27 al 25% l’Irpef sulla porzione di reddito compresa tra i 15mila e i 28mila euro annui. Il beneficio medio è di 14,5 euro al mese. Inoltre l’intervento non è strutturale ma finanziato solo sul 2024.
Nulla c’è sul grande problema del fisco italiano, da sempre: quello dell’evasione. Meloni rivendica incassi record nel 2023: ma è un trucco. Si tratta dell’effetto della rottamazione delle cartelle che consente a chi non ha pagato le tasse di mettersi in regola senza sanzioni né interessi. Una lotta all’evasione che in realtà è una sorta di condono. Con effetti una sola volta. E il messaggio è comunque che se non paghi poi in qualche modo si aggiusta. Quanto alla cancellazione delle cartelle non riscosse dopo 5 anni, sarà pure un modo per sgravare il lavoro dell’Erario. Ma è anche un messaggio opposto a quello della lotta all’evasione. Invece di dare più risorse, più mezzi, più personale alla riscossione, si alzano le mani di fronte all’incapacità di esigere il dovuto.

Il campo largo devastato

(di Luigi Ambrosio)
È stato un bel duello, tra Toninelli e Calenda, oggi. Hanno fatto a gara a chi ha detto piu forte “no” a qualsiasi alleanza per le elezioni politiche.
Toninelli l’ha buttata sui sentimenti, anzi sulle emozioni. La politica si fa con le emozioni, ha detto l’ex ministro del ponte per mangiare, vivere, giocare, spiegando che i professori e gli intellettuali non gli piacciono, che col terzo polo si perde e che con Renzi non prenderebbe nemmeno un caffè. Perché suscita emozioni negative. Se questa è la linea del Movimento 5 Stelle, il centrosinistra è già zoppo. Gli ha risposto a distanza Calenda: una cosa sono le alleanze per le elezioni locali, un’altra cosa le politiche. No quindi in direzione opposta nei confronti dei 5 Stelle. Calenda è irremovibile, e rimane irremovibile anche al dialogo con Renzi. Veti incrociati carpiati.
In mezzo il Pd. La segretaria Schlein oggi ha detto che il Pd sta lavorando alle alleanze e su quello insiste a cominciare dalla Basilicata. Dove però i risultati non si vedono.
“Lavoriamo sui progetti ha detto Schlein”. Progetti che tengano insieme visioni così diverse dall’economia alla politica estera, in questo momento, non se ne riescono a immaginare. Per non dire delle toninelliane “emozioni”

Tre suicidi nelle carceri italiane in un solo giorno

Tre suicidi in sole 24 ore. Sono avvenuti nelle carceri italiane. Tre detenuti giovanissimi. Il primo è quello del trapper Jordan Jeffrey Baby che si è impiccato a Pavia. Il secondo quello di un ragazzo di venti anni che si è tolto la vita nel giorno del suo compleanno nel carcere di Teramo. L’ultimo è di un uomo di 33 anni a Secondigliano.
Nel solo 2024, secondo la Fondazione Antigone, nei penitenziari italiani ci sono stati 23 suicidi.

(di Mattia Guastafierro)
Ogni suicidio fa sempre storia sé, ma come ricorda la Fondazione Antigone quando sono così tanti – uno ogni tre giorni solo quest’anno – alla base insiste un problema di sistema. Uno tra questi, forse il principale, è il sovraffollamento. Nel carcere di Pavia, a fine febbraio, era del 126%, a Secondigliano del 127%, a Teramo del 147%. Solo per citare gli ultimi tre suicidi.
Ogni mese nelle carceri italiane, già piene zeppe, entrano 400 detenuti in più. In totale oggi la popolazione detenuta è pari a 60mila persone, di cui 43mila detenuti comuni. Uomini e donne con povertà economica, culturale, educativa. Giovani e meno giovani che vivono situazioni di marginalità. Per molti di loro non esiste alternativa alle celle delle nostre prigioni.
Ma il sovraffollamento non è un evento naturale, è il frutto di scelte e politiche. Come quelle del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria che, a febbraio in una audizione in Parlamento, come unico rimedio ha parlato di ampliare il numero della camere detentive. Entro il 2025, ha spiegato il capo del Dap, ci saranno 4mila posti in più, anche grazie ai fondi del Pnrr, in barba a tutti gli studi statistici che indicano nella reclusione la causa di una maggiore recidiva. Nessun accenno a misure alternative, depenalizzazioni, progetti di reinserimento, soluzioni sociali. La storia però insegna: ogni volta che si aumentano i posti, li si riempie con più facilità. Nel 2013, quando la Corte europea dei diritti dell’uomo condannò l’Italia con una sentenza epocale, il tasso di sovraffollamento era del 151%. Non molto lontano dai numeri attuali.

Il Parlamento europeo ha approvato la prima normativa al mondo sull’Intelligenza Artificiale

Oggi l’europarlamento ha approvato la prima normativa al mondo sull’intelligenza artificiale. Il regolamento – che dovrà essere recepito in tutti gli stati – fissa regole e limiti all’utilizzo dei sistemi di intelligenza artificiale, dagli obblighi di trasparenza alle limitazioni in settori sensibili come i diritti fondamentali, la salute, la sicurezza.

Una delle questioni più delicate riguarda il riconoscimento biometrico: in linea di principio sono vietati. Ma ogni paese potrà approvare delle norme che la consentano alle forze di polizia in determinate situazioni. E questo potrebbe essere un punto debole del regolamento.

Il commento di Marco Schiaffino, conduttore di Doppio Click:

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta