Approfondimenti

I dubbi sulla morte di Oussama Benrebha, Valery Gerasimov è il nuovo capo delle forze russe in Ucraina e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 11 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oussama Benrebha è stato trovato senza vita nel fiume Brenta. Secondo la polizia sarebbe annegato scappando da un controllo; secondo una sua amica sarebbe stato picchiato e gettato nel fiume dagli agenti. Il ministero della difesa russo ha comunicato un altro cambio all’interno delle leadership militare. Il Partito Democratico va verso un’intesa sulle regole per le primarie. Questa mattina Giorgia Meloni ha rivendicato la scelta di aumentare le accise. È morto l’editore Marco Tropea.

Le accuse di un’amica di Oussama Benrebha ai poliziotti

(di Mattia Guastafierro)

È una storia ancora tutta da decifrare quella accaduta nei dintorni di Padova ieri pomeriggio. Quattro ragazzi stranieri si trovano sulla sponda del fiume Brenta, all’altezza di Pontevigodarzere, una zona nota di spaccio. Passeggiano lungo la strada, quando una Volante li nota e li ferma per un controllo. Alla vista della polizia, due fuggono, gli altri vengono bloccati. Tra questi c’è Oussama Benrebha, 23 anni, tunisino, padre di un bambino piccolo. Secondo i giornali locali, era in Italia da circa un anno e lavorava in nero come bracciante. In base a quanto afferma la questura, Benrebha reagisce al controllo, c’è una colluttazione, ferisce uno degli agenti, prima di gettarsi nel fiume. Il suo corpo verrà ritrovato questa mattina dai sommozzatori a 8 metri di profondità. La sua storia è simile a quella di un altro ragazzo, Khadim Khole, anche lui morto annegato nello stesso punto del Brenta meno di due anni fa, mentre scappava dalla polizia dopo un furto. Simile, se non per un particolare. Un’amica di Benrebha lancia oggi una pesante accusa gli agenti.

 

Questa la testimonianza alle tv locali dell’amica di Benrebha, secondo cui gli agenti avrebbero anche usato uno spray contro i due fermati. La Questura ha smentito la sua versione, contestandone le incongruenze e annunciando una denuncia. Spetterà ora alla procura di Padova fare luce su una vicenda che dal singolo caso, ripropone con forza il tema degli equilibri precari tra la città di Padova e la comunità straniera che la abita. Per ora non è stato aperto alcun fascicolo, ma non è escluso che i magistrati possano muoversi a breve.

L’ennesimo cambio nella leadership militare russa

I combattimenti a Soledar continuano. L’ha detto il presidente ucraino Zelensky, specificando che il fronte Donetsk sta tenendo. La precisazione ucraina arriva dopo che il capo della Wagner aveva detto che la città era caduta. Il consigliere della presidenza Ucraina, Podolyak ha detto che la battaglia di Soledar e Bakhmut è la “più sanguinosa” dall’inizio dell’invasione.
Intanto il ministero della difesa russo ha comunicato un altro cambio all’interno delle leadership militare. Il capo di stato maggiore russo Valery Gerasimov è stato nominato capo del raggruppamento congiunto delle forze impegnate nell’operazione militare speciale in Ucraina, spiegando che la decisione è dovuta all’”espansione delle dimensioni dei compiti” e alla necessità di una “maggiore efficienza”.
Abbiamo chiesto come leggere questo ennesimo cambio a Francesco Strazzari, professore di relazioni internazionali alla scuola superiore S.Anna di Pisa.

Il Pd si divide sulle regole per le primarie

(di Anna Bredice)

Evitare di contarsi e spaccare il partito anche sulle regole per fare le primarie. A questo è servito il lungo rinvio della direzione che sta iniziando in questi minuti e che deve decidere in maniera definitiva se consentire il voto on line alle primarie, che pare sicuro avverranno il 26 febbraio. Un accordo sembra che si sia trovato e in sostanza prevede il via libera al voto da remoto solamente per alcuni casi specifici, come ad esempio studenti fuori sede, anziani, persone con disabilità, chi abita in paesi di montagna dove diventa difficile organizzare un gazebo per il voto. Una via d’uscita che non apre il voto on line a tutti, ma nello stesso tempo lo introduce nel regolamento per le primarie e questa è una grande novità, perché se alcuni ritengono che varrà solo per questo voto, in ogni caso diventa un precedente. Rimane da stabilire come fare per chi vuole votare dall’estero, se consentire anche a loro il voto digitale oppure il solo abituale gazebo. La questione non è solo pratica, è anche politica, perché un voto esteso anche da remoto apre la consultazione a molti più militanti ed elettori, simpatizzanti che potrebbero sostenere Elly Schlein, la quale punta di più al voto che arriva fuori dal semplice numero degli iscritti al partito, che in ogni caso dovranno nelle ultime settimane prima del 26 febbraio nei congressi dei circoli scegliere tra i 4 candidati chi sono i primi due che andranno alle primarie aperte. Se Schlein ha sempre sostenuto il voto on line, Bonaccini e De Micheli l’hanno un po’ subito, se non respinto, e ora hanno cercato di contenerlo solo per alcuni casi specifici, ma tra studenti e persone all’estero la platea potrebbe anche allargarsi. L’accordo ci sarebbe e dovrebbe essere approvato senza arrivare ad una conta.

Meloni prova a giustificarsi sul caro benzina

(di Luigi Ambrosio)

C’è un passaggio nel video di oggi di Giorgia Meloni in cui la Presidente del Consiglio se la prende con chi nei giorni scorsi ha denunciato le presunte speculazioni sul prezzo dei carburanti.
Facendo finta di dimenticare che è stata la sua parte politica. Quando, di fronte agli aumenti determinati dalla reintroduzione delle accise tagliate da Draghi, la destra ha puntato il dito contro i benzinai, ha evocato l’invio della Guardia di Finanza, ha promesso battaglia contro gli approfittatori.
Poi si è scontrata con la realtà dei fatti: gli aumenti sono il frutto della decisione di rimettere le accise.
E allora? Allora, cambio di strategia.
“Il prezzo medio della benzina la scorsa settimana è stato di 1.812 al litro” ha detto Meloni aggiungendo: “ci piacerebbe fosse più basso ma quanto cambia rispetto al passato?”
Beh, cambia. Quei 30 centesimi di tasse al litro in più, ad esempio. Quelle che Meloni e Salvini avevano giurato di togliere. E qui per la Premier si è aperta una nuova falla: lei ha provato a negare di avere mai promesso il taglio delle accise ma è stato un attimo andare a vedere che nel programma di Fratelli d’Italia il taglio c’era. Allora, ulteriore cambio di comunicazione: “si è vero ma lo avevamo promesso solo se avessimo avuto più entrate”.
E come le potevi immaginare più entrate visto che si è votato a ridosso della finanziaria e che i conti da portare a Bruxelles erano quelli del governo Draghi? Insomma non regge.
“E allora con quei soldi faremo politiche sociali!” è stato l’ennesimo tentativo di Meloni di coprire la figuraccia.
Ecco. Forse nella prossima finanziaria intendeva, perché in questa se ne sono viste pochine, di politiche sociali.
Se ne riparla tra un anno, dai.

Addio a Marco Tropea

(di Ira Rubini)

La scomparsa di Marco Tropea, editore, traduttore, autore e molto altro ancora, ci priva di una figura di riferimento per la cultura italiana. Fondatore di una importante e innovativa casa editrice, attiva dal 1996 al 2014, prima di allora era stato militante del Movimento Studentesco e aveva lavorato come editor per Mondadori e Longanesi. Il suo esordio fu contraddistinto dalla traduzione del thriller Il giorno dello sciacallo di Frederick Forsyth, nel 1972, complice il ruolo di direttore della collana dei Gialli Mondadori di suo zio, Alberto Tedeschi. Nel 1989, creò con Laura Grimaldi la casa editrice Interno Giallo, poi rilevata da Mondadori. Tropea si sposta allora nel gruppo Longanesi, dove lavora come coordinatore delle case editrici.
La Marco Tropea Editore nasce nel 1996, all’interno del gruppo Il Saggiatore, e si distingue subito per il suo connotato di internazionalità. Fra gli autori pubblicati: Arturo Pérez-Reverte, Jonathan Lethem, Noam Chomsky, Giorgio Galli, Paco Ignacio Taibo II. Proprio quest’ultimo lo ha ricordato così sul suo profilo Twitter: „…‘il migliore degli editori italiani, vecchio amico e fedele compagno degli autori della mia generazione. Per quelli di noi che hanno collaborato con lui, indimenticabile. Devo a lui quasi tutto quello che so sull’editoria».

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 6:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

Adesso in diretta