Approfondimenti

La campagna vaccinale si concentra sui giovani, gli incendi in Calabria e Sicilia e le altre notizie della giornata

vaccini italia ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 11 agosto 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La campagna vaccinale in Italia ora punta sui giovani. A partire dal 16 agosto tutti i ragazzi tra i 12 e i 18 anni potranno vaccinarsi senza dover prenotare, parola del generale Figliuolo. Oggi in Sicilia è stata registrata la temperatura più alta mai verificata in Europa: 48,8 gradi. È accaduto oggi pomeriggio a Floridia, in provincia di Siracusa. Due persone, inoltre, sono decedute in Calabria e Sicilia negli incendi divampati nelle ultime ore. L’unico film italiano in concorso a Locarno 74 arriva dalla Sardegna: “I giganti” di Bonifacio Angius, ironico già dal titolo. Infine l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La campagna vaccinale in Italia ora punta sui giovani

La campagna vaccinale ora punta sui giovani. A partire dal 16 agosto tutti i ragazzi tra i 12 e i 18 anni potranno vaccinarsi senza dover prenotare.
Il Commissario per l’Emergenza, Francesco Figliuolo, in una lettera indirizzata alle Regioni, chiede di “predisporre corsie preferenziali” dedicate ai cittadini in questa fascia d’età, “anche senza preventiva prenotazione”. La campagna vaccinale, secondo quanto scrive il generale, procede secondo i piani, con la progressiva immunizzazione delle classi prioritarie, dei cittadini maggiormente fragili. Per questo, ora l’obiettivo è di incentivare la vaccinazione dei più giovani, anche in vista della riapertura delle scuole a settembre. Sentiamo cosa ne pensa l’epidemiologo Carlo La Vecchia dell’Università Statale di Milano:

La Regione Toscana, intanto, ha lanciato l’iniziativa “GiovaniSìVaccinano”: un camper con a bordo personale sanitario, ogni giorno, raggiunge una località diversa della costa per vaccinare i ragazzi toscani che lo desiderano, senza necessità di prenotazione.
Ce ne parla il consigliere regionale alle Politiche giovanili, Bernard Dika:

La strategia punta a far tornare i ragazzi a scuola vaccinati, per ridurre il rischio di infezione. Ma, come abbiamo sentito prima dall’epidemiologo Carlo La Vecchia, tra gli insegnanti c’è ancora una percentuale di non vaccinati. Ma per tornare a lavorare a settembre avranno bisogno del Green pass, altrimenti, dopo cinque giorni, scatterà la sospensione. Un provvedimento contestato in questi giorni.
I sindacati confederali e Anief hanno pubblicato una nota congiunta riassumendo le questioni già portate a galla da ognuno di loro nei giorni precedenti. Secondo il comunicato, l’obbligo di Green Pass è stata una decisione assunta dal governo in modo unilaterale e che non risolve il problema del ritorno a scuola in sicurezza. La loro posizione è che questa sia una forzatura, che genera tensioni, e un modo per scaricare le responsabilità sui lavoratori. Ricordando che il governo non è intervenuto su aspetti, a loro avviso, più importanti, come il sovraffollamento delle classi, per esempio.

Sicilia e Calabria sono le due Regioni più colpite dagli incendi

Due morti per gli incendi anche in Italia, in Calabria e Sicilia. Un uomo di 77 anni è morto nelle campagna di Grotteria, Reggio Calabria, a causa di un incendio che ha circondato e fatto crollare la sua casa di campagna. L’uomo stava tentando di mettere in salvo i suoi animali che teneva in un recinto accanto al casolare.
Nel catanese è morto un agricoltore ch stava cercando di spegnere le fiamme nei suoi campi.
Sono proprio la Calabria – soprattutto sull’Aspromonte – e la Sicilia le due regioni più colpite dagli incendi in queste ore.
Alimentati dal gran caldo e dal vento di scirocco i roghi stanno colpendo la Sicilia Nord Orientale, dove centinaia di ettari di bosco sono stati devastati sulle Madonie, in provincia di Palermo. Gianfranco Zanna di Legambiente Sicilia è lì per un sopralluogo:


 

Caldo da record in Sicilia: la temperatura più alta mai registrata in Europa

In Sicilia oggi è stata registrata la temperatura più alta mai verificata in Europa: 48,8 gradi: è stato oggi pomeriggio alle 14 a Floridia, paese in provincia di Siracusa. Fino ad oggi il primato era detenuto dal 1977 da Atene con 48 gradi.

Ecco cosa ci ha raccontato il signor Antonio, proprietario del bar “Mazzarella Caffè” nel centro del paese più caldo d’Europa:

Il picco dell’ondata di calore è previsto per venerdì con 15 città da bollino rosso, secondo la Protezione Civile.

Cosa significa per la Catalogna l’addio di Messi al Barcellona

(di Emanuele Valenti)

“Come tutti sanno l’addio al Barcellona è stato molto difficile, ma sono felice di essere qui”.
Così Lionel Messi nella sua prima conferenza stampa da giocatore del Paris Saint-Germain.
Per Barcellona e per tutta la Catalogna la partenza di Messi è un fatto molto importante, che va ben oltre il pallone.
Lasciamo le motivazioni economiche, normative, contrattuali che hanno provocato l’addio di Messi al Barcellona e rimaniamo sul fatto: uno dei più forti giocatori di calcio di tutti i tempi ha lasciato la squadra, la società, la città, che lo avevano voluto e portato in Europa dall’Argentina quando era ancora bambino, e che lo hanno fatto diventare famoso. Sul campo di calcio Messi ha ampiamente ricambiato.
Ora la sua partenza per Parigi lascia il vuoto. La squadra era già in declino e con la perdita del suo simbolo e del ricco indotto economico lo sarà ancora di più.
Ma il Barcellona è anche uno dei simboli della Catalogna, anche nella storica contrapposizione a Madrid, allo stato spagnolo.
Ogni partita al Camp Nou, a 17 minuti e 14 secondi i tifosi gridano “indipendenza”. Ricordando la caduta di Barcellona nelle mani dei Borbone l’11 settembre del 1714.
A differenza dei vertici societari Messi non ha mai dimostrato particolare simpatia per la causa indipendentista. Nel 2017 fece inserire nel contratto una clausola che gli avrebbe permesso di lasciare il club se un’ eventuale secessione avesse escluso il Barca da una grande lega europea.
Da Messi non dipende il futuro dei rapporti, tormentati, tra Madrid e Barcellona, ma la partenza del simbolo Messi segna un duro colpo per tutta la Catalogna, come il resto della Spagna alle prese con una perenne crisi economica.

L’avanzata dei talebani in Afghanistan mette in difficoltà le truppe governative

Afghanistan. Anche le notizie di queste ultime ore confermano la continua avanzata dei Talebani e le grandi difficoltà delle truppe governative.
Questa mattina centinaia di soldati si sono arresi alla guerriglia all’aeroporto di Kunduz, nel nord, mentre ci sono combattimenti intorno ad altri importanti centri. I Talebani controllerebbero almeno 9 capoluoghi di provincia su 34.
A dimostrazione dell’estrema emergenza il licenziamento del capo dell’esercito – in carica da soli due mesi – e la trasferta del presidente Ghani nella città strategica di Mazar-i-Sharif, sempre nel nord. Lì Ghani ha chiesto il supporto dei signori della guerra che negli anni scorsi aveva invece cercato di escludere dal controllo del paese, primo fra tutti il famoso generale Dostùm.
Alcuni funzionari americani hanno detto che Kabul potrebbe cadere entro 3 mesi.
Ieri Biden aveva detto di non essersi pentito del ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan.
Intanto Germania e Olanda hanno sospeso le deportazioni di cittadini afghani. Avevano già fatto lo stesso altri paesi europei. Sulla carta a Doha, in Qatar, questi sono i giorni della ripresa del negoziato tra governo di Kabul e Taleban.

“I giganti”, l’unico film italiano in concorso a Locarno 74

(di Barbara Sorrentini)

L’unico film italiano in concorso a Locarno 74 arriva dalla Sardegna. “I giganti” di Bonifacio Angius è ironico già dal titolo, che si riferisce in realtà a un’umanità piccola, schiacciata da eventi enormi e incontrollabili. Come la pandemia che aleggia su tutto il film, girato in un casolare isolato nella campagna sarda con una troupe leggera e costantemente tamponata, e con un pessimismo distruttivo che sarebbe senza speranza se il regista non lo avesse immerso nell’ironia e in un viaggio  tra i generi cinematografici: western, horror e thriller psicologico. Esteticamente local, per la scelta di luoghi e attori “I giganti” abbraccia uno stato d’animo universale, demoralizzato e alla ricerca di speranza. Salta agli occhi l’assenza di figure femminili, che accompagna la crisi esistenziale dei protagonisti. “È un viaggio immersivo su un’umanità distruttiva e mi piace definire questo racconto come un’opera filosofica scritta da un cialtrone”, ha detto il regista, che dichiarandosi influenzato dalla pandemia ha voluto raccontare questa paura, disperazione, ambiguità e inquietudine in un film popolare. 


L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 6.968 le persone risultate positive coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del Ministero della Salute. Ieri erano stati 5.636. Sono invece 31 le vittime oggi. Il tasso di positività sale al 3%. Aumentano anche i ricoveri in reparto (+68) e in terapia intensiva (+15).

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

Adesso in diretta