Approfondimenti

La crisi a Gaza, il crollo dei redditi italiani e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 10 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel pomeriggio di oggi, dalla Striscia di Gaza sono stati lanciati oltre 300 razzi in direzione di Israele. La maggior parte di essi è stata intercettata dal sistema di difesa di Tel Aviv. Nel frattempo, fonti mediche palestinesi hanno riportato che negli ultimi due giorni gli attacchi israeliani su Gaza hanno causato la morte di 40 persone. Secondo le dichiarazioni di un comandante ucraino, l’esercito di Kiev avrebbe riconquistato il controllo di più di due chilometri di territorio controllato dalle forze russe. Secondo l’Ocse, i redditi italiani sono calati del 3,5% alla fine del 2022. Dopo le proteste degli universitari a Milano e Roma, ora anche a Torino, Firenze, Bologna, Perugia e Pavia gli studenti si sono accampati fuori dagli atenei per protestare contro il caro affitti. Qual è il piano di Meloni per la Rai?

Oltre trecento razzi lanciati da Gaza verso Israele in poche ore

Nel tardo pomeriggio fonti Egiziane hanno affermato che israeliani e gruppi armati palestinesi avrebbero accettato una tregua.
Al momento non ci sono conferme ufficiali e circa mezz’ora fa nell’area metropolitana di Telaviv sono nuovamente suonate le sirene anti missile. Quelli in corso sono i combattimenti più intensi degli ultimi mesi. Oltre 300 i razzi lanciati dalla Striscia verso Israele questo pomeriggio, la maggior parte sono stati intercettati dal sistema di difesa di Telaviv. Mentre secondo fonti mediche palestinesi in due giorni di attacchi israeliani su Gaza sono state uccise 40 persone, tra cui 4 donne e 5 minori, oltre 40 i feriti.
Ascoltiamo la testimonianza di un giornalista palestinese che abbiamo raggiunto a Gaza questo pomeriggio.


 

Sul perché di questa escalation tra Israele e gruppi armati palestinesi a Gaza ascoltiamo Ugo Tramballi editorialista del sole 24 ore esperto di Medio Oriente.

 

La battaglia per il controllo di Bakhmut

“Nei pressi di Bakhmut le Forze di difesa ucraine hanno liberato più di due chilometri di territorio dal controllo delle forze russe”. Lo ha dichiarato oggi un comandante ucraino del battaglione Azov ai media di Telaviv. Si tratterebbe della 72esima brigata russa, che era posizionata a sud-ovest della città.
Un’informazione che al momento non è possibile verificare. I dettagli però sono gli stessi forniti ieri dal capo dei Wagner, Prigozhin, che aveva parlato proprio della fuga dal campo di battaglia della 72esima brigata dell’esercito russo. I vertici militari ucraini hanno comunque precisato che la situazione nell’area riamane molto difficile.
Confusa anche la situazione nella zona della centrale nucleare di Zaporizhia. Kiev sostiene di aver avuto notizia di un’imminente evacuazione del personale che lavora nel sito e delle loro famiglie, in tutto più di 3mila persone. Secondo le autorità ucraine, però, all’ultimo momento il personale della centrale sarebbe stato bloccato.

Intanto secondo l’agenzia di stampa russa, TASS, sarebbe vicina un’intesa per rinnovare l’accordo sull’esportazione di grano che scadrà la prossima settimana, il 18 maggio. Il Cremlino per ora non ha confermato.

I redditi degli italiani sono sempre più bassi

(di Massimo Alberti)
L’Ocse conferma che i redditi italiani a fine 2022 sono calati del 3,5%, unici dei paesi dell’organizzazione. Ennesimo segnale della debolezza dell’economia italiana in un momento complicato. Lo spostamento, e secondo molti il declino, della struttura economica italiana sta tanto nei dati Istat di oggi. La produzione industriale che cala, il turismo che cresce. La produzione industriale scende per il terzo trimestre di fila. In una pessima congiuntura che incrocia le difficoltà di crisi energetica e delle materie prime dell’ultimo anno, con le conseguenze della stretta sui tassi delle banche centrali, che, in particolare, nell’appunto debole tessuto produttivo italiano fa sentire i suoi effetti, mentre non si vedono quelli sull’inflazione. E se la domanda cala va da se che cala la produzione. E così l’occupazione ristagna tra variazioni di pochi decimi, e il PIL tiene grazie al turismo, già tornato ai livelli prepandemia e si appresta a superarli. Non è una buona notizia che una – ormai ex? – economia avanzata tenga grazie al settore a basso valore aggiunto per antonomasia, che concentra in poche mani la ricchezza che crea e non la redistribuisce. La turistificazione dell’economia pesa sulla qualità del lavoro, per lo più precario e a salari bassi, lo conferma l’ennesima indagine giornalistica, su Today di Charlotte Matteini, che evidenzia le paghe da fame offerte dagli imprenditori del settore, così come i recenti controlli dell’ispettorato del lavoro che hanno rilevato irregolarità in 8 imprese su 10. Ma pesa anche sul tema forte di queste ore, quello degli affitti, con città riconvertite a bed and breakfast, sempre più a misura di turista, sempre meno per chi le abita. In Europa è da tempo un problema da risolvere, un comodo appiglio nell’Italia che ha rinunciato ad una visione industriale.

Caro affitti, la protesta degli studenti si estende in tutta Italia

(di Mattia Guastafierro)
Dagli studenti fuorisede, che non si possono permettere nemmeno una stanza, ai giovani lavoratori, tagliati fuori dal mercato immobiliare. L’emergenza abitativa interessa vari strati della società, si abbatte con maggior forza sulle fasce deboli, ma tocca anche il ceto medio, stretto tra speculazione, inflazione ed erosione dei salari.
Il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara oggi accusa le giunte di centrosinistra di aver fatto poco o nulla negli anni per gli studenti. Eppure, nemmeno il governo Meloni si è mai interessato al tema. Anzi, finora è andato nella direzione contraria, azzerando due strumenti di contrasto alle diseguaglianze abitative in nome della sostenibilità del bilancio.
Il primo è il fondo per gli affitti e la morosità incolpevole che tante famiglie ha aiutato durante la pandemia. Le opposizioni ne avevano richiesto la reintroduzione con alcuni emendamenti, ma la maggioranza li ha bocciati. Il secondo è la garanzia sulla prima casa, lo strumento che consentiva agli under 36 di ricevere dallo Stato fino all’80 per cento di copertura sui mutui. Tra poco meno di due mesi la misura, rafforzata dal governo Draghi, scadrà, allontanando altri giovani dal miraggio del rogito. Due questioni che si saldano alla protesta degli studenti per il caro affitti. Dopo Milano e Roma, anche a Torino, Firenze, Bologna, Perugia e Pavia gli universitari si sono accampati di fronte agli atenei, a dimostrazione del fatto che il caro affitti non riguarda solo le metropoli.

La nuova Rai di Meloni

(di Luigi Ambrosio)
L’uomo che Meloni sta per nominare nel ruolo chiave di Direttore Generale della Rai, Giampaolo Rossi, ha un curriculum da sovranista al 100%, come si dice adesso. In un recente passato ha manifestato tramite un blog il suo appoggio a Putin e il suo disprezzo per il finanziere George Soros. Una narrazione dove Soros è il capro espiatori di tutti i mali e Putin è un punto di riferimento politico e culturale.
Una narrazione comune a tutti i fascisti, i sovranisti, e le estreme destre.
Già presidente della fondazione di Alleanza Nazionale, Rossi è uno che definì l’antifascismo “una caricatura paradossale e un tentativo di fermare il senso della della Storia di un Paese che, prima o poi, dovrà fare i conti con la propria memoria”.
Alla faccia della volontà di percorrere una nuova via di moderazione. Meloni e la sua maggioranza si preparano a prendersi la Rai, a scegliere i direttori dei Tg e i conduttori delle principali trasmissioni. Si potrebbe dire che così fan tutti ma qui si torna alla stagione di Foa, il sovranista filo putiniano voluto da Salvini all’epoca del governo coi 5 Stelle, se non peggio.
La Rai è cruciale per Meloni. Per costruire il consenso attorno alle sue politiche, attorno alla riforma della Costituzione che vuole portare avanti, e alle altre scelte strategiche. Ma l’obiettivo è ancora più alto e sono le stesse parole di Giampiero Rossi pronunciate un anno fa a svelarlo: “la Rai esiste per creare e raccontare l’immaginario italiano”.
Usare la Rai per cambiare, da destra, la cultura del paese.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta