Approfondimenti

L’ultimo sfregio ai familiari delle vittime di Cutro, la parità di genere ancora lontana e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di mercoledì 8 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30.Dopo la disastrosa gestione del naufragio e dei soccorsi, ancora oggetto di indagini da parte della procura di Crotone, il governo si recherà a Cutro dove domani si terrà un Consiglio dei Ministri. Tuttavia, nelle ultime ore si è verificato un nuovo e clamoroso episodio: il governo ha deciso di spostare tutte le salme delle vittime al cimitero musulmano di Bologna, senza informare preventivamente le famiglie. Di fronte alle proteste dei parenti, il Prefetto è dovuto intervenire e il trasferimento è stato parzialmente bloccato. Il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, ha affermato che la parità di genere nel mondo non verrà raggiunta prima di 300 anni. Secondo il segretario generale della NATO, Bakhmut potrebbe cadere in mano russa nel giro di pochi giorni. La Consulta ha fissato per il 18 aprile l’udienza pubblica in cui sarà trattata l’ordinanza con la quale la Corte d’assise d’appello di Torino ha sospeso il processo contro Alfredo Cospito

Cutro, lo schiaffo del Viminale alle vittime e alle loro famiglie

(di Michele Migone)
Una donna afghana che ha perso la figlia e il genero, ha preso il cartello e si è seduta a terra di fronte al Palamilione di Crotone dove le bare sono ancora in fila, una accanto all’altra. Sul cartello c’era scritto “Il governo italiano gioca con i morti”. Accanto a lei altri parenti delle vittime. La protesta ha avuto effetto: ha bloccato la decisione del Viminale di trasferire le salme a Bologna, a 946 chilometri di distanza. Una decisione presa senza consultare i familiari. E a quanto pare senza neppure avvertire il prefetto della città. Partiranno solo le salme per cui il governo ha avuto il permesso dalla famiglia, 10 oggi e 14 domani. Rimarranno quelle dei 17 afghani. Ancora risuonano quelle parole disumane sulle partenze irresponsabili dette dal ministro Piantedosi che oggi un altro atto è arrivato per rendere ancora più atroce il destino delle vittime del naufragio, prima da vivi e poi da morti. Secondo uno dei parenti, Abdollahim Yadgary, sei i morti della sua famiglia, il ministero voleva spostare tutte le salme a Bologna perché domani a Cutro arriverà l’intero governo per il Consiglio dei Ministri. Dopo alcune ore di braccio di ferro, il governo ha accettato di pagare le spese per il rimpatrio delle salme, anche se ha avanzato riserve di natura geopolitica su questi rimpatri, riserve non comprese dai familiari. Marco Bona, avvocato di una delle famiglie, ha parlato di sciatteria, di mancanza di rispetto e sensibilità nei confronti del dolore e del lutto di queste persone.

La crudeltà del governo a Cutro

(di Luigi Ambrosio)
Trasferire i morti della strage di Cutro a 945 chilometri di distanza. Il che avrebbe significato per i familiari delle vittime, arrivati di corsa a Crotone dai loro paesi di origine o dai paesi dove vivono, la Germania soprattutto, doversi sobbarcare un altro viaggio. Lungo, faticoso, doloroso. Costoso. La decisione di trasferire le salme da Catanzaro a Bologna era stata presa dal Viminale alla vigilia della calata dell’intero governo, che domani si riunirà a Cutro.
“Vogliono fare sparire i morti ma vogliono soprattutto fare sparire i loro familiari che avrebbero potuto manifestare”, dicono in Calabria. Avrebbero potuto guastare la scena del Consiglio dei Ministri riunito a Cutro.
Solo la protesta dei familiari ha smosso la Prefettura che ha raggiunto un compromesso: viaggio a Bologna su base volontaria. Alcuni hanno accettato, altri no. Anche perché all’inizio sembrava che si dovessero pure pagare le spese.
Per non dire dei sopravvissuti, che erano stati abbandonati fuori dal centro di accoglienza a passare la notte, in un capannone, su delle panchine o su dei letti con le reti ma senza i materassi.
Un trattamento crudele da parte di un governo impersonato da un ministro che definì i migranti sulle navi delle Ong “carichi residuali” e che dopo la strage di Cutro mandò il messaggio che è meglio non partire, per non rischiare quella fine.
“Sono orgoglioso di essere un questurino” aveva detto Piantedosi. Affermazione che potrebbe essere letta anche come “lavoro facendo quello che mi chiedono di fare”. E in effetti scaricare tutto su di lui sarebbe comodo. Pesa, oltre al cinismo di Piantedosi, il silenzio di Meloni. Anche oggi non ha detto una parola. Ed è un silenzio che indica chiaramente come la linea del ministro dell’Interno sia la linea del Governo tutto.

La parità di genere nel pianeta non sarà raggiunta prima di 300 anni

(di Alessandro Gilioli)
Se nasci femmina nelle zone rurali dell’Etiopia la tua vita ha solo ed esclusivamente tre possibilità: o sposarti ragazzina con un uomo di cui sarai schiava nei campi e a casa; o emigrare in un paese del golfo dove sarai schiava di una ricca famiglia locale; o andare a prostituirti per diventare schiava di turisti e funzionari stranieri.

Se nasci femmina nelle campagne del Sud Sudan sai già che (se non sarai uccisa dopo lo stupro di una milizia locale) comunque non vivrai  dopo i 45-50 anni, perché quando le donne non hanno più il ciclo vengono espulse dai villaggi e mandate nel bush, dove moriranno rapidamente di stenti. 

Se nasci femmina nello Yemen hai il 50 per cento delle probabilità che tu venga data in moglie a uno sconosciuto prima dei 14 anni. 

Se nasci femmina nel Somaliland hai il 98 per cento di possibilità di subire mutilazioni genitali. 

Se nasci in femmina in Afghanistan sai che non potrai mai studiare all’università. 

Se nasci femmina di casta dalit nell’Uttar Pradesh indiano sai che nessuno verrà mai processato se il branco ti stupra.  

Se nasci femmina in Mauritania non sarai mai proprietaria di nulla perché la legge stabilisce che tutto, dalla terra all’eredità, appartiene solo a tuo marito o a tuo fratello. 

“La parità di genere nel pianeta non sarà raggiunta prima di 300 anni”, ha detto l’altro giorno il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. Non sappiamo se è stato troppo pessimista. Sappiamo che per avvicinarci all’obiettivo dovremo lavorare molto tutti e tutte – e per tutto il nostro tempo di vita.

Stoltenberg: “Bakhmut potrebbe cadere in mano russa nei prossimi giorni”

(di Emanuele Valenti)
Secondo il segretario generale della NATO, Stoltenberg, Bakhmut potrebbe cadere in mano russa nel giro di pochi giorni.
“Non rappresenterebbe una svolta per la guerra – ha detto il segretario dell’Alleanza Atlantica – ma dobbiamo stare attenti a non sottovalutare le truppe di Mosca”.
Poche ore prima lo stesso Zelensky aveva messo in guardia su quello che potrebbe succedere a breve. “Da Bakhmut i russi avrebbero una porta aperta per la loro offensiva”. Parole molto diverse da quelle pronunciate finora dal presidente ucraino.
Difficile capire esattamente cosa stia succedendo sul terreno.
I mercenari di Wagner sostengono di controllare la parte orientale della città, a est del fiume che taglia quello che rimane – molto poco – della città.
A ovest di Bakhmut ci sono le due principali città del Donbas ancora in mano ucraina, Slovianask e Kramatarosk.
I servizi occidentali rimangono comunque convinti che i russi non riusciranno a guadagnare tanto territorio.

Oggi a Kyiv c’è stata la visita di Antonio Guterres.
Il segretario generale delle Nazioni Unite sta negoziando il rinnovo dell’accordo sul grano. Dopo un incontro con Zelensky ha ammesso che le trattative sono complesse. Ci sono ancora dieci giorni, fino al 18 marzo.

Il caso Cospito approda alla Corte Costituzionale

La Consulta ha fissato per il 18 aprile l’udienza pubblica in cui sarà trattata l’ordinanza con la quale la Corte d’assise d’appello di Torino ha sospeso il processo all’anarchico per i due ordigni davanti alla Scuola allievi carabinieri di Fossano e ha sollevato la questione di legittimità costituzionale in relazione a una norma del codice penale. Si tratta della norma che per il reato di strage politica non consente al giudice di ritenere prevalente la circostanza attenuante dei fatti di lieve entità in casi, come quello di Cospito, di recidiva aggravata. La procura generale aveva chiesto per Cospito il massimo della pena per devastazione, saccheggio e strage (ergastolo), mentre la difesa si è appellata alla lieve entità del fatto, non avendo provocato il fatto nessun ferito ed essendo – secondo la difesa – un atto dimostrativo. In punta di diritto, se venisse concessa l’attenuante della lieve entità, la condanna non potrebbe più essere quella massima ma sarebbe compresa tra i venti e i ventiquattro anni.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Biden” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    La cultura pop dell'ultima generazione ad aver passato la maggiore età, dall'ascolto al racconto. Un'atmosfera leggera e autoironica per scoprire, dalle voci di due che nel nuovo millennio ci sono nati, cosa ci sia di generazionale e cosa invece sta diventando storia. Una trasmissione che per i “centennials” sarà un'opportunità per ritrovarsi, mentre per tutti gli altri sarà una porta d'accesso. Il giovedì dalle 23 a mezzanotte, a cura di Luca Santoro e Alessandro Simonetta.

    IconZ - 11-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 11-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 11/07/2024

    L'ultimo giorno del vertice della Nato e l'attesa per la conferenza stampa di Biden, con Roberto Festa. Il dibattito italiano sulla giustizia, con l'ex procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati. Il rapporto Ecomafia con Sara Dell'Acqua e Enrico Fontana di Legambiente. L'ospedale pediatrico bombardato a Kiev con Joshua Evangelista di Gariwo. Il 29esimo anniversario del genocidio di Srebrenica con Andrea Rizza Goldstein, coordinatore del partenariato tra Arci e il Memorial Center Srebrenica. Le prove Invalsi 2024 con Alex Corlazzoli, maestro e giornalista. I 45 anni dall'omicidio di Giorgio Ambrosoli, con il figlio Umberto.

    Popsera - 11-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di giovedì 11/07/2024

    Quando si vola in Germania con würstel e sandali con calzini bianchi per questa fresca giovane puntata tra battute di tennis, luoghi comuni e scoperte sulla materia oscura. Entriamo poi nel vivo dei concerti con l'esclusiva rubrica "Cegna, Cegna edition".

    Poveri ma belli - 11-07-2024

Adesso in diretta