Approfondimenti

La risposta di Erdogan alle proteste per il ritardo dei soccorsi, la visita di Zelensky nel Regno Unito e le altre notizie della giornata

Erdogan nella provincia di Hatay

Il racconto della giornata di mercoledì 8 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il presidente Erdogan ha visitato la provincia di Hatay, una delle più colpite dal terremoto dei giorni scorsi. Zelensky in visita a Londra ha chiesto alla Gran Bretagna nuove armi e  jet da combattimento. Intanto sul campo di battaglia i combattimenti più violenti e intensi si registrano attorno alla città di Bakmut. La presenza di Mattarella a Sanremo non è va giù alla destra. Hasib Omerovic, il 36enne disabile di etnia rom precipitato dalla finestra della sua casa di Primavalle nel luglio scorso, è stato ascoltato dalla procura di Roma. Una donna di 89 anni bolognese e malata di Parkinson in forma ormai gravissima è morta oggi in una clinica in Svizzera, accedendo al suicidio assistito.

Turchia, accesso a twitter limitato dopo le proteste per il ritardo nei soccorsi


In Turchia il presidente Erdogan è andato nella provincia di Hatay, una delle più colpite dal terremoto dei giorni scorsi. Da quell’area sono arrivate denunce di ritardi nei soccorsi: un tema che oggi Erdogan ha toccato parlando di “provocatori” dietro queste accuse, anche se ha ammesso che ci sono stati dei “problemi iniziali”. In questo contesto l’autorità che si occupa di internet ha annunciato una limitazione dell’accesso a Twitter, che era stato usato proprio per denunciare ritardi nei soccorsi. Nelle ultime ore le vittime accertate fra Turchia e Siria sono salite a circa 11.700. Dalle macerie continuano a venire estratti corpi ma anche persone ancora vive, dopo due giorni passati sotto le rovine degli edifici crollati. Il nostro inviato Emanuele Valenti è ad Adana, nel sud della Turchia.

In Siria secondo le autorità sono circa 300mila le persone che hanno dovuto lasciare le loro case per il terremoto dei giorni scorsi. Giacomo Pizzi collabora con l’associazione Pro Terra Sancta ed è nella città siriana di Latakia.

Le istituzioni europee oggi hanno annunciato di voler organizzare una conferenza per raccogliere fondi per le popolazioni colpite. In Siria far arrivare gli aiuti è particolarmente difficile, con la guerra che dura da 12 anni e le sanzioni internazionali contro il regime di Damasco. In Italia oggi il capo della conferenza dei vescovi Matteo Zuppi ha chiesto di revocarle o sospenderle. L’ex viceministro degli esteri Mario Giro fa parte della Comunità di Sant’Egidio.

Zelensky ha chiesto nuove armi e jet da combattimento alla Gran Bretagna

Il presidente Zelensky oggi in visita a Londra ha chiesto alla Gran Bretagna nuove armi e in particolare jet da combattimento. Il premier Sunak ha incaricato il ministro della difesa di valutare “quali aerei da guerra il Regno Unito può fornire a Kiev” precisando che i tempi non saranno brevi. Si tratta della prima visita in Europa del presidente Ucraino dall’inzio del conflitto, dopo che in dicembre era già uscito dal paese per andare a Washington. Zelensky oggi oltre ad incontrare il premier Sunak, ha avuto un colloquio con Re Carlo III e ha tenuto un discorso davanti al parlamento
brittannico.
Poco fa la conferenza stampa congiunta Sunak- Zelensky, così il presidente Ucraino

Il presidente Ucraino questa sera è atteso a Parigi dove incontrerà il presidente francese Macron e il cancelliere tedesco Scholz. Mentre domani sarà a Bruxelles per il Consiglio Europeo. Sugli obbiettivi del viaggio di Zelensky in Europa ascoltiamo Alessandro Marrone analista dell’Istituto Affari Internazionali

Intanto sul campo di battaglia i combattimenti più violenti e intensi si registrano attorno a Bakmut nel Donbass. I filorussi rivendicano di aver circondato da un lato la città, bloccando gli accessi agli ucraini.
Tra pochi giorni, il 24 gennaio, sarà passato un’anno dall’inizio della guerra e il movimento pacifista in Italia ed Europa ha lanciato una nuova mobilitazione per chiedere la pace.
Franncesco Vignarca coordinatore della Rete Pace e Disarmo

 

Le polemiche sulla presenza di Mattarella a Sanremo

(di Anna Bredice)
Giorgia Meloni è rimasta zitta, consapevole di non poter fare molto di fronte alla scelta del capo dello Stato, il quale sapendo bene quali sono le dinamiche della Rai, soprattutto politiche, ha chiesto ad Amadeus la massima riservatezza, il rischio infatti era di coinvolgere il Quirinale in un ginepraio di polemiche sulla sua presenza a Sanremo. E infatti l’irritazione, per alcuni taciuta per altri esibita e anche troppo, è dovuta soprattutto ad essersi trovati davanti al fatto compiuto. E cioè che 14 milioni di italiani hanno ascoltato Roberto Benigni elogiare una Costituzione nata dalla lotta contro il fascismo, alla presenza di Mattarella, che si vedeva chiaramente condividere parola per parola il senso di quell’intervento. Forse anche La Russa non si sarà sentito molto bene ieri, ma seconda carica dello Stato ha preferito stare in silenzio. Chi invece non si è tenuto, e non è la prima volta, è stato il solito Salvini, che è caduto con tutti e due i piedi in una polemica che è tornata al mittente con parecchi danni, soprattutto di immagine. Questa mattina ha detto la sua su tutto, su Mattarella, ridimensionando la sua presenza, “aveva bisogno di svago”, ha detto, sul discorso di Benigni, “della Costituzione non si parla durante il festival”, come fosse un argomento pericoloso e non la legge più importante sulla quale ha pure giurato, e poi ancora la censura preventiva verso Paola Egonu, “non deve parlare di razzismo” e così via. Forse Salvini era convinto di sollevare le sorti del suo partito alle elezioni di domenica, conquistando un po’ di elettorato tradizionalista e di destra. Ma non è andata così, perché il primo a rispondergli è stato lo stesso conduttore del festival, Amadeus il quale senza molti timori reverenziali gli ha ricordato che sono 4 anni che fa polemiche sul festival e che se non gli piace può cambiare canale.

Una donna Bolognese è morta in una clinica svizzera accedendo al suicidio assistito

È morta oggi in una clinica in Svizzera, accedendo al suicidio assistito una donna di 89 anni bolognese e malata di Parkinson in forma ormai gravissima. “Non sono autonoma in nulla, tranne che nel pensiero, aveva scritto in una lettera: sono vigile in un corpo diventato gabbia senza spazio né speranza. La malattia è arrivata ad uno stadio che non mi consente più di vivere”. Non essendo tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale, la donna era però esclusa dalla possibilità di accedere al suicidio assistito in Italia e aveva dunque contattato l’Associazione Luca Coscioni. Ad accompagnarla in Svizzera, con un’azione di disobbedienza civile, sono state le due attiviste di Eutanasia Legale, che rischiano ora da 5 a 12 anni di carcere. Domattina andranno dai carabinieri ad autodenunciarsi.

Hasib Omerovic: “Mi hanno buttato giù”

(di Mattia Guastafierro)
Hasib Omerovic, il 36enne disabile di etnia rom precipitato dalla finestra della sua casa di Primavalle nel luglio scorso, è stato ascoltato dalla procura di Roma. Dopo oltre sei mesi di ricovero, è stato dimesso dall’ospedale. Con i magistrati ha ricostruito quanto accaduto il giorno in cui alcuni poliziotti fecero irruzione in casa sua senza avere un mandato. Omerovic ha confermato di aver subìto un pestaggio da parte degli agenti, aggiungendo un nuovo elemento: sarebbe stato spinto dalla finestra. Al momento, risultano indagati sei poliziotti, tra cui Andrea Pellegrini agli arresti domiciliari con l’accusa di tortura. Nelle prossime settimane “il capo di imputazione potrebbe cambiare a tentato omicidio”. Lo sostiene l’avvocato della famiglia di Omerovic, Arturo Salerni che abbiamo intervistato.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/04 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/04/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 13/04/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 13-04-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 13/04/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 13-04-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 13/04/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 13-04-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/04/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 13-04-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 13/04/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 13-04-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 13/04/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 13-04-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 13/04/2024 - ore 13:18

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 13-04-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 13/04/2024

    Andiamo al festival Fondamentali di Varese e presentiamo l’incontro con Luca Radaelli di Emergency sul libro Una persona alla volta, di Gino Strada; TIPO Festival a Prato: le attività per bambini e bambine; Andrea Mirò, cantautrice, direttrice d'orchestra e polistrumentista, e il suo consiglio di lettura; la mostra fotografica organizzata dal Sant’Ambroeus; cinema, teatro, arte e tante, tantissime segnalazioni.

    Good Times - 13-04-2024

  • PlayStop

    Le Olimpiadi della sanità

    La sanità può essere una vera e propria gara ad ostacoli. Un nostro ascoltatore ci ha mandato una mail divertente, che abbiamo pensato di leggervi, in cui paragona le sue peripezie per prenotare una terapia con una gara competitiva degna delle prossime Olimpiadi.

    37 e 2 - 13-04-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 13/04/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 13-04-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 13/04/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 13-04-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/04/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-04-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/04/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-04-2024

Adesso in diretta