Approfondimenti

Alfredo Cospito rimarrà al 41 bis, la frenata dell’Occidente sull’invio di caccia a Kiev e le altre notizie della giornata

nordio

Il racconto della giornata di mercoledì 1 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi Carlo Nordio, nella sua informativa alla Camera, ha confermato che Alfredo Cospito resterà al 41 bis. Nonostante il pressing diplomatico, l’Occidente non invierà aerei da guerra all’Ucraina. Il rallentamento dell’inflazione dovuto al calo dei beni energetici in Italia si fa sentire meno. L’associazione Genitori Tarantini ha lanciato un appello alla mobilitazione contro il decreto “salva Ilva” approvato dal Governo Meloni.

Caso Cospito, Nordio: “Il 41 bis non è in discussione”

Alfredo Cospito resta al 41 bis. Lo ha confermato oggi Carlo Nordio nella sua informativa alla Camera. Il ministro della Giustizia ha detto di non essere, per ora, in grado di esprimersi sulla richiesta di revoca dell’isolamento, perché attende ancora il parere del procuratore generale di Torino che dovrebbe arrivare domani.
Nel suo intervento, però, Nordio ha voluto sottolineare con forza che la decisione non sarà condizionata dallo stato di salute del militante anarchico, in sciopero della fame da oltre 100 giorni, e che la possibilità di modificare il 41 bis è “inesistente”.

Nella sua informativa Nordio ha poi accennato alla bufera politica che ha investito i due deputati di Fratelli d’Italia, Andrea Del Mastro e Giovanni Donzelli.
Ieri alla Camera Donzelli ha raccontato il contenuto di un presunto dialogo tra un camorrista e Alfredo Cospito, che gli era stato riferito dal sottosegretario alla giustizia Del Mastro. I magistrati dovranno accertare se quell’informazione fosse secretata.
Anche in questo caso, Nordio ha preferito non esprimersi perché – ha detto – c’è un’inchiesta aperta.

Le parole di Donzelli hanno innescato le proteste delle opposizioni che hanno chiesto le sue dimissioni e quelle di Del Mastro.
Dopo le critiche, adesso Giorgia Meloni cerca di smorzare il caso.

(di Luigi Ambrosio)
Oggi Cospito ha ricevuto la visita nel carcere di Opera del consigliere lombardo Michele Usuelli. “Io voglio vivere”, ha detto il militante anarchico, secondo quanto riferito dall’esponente di +Europa. “È apparso molto lucido. Sente la responsabilità della sua iniziativa per l’umanizzazione del 41 bis, pur comprendendo la necessità di impedire la comunicazione tra i detenuti al carcere duro e il mondo esterno”, ha detto Usuelli.
Oggi le organizzazioni A Buon Diritto, Amnesty International Italia e Antigone hanno inviato una lettera a Nordio, esprimendo forte preoccupazione per la vita di Cospito e chiedendo per lui la revoca del 41 bis.



L’occidente sempre più freddo sull’invio di caccia a Kiev

(di Emanuele Valenti)

In questo momento il punto di equilibrio tra la pressione russa lungo la linea del fronte, le difficoltà dell’esercito ucraino, le nuove armi promesse dall’Occidente sta producendo un quadro diverso da quello delle scorse settimane.
Gli ucraini non sono più in grado di attaccare e stanno provando in tutti i modi a tenere le loro posizioni.
Nelle ultime ore il fuoco russo è stato particolarmente intenso sulla città di Kherson, nel sud, e intorno a Bakhmut, nel Donbas. Dopo mesi di combattimenti le truppe di Mosca e i miliziani di Wagner avrebbero preso alcuni villaggi a sud e a nord della città. Secondo loro Bakhmut sarebbe circondata. La pressione russa è forte anche ad Avdiivka, di fronte alla città di Donetsk, e a Vuhledar, poco più giù.

Al momento gli ucraini possono solo resistere. Le nuove armi occidentali – a partire dai carri armati – non arriveranno subito. E nonostante il pressing diplomatico non è il momento dei caccia, gli aerei da guerra. Oggi lo ha detto anche il vice-cancelliere tedesco, Habeck, a Berlino uno dei politici che hanno sempre sostenuto il supporto militare a Zelensky. “Sarebbe un passo troppo rischioso”. Qui c’è il solito calcolo occidentale: evitare che il conflitto esca dai confini ucraini.
Ma il supporto militare continuerà. Secondo anticipazioni di stampa nel nuovo pacchetto di aiuti dell’amministrazione Biden ci saranno anche dei razzi a lunga gittata, in grado di colpire fino a 150 chilometri di profondità, il che vorrebbe dire cambiare in maniera importante le dinamiche della guerra nel sud-est.

L’Italia è l’unico paese dell’Europa occidentale con un’inflazione a due cifre

L’inflazione continua a frenare grazie al calo dei beni energetici, ma non in modo uguale in tutta Europa. L’Italia resta l’unico paese dell’Europa occidentale con un’inflazione a due cifre: 10,1% a gennaio contro una media dell’Eurozona all’8,5%.
La Spagna è al 5,8%, la Francia al 7%. Il calo dei beni energetici, in Italia si fa sentire meno, complici le scelte del governo in Manovra, anche quelle sulle accise.
Restano fermi invece i salari, mentre le imprese continuano a bloccare i rinnovi contrattuali.

(di Massimo Alberti)

Il dato di oggi dell’inflazione conferma che l’Italia segue una strada diversa rispetto all’Europa, in misura minore sulla crescita, in modo più ampio sull’andamento dei prezzi dove ad oggi siamo l’unico paese con l’inflazione in doppia cifra. Il calo dei prezzi deriva dal calo dei beni energetici dovuto all’inverno mite che ne ha fermato la domanda. E questo resta il punto dolente proprio dell’Italia. Se altri paesi si son mossi con forme di tetto ai prezzi dell’energia, da noi il cambio di indicizzazioni e le scelte in manovra non hanno dato la stessa spinta al ribasso. Non ultima la questione accise, con Istat che scrive chiaramente che “si accentua la dinamica tendenziale dei prezzi dei carburanti. A contribuire ad un’inflazione più elevata sono anche gli alimentari lavorati, i servizi dell’abitazione, i beni ad alta frequenza di acquisto, da cui derivano 2 problemi: tengono alta la cosiddetta inflazione di fondo che addirittura sale di 2 decimi, cioè quella al netto di energetici e alimentari freschi a cui guarda la Bce per le scelte di politiche monetaria, fino ad oggi praticamente irrilevanti sulla frenata dei prezzi. E pesano sul carrello della spesa che frena in proporzione minore, andando quindi ad incidere di più sulle fasce di reddito più basse, e sui salari reali, che nel 2022 hanno registrato una perdita secca del 7,6%. Con le imprese, che mentre continuano a scaricare sul consumatore finale l’incremento dei prezzi alla produzione, continuano invece a bloccare i rinnovi contrattuali di quasi 7 milioni di lavoratori.

L’associazione Genitori Tarantini contro il decreto “salva Ilva”

Oggi l’associazione Genitori Tarantini ha lanciato un appello alla mobilitazione di tutta la città contro il decreto “salva Ilva” approvato dal Governo Meloni e che verrà votato dal parlamento il prossimo 5 marzo. Nel decreto oltra al prestito ponte da 680 milioni per le acciaierie è previsto anche lo scudo penale. “una condanna a morte per tutti noi” denuncia l’associazione. Massimo Castellana è il portavoce dell’associazione “Genitori Tarantini”.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/07 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/07/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 13-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 13-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 13-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/07/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-07-2024

  • PlayStop

    Jukebox & Slot Machine di sabato 13/07/2024

    Come molte altre cose, un luogo è definito dalle funzioni che dentro di esso si possono svolgere. Un po' come l'ambiente che ci circonda può essere più o meno ostile. Ne consegue che la presenza ormai capillare in Italia delle macchinette da gioco d'azzardo nei bar, qualcosa deve aver cambiato rispetto a quando la possibile macchina-mangia-monetine che si rischiava di incontrare sotto casa, invece che vacue promesse di un'antidoto alla disperazione della povertà, spacciava il lato di un 45 giri o al massimo anni dopo qualche giocosa avventura con le fattezze del cartone animato. In quell'epoca invece che un semplice schermo e dei bottoni, le slot-machine confinate ai casinò avevano una manopola e dei rulli che scorrevano prima di dare un responso in forma di immagini miste o uguali, spesso non casualmente in tema di frutta, poiché la natura costruisce sopra l'esistente invece che sostituirlo ed il cervello sapiens non fa eccezione. una banana, delle ciliegie, una mela? ciliegie, ciliegie e un'ananas? tre pere? sono tutte combinazioni possibili. parafrasando un celebre umanista e compositore, si potrebbe dire che "these are tunes that go together well", o almeno così ci auguriamo che sarà. anche perché dalle retrovie pare si dica che "vincere sempre è come non vincere mai".

    Jukebox & Slot Machine - 12-07-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/07/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 20:31

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 12-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 12/07/2024

    Quando la location di oggi è il cinema e allora mangiamo popcorn ascoltando alcune tra le più iconiche colonne sonore di film. Salutiamo Davino al suo ultimo giorno di PCTO mangiando pasticcini e chiudiamo le tre aste aperte dell’operazione primavera. Non solo divertimento perchè torniamo a parlare dei fondi di coesione europei che ci riportano in Sicilia.

    Poveri ma belli - 12-07-2024

Adesso in diretta